Come Smettere di Essere Razzista

In questo Articolo:Lavorare su Te StessoLavorare con gli Altri

Il razzismo è il "disprezzo" di una persona verso un’altra, basato sulla convinzione che l’altro individuo sia inferiore a causa del colore della pelle, della lingua, delle usanze culturali, del luogo in cui è nato o di altre caratteristiche simili (tuttavia fai attenzione a non confondere il disprezzo con delle scelte personali). Se preferisci frequentare e sposare una persona della tua stessa etnia, questo non ti rende razzista. Molte organizzazioni antirazziste ipersensibili e senza scrupolo biasimano e fanno vergognare di se stessi i giovani che frequentano persone di una razza diversa rispetto a quella che tali organizzazioni “preferiscono”. Prima di tutto sii fedele a te stesso! Il razzismo esiste da quando esiste la storia umana e spesso è un alibi per voler dominare un altro gruppo. Quasi tutte le persone, anche se non approvano palesemente il razzismo, hanno qualche tipo di pregiudizio nei confronti di un altro gruppo di persone; questi pregiudizi possono portare a esprimere rabbia, ferire e persino agire in modo violento, sia a livello personale che sociale. Superare la mentalità razzista richiede un lungo percorso personale e questo articolo ti fornisce alcuni spunti per aiutarti a trovare il giusto percorso.

Parte 1
Lavorare su Te Stesso

  1. 1
    Fai un’autoanalisi. Un primo passo importante nel tuo percorso personale per superare il pregiudizio razziale è quello di guardare dentro te stesso. Verso quali gruppi di persone ti senti prevenuto? Cosa pensi in merito a questi gruppi? Da cosa pensi che possano derivare i tuoi sentimenti negativi verso di loro?
    • Molte persone hanno pregiudizi di cui non sono nemmeno consapevoli, ma che possono essere rilevati con un test psicologico chiamato Test d’Associazione Implicita (IAT). Puoi fare una ricerca online per sottoporti anche tu al test.
    • Le persone restano spesso scioccate dai risultati ottenuti dallo IAT, perché molte volte pensano di non essere razziste. Facendo questo test, invece, hanno modo di verificare ed esaminare il loro pregiudizio e il fatto di ottenere risultati poco lusinghieri per molti è una motivazione per impegnarsi e cercare di cambiare i propri atteggiamenti.
    • Pensa alla fonte del tuo razzismo. La causa può derivare da qualunque cosa, ma i preconcetti sono alimentati da un ambiente razzista e da coetanei che hanno tali atteggiamenti oppure sorgono quando si cerca un capro espiatorio a cui attribuire le responsabilità dei propri problemi. Alcuni ritengono che possa anche scaturire dai messaggi che si ricevono attraverso i media o nell’ambiente culturale in senso più ampio. Se riesci a capire da dove nascono le tue tendenze razziste, sappi che questo è un passo importante per iniziare a superarle.
    • Presta attenzione ai tuoi pensieri e pratica l’empatia. Sii consapevole del tuo approccio mentale quando ti trovi di fronte a situazioni che innescano il tuo pregiudizio e prova a metterti nella posizione della controparte. In altre parole, cerca di prendere consapevolezza di come possono sentirsi le persone diverse da te in una determinata situazione e come le tue azioni potrebbero influire su di loro.
  2. 2
    Fai delle ricerche sul tema. Inizia a informarti sulle realtà scientifiche delle razze, sulle minoranze culturali presenti nel tuo paese e sulle battaglie che devono affrontare le persone che sono vittime di pregiudizi. Spesso, comprendere e conoscere maggiormente queste problematiche aiuta a instaurare una maggiore empatia verso i gruppi di minoranza.
    • Un buon punto di partenza è quello di imparare cos’è veramente una razza. In primo luogo, sappi che le differenze razziali sono costruite socialmente, vale a dire che sono il prodotto della società. La scienza afferma che c'è poca differenza genetica tra persone di etnie diverse e che le categorie razziali in realtà non sono biologicamente distinte tra loro.
    • Ci sono molti libri, di narrativa o saggistica, che ti possono aiutare ad affrontare il passo successivo: iniziare a comprendere le difficoltà che devono affrontare le minoranze o le organizzazioni dei diritti civili. Un romanzo come Uomo invisibile di Ralph Ellison può essere un modo piacevole di approcciarti al tema.
    • Molte organizzazioni antirazziste forniscono sui loro siti web degli elenchi di letture consigliate (soprattutto di saggistica). L’attivista antirazzista Tim Wise, per esempio, ha una ricca lista di letture disponibili sul suo sito web (spesso in inglese).
  3. 3
    Smetti di lanciare insulti razzisti. Se li stai dicendo da molto tempo, può essere difficile rompere l'abitudine, ma impara il prima possibile a non esprimerli più. Nonostante possa sembrare ovvio, sappi che l’insulto verbale associato agli stereotipi ferisce le persone, anche se l’hai pronunciato senza la seria intenzione di offendere.
    • A volte potresti non renderti conto del fatto che il linguaggio ha un significato razziale. Termini come "rabbino" per indicare una persona avara, "marocchino" per esprimere qualunque immigrato irregolare o anche il classico "vu’ cumprà’", un termine per indicare in senso denigratorio i venditori ambulanti stranieri, sono considerate parole offensive da molte persone.
    • Sappi che gli scherzi razzisti non sono divertenti. Il fatto che tu non voglia essere offensivo ma solo divertente, non rende accettabile lo scherzo a sfondo razzista o che esprime preconcetti denigratori.
  4. 4
    Evita di appropriarti della cultura altrui. In altre parole, non trattare l’identità etnica di altre persone come un costume o accessori di moda.
    • Per esempio molte persone considerano razzista vestirsi come un nativo americano per la festa di Halloween o indossare copricapi piumati solo per divertimento.
    • Valuta con coscienza se l’abbigliamento che indossi per gioco sta in realtà svalutando qualcosa che invece è importante per un'altra cultura, mentre per te è solo un look divertente.
  5. 5
    Fai attenzione alle forme di razzismo sistematiche e invisibili. Spesso, l’atteggiamento razzista più profondo non consiste nell’affermare qualcosa di offensivo verso un'altra persona, ma è un comportamento meno evidente, come il fatto di non chiamare a un colloquio di lavoro una persona perché ha un nome straniero o di non sedersi accanto a qualcuno sul bus a causa del suo colore della pelle.
    • Presta costantemente attenzione ai tuoi comportamenti, per essere certo che non sottendano delle sottili forme di razzismo.
  6. 6
    Impegnati in esercizi mentali. Gli studi hanno dimostrato che l’atteggiamento nei confronti di persone diverse può essere influenzato positivamente attraverso la pratica di esercizi mentali. Questo include anche quei pregiudizi sottili e difficili da rilevare che emergono con lo IAT.
    • Per esempio, se c'è una etnia che consideri più pericolosa di altre, esercitati a dire mentalmente la parola "sicuro" ogni volta che vedi qualcuno di quella razza. Con il tempo questo approccio inizierà a farti cambiare atteggiamento!

Parte 2
Lavorare con gli Altri

  1. 1
    Parla delle razze. Molte persone hanno paura di affrontare questo argomento e gli aspetti problematici che può presentare. La ricerca ha dimostrato, tuttavia, che parlare di queste tematiche aumenta la tolleranza razziale, soprattutto tra i bambini.
    • Dopo aver fatto alcune ricerche, è una buona idea confrontarsi con persone di razze diverse dalla propria per sentire le loro esperienze. Ascolta e fai domande prima di condividere le tue opinioni. Lo scopo è quello di imparare, non insegnare.
    • Ricordati che quando le persone che hanno subito gli effetti del razzismo stanno condividendo le loro esperienze, non dovresti accentrare la conversazione su di te o sul tuo senso di colpa. Tieni anche presente che le loro esperienze non sono sbagliate solo perché non sono uguali alle tue.
    • Assicurati di trattare le persone di altre etnie come individui ed evita di considerarle come rappresentanti della loro razza. Sii consapevole del fatto che le persone di altre popolazioni non sono dei mediatori interculturali e non sono obbligate a parlare con te di razzismo.
    • Se ne hai la possibilità, impegnati per svolgere delle mansioni con le persone sulle quali hai dei pregiudizi. Completare un compito al lavoro o a scuola, che richiede di impegnarsi insieme verso un obiettivo comune, fa da ponte tra persone che sono divise.
  2. 2
    Cerca delle esperienze culturalmente diverse. Un ottimo modo per iniziare ad apprezzare le persone diverse da te è quello di cercare in maniera rispettosa delle situazioni legate alla loro cultura.
    • Se condividi delle esperienze con una varietà di persone di culture e ambienti diversi, sarà più facile riuscire a capirle e apprezzarle.
    • Prenditi il tempo per osservare (e si spera anche apprezzare) non solo le differenze, ma anche le somiglianze, tra la tua cultura e quella che stai conoscendo. Questo è un metodo che si è dimostrato efficace negli esperimenti psicologici per ridurre il pregiudizio.
  3. 3
    Partecipa a una conferenza o entra a far parte di un gruppo antirazzista. Questi ambienti sono il posto ideale dove lavorare con gli altri per migliorare non solo i propri atteggiamenti razziali, ma anche la società in generale.
    • Fai una ricerca in internet per trovare un’organizzazione che lavora su questi temi nella tua città. Esistono molte realtà sul territorio e sicuramente ne troverai alcune anche vicino a casa.
    • Cerca di entrare nell’associazione e partecipa attivamente alla lotta contro il razzismo; questo ti aiuterà a incrementare la tua decisione di eliminarlo dai tuoi pensieri.
  4. 4
    Sfida il razzismo nel mondo. Cambiare il tuo atteggiamento è importante, ma se vuoi veramente contribuire all’uguaglianza razziale, dovresti caricarti della responsabilità, come molti altri già fanno, di sfidare apertamente il razzismo altrui.
    • Per esempio, confrontati con gli altri in merito ai loro atteggiamenti razzisti. Se incontri persone che presentano forti pregiudizi, ma sono aperti al cambiamento, condividi con loro il percorso che hai fatto tu stesso per conoscere meglio le minoranze e far loro vedere una prospettiva diversa.
    • Sfida i comportamenti razzisti quando li vedi. Se qualcuno che conosci esprime un insulto razzista, digli che è razzista e spiegagli perché questo è un problema.

Consigli

  • Quanto più riesci a informarti e leggere in merito a questioni di giustizia razziale e meglio è. Si tratta di un ottimo modo per capire maggiormente il problema nell’intimità della tua casa, soprattutto nelle fasi iniziali dei tuoi sforzi per smettere di essere razzista.
  • Prefiggiti l’obiettivo di autocontrollarti. Pensa alle reazioni che manifesti verso le persone che incontri che fanno parti di gruppi verso cui hai dei pregiudizi, osserva quando si verificano e cerca di correggerle.
  • Non metterti sulla difensiva. Parlare di questa tematica con la gente può mettere a disagio e può rivelare alcune verità difficili. Ricordati che i punti di vista delle persone circa le loro esperienze di vita (cioè quando subiscono gli effetti negativi del razzismo) sono legittimi e devono essere trattati come tali. Cerca di fare tue queste prospettive senza doverti sentire in colpa o dover giustificare il tuo comportamento passato o il comportamento degli altri.
  • Per lo stesso motivo, se commetti un errore e assumi qualche atteggiamento razzista, ammettilo, chiedi scusa e cerca di discutere di come puoi migliorare perché non accada in futuro, invece di trovare delle scuse e delle false motivazioni al tuo comportamento.

Avvertenze

  • Il razzismo, come ogni cattiva abitudine, è difficile da perdere. Probabilmente non arriverai mai a non avere più alcun pregiudizio e potrebbe essere necessario lavorare e impegnarti per molto tempo per superarlo. Sii preparato per un lungo (ma si spera gratificante) viaggio.
  • Alcuni amici e familiari razzisti potrebbero non apprezzare il fatto che ti stai impegnando per superare questo pregiudizio. Potresti anche rischiare di perdere alcuni amici a causa della tua decisione, ma è probabile che ne guadagnerai altri che condividono il tuo impegno per delle relazioni umane paritarie.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 42 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Interazioni Sociali | Istruzione & Comunicazione

In altre lingue:

English: Stop Being Racist, Español: dejar de ser racista, Русский: перестать быть расистом, Français: arrêter d'être raciste, Deutsch: Aufhören rassistisch zu sein

Questa pagina è stata letta 7 396 volte.
Hai trovato utile questo articolo?