Come Superare la Paura della Morte

5 Parti:Conoscere la FobiaLasciare Andare ciò che Non si può ControllareRiflettere sulla VitaVivere la VitaTrovare Supporto

La tanatofobia, o più spesso conosciuta come "paura della morte", colpisce milioni di persone in tutto il mondo. In alcuni individui può generare ansia e/o pensieri ossessivi.[1] Più precisamente, la tanatofobia è la paura della morte e/o della propria mortalità, mentre la paura delle persone che muoiono o delle cose morte è conosciuta come "necrofobia", che è un concetto leggermente diverso. Tuttavia, entrambi questi timori possono essere correlati, in maniera analoga, alla paura degli aspetti sconosciuti legati alla morte. In un certo senso, è la paura di imbattersi nell’ignoto.[2] Questo può essere particolarmente vero per le persone che si avvicinano agli ultimi anni di vita, quando i dubbi che circondano la morte iniziano ad aumentare e la fine della vita diventa una realtà imminente.[3] Per riuscire a sentirti maggiormente a tuo agio con la conclusione sconosciuta della vita, devi imparare a conoscere questa fobia, impegnarti a superarla ed evitare che prenda il sopravvento su di te.

Parte 1
Conoscere la Fobia

  1. 1
    Annota i momenti in cui pensi alla morte. La prima cosa da stabilire quando vuoi affrontare la tua tanatofobia è capire come - e quanto - la paura irrompe nella tua vita. Non sempre siamo in grado di capire immediatamente i fattori ambientali o le cause che provocano le nostre paure o ansie. Scrivere le situazioni in cui queste si verificano può essere uno strumento utile per affrontare tale problema.[4]
    • Inizia semplicemente chiedendoti: "Che cosa stava succedendo intorno a me nel momento in cui ho iniziato a provare paura o ansia?". Per vari motivi, questa può risultare una domanda a cui è molto difficile rispondere inizialmente, pertanto comincia dalle basi. Ripensa agli ultimi giorni e prendi nota del maggior numero di dettagli che puoi ricordare in merito al momento in cui pensavi alla morte. Inserisci nei tuoi appunti esattamente quello che stavi facendo quando è sorto questo pensiero.
    • Sappi che la paura della morte è molto comune. Nel corso della storia umana, le persone si sono sempre occupate e preoccupate del concetto della morte e del fatto di morire. Questo può dipendere da diversi motivi, tra cui l’età, la religione, il livello di ansia personale, l'esperienza della perdita e così via. Ad esempio, durante alcune fasi di transizione durante la vita, si può essere più inclini ad avere paura della morte. Le persone possono avere una preoccupazione maggiore nelle fasce di età comprese tra 4-6, 10-12, 17-24 e 35-55 anni..[5] Gli studiosi hanno speculato a lungo circa la prospettiva della morte. Secondo il filosofo esistenzialista Jean-Paul Sartre, la morte può essere una fonte di paura per le persone proprio perché "viene dall’esterno e ci trasforma in esteriorità".[6] Il processo della morte, quindi, rappresenta la dimensione sconosciuta più radicale immaginabile (o, in un certo senso, inimmaginabile). Come sottolinea Sartre, la morte ha il potenziale per trasformare nuovamente i corpi viventi e riportarli nel regno non umano da cui erano inizialmente emersi.
  2. 2
    Prendi nota di quando ti senti ansioso o spaventato. In seguito, riporta tutte le occasioni che riesci a ricordare in cui la paura o l’ansia ti hanno impedito di fare qualcosa. Non tralasciare alcuna circostanza, anche se non sei certo se le tue emozioni erano strettamente correlate in qualche modo alla morte o a situazioni in punto di morte.
  3. 3
    Confronta il tuo stato d’ansia con il pensiero della morte. Dopo aver elaborato una lista dei pensieri di morte e una lista dei momenti di ansia, cerca i punti in comune tra i due. Ad esempio, potresti accorgerti che ogni volta che vedi una particolare marca di caramelle provi una certa ansia, ma non sei certo del perché. Poi ti accorgi che pensi alla morte durante queste stesse circostanze. Potresti così ricordare che il marchio di caramelle in questione è quello che è stato distribuito al funerale di tuo nonno; quindi hai iniziato anche a sentire un certo grado di paura al pensiero della morte in generale.
    • Tali associazioni di pensieri tra oggetti, emozioni e situazioni possono essere molto sottili, a volte anche molto di più rispetto all’esempio appena descritto. Pertanto annotarli può essere un ottimo modo per iniziare a prenderne maggiore consapevolezza, così sei in grado di gestire le tue reazioni a queste circostanze che ti influenzano.
  4. 4
    Riconosci il legame tra ansia e anticipazione. La paura è una forza potente che potenzialmente può influire su qualunque tua azione. Se inizi a guardare oltre la paura, è possibile che l'evento reale che ti sta spaventando così tanto non sia poi così terribile come lo stai vivendo ora. L'ansia di solito è costituita per lo più dalla previsione di come potranno andare o meno le cose, è più un'emozione relativa al futuro. Tieni presente che la paura della morte a volte è peggio della morte stessa. Chi può saperlo: magari la tua morte potrebbe non essere poi così spiacevole come puoi immaginarla.[7]
  5. 5
    Sii onesto con te stesso. Devi essere completamente sincero e accettare pienamente la tua mortalità, altrimenti continuerà a logorarti. La vita diventa molto più preziosa quando ti rendi conto della sua transitorietà. Sai benissimo che ti ritroverai ad affrontare la morte, presto o tardi, ma non c'è bisogno di vivere la vita nella paura. Se sei onesto con te stesso e affronti a testa alta la paura, puoi iniziare a sminuire questa fobia.

Parte 2
Lasciare Andare ciò che Non si può Controllare

  1. 1
    Concentrati sulle cose che puoi controllare. La morte può essere un concetto particolarmente spaventoso a cui pensare, in primo luogo perché pone limiti alla vita e a ciò che siamo in grado di concepire. Impara invece a concentrarti sulle cose che puoi davvero controllare, pur impegnandoti anche nelle cose su cui non hai potere.
    • Per esempio, puoi essere preoccupato di morire a causa di un attacco di cuore. Ci sono alcuni fattori che non si possono controllare sulle malattie cardiache, come la genetica, la razza, l’etnia e l’età, ma se ti concentri su questi aspetti puoi solo diventare più ansioso. Invece, è molto più sano focalizzarsi sulle cose che si è in grado di controllare, come smettere di fumare, fare regolare esercizio fisico e mangiare sano. Infatti hai un maggior rischio di sviluppare malattie cardiache quando segui uno stile di vita non sano, non solo per i soli fattori su cui non puoi influire.[8]
  2. 2
    Gestisci la tua vita. Quando vogliamo avere l’assoluto controllo della nostra vita, spesso andiamo incontro a delusioni, frustrazione e ansia per le cose che non vanno come vorremmo. Impara ad allentare la presa e a smettere di voler controllare tutto ciò che accade nella vita. Puoi ancora fare progetti, ovviamente. Cerca di gestire il corso della tua vita, ma lascia anche un certo spazio all'imprevisto.
    • Un'analogia a questo concetto è l'immagine dell’acqua che scorre nel fiume. A volte l’argine cambia, il fiume fa una curva e l'acqua rallenta o accelera. Il fiume continua a scorrere, ma devi lasciarlo andare dove ti porta.
  3. 3
    Elimina gli schemi di pensiero improduttivi. Quando cerchi di prevedere o immaginare il futuro, puoi trovarti a chiederti: "Cosa succederebbe se dovesse verificarsi questa circostanza?". Si tratta di un modello di pensiero improduttivo, che può essere anche catastrofico.[9] Questo è un modo di pensare a una situazione che genera emozioni negative e, in base alla tua interpretazione dell’evento, ciò scatenerà delle emozioni. Per esempio, se sei preoccupato di essere in ritardo per il lavoro, potresti dire a te stesso: "Se arriverò in ritardo, verrò rimproverato dal superiore e potrò anche perdere il posto". Avere schemi di pensiero improduttivi può anche condurti sull’orlo di una crisi di nervi, se hai la tendenza maniacale a voler controllare ogni evento.
    • Sostituisci i pensieri improduttivi con quelli positivi. Rifletti sullo schema dei pensieri negativi. Ad esempio, dici a te stesso: "Se sono in ritardo, il mio superiore potrebbe esserne contrariato, ma posso spiegare di aver trovato più traffico del solito. Inoltre, posso offrirmi di restare al lavoro più a lungo per recuperare il tempo perso".
  4. 4
    Datti un tempo specifico per preoccuparti. Dedica 5 minuti del giorno per concederti di preoccuparti per qualcosa. Segui questa tecnica ogni giorno alla stessa ora; cerca però di non pianificare questo momento prima di andare a dormire, perché non devi metterti a letto in uno stato di agitazione. Se in qualunque altro momento della giornata ti sorge un pensiero preoccupante, accantonalo e affrontalo solo nel tempo specifico che ti sei prefissato proprio per questo.[10]
  5. 5
    Sfida i tuoi pensieri ansiosi. Se provi ansia per la morte, chiediti quante potrebbero essere le probabilità di morire in determinate situazioni. Armati di statistiche sulle morti negli incidenti aerei, per esempio. Probabilmente ti accorgerai che i tuoi timori sono eccessivi in rapporto alla realtà dei fatti.[11]
  6. 6
    Pensa a quanto sei condizionato dagli altri. Quando le preoccupazioni di altre persone iniziano a sopraffare la tua mente, inizi anche tu a pensare maggiormente ai pericoli e ai rischi. Forse hai un amico che è particolarmente pessimista circa le malattie e ciò può provocarti più ansia e timore di ammalarti anche tu. In questo caso, riduci il tempo che passi con questa persona, in modo che non ti vengano troppo spesso in mente questi pensieri negativi.[12]
  7. 7
    Prova a fare qualcosa di nuovo. Spesso evitiamo di provare cose che non abbiamo mai fatto prima e di metterci in nuove situazioni proprio per la paura dell’ignoto e dell’incapacità di comprenderlo.[13] Per esercitarti ad allentare il controllo sulle cose, scegli un'attività che non avevi mai considerato, prova a metterla in atto e impegnati a farla. Inizia con qualche ricerca online per documentarti. Successivamente, puoi parlarne con le persone che l’hanno già svolta in precedenza. Quando cominci a prendere più confidenza con l’idea di questa nuova iniziativa, prova a vedere se riesci a metterla in atto una o due volte prima di impegnarti in essa nel lungo periodo.
    • Questo metodo di sperimentare nuove attività può essere un ottimo strumento per imparare a concentrarti sulla ricerca della felicità nella vita, invece di preoccuparti della morte.
    • Impegnandoti in cose nuove è probabile che, nel contempo, impari molto su di te, soprattutto per quanto riguarda ciò che puoi e non puoi controllare.
  8. 8
    Stabilisci un piano da seguire nel caso fossi in fin di vita insieme ai familiari e gli amici. Quando si tratta di morte, sei ben consapevole che molto probabilmente la maggior parte del processo è completamente fuori dal tuo controllo. Non c'è mai modo di poter sapere con certezza esattamente quando o dove si morirà, ma possiamo prendere qualche iniziativa in modo da essere più preparati.[14]
    • Se entrassi in coma, per esempio, quanto tempo vorresti rimanere in vita? Preferisci morire in casa o restare in ospedale il più a lungo possibile?
    • Le prime volte potresti sentirti a disagio nell’affrontare questi temi con i tuoi familiari, ma tali conversazioni possono risultare estremamente utili sia per te che per loro, nel caso dovesse verificarsi un evento sfortunato e non riuscissi più a esprimere i tuoi desideri in merito. Inoltre queste chiacchierate potrebbero anche aiutarti a provare un po' meno ansia verso la morte.

Parte 3
Riflettere sulla Vita

  1. 1
    Sii consapevole del fatto che la vita e la morte fanno parte dello stesso ciclo. Riconosci che la tua vita e la tua morte, così come quelle delle altre creature, sono tutte parti di uno stesso ciclo o processo vitale. La vita e la morte, più che essere due eventi totalmente distaccati e diversi, in realtà si verificano sempre allo stesso tempo. Le cellule del corpo, per esempio, muoiono e si rigenerano continuamente in modi differenti durante tutta la vita. Questo aiuta l’organismo a migliorarsi e adattarsi al mondo che ci circonda.[15]
  2. 2
    Pensa a come il corpo è parte di un complesso ecosistema. I nostri corpi fungono da fertili ecosistemi per innumerevoli differenti forme di vita, soprattutto quando questa giunge al termine.[16] Durante la vita, il sistema gastrointestinale è la “residenza” di milioni di microrganismi, che aiutano il corpo a rimanere sufficientemente sano per sostenere il corretto funzionamento del sistema immunitario e, in qualche modo, anche il complesso processo cognitivo.[17]
  3. 3
    Conosci il ruolo che svolge il corpo nel grande disegno delle cose. Se osservi la questione da un punto di vista molto più ampio, capisci che la vita si incastra in modo unico e individuale per formare la società e le comunità locali che dipendono dall’energia e dalle azioni di ogni singolo organismo per poter sostenere un certo grado di organizzazione.[18]
    • La tua vita è composta dagli stessi meccanismi e materiali delle altre vite intorno a te. Capire questo aspetto può aiutarti a farti sentire maggiormente a tuo agio al pensiero di un mondo che può continuare anche senza la tua presenza specifica.[19]
  4. 4
    Trascorri del tempo nella natura. Fai delle passeggiate meditative negli ambienti naturali. Oppure, passa più tempo all’esterno vicino a molte forme diverse di vita. Queste attività possono essere degli ottimi modi per sentirti più a tuo agio con il concetto che sei una parte di un mondo più grande.[20]
  5. 5
    Valuta il concetto dell'aldilà. Prova a pensare che dopo la morte andrai in qualche luogo felice. Molte religioni credono in questo. Se segui una particolare fede, puoi trovare conforto nel prendere in considerazione il concetto di aldilà espresso dalla tua religione.

Parte 4
Vivere la Vita

  1. 1
    Vivi al massimo la tua vita. Fondamentalmente, è meglio evitare di passare troppo tempo a preoccuparsi della morte. Cerca piuttosto di riempire ogni tua giornata il più possibile di gioia. Non farti rattristare o deprimere dalle piccole cose. Vai fuori, gioca con gli amici o inizia a praticare un nuovo sport. L’importante è che si tratti di qualche attività che impedisca alla tua mente di pensare alla morte; focalizza piuttosto i tuoi pensieri sulla vita.
    • Molte persone che hanno paura della morte ci pensano tutti i giorni. Ciò significa che hai ancora un sacco di cose che puoi fare nella vita. Lascia andare la tua paura e chiediti: "Che cosa sarà la cosa peggiore che succederà oggi?". In questo momento sei vivo, quindi vivi!
  2. 2
    Trascorri del tempo con i tuoi cari. Circondati di persone che ti rendono felice e viceversa. Il tuo tempo è ben speso – e ben ricordato – quando è condiviso con gli altri.
    • Per esempio, puoi essere certo che il ricordo di te continuerà a vivere dopo la tua morte se aiuterai i tuoi nipoti a sviluppare dei ricordi felici di te.
  3. 3
    Tieni un diario di gratitudine. Questo è un modo per annotare e riconoscere le cose di cui essere grato. Ciò ti aiuterà a mantenere l’attenzione sulle cose positive della tua vita.[21] Pensa alle cose buone che hai e apprezzale.
    • Prenditi un po’ di tempo ogni 2 o 3 giorni per scrivere un episodio o una cosa di cui sei grato. Descrivilo nei dettagli, assaporando il momento e apprezzando la gioia che hai ricevuto.
  4. 4
    Prenditi cura di te stesso. Evita di farti coinvolgere in brutte situazioni o fare cose che possono aumentare le probabilità di morire. Evita di fare uso di sostanze poco salutari come il fumo, la droga o l’alcol e di fare attività pericolose come mandare sms durante la guida. Mantenere uno stile di vita sano elimina alcuni dei fattori di rischio che possono portare alla morte.

Parte 5
Trovare Supporto

  1. 1
    Valuta se hai bisogno di rivolgerti a un terapista della salute mentale per ottenere un aiuto. Se la paura della morte è diventata così intensa e persistente al punto da interferire con la capacità di svolgere le normali attività e di goderti la vita, dovresti cercare l'aiuto di un professionista qualificato. Ad esempio, se stai evitando di svolgere determinate attività a causa del tuo timore di una morte imminente, allora è il momento di chiedere aiuto.[22] Altri segni che potrebbero farti capire che devi rivolgerti a un medico sono:
    • Sensazione di incapacità, panico o depressione a causa della tua paura.
    • Sensazione che la tua paura sia irragionevole.
    • Stai affrontando questa paura da più di 6 mesi.
  2. 2
    Sappi che cosa puoi aspettarti da un terapista. Un medico della salute mentale può aiutarti a capire meglio la tua paura della morte e trovare la maniera per ridurla al minimo, nella speranza di superarla. Sii consapevole del fatto che si tratta di una fobia profonda che richiede tempo e impegno. Potrebbe essere necessario un po’ di lavoro prima di riuscire a gestire e affrontare la tua paura, ma alcune persone vedono un notevole miglioramento in sole 8-10 sedute. Alcune delle strategie che il terapeuta potrebbe seguire sono[23]:
    • Terapia cognitivo-comportamentale. Se hai paura di morire, potrebbero esserci alcuni processi mentali che intensificano il timore. La terapia cognitivo-comportamentale è un metodo usato dai terapeuti per sfidare i propri pensieri e identificare le emozioni associate a essi. Ad esempio, potresti pensare di te stesso: "Non posso volare perché ho paura che l'aereo possa precipitare e io morirò". Il medico ti metterà di fronte al tuo timore facendoti capire che questo pensiero non è realistico, forse spiegandoti che volare in realtà è più sicuro che andare in auto. Quindi, ti troverai a rivalutare il pensiero in modo che sia più concreto, come ad esempio: "La gente viaggia in aereo ogni giorno e sta bene. Sono sicuro che anch’io starò bene".[24]
    • Terapia dell'esposizione. Se hai paura di morire, puoi iniziare evitando determinate situazioni, attività e luoghi che intensificano la tua fobia. La terapia dell’esposizione ti costringe invece a confrontarti con quella paura. In questo tipo di terapia, il medico può chiederti di immaginare di trovarti nella situazione che stai evitando o di viverla davvero. Per esempio, se stai evitando di volare per la paura che l'aereo possa precipitare e quindi morire, il terapeuta può chiederti di immaginarti proprio su un aereo e di descrivere il modo in cui ti senti. In seguito, potrà anche chiederti di affrontare veramente un volo in aereo.[25]
    • Farmaci. Se la paura di morire è così profonda che ti sta provocando una forte ansia, il medico può consigliarti di rivolgerti a uno psichiatra che può prescriverti delle medicine in grado di aiutarti. Sappi comunque che i farmaci usati per curare l'ansia associata alla paura si limitano a ridurre l'ansia temporaneamente, non curano la causa di fondo.[26]
  3. 3
    Condividi i tuoi pensieri sulla morte con gli altri. È sempre una cosa positiva parlare con qualcuno delle proprie paure o ansie, in quanto anche gli altri possono condividere preoccupazioni simili; inoltre potrebbero anche indicarti dei metodi che hanno usato loro per affrontare lo stress associato.[27]
    • Trova una persona di cui ti fidi e spiegale ciò che pensi, cosa provi in merito alla morte e da quanto tempo vivi questi sentimenti.
  4. 4
    Recati in un caffè della morte (death café). Può risultare particolarmente difficile per le persone discutere e affrontare la tematica della morte. È importante quindi trovare il giusto gruppo con cui condividere le proprie idee in merito a questi temi.[28] Anche se in Italia non sono ancora molto diffusi, in diverse parti del mondo ci sono dei "caffè della morte", cioè dei gruppi di persone che si incontrano appositamente nei bar per discutere di questioni relative alla fine della vita. Si tratta sostanzialmente di gruppi di sostegno per coloro che cercano di gestire le proprie emozioni in merito a questo argomento. I gruppi in pratica cercano di trovare insieme come vivere al meglio la vita di fronte alla morte.
    • Se non riesci a trovare uno di questi locali vicino a te, valuta di creare un gruppo di tua iniziativa. Molto probabilmente troverai molte persone del tuo vicinato che condividono le stesse preoccupazioni e timori, ma che non hanno ancora avuto l'opportunità di condividere con altri.

Consigli

  • La paura della morte a volte può essere la conseguenza di uno stato di depressione o ansia, entrambi disturbi che devono essere trattati con l'aiuto di un professionista.[29]
  • Non temere di rivolgerti a più di un terapeuta. Devi trovarne uno con cui ti senti a tuo agio, che sia di supporto per i tuoi problemi unici e specifici e che sia in grado di aiutarti a risolverli.
  • Persisti nel convincerti che puoi superare la paura.

Fonti e Citazioni

  1. http://www.calmclinic.com/anxiety/symptoms/fear-of-dying
  2. http://www.fearof.net/fear-of-the-unknown-phobia-xenophobia/
  3. Bruce, A., Schreiber, R., Petrovskaya, O., & Boston, P. (2011). Longing for ground in a ground(less) world: a qualitative inquiry of existential suffering. BMC Nursing, 10(1), 2. http://doi.org/10.1186/1472-6955-10-2
Mostra altro ... (26)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Sviluppo Personale

In altre lingue:

English: Overcome the Fear of Death, Español: superar el miedo a la muerte, Português: Superar o Medo da Morte, Deutsch: Die Angst vor dem Tod besiegen, Русский: преодолеть страх смерти, Français: surmonter la peur de la mort, Bahasa Indonesia: Mengatasi Rasa Takut akan Kematian, Tiếng Việt: Vượt qua Nỗi sợ Chết, 中文: 克服对死亡的恐惧, العربية: تخطي الخوف من الموت, ไทย: เอาชนะความกลัวตาย, Nederlands: Je angst voor de dood overwinnen, हिन्दी: मृत्यु के भय पर विजय प्राप्त करें (Overcome the Fear of Death)

Questa pagina è stata letta 172 488 volte.

Hai trovato utile questo articolo?