Ogni anno, in Italia, circa 120 mila persone sono colpite da infarto e tra costoro circa 25 mila muoiono prima di arrivare in ospedale. Inoltre, insieme ad altre patologie cardiache, l'infarto è la causa principale di morte negli Stati Uniti, oltre che nel resto del mondo.[1] [2] Circa la metà dei decessi per attacco cardiaco si verifica nei primi 60 minuti, prima che il malato riesca a raggiungere una struttura ospedaliera.[3] Pertanto, per accrescere le possibilità di sopravvivenza è fondamentale agire rapidamente. Chiamare i servizi di emergenza nei primi cinque minuti, in modo da ricevere cure mediche non più tardi di un'ora da un episodio di infarto, può fare la differenza tra la vita e la morte. Quindi, in questi casi cerca assistenza medica immediata, diversamente continua a leggere l'articolo per scoprire le misure da prendere per reagire in modo corretto.

Parte 1 di 3:
Valutare i Sintomi dell'Infarto

  1. 1
    Fai attenzione al dolore toracico. Il sintomo più comune è un dolore o un malessere al petto di lieve intensità, anziché improvviso e lancinante. La sensazione somiglia a quella di una morsa o un peso, quindi è costrittivo, schiacciante e oppressivo; talvolta viene scambiato per bruciore di stomaco associato a una cattiva digestione.[4] [5]
    • In genere, se è moderato o grave, il dolore si manifesta sul lato sinistro o al centro del petto e persiste per alcuni minuti. Può anche regredire per poi ripresentarsi.
    • Durante un infarto , potresti lamentare dolore, pressione, un senso di oppressione o pesantezza al petto.
    • Il dolore toracico può irradiarsi in altre parti del corpo, tra cui collo, spalle, schiena, mandibola, denti e addome.[6] [7]
  2. 2
    Considera altri sintomi. Il dolore toracico può essere accompagnato da altri sintomi tipici dell'infarto. Tuttavia, in numerosi casi, è lieve o inesistente.[8] Se noti i seguenti segni, in particolare in concomitanza con il dolore toracico, non esitare a consultare il medico:
    • Dispnea. Prima o contemporaneamente al dolore al petto, può manifestarsi un'inspiegabile difficoltà nella respirazione, che tuttavia in alcuni casi costituisce l'unico indizio di attacco cardiaco. L'affanno o la necessità di fare respiri lunghi e profondi può essere un campanello d'allarme.[9] [10]
    • Mal di stomaco. A volte il mal di stomaco, la nausea e il vomito accompagnano l'infarto e possono essere scambiati per sintomi d'influenza.[11]
    • Stordimento o capogiri. Anche la sensazione di svenire o che giri tutto attorno può essere sintomo di infarto.[12] [13]
    • Ansia. Potresti soffrire di un improvviso attacco di panico, sentirti ansioso o avere l'impressione di stare per morire.[14]
  3. 3
    Riconosci i segni di infarto nelle donne. Il dolore toracico è il sintomo più comune e diffuso tanto negli uomini quanto nelle donne. Tuttavia, nei soggetti femminili (e in alcuni casi anche in quelli maschili) può essere lieve, se non inesistente. Le donne, così come i pazienti anziani e diabetici, hanno maggiori probabilità di manifestare i seguenti sintomi, anche non accompagnati da dolore toracico:
    • Le donne possono lamentare un dolore toracico differente da quello tipicamente descritto come improvviso e lancinante. Può sopraggiungere e regredire, iniziare lentamente e aumentare di gravità nel corso del tempo, alleviarsi con il riposo e intensificarsi con lo sforzo fisico.
    • Il dolore alla mandibola, al collo o alla schiena sono segni comuni di infarto, soprattutto nelle donne.
    • Il dolore addominale, la sudorazione fredda, la nausea e il vomito sono più ricorrenti nelle donne che negli uomini. Possono essere considerati erroneamente come sintomi collegati a bruciore di stomaco, indigestione o influenza.
    • La sudorazione fredda è un segno clinico comune nelle donne. Di solito, viene percepita in modo più simile a quella indotta da stress e ansia che non a una normale sudorazione connessa all'attività fisica.
    • L'ansia, gli attacchi di panico inspiegabili e la sensazione di morte imminente sono sintomi più comuni nelle donne che negli uomini.
    • La stanchezza, la debolezza e la mancanza di energie in forma improvvisa, insolita o inspiegabile sono segni comuni di infarto nelle donne. Possono durare poco o persistere per diversi giorni.
    • Dispnea, capogiri e svenimento.[15] [16] [17] [18] [19]
  4. 4
    Reagisci rapidamente. Nella maggior parte dei casi l'attacco cardiaco si manifesta lentamente anziché colpire improvvisamente il paziente. Molte persone non si rendono conto di avere a che fare con una patologia di entità grave. Se si manifesta almeno uno dei sintomi più comuni di infarto, è necessario consultare immediatamente il medico.
    • La tempestività è un fattore fondamentale. Circa il 60% dei decessi per infarto si verifica entro la prima ora. Tuttavia, i pazienti che riescono a raggiungere l'ospedale entro i primi 90 minuti hanno maggiori possibilità di sopravvivere rispetto a quelli che arrivano dopo.[20] [21]
    • Molte persone scambiano i sintomi dell'attacco cardiaco per altri disturbi, tra cui bruciore di stomaco, influenza e ansia. Non bisogna ignorare né sottovalutare i sintomi che possono indicare questa patologia, ma cercare immediatamente aiuto.
    • I sintomi possono variare da persona a persona, manifestarsi in forma lieve o grave, comparire, regredire e ripresentarsi nell'arco di diverse ore. Alcuni pazienti possono soffrire di attacco cardiaco con sintomatologia lieve o addirittura inesistente.[22] [23] [24]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Cercare Aiuto Durante un Episodio di Infarto

  1. 1
    Consulta immediatamente il medico. Circa il 90% di chi incorre in un infarto sopravvive se arriva vivo in ospedale.[25] [26] Molti decessi per attacco cardiaco si verificano perché i pazienti non ricevono cure mediche tempestive, il che spesso accade a causa dall'esitazione. Se avverti uno dei sintomi elencati finora, non indugiare. Chiama il 118 per ricevere soccorso immediato.
    • Sebbene i sintomi si presentino in forma innocua, la vita del paziente dipende dalla tempestività dell'intervento medico. Non temere di imbarazzarti o far perdere tempo al personale sanitario giunto in tuo soccorso: capirà.
    • Il personale a bordo dell'ambulanza inizierà il trattamento appena arrivato, quindi sollecitare il soccorso è il modo più veloce per ricevere aiuto in caso di infarto.
    • Non metterti alla guida per recarti in ospedale. Se il personale medico non riesce a raggiungerti in tempi rapidi o se non esistono altri modi per ricevere assistenza sanitaria, chiedi a un familiare, un amico o un vicino di accompagnarti al pronto soccorso più vicino.[27]
  2. 2
    Comunica ai presenti che potresti avere un attacco cardiaco. Se sospetti un infarto e sei con la tua famiglia o ti trovi in un luogo pubblico, informa chi ti sta vicino. Se la situazione peggiora, la tua vita potrebbe dipendere da un intervento immediato di rianimazione cardio-polmonare, quindi la probabilità di ricevere un aiuto efficace sarà maggiore se le persone intorno sanno che cosa ti sta succedendo.
    • Se sei per strada, ferma una macchina e fai cenno all'automobilista di soccorrerti oppure chiama il 118 e aspetta l'arrivo dell'ambulanza in un posto in cui può raggiungerti rapidamente.
    • Se sei in aereo, avvisa immediatamente l'assistente di volo. Le compagnie aeree permettono il trasporto a bordo di farmaci da somministrare in simili circostanze e, se necessario, gli assistenti di volo possono anche richiedere l'intervento di un medico in grado di eseguire la rianimazione cardio-polmonare. Inoltre, se un passeggero ha un infarto, i piloti sono tenuti a cambiare direzione verso l'aeroporto più vicino.
  3. 3
    Evita di muoverti. Se non riesci a raggiungere rapidamente l'ospedale, cerca di rimanere calmo e fermo. Siediti, riposati e attendi l'arrivo dei servizi medici di emergenza. Qualunque sforzo può affaticare il cuore e peggiorare i danni causati dall'infarto.[28]
  4. 4
    Prendi una compressa di aspirina o nitroglicerina, se opportuno. In molti casi, i pazienti posso riprendersi assumendo una compressa di aspirina all'inizio dell'episodio. Prendila subito e masticala lentamente mentre aspetti l'arrivo del personale sanitario. Se ti è stata prescritta la nitroglicerina, prendine una dose all'inizio dell'attacco cardiaco e chiama i servizi di emergenza.
    • Tuttavia, l'aspirina può peggiorare alcune disturbi. Chiedi al tuo medico curante se è indicata per le tue condizioni di salute.[29] [30]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Riprendersi Dopo un Infarto

  1. 1
    Segui il parere del medico dopo l'attacco di cuore. Una volta superata la crisi cardiaca, è essenziale seguire i consigli del medico per ristabilirsi sia nei giorni seguenti l'episodio, sia nel lungo termine.
    • C'è una buona probabilità che ti vengano prescritti farmaci per inibire la coagulazione del sangue. Molto probabilmente dovrai prenderli per il resto della vita.[31]
  2. 2
    Tieni conto dei cambiamenti d'umore. Capita molto spesso che chi è sopravvissuto a un infarto soffra di depressione. Può dipendere da imbarazzo, insicurezza, senso di inadeguatezza, senso di colpa per scelte di vita passate e paura o incertezza verso il futuro.
    • Un programma di allenamento fisico controllato, il recupero dei rapporti con familiari, amici e colleghi, insieme a un aiuto psicologico professionale sono alcuni dei modi in cui i pazienti possono riprendere in mano il controllo della loro vita dopo un infarto.[32]
  3. 3
    Informati sui rischi di un secondo infarto. Se hai già subito un attacco cardiaco, il rischio di un secondo episodio è più alto. Ogni anno quasi un terzo degli infarti negli Stati Uniti si verifica nei soggetti sopravvissuti al primo attacco.[33] [34] Ecco i fattori che ti espongono al rischio di un secondo episodio:
    • Fumo. Se fumi, il rischio di avere un infarto è due volte più alto.[35]
    • Colesterolo alto. Se i valori di colesterolo nel sangue sono elevati, costituiscono uno dei fattori più importanti per l'insorgenza di infarto e altre complicazioni cardiache. Possono essere pericolosi soprattutto in concomitanza con altri fattori di rischio, come ipertensione, diabete e fumo.[36]
    • Il diabete, soprattutto se non tenuto adeguatamente sotto controllo, può aumentare il rischio di attacco cardiaco.[37]
    • Obesità. Il sovrappeso può aumentare i valori di colesterolo nel sangue e l'ipertensione, favorendo l'insorgere di complicazioni cardiache. Inoltre, l'obesità può contribuire al diabete, un altro fattore che espone al rischio di un secondo infarto.[38]
  4. 4
    Correggi il tuo stile di vita. Le complicanze sul piano della salute dovute a uno stile di vita poco sano ti espongono al rischio di un secondo infarto. La sedentarietà, l'obesità, il colesterolo alto, l'iperglicemia, l'ipertensione, lo stress e il fumo aumentano questo rischio.
    • Riduci il consumo di grassi saturi e trans. Evita alimenti che contengono oli parzialmente idrogenati.
    • Abbassa il colesterolo. Puoi farlo mediante la dieta, l'esercizio fisico regolare o l'assunzione di farmaci per il colesterolo prescritti dal medico. Un ottimo modo per tenerlo sotto controllo consiste nel consumare pesce azzurro, ricco di acidi grassi omega-3.
    • Diminuisci l'alcol. Bevi solo la quantità giornaliera raccomandata ed evita di esagerare.
    • Dimagrisci. Cerca di mantenere un indice di massa corporea sano, compreso tra 18,5 e 24,9.
    • Fai sport. Consulta il medico per sapere in che modo puoi cominciare ad allenarti. L'ideale sarebbe seguire un programma di esercizi cardiovascolari sotto il controllo di un professionista, ma non è indispensabile. Con l'aiuto del medico puoi elaborare un programma di attività cardiovascolare (come camminare o nuotare) partendo dal tuo attuale livello di forma fisica e orientandoti verso obiettivi ragionevoli e raggiungibili nel corso del tempo (come camminare per strada senza andare in affanno).
    • Smetti di fumare. Se smetti immediatamente, puoi ridurre della metà il rischio di attacco cardiaco.[39] [40]
    Pubblicità

Consigli

  • Se qualcuno ha un infarto, chiama immediatamente i servizi di emergenza. Inoltre, sarebbe opportuno imparare a trattare un attacco cardiaco.
  • Insieme alla tua tessera sanitaria, conserva il nome e il numero di telefono di una persona da contattare in caso di emergenza.
  • Se ti è stata prescritta la nitroglicerina perché in passato hai sofferto di angina pectoris o altri problemi cardiaci, portala sempre con te. Se usi una bombola di ossigeno, sebbene sporadicamente, non dimenticarla mai. Inoltre, dovresti portare nel portafoglio un biglietto che elenchi i farmaci che stai assumendo e quelli a cui sei allergico. In questo modo, metti i medici nella condizione di soccorrerti in maniera efficace e senza rischi in caso di infarto o in altre situazioni.
  • Se sei un soggetto a rischio, porta sempre con te un telefono cellulare e chiedi al medico se devi anche tenere sempre a portata di mano un'aspirina.
  • Non agitarti. Applica un panno umido o un impacco freddo sull'inguine o sotto le ascelle per abbassare la temperatura corporea. È stato dimostrato che in molti casi, diminuendo la temperatura corporea, possono aumentare le aspettative di sopravvivenza di un malato.
  • Se l'infarto non è accompagnato da nessun sintomo, può essere pericoloso o letale soprattutto perché non genera segnali d'allarme.
  • È sempre buona norma prepararsi a un infarto anche se non si è affetti da patologie cardiache. Una compressa di aspirina può fare la differenza tra la vita e la morte per molte persone e occupa pochissimo spazio nel portafoglio o nella borsa. Inoltre, assicurati di portare con te un biglietto che indichi le tue allergie, i farmaci che stai prendendo e qualsiasi problema di salute di cui potresti soffrire.
  • Fai molta attenzione se sei un soggetto a rischio, ad esempio se sei anziano, obeso, affetto da diabete, hai il colesterolo alto, sei un fumatore, bevi molto o sei cardiopatico. Consulta il medico per sapere come puoi ridurre il rischio di infarto.
  • Mangia in modo sano, fai attività fisica e non fumare. Se sei anziano, chiedi al tuo medico curante se devi assumere una piccolissima quantità di aspirina. Può ridurre il rischio di infarto.
  • Cammina tutti i giorni a passo svelto. Prova a fare 10.000 passi al giorno.

Pubblicità

Avvertenze

  • Questo articolo contiene solo indicazioni generali e non può sostituire in nessun modo i consigli del medico.
  • Non ignorare né sottovalutare i sintomi di un attacco cardiaco. È preferibile essere tempestivi nella richiesta di soccorso.
  • Circola un'e-mail in cui si consiglia di tossire durante un attacco cardiaco. È una notizia falsa. Sebbene possa essere utile in determinate situazioni sotto controllo medico, in linea di massima può essere pericoloso.[41]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Controllare i Linfonodi

Come

Capire Se Hai un'Intolleranza all'Alcool

Come

Rimuovere una Cisti Sebacea

Come

Riconoscere i Sintomi dell'HIV

Come

Alleviare il Dolore delle Unghie Incarnite del Piede

Come

Migliorare la Postura

Come

Trattenere la Pipì

Come

Trattare uno Strappo Inguinale

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi

Come

Trattare le Scottature alla Bocca
Pubblicità
  1. http://www.sciencedaily.com/releases/2005/11/051103081934.htm
  2. http://www.health.harvard.edu/family_health_guide/know-the-warning-signs-of-heart-attack
  3. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/heart-attack/in-depth/heart-attack-symptoms/art-20047744
  4. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003093.htm
  5. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/heart-attack/in-depth/heart-attack-symptoms/art-20047744
  6. http://www.redcross.ca/what-we-do/first-aid-and-cpr/first-aid-at-home/first-aid-tips/signs-symptoms-of-a-heart-attack
  7. http://womenshealth.gov/heartattack/symptoms.html#cold_sweats
  8. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/heart-attack/in-depth/heart-attack-symptoms/art-20047744?pg=2
  9. http://www.heart.uchc.edu/preventing/index.html
  10. http://www.womensheart.org/content/heartdisease/panic_attack_or_heart_attack.asp
  11. https://books.google.ca/books?id=Ja9YAwAAQBAJ&pg=PA35&lpg=PA35&dq=heart+attack+first+hour+critical&source=bl&ots=dhU_S8tpUT&sig=_IdP76p-er6MyKMPXH_7FdC6v7U&hl=en&sa=X&ved=0CDsQ6AEwBTgKahUKEwi4pPeeuoXGAhVMA5IKHZu6AIM#v=onepage&q=heart%20attack%20first%20hour%20critical&f=false
  12. http://www.muschealth.org/healthy-aging/heart-attack/
  13. http://www.heart.org/HEARTORG/Conditions/HeartAttack/WarningSignsofaHeartAttack/Warning-Signs-of-a-Heart-Attack_UCM_002039_Article.jsp
  14. http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/heartattack/signs
  15. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/heart-attack/in-depth/heart-attack-symptoms/art-20047744
  16. http://www.health.harvard.edu/heart-health/surviving-a-heart-attack-a-success-story
  17. http://articles.latimes.com/2011/feb/07/health/la-he-heart-family-20110207
  18. http://www.nhlbi.nih.gov/files/docs/public/heart/heart_attack_fs_en.pdf
  19. https://www.bhf.org.uk/heart-health/conditions/heart-attack
  20. http://www.nhs.uk/conditions/heart-attack/pages/introduction.aspx
  21. http://circ.ahajournals.org/content/114/20/e578.full
  22. http://www.heart.org/HEARTORG/Conditions/HeartAttack/PreventionTreatmentofHeartAttack/Cardiac-Medications_UCM_303937_Article.jsp
  23. http://www.hopkinsmedicine.org/heart_vascular_institute/clinical_services/centers_excellence/womens_cardiovascular_health_center/patient_information/health_topics/depression_heart_disease.html
  24. http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/heartattack/lifeafter
  25. http://www.cdc.gov/heartdisease/facts.htm
  26. https://www.bhf.org.uk/heart-health/risk-factors/smoking
  27. http://www.heart.org/HEARTORG/Conditions/Cholesterol/WhyCholesterolMatters/Why-Cholesterol-Matters_UCM_001212_Article.jsp
  28. http://www.heart.org/HEARTORG/GettingHealthy/WeightManagement/Obesity/Obesity-Information_UCM_307908_Article.jsp
  29. http://www.heart.org/HEARTORG/GettingHealthy/WeightManagement/Obesity/Obesity-Information_UCM_307908_Article.jsp
  30. http://www.nhs.uk/Conditions/Heart-attack/Pages/Recovery.aspx
  31. http://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=1&ContentID=2446
  32. http://www.rochestergeneral.org/centers-and-services/sands-constellation-heart-institute/patient-education/how-to-survive-a-heart-attack-when-alone/

Informazioni su questo wikiHow

Carmen W. Landrau, MD
Co-redatto da:
Cardiologa
Questo articolo è stato co-redatto da Carmen W. Landrau, MD. La Dottoressa Landrau esercita la professione di Cardiologa presso il Memorial Hermann Hospital in Texas. Ha portato a termine il programma della borsa di studio in Cardiologia presso la University of Texas Medical Center di Houston nel 2009. Questo articolo è stato visualizzato 11 286 volte
Questa pagina è stata letta 11 286 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità