Il calorifero di casa resta freddo anche con il riscaldamento acceso? La temperatura del motore della tua auto supera i normali limiti d'esercizio? In entrambi i casi potrebbero esserci delle sacche d'aria che impediscono il normale ricircolo dell'acqua/fluido. Fortunatamente si tratta di un problema comune e facilmente risolvibile. Con pochi attrezzi sia il radiatore dell'auto che il calorifero di casa torneranno in piena efficienza.

Metodo 1 di 2:
Spurgare un Calorifero

  1. 1
    Controlla il calorifero. Questo deve essere spurgato se presenta delle sacche di aria fredda negli elementi superiori. Quindi, quando accendi il riscaldamento, il calorifero resta freddo al tatto completamente o parzialmente. Purtroppo un calorifero freddo potrebbe essere sintomo anche di problemi più gravi dell'impianto. Prima di procedere, controlla che non ci siano altri comuni malfunzionamenti, come quelli elencati di seguito. Ricorda che i caloriferi possono diventare molto caldi, proteggi sempre le mani.
    • Se hai diversi caloriferi in casa, toccali per verificare se tutti sono freddi o tiepidi. In questo caso potresti avere un problema molto più esteso a tutto l'impianto; la caldaia potrebbe non funzionare correttamente oppure potrebbe esserci un accumulo di sporcizia e sedimenti in qualche punto dell'impianto. Leggi questo articolo.
    • Se il problema si accompagna a una perdita di acqua sotto il calorifero, allora c'è un punto debole nel radiatore da cui esce l'acqua. Spegni il riscaldamento, stringi tutti i dadi/bulloni che trovi in prossimità della valvola. Se questo non basta a risolvere il problema, il dado potrebbe essere corroso e deve essere sostituito. Chiama un tecnico professionista.
    • Se i caloriferi del piano superiore dell'abitazione non funzionano, ma quelli del piano terra sì, allora l'impianto potrebbe avere problemi di pressione per spingere l'acqua calda verso l'alto.
  2. 2
    Trova la chiave del calorifero. Se hai deciso che è opportuno spurgarlo prima di procedere ad altre azioni, allora devi trovare la chiave che apre la valvola di sfogo. Nella parte superiore del calorifero devi individuare qualcosa che assomiglia a una valvola di drenaggio che abbia una piccola indentatura quadrata che può essere ruotata con una chiave speciale. Quest'ultima è facilmente acquistabile in ferramenta. Procurati la chiave della misura giusta per il modello di calorifero installato in casa tua o, in alternativa, cerca nella cassetta degli attrezzi una piccola chiave inglese che sia adatta a ruotare la valvola.
    • Alcuni caloriferi moderni hanno delle valvole progettate per essere aperte con un semplice cacciavite piatto.
    • Prima di proseguire, accertati di avere la chiave del radiatore, un cacciavite, una chiave inglese o una combinazione di strumenti adatti ad aprire tutte le valvole di ogni calorifero di casa. Quando spurghi un elemento riscaldante, è meglio procedere anche con gli altri.
  3. 3
    Spegni il riscaldamento. Assicurati che sia spento l'interruttore centrale prima di procedere con le operazioni di spurgo, altrimenti la caldaia continuerà a pompare aria nell'impianto. Prima di eliminare l'aria devi aspettare che il contenuto dei caloriferi si sia stabilizzato. Aspetta che il calore si sia dissipato, poi tocca il calorifero per valutare se è ancora caldo; se lo è anche solo parzialmente, devi attendere ancora un po' prima di passare alla fase successiva.
  4. 4
    Apri la valvola del calorifero. Assicurati che sia la valvola d'ingresso che quella di uscita siano aperte. Inserisci la chiave (o il cacciavite) nella vite di sfiato e girala in senso antiorario per aprirla. Dovresti sentire un sibilo emesso dall'aria che esce.
    • Aprire la valvola di sfiato permette all'aria calda di uscire, a sua volta verrà sostituita con acqua calda per mezzo dei tubi che collegano il calorifero alla caldaia.
  5. 5
    Raccogli quanto gocciola dal calorifero. Man mano che l'aria esce, porta con sé un po' di acqua, quindi potrebbero esserci degli schizzi durante la fase di spurgo. Tieni un canovaccio o un panno sotto la valvola per catturarli o in alternativa usa una ciotola o un piatto.
  6. 6
    Aspetta che esca un flusso di acqua dalla valvola. Quando vedi fuoriuscire un flusso costante di liquido (e non un mix di aria e spruzzi) allora sei sicuro che tutta l'aria presente nel calorifero è stata rilasciata. Chiudi la vite di sfogo (ruotandola in senso orario) e accertati che non ci siano perdite. Usa uno straccio per asciugare eventuali gocce che hanno bagnato il radiatore.
  7. 7
    Ripeti la procedura per tutti i caloriferi di casa. Per essere certo che l'impianto sia stato ripulito da tutta l'aria, devi spurgare tutti gli elementi riscaldanti presenti nell'abitazione. Se vuoi mantenere in buono stato il tuo impianto, ricorda di spurgare i caloriferi una volta all'anno e comunque dopo ogni riparazione o modifica.
  8. 8
    Controlla la pressione della caldaia. Eliminando l'eccesso di aria dall'impianto, ne hai abbassato la pressione. Se questa è troppo bassa, l'acqua calda potrebbe non raggiungere tutti gli elementi riscaldanti (soprattutto quelli del piano superiore). Per ripristinare la pressione, dovrai rabboccare l'acqua nella caldaia.
    • Per il riscaldamento domestico, solitamente la pressione deve essere compresa fra 12 e 15 PSI. Maggiore è la pressione e maggiore è il percorso che l'acqua calda è in grado di fare, ecco perché questo valore deve essere proporzionato alle dimensioni della casa; un'abitazione particolarmente alta o bassa avrà bisogno, rispettivamente, di una caldaia con pressione maggiore o minore.
    • Se la tua caldaia ha un sistema di rabbocco automatico, dovrebbe essere in grado di mantenere 12-15 PSI senza nessun intervento da parte tua. Se così non fosse, dovrai aggiungere acqua manualmente finché il manometro non indica la giusta pressione.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Spurgare il Radiatore dell'Automobile

  1. 1
    Verifica la presenza di sintomi, nella tua auto, che indicano un radiatore malfunzionante. Il radiatore della vettura può avere dei problemi proprio per le stesse ragioni di un calorifero di casa: delle sacche d'aria che impediscono la circolazione del liquido di raffreddamento. Questo impedisce all'antigelo di percorrere il circuito di raffreddamento, causando un surriscaldamento del motore. Se noti uno o più dei seguenti segni sulla tua auto, potrebbe essere necessario spurgare il radiatore:
    • La spia della temperatura, sul cruscotto, indica valori molto alti.
    • Il liquido ribolle fuori dal radiatore.
    • Il motore emette uno strano odore, dolciastro (a causa di perdite dell'antigelo che poi bruciano).
    • È comunque una buona idea spurgare il radiatore dopo degli interventi di manutenzione, come la sostituzione di parti del sistema di raffreddamento. Durante dei lavori meccanici, può essere introdotta dell'aria nel radiatore, controlla sempre il termostato sul cruscotto dopo aver fatto delle modifiche.
  2. 2
    Individua e allenta la valvola di sfiato del radiatore. Alcuni modelli hanno questa valvola incorporata al sistema di raffreddamento e funziona rilasciando l'aria intrappolata. Consulta il manuale di manutenzione della vettura per trovare l'esatta collocazione di tale valvola. In generale si trova nel punto più alto dell'impianto dato che l'aria calda, per natura, tende a salire.
    • Per spurgare il radiatore con questa valvola, devi solo allentare quest'ultima finché senti l'aria sibilante che esce. Usa un panno per raccogliere ogni schizzo di liquido refrigerante, poi richiudi la valvola quando comincia a fuoriuscire un flusso continuo di liquido.
    • Alcune vetture non sono dotate di valvola di sfogo, ma non preoccuparti, è sempre possibile procedere a questo tipo di manutenzione.
  3. 3
    Avvia l'auto dopo aver tolto il tappo del radiatore. Un'altra semplice tecnica per spurgare il radiatore è quello di far girare il motore al minimo con il tappo rimosso (ottimo nel caso il tuo modello non disponga di valvola di sfiato). Lascia in azione il motore per circa 15-20 minuti. Le sacche d'aria saranno costrette a circolare nel sistema di raffreddamento e usciranno dall'apertura.
  4. 4
    Solleva l'auto. L'aria per natura tende verso l'alto, quindi, se alzi la parte anteriore della vettura con il radiatore nel punto più alto rispetto al resto dell'impianto di raffreddamento, puoi accelerare la fuoriuscita dell'aria. Con grande attenzione alza la macchina con dei cric; solitamente le vetture ne hanno uno ma, se la tua ne è sprovvista, puoi acquistarlo nel negozio di autoricambi. Accertati che il tappo del radiatore sia rimosso o allentato prima di sollevare la macchina.
    • Su alcuni modelli, il radiatore potrebbe non essere nella parte anteriore. Consulta il manuale di manutenzione della vettura.
  5. 5
    Lava e riempi il radiatore. Dopo averlo spurgato è sempre una buona idea fare un rabbocco con il liquido refrigerante. L'aria intrappolata ha aumentato artificialmente la pressione all'interno dell'impianto, quindi è probabile che stavi conducendo un'auto con poco liquido. Elimina il vecchio refrigerante e aggiungi quello nuovo rispettando le istruzioni del libretto di manutenzione. Qui di seguito trovi delle linee guida:
    • Aspetta che il motore sia del tutto freddo.
    • Metti un contenitore di drenaggio sotto la valvola del radiatore.
    • Aggiungi acqua al radiatore finché questo è pieno e poi drenala dalla valvola sotto la macchina.
    • Chiudi la valvola di drenaggio e aggiungi del nuovo liquido refrigerante, solitamente una miscela al 50% di acqua distillata e antigelo va benissimo (non usare acqua di rubinetto perché rilascia dei depositi minerali).
    • Spurga ancora il radiatore per eliminare l'aria che è stata introdotta con il lavaggio e il rabbocco.
    Pubblicità

Consigli

  • Indossa degli abiti vecchi quando ti accingi a questo lavoro perché il fluido del radiatore sporca.

Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • La chiave per aprire il calorifero
  • Un canovaccio o un piccolo contenitore
  • Il manuale dell'automobile
  • Chiavi inglesi e cacciaviti piccoli.

wikiHow Correlati

Come

Sigillare un Radiatore che Perde

Come

Sostituire L'Elemento Riscaldante in un'Asciugatrice

Come

Stare Caldi in Casa Senza Caloriferi

Come

Identificare i Problemi del Frigorifero

Come

Forzare una Porta Chiusa

Come

Liberare lo Scarico della Doccia

Come

Rimuovere una Vite con la Testa Spanata

Come

Usare il Sale per Lavastoviglie

Come

Togliere i Graffi dal Vetro

Come

Sbrinare e Pulire un Congelatore

Come

Chiudere l'Impianto Idraulico Facilmente e Velocemente

Come

Verniciare il Cemento

Come

Aggiustare un Water con Scarico Lento

Come

Scaricare l'Acqua di una Lavastoviglie
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 14 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 37 605 volte
Questa pagina è stata letta 37 605 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità