Come Studiare la Bibbia

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

In questo Articolo:Approccio GeneraleTecniche di StudioStudiare con gli AltriEsempio di Piano di Studio della BibbiaSommario dell'Articolo

Limitarsi a leggere la Bibbia non è lo stesso che studiarla. I cristiani credono che la Bibbia sia la parola divina di Dio e che quindi sia degna di rispetto. La Bibbia è uno dei libri più fraintesi che siano mai stati scritti e molte persone trovano difficile capirne il contenuto. Dal periodo in cui è stata scritta ai nostri tempi, sono passati molti anni e molte culture. Nello studio della Bibbia, l'obiettivo è comprendere il contenuto nelle sue lingue originali. Se hai delle difficoltà nel capire da dove incominciare, quanto e con quale frequenza dovresti leggere o su come imparare qualcosa da quello che leggi, allora quest'articolo è quello che fa per te.

1
Approccio Generale

  1. 1
    Pianifica il tuo studio. Dedicati del tempo e trova un posto per studiare. Sviluppa un piano di ciò che vuoi fare. Cerca di scriverlo sotto forma di calendario con specificato ciò che desideri leggere ogni giorno. Ti aiuterà a rimanere motivato e ti darà una struttura.
  2. 2
    Procurati una buona Bibbia per lo studio. Scegli il tipo di traduzione. Per questioni di consistenza, sarebbe meglio scegliere delle vere e proprie traduzioni, piuttosto che delle semplici parafrasi.
    • Evita le Bibbie che sono state tradotte dal latino, piuttosto che dagli originali greci ed ebraici. Queste, come con il gioco del passaparola, possono finire per essere tradotte in modo errato. Evita anche le vecchie traduzioni (quella del re Giacomo), perché sono stati scoperti altri testi precedenti, che hanno rivelato gravi errori di traduzione (ad esempio, lo sapevi che Mosè non ha attraversato il Mar Rosso?).
    • Ci sono due principali scuole di pensiero, quando si tratta di tradurre: equivalenza dinamica ed equivalenza formale. La traduzione dinamica è ‘pensiero con pensiero’, mentre la traduzione formale è ‘parola per parola’. Con la traduzione ‘parola per parola’, troverai che a volte una parola significa letteralmente una cosa, ma che, funzionalmente, significa un’altra (come la parola inglese "blue" tecnicamente significa il colore ma, funzionalmente, può significare "triste"). Tuttavia, dei traduttori troppo prevenuti o meno affidabili possono fare una traduzione dinamica imprecisa. Un mix può aiutare ma, se non sei sicuro, ti basta cercare delle traduzioni della Bibbia che siano recenti (entro gli ultimi 20-40 anni), fatte direttamente dal testo originale ed eseguite da rinomati studiosi.
    • Le traduzioni di buona equivalenza formale includono la Nuova Versione Standard modificata o la Versione Standard inglese. Delle traduzioni di buona combinazione includono la Nuova Versione Internazionale Moderna o la Bibbia Standard Cristiana di Holman. Una buona traduzione a equivalenza dinamica è la Versione in Inglese Contemporaneo, anche se questi tipi di traduzione sono solitamente malviste dagli studiosi seri.
  3. 3
    Studia la Bibbia assumendo un atteggiamento di preghiera. Questo è il primo passo per capirla. Un approccio appropriato allo studio della Bibbia è di esprimere in preghiera il desiderio di voler imparare. Disciplina te stesso a essere alla presenza della Parola. La Bibbia prenderà vita. Dopotutto, è il cibo spirituale.
  4. 4
    Prega. Prima di incominciare, chiedi a Dio di aiutarti a comprendere la sua parola. Prendi la Bibbia in modo letterale. Non assumere che si tratti di una parabola o di una storia inventata, solo perché quello che stai leggendo è un po' vago. Non provare a interpretare la Bibbia. "Sappiate prima di tutto questo: che nessuna profezia della Scrittura proviene da un'interpretazione personale." (2 Pietro 2: 20,21)" E’ qui dove in genere incomincia il fraintendimento.
  5. 5
    Focalizzati prima sul Nuovo Testamento. Anche se è complementare al Vecchio e viceversa, se sei un novizio, è meglio leggere prima il Nuovo Testamento. L'Antico Testamento avrà più senso se leggerai prima il Nuovo.
  6. 6
    La cosa migliore è incominciare con il Vangelo di Giovanni. È il Vangelo più facile da leggere, aiuta a capire chi sia davvero Gesù e ti prepara per la lettura degli altri tre Vangeli. Sarebbe meglio leggerlo due o tre volte, per capire bene il messaggio dell'autore, le tematiche, il contesto e i personaggi. Leggi tre capitoli al giorno. Concentrati nella lettura e sii paziente.
    • Dopo aver letto il vangelo di Giovanni, leggi il secondo in ordine di semplicità (che sarebbe Marco), poi Matteo e quindi Luca. Leggi tutti i libri (uno dopo l'altro) finché non avrai letto tutti i Vangeli.
    • Leggi le lettere del Nuovo Testamento, dalla Lettera ai Romani fino alla Lettera di Giuda. Poiché l'Apocalisse è pura profezia, che non è trattata nel resto del Nuovo Testamento, lasciala da parte per il momento. Una volta raggiunta una familiarità con i profeti maggiori, affronta l'Apocalisse.
  7. 7
    Scegli degli argomenti che vuoi studiare. Uno studio per argomenti è molto diverso da uno studio di un libro o di un capitolo. L'indice degli argomenti nella maggior parte delle Bibbie contiene delle aree specifiche per lo studio. Una volta trovato un argomento interessante, incomincia a dare una lettura rapida di tutti i versi inerenti a quell'argomento. Questo ti darà una panoramica generale di quello che quei versi vogliono dire. Per esempio: salvezza, obbedienza, peccato, ecc. Ricorda: rileggere un capitolo più di una volta ti aiuterà a trovare delle cose che magari non avevi visto, o avevi saltato nella lettura precedente.

2
Tecniche di Studio

  1. 1
    Usa il dizionario. Assicurati di controllare le parole nel capitolo da cui le estrapoli. Questo ti aiuterà a capire meglio la Bibbia.
  2. 2
    Fai un quaderno della Bibbia. Ti responsabilizzerà a leggere ogni giorno. Inoltre, poniti delle domande e scrivile su questo quaderno. Utilizza la formula "chi", "che cosa", "quando", "dove", "perché" e "come" per i tuoi studi. Per esempio, "chi c'era?", "Che cosa stava accadendo?", "Dove sta succedendo questo?", "Come è andata a finire?". Questa semplice formula darà un senso alla storia.
  3. 3
    Evidenzia nella tua Bibbia i concetti importanti o quello che ti piace. Ma non farlo se appartiene a qualcun altro.
  4. 4
    Utilizza i riferimenti incrociati e le note a piè pagina, se li hai nella tua Bibbia. Si tratta di piccoli numeri e simboli che ti indicano di guardare in altri punti del testo per avere ulteriori informazioni o ti mostrano quando qualcosa è già stato discusso in precedenza. Le note a piè di pagina, che, appunto, si trovano solitamente in fondo a una determinata pagina, ti indicheranno la provenienza delle informazioni o spiegheranno idee complesse, eventi storici e concetti.
    • Prova a individuare alcune parole che hai saltato e a cercarle in una concordanza per trovare altri versi che parlano della stessa cosa.
  5. 5
    Segui i riferimenti nella tua Bibbia di studio per risalire alla prima volta che un termine è stato usato. È qui che è essenziale una Bibbia di tipo Chain Reference, cioè a riferimenti concatenati.
  6. 6
    Scrivi un diario. Non devi scriverci molto. Usa semplicemente una pagina con scritto in alto data, libro/ capitolo/ verso. Poniti delle domande e scrivi a grandi linee quello che stai leggendo. Questo è un aiuto per capire quello che Dio ti sta rivelando attraverso la sua Parola. Durante la lettura, annota idee, versi o pensieri che ti vengono in mente. Pensa "Chi, Cosa, Quando, Dove, Come." Rispondi a ogni eventuale domanda sotto ciascuna categoria. Rileggile e prega.
  7. 7
    Elimina tutte le distrazioni. Spegni la televisione o la radio. A meno che tu non stia studiando in un gruppo, cerca un posto tranquillo con un tavolo su cui leggere e prendere appunti. Questo è un momento solo per te e Dio.

3
Studiare con gli Altri

  1. 1
    Trova un gruppo di studio della Bibbia a cui poter partecipare. Il testo è molto complicato e poter contare su qualche aiuto per venirne a capo sarà molto importante. Servirà anche a tenerti motivato e ispirato.
  2. 2
    Condividi quello che hai trovato con gli altri all'interno del tuo gruppo di studio della Bibbia. Discuti che cosa hai letto con altri che possano avere più esperienza di te a leggere e studiare la Bibbia.
  3. 3
    Non prendere per oro colato ciò che qualcun altro dice su un argomento, ma consideralo una guida. Lascia che la Bibbia ti ispiri. La conoscenza sui principi biblici aumenterà solo dopo anni di dedizione, duro lavoro e non per una semplice lettura.
    • La Bibbia non è un unico libro che va dalla Genesi all'Apocalisse. Ci sono ben 66 libri, ciascuno scritto da autori diversi in momenti diversi. Certi autori hanno scritto più di un libro, ma in tempi diversi per varie ragioni. Troverai argomenti e significati simili in tutti i libri della Bibbia.

4
Esempio di Piano di Studio della Bibbia

  1. 1
    Chiaramente sei libero di leggere il Nuovo Testamento nel suo ordine. Ci sono però dei piani che seguono la lettura dei libri in un ordine diverso, per un motivo. Uno simile è descritto nei passaggi successivi.
  2. 2
    Incomincia dai Vangeli. Ciascun Vangelo si focalizza su un aspetto diverso di Gesù. Matteo mostra Gesù come Re; Marco come Rabbino (Molti scolari ritengono che Marco sia il figlio di Pietro, basandosi su 1 Pietro 5: 12-13. Studi successivi mostrano che questo Marco è in realtà il missionario che lavorò con Paolo, in base a 2 Timoteo 4:11); Luca mostra Gesù come un uomo (Luca era un medico, probabilmente greco, dell'Asia Minore, vedi Lettera ai Colossesi 4:14); Giovanni mostra Gesù come Dio, il Messia.
    • Leggi di nuovo Giovanni. Questo ti darà un'immagine più completa dei Vangeli. Quello secondo Giovanni è l'ultimo Vangelo a essere stato scritto. Matteo, Marco e Luca sono noti come i "vangeli sinottici", perché raccontano la stessa storia di base, includendo i propri punti personali. Giovanni aggiunge quello che gli altri hanno tralasciato, completando la storia dei Vangeli.
  3. 3
    Successivamente leggi gli Atti. Gli Atti, anche noti come "Gli Atti degli Apostoli" sono stati scritti da Luca, che descrive la rivelazione e la crescita della prima chiesa.
  4. 4
    Leggi dalla Lettera ai Galati fino alla Lettera a Filemone. Queste sei brevi lettere sono lettere personali scritte da Paolo a tre chiese, da lui visitate, e ai suoi tre amici Timoteo, Tito e Filemone.
    • Leggi la Lettera ai Romani. Questa mostra i mezzi e la via della Salvezza. Leggi quindi le Lettere ai Corinzi, che costituiscono un'introduzione allo Spirito Santo, sviluppandone la dottrina e i doni. Seguono le altre lettere, da quella agli Ebrei fino a Giuda. Contengono gli insegnamenti degli anziani della prima chiesa.
    • A meno che tu non sia cristiano già da un po' e non abbia una buona conoscenza di base sulle profezie, lascia l'Apocalisse agli studenti più avanzati.
  5. 5
    Passa al Vecchio Testamento. Il Vecchio Testamento è compilato secondo un ordine per comodità, non cronologico. Lo puoi leggere a gruppi, per rendere la lettura più facile. Nel Vecchio Testamento ci sono 929 capitoli. Se ne leggi 3 al giorno, lo finirai in 10 mesi.
    • Leggi la Genesi. Questo libro descrive la creazione e la relazione iniziale con Dio.
    • Passa all'Esodo fino a Deuteronomio. Questi descrivono la Legge.
    • Leggi i libri storici. Da Giosuè a Ester.
    • Dopo la parte storica, leggi i libri della sapienza e di poesia.
      • Giobbe, spesso indicato come il libro più antico, descrive la relazione tra un uomo e Dio e contiene molte lezioni di come sarebbe potuta andare meglio. Si tratta di una grande lezione di cosa Dio si aspetta dagli uomini.
      • I Salmi sono gli scritti di un re d'Israele che era un uomo secondo il cuore di Dio, nonostante non solo fosse un peccatore come tutti noi, ma anche colpevole di assassinio.
      • Il Cantico di Salomone, anche noto come Cantico dei Cantici, fu scritto dal re Salomone nella sua giovinezza. Si tratta di un lavoro di poesia scritto da un giovane innamorato. Re Salomone è stato l'uomo più saggio e più ricco del mondo.
      • Proverbi fu scritto dal re Salomone nella sua età adulta, quando era re d'Israele e stava imparando delle dure lezioni.
      • Ecclesiaste sono i lamenti di re Salomone, un uomo che ha trascorso la propria vita in un vivere sfrenato, con numerose mogli, concubine, vino, donne e canti. Ecclesiaste è il libro che insegna quello da non fare.
    • Dopo leggi i libri della sapienza e di poesia, preparati ai cinque profeti maggiori: Isaia, Geremia, Lamentazioni, Ezechiele e Daniele.
    • Passa ai dodici profeti minori per finire il Vecchio Testamento.

Consigli

  • Quando inizi, l'idea di leggere ogni giorno può spaventare. Ma quando sei immerso nella Parola, questa ti aiuterà a schiarirti le idee e a essere preparato per la giornata. Leggere la Bibbia è una parte necessaria. Non arrenderti. Se ti senti scoraggiato, chiedi aiuto al Signore.
  • Prega prima di iniziare ogni studio o lettura della Bibbia. Chiedi a Dio di liberarti la mente e di mostrarti cose nella sua parola. Nella Lettera agli Efesini 1: 16-23 c'è una preghiera per ottenere saggezza e rivelazione: la puoi dire come tua preghiera personale.
  • Fai una promessa a te stesso. Alzati un po' prima al mattino per poter leggere. Questo è l'accordo: "Niente Bibbia, Niente Colazione, Nessuna Eccezione". Il re Davide studiava la parola alla mattina e di notte (Salmi 1:2).
  • Come strumento per continuare la tua lettura giornaliera, potresti usare una One Year Bible (Bibbia in un anno). Non sarà uno studio approfondito, ma riuscirai a leggere l’intera Bibbia in un anno. Avrai così più familiarità con tutti i libri, per quando incomincerai a studiarli.
  • Quando incominci lo studio della Bibbia, chiedi aiuto allo Spirito Santo. Giovanni 14:26 afferma che lo Spirito t’insegnerà tutte le cose e ti aiuterà a ricordare tutto quello che Gesù ha detto. 1 Giovanni 2:27 è simile.
  • Nel Nuovo Testamento ci sono 261 capitoli. Se ne leggi 3 al giorno, finirai di leggere tutto il Nuovo Testamento in circa 90 giorni. Se il tuo obiettivo è semplicemente leggere tutta la Bibbia, puoi leggere 3 capitoli del Nuovo Testamento alla mattina e 4 capitoli del Vecchio Testamento alla sera. Così potrai finire il Nuovo Testamento in 87 giorni. Ti rimarranno da leggere 668 capitoli del Vecchio Testamento. Se ne leggi 3 alla mattina e 4 alla sera fino alla fine, avrai letto l'intera Bibbia in circa 6 mesi. Tuttavia, è molto meglio leggere 3 capitoli ogni giorno. Non preoccuparti di quanto tempo ci metti a leggerla tutta.
  • Fai una ricerca sulla versione o traduzione che hai intenzione di usare. È accurata? È solo una versione moderna più facile da leggere o è intesa per uno studio?
  • Il motivo per leggere i Vangeli in ordine sparso è che ciascuno descrive Gesù in un modo differente. Giovanni = Dio; Marco = Servo; Matteo = Re; Luca = Uomo. Inoltre, non vorrai perderti nelle genealogie in Matteo e Luca subito all'inizio. Ciascuno ha uno scopo differente e la familiarità aiuta.
  • Dopo aver letto tutta la Bibbia almeno una volta, con l'aiuto di un buon maestro, leggi una guida di ermeneutica e apologetica, scritta da un bravo laico. Ti aiuterà a capire quali domande porti mentre leggi e studi.
  • Esistono così tanti libri e guide per lo studio da riempire una biblioteca. Non pensare di doverli leggere tutti. Spenderesti una fortuna. Compra quello che più ti serve. Non farti scoraggiare.

Avvertenze

  • La Bibbia originariamente non è stata scritta nelle lingue moderne, ma in ebraico, aramaico e greco. Questo significa che alcune parole "non" sono traduzioni letterali, ma sono il risultato dello sforzo del traduttore di esprimere i sentimenti e significati del brano. Alcuni brani sono stati tradotti letteralmente, altri in modo funzionale. Leggi avendo un'apertura mentale, prega, parla con altre persone e prendi del tempo per cercare di capire i punti di vista degli autori originali.
  • Non leggere quello che tutti gli esperti dicono su un certo argomento. Ti ritroverai di fronte ad opinioni contrastanti che causeranno confusione e sarai tentato di arrenderti. Prendi esempio dagli abitanti di Berea e giudica tutto quello che senti sulla scrittura, facendoti delle domande precise e cercandone conferma (Atti 17:11). Lascia che la Bibbia parli da sé. Il suo autore (Dio) rivelerà e t’inspirerà.
  • A volte un fatto scientifico o il tuo senso comune sembreranno mettere in discussione la Bibbia. Se questo dovesse succedere, fai attenzione a non giungere a conclusioni affrettate. Ricorda che la tua interpretazione della Bibbia sarà sempre imperfetta. Ecco perché non dovresti mai interpretare la Bibbia. (2 Pietro 1:20,21). Prendi il brano che ti crea dei problemi e studia il suo contesto e stile. In genere, l'errore è nella comprensione delle parole; cerca quindi di trovare un significato alternativo che giustifichi i tuoi dubbi e allo stesso tempo è in accordo al resto dei tuoi studi. Se sei ancora insicuro, chiedi a un amico che conosce molto bene la Bibbia e fattelo spiegare. Se ancora non sei soddisfatto, sappi che, qualunque sia la tua conclusione, deve essere coerente con il resto della Bibbia. Quella parte che non ti sembra chiara, si spiegherà da sé altrove nella Bibbia.

Cose che ti Serviranno

  • Una buona guida allo studio.
  • La Bibbia di re Giacomo o un’altra Bibbia accurata. Tre altre grandi traduzioni che si attengono strettamente al testo originale sono la New International Version (utilizzata dagli accademici, che è considerata la traduzione più accurata), la New American Standard Bible (NASB), la Bibbia Cristiana Standard di Holman (HCSB) e la Nuova Versione di re James (NKJV).
  • Un diario o un quaderno per gli appunti.
  • Una concordanza, un libro che elenca le parole bibliche, dandone il significato principale e le sue origini, insieme agli altri punti in cui la parola è usata. Sarebbero una buona scelta la Concordanza Analitica di Young o la Exhaustive di Strong. Il Lessico di Strong serve per aiutarti a cercare definizioni di una parola ebraica o greca nella lingua originale. È disponibile online presso il sito web di Blue Letter Bible. Questo sito ha anche numerosi commentari, lezioni, conferenze audio e video e sommari.
  • Evidenziatore (opzionale)
  • Una buona Bibbia per argomenti.
  • Un buon manuale della Bibbia.
  • Un buon dizionario biblico.
  • Un buon commentario biblico.

Sommario dell'ArticoloX

Per studiare la Bibbia, scegli una versione tradotta dal greco o dall’ebraico perché è quella più vicina al testo originale. Inoltre, focalizzati prima sul Nuovo Testamento perché l’Antico Testamento avrà più senso se letto successivamente. Inoltre, considera di iniziare dal Vangelo di Giovanni perché è il più semplice e ti preparerà agli altri Vangeli. Dopo aver studiato il Vangelo di Giovanni, passa a quelli di Marco, Matteo e Luca. Dopo aver completato i Vangeli, leggi la Lettera ai Romani e la Lettera di Giuda. Quando avrai raggiunto una buona conoscenza dei profeti maggiori, potrai affrontare l’Apocalisse. Continua a leggere l’articolo se vuoi sviluppare un piano di lettura della Bibbia oppure organizzare un gruppo di studio!

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Religione

In altre lingue:

English: Study the Bible, Español: estudiar la Biblia, Português: Estudar a Bíblia, Français: étudier la Bible, Deutsch: Bibelstudium, Русский: изучить Библию, Bahasa Indonesia: Mempelajari Bibel, Čeština: Jak studovat Bibli, Nederlands: De Bijbel bestuderen

Questa pagina è stata letta 30 915 volte.
Hai trovato utile questo articolo?