Scarica PDF Scarica PDF

Quando non riesci a trarti d'impaccio da una situazione molto imbarazzante, hai l'impressione di combattere da solo contro il mondo intero. Eppure, l'imbarazzo è una delle emozioni più diffuse in ambito sociale, tra le persone e persino tra gli animali.[1] Molti potrebbero considerarlo in maniera completamente negativa, ma in realtà ha un'importante funzione sociale: ti fa capire di chi fidarti e con chi relazionarti.[2] Tuttavia, non è opportuno permettere all'imbarazzo di prendere il sopravvento e rovinare le situazioni in cui di volta in volta ti trovi. Per superare un momento imbarazzante, impara a reagire esternamente con leggerezza e ridimensionare interiormente quanto è accaduto. Se non ne sei capace, chiediti se c'è un problema di fondo che te lo impedisce e, soprattutto, tieni presente una cosa: la tendenza a provare imbarazzo è in realtà un aspetto della personalità che ti permette di entrare in contatto con gli altri, anziché allontanarti da loro.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Reagire

  1. 1
    Ridi. Ricerche recenti suggeriscono che le risate e l'umorismo sono elementi essenziali per mantenersi in salute.[3] Il modo più semplice per superare l'ansia provocata da un momento di forte imbarazzo è quello di ridere di se stessi e della situazione appena accaduta. Così facendo, è più facile che anche gli altri facciano altrettanto anziché prendersi gioco di te.
    • L'imbarazzo ti permette entrare in sintonia con altre persone, perché è uno stato d'animo che tutti provano prima o poi.[4] Se sei disposto a ridere di te stesso, può essere un'ottima occasione per intavolare conversazioni interessanti o stringere nuove amicizie.
    • Prova a stemperare la tensione. Se affronti la situazione con il buonumore, puoi sdrammatizzare smorzando l'imbarazzo. Ad esempio, se cadi dalla sedia, potresti dire: "Mi esibisco in varie acrobazie!".
  2. 2
    Ammetti di essere imbarazzato. È meglio accettare la situazione. Dato che non è possibile tornare indietro nel tempo, non c'è nessuna ragione per negare quanto è accaduto. Ammetti a te stesso – e agli altri, se opportuno – di sentirti in imbarazzo. Può essere un ottimo spunto per intavolare una conversazione, perché molto probabilmente anche i tuoi interlocutori avranno vissuto momenti simili che a distanza di tempo possono raccontare.[5]
  3. 3
    Spiega il motivo dell'imbarazzo. Il disagio può dipendere da circostanze comprensibili e dimostrabili. Ad esempio, supponiamo tu abbia chiamato qualcuno con il nome sbagliato per tutto il giorno. Quando rifletti sull'accaduto, potresti renderti conto che stavi pensando a qualcun altro.[6]
    • Ad esempio, potresti dire: "Mi dispiace di averti chiamato Marco. Pensavo a un mio caro amico che sta attraversando un periodo difficile e questo mi ha distratto".
  4. 4
    Chiedi aiuto. Forse hai rovesciato il caffè su alcuni documenti importanti durante una riunione o sei inciampato, facendo cadere una pila di libri sul piede del tuo datore di lavoro. Chiedi all'altra persona di aiutarti a rimettere a posto. In questo modo, distoglierai l'attenzione dall'imbarazzo per concentrarla su un'azione da portare a termine.[7]
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Minimizzare l'Incidente

  1. 1
    Respira profondamente. Dopo un momento di forte imbarazzo, è allora che l'ansia prende il sopravvento: il sangue affluisce alla testa, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna aumentano, il fiato si accorcia e si comincia a sudare diffusamente.[8] Per calmarti, respira profondamente e rivaluta la situazione. In questo modo riuscirai a gestire le reazioni fisiologiche (come il fatto di arrossire, per esempio). Inoltre, eviterai di dire o fare cose che rischiano di accrescere l'impaccio. Prenditi un minuto per calmarti, dopodiché passa ad altro.
  2. 2
    Non dare spettacolo. La cosa peggiore che puoi fare quando ti senti in imbarazzo è sollevare un polverone. In questi casi, evita di urlare, gridare, scappare in preda alle lacrime o scoppiare in una crisi di pianto davanti a tutti. Più la tua reazione sarà plateale, più l'episodio rimarrà impresso nella mente delle persone. Tieni presente che è un momento passeggero. Se mantieni l'autocontrollo, sicuramente gli altri dimenticheranno quanto è successo.
  3. 3
    Pensa che la situazione non è stata molto imbarazzante. Devi affrontare il fatto che ti è successo qualcosa di spiacevole. Tuttavia, ricorda che l'imbarazzo esiste solo se ne sei convinto. Se pensi il contrario, scomparirà.
    • È probabile che tu sia molto più critico con te stesso che con chiunque altro. Gli psicologi hanno scoperto che, in caso di ansia o imbarazzo, le persone tendono a preoccuparsi eccessivamente di se stesse, al punto da sovrastimare gli aspetti a cui gli altri effettivamente prestano attenzione.[9]
    • Da questa prospettiva è probabile che, se in passato ti sei trovato in una situazione davvero imbarazzante, gli altri abbiano prestato più attenzione a se stessi che a te.
  4. 4
    Fai qualcosa per distrarti. Passato il disagio, fai qualcosa per distrarti. Prova a leggere, praticare il tuo sport preferito, guardare la TV, ascoltare musica e così via. Rivolgendo la tua attenzione a qualcosa di concreto, eviterai di rimuginare su quanto è successo.
  5. 5
    Fai tesoro dell'accaduto. È stato un momento delicato, ma trai una lezione dall'esperienza. Sei inciampata cadendo di fronte al ragazzo che ti piace? Non portare i tacchi alti. Sei svenuto mentre tenevi un discorso? Fai delle ricerche per calmare i nervi prima di una presentazione.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Affrontare il Problema di Fondo

  1. 1
    Rifletti sulle emozioni che scaturiscono in questi momenti. Tieni presente che l'imbarazzo può mostrarti aspetti del tuo carattere che non conoscevi. Pensa alla situazione che hai vissuto e chiediti: "Che cosa mi ha messo in imbarazzo?". Non è detto che sia collegato solo alle persone presenti.[10]
    • Ad esempio, se ti senti in difficoltà dopo avere sbagliato qualcosa in cui solitamente sei molto bravo, forse pretendi troppo da te stesso. In queste situazioni, rifletti su quello che il tuo stato emotivo potrebbe dirti in merito alle aspettative che nutri nei confronti di te stesso e degli altri.
  2. 2
    Chiediti se soffri di un disturbo d'ansia. Anche se questo articolo spiega come superare i momenti imbarazzanti, per alcune persone queste situazioni possono presentarsi ripetutamente o essere persino all'ordine del giorno. Se l'imbarazzo è continuo e sfugge al tuo controllo, può darsi che tu sia affetto da una fobia sociale. Si tratta di un disturbo d'ansia, correlato secondo la scienza alla sensazione di imbarazzo persistente. Ti impedisce di buttarti alle spalle il forte disagio che potresti sentire in determinate situazioni.[11]
    • Se non riesci a scrollarti di dosso questa sensazione quando si presenta e sembra addirittura essere ricorrente, considera di seguire un percorso terapeutico per gestire l'ansia.
  3. 3
    Consulta un professionista della salute mentale. Se ritieni che esista un problema sottostante all'origine delle tue gravi forme di imbarazzo, dovresti rivolgerti a uno psicologo. Può aiutarti a comprendere le tue emozioni e il motivo per cui reagisci in questo modo, oltre che fornirti strategie per stemperare l'imbarazzo.
  4. 4
    Pratica la meditazione consapevole. Se il pensiero di avere vissuto una situazione imbarazzante ti ossessiona, prova a meditare. Ricorda che l'accaduto appartiene al passato. Cerca di rimanere ancorato al presente. La meditazione consapevole è una tecnica che ti aiuta a prendere coscienza della realtà, senza giudicare ciò che pensi e provi. Può essere utile se vuoi impedire ai pensieri che alimentano una certa forma di disagio di prendere il sopravvento.[13] , [13]
    • Siediti in silenzio per 10-15 minuti, respirando profondamente. Concentrati sul respiro.
    • Riconosci ogni pensiero che attraversa la tua mente. Individua l'emozione che stai provando. Pensa: "Mi sento in imbarazzo".
    • Accetta le tue emozioni, ripetendo a te stesso: "Posso accettare il mio imbarazzo".
    • Riconosci che è una sensazione passeggera. Pensa: "So che è un'emozione momentanea. Se ne andrà. Di che cosa ho bisogno in questo momento?". Fai spazio a tutto ciò che conferma i tuoi sentimenti, ma ammetti che i pensieri e le reazioni possono favorire distorsioni cognitive.
    • Riporta la tua attenzione sul respiro. Man mano che altri pensieri sfiorano la tua mente, ripeti l'esercizio per riconoscerli e lasciarli andare.
    • Puoi anche cercare su Internet degli esercizi di meditazione consapevole guidata.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Lanciare una Maledizione su QualcunoLanciare una Maledizione su Qualcuno
Trattenere la Cacca in Situazioni ImbarazzantiTrattenere la Cacca in Situazioni Imbarazzanti
Iniziare una Conversazione OnlineIniziare una Conversazione Online
Fare Complimenti a una Ragazza per il Suo SorrisoI migliori complimenti da fare a una ragazza per il suo sorriso
Capire se Piaci a una Ragazza da un SMSCapire se Piaci a una Ragazza da un SMS
Rispondere a un RingraziamentoRispondere a un Ringraziamento
FlirtareFlirtare
Trovare Buoni Argomenti di ConversazioneTrovare Buoni Argomenti di Conversazione
Vendicarsi di QualcunoVendicarsi di Qualcuno
RuttareRuttare
Gestire la FamaGestire la Fama
Rispondere a un Complimento tramite MessaggioRispondere a un Complimento tramite Messaggio
Sedurre una Donna Più GrandeSedurre una Donna Più Grande
Manipolare gli AltriManipolare gli Altri
Pubblicità

Riferimenti

  1. Waal, F. de. (2010). The Age of Empathy: Nature’s Lessons for a Kinder Society (1 edition). New York: Broadway Books.
  2. http://www.apa.org/monitor/2012/11/embarrassment.aspx
  3. Bennett, M. P., & Lengacher, C. (2008). Humor and Laughter May Influence Health: III. Laughter and Health Outcomes. Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine, 5(1), 37–40. http://doi.org/10.1093/ecam/nem041
  4. Stocks, E. L., Lishner, D. A., Waits, B. L., & Downum, E. M. (2011). I’m Embarrassed for You: The Effect of Valuing and Perspective Taking on Empathic Embarrassment and Empathic Concern. Journal of Applied Social Psychology, 41(1), 1–26.
  5. http://www.pbs.org/thisemotionallife/blogs/10-real-ways-overcome-embarrassment
  6. http://westsidetoastmasters.com/article_reference/embarrassed_yourself.html
  7. http://westsidetoastmasters.com/article_reference/embarrassed_yourself.html
  8. Hofmann, S. G., Moscovitch, D. A., & Kim, H.-J. (2006). Autonomic correlates of social anxiety and embarrassment in shy and non-shy individuals. International Journal of Psychophysiology, 61(2), 134–142. http://doi.org/10.1016/j.ijpsycho.2005.09.003
  9. Mellings, T. M. B., & Alden, L. E. (2000). Cognitive processes in social anxiety: the effects of self-focus, rumination and anticipatory processing. Behaviour Research and Therapy, 38(3), 243–257. http://doi.org/10.1016/S0005-7967(99)00040-6
  1. Muris, P., & Meesters, C. (2013). Small or Big in the Eyes of the Other: On the Developmental Psychopathology of Self-Conscious Emotions as Shame, Guilt, and Pride. Clinical Child and Family Psychology Review, 17(1), 19–40. http://doi.org/10.1007/s10567-013-0137-z
  2. Gerlach, A. L., Wilhelm, F. H., & Roth, W. T. (2003). Embarrassment and social phobia: the role of parasympathetic activation. Journal of Anxiety Disorders, 17(2), 197–210. http://doi.org/10.1016/S0887-6185(02)00197-4
  3. Siegel, R. D. (2010). The Mindfulness Solution: Everyday Practices for Everyday Problems (1 edition). New York: The Guilford Press.
  4. http://mrsmindfulness.com/mindfulness-for-negative-emotions/

Informazioni su questo wikiHow

Samantha Fox, MS, LMFT
Co-redatto da:
Psicoterapeuta Abilitata
Questo articolo è stato co-redatto da Samantha Fox, MS, LMFT. Samantha Fox è una psicoterapeuta specializzata in terapia di coppia e familiare che esercita in uno studio privato a New York. Con oltre 10 anni di esperienza, è specializzata in terapia per problemi associati a relazioni, sessualità, identità, conflitti familiari e transizioni di vita per individui, coppie e famiglie. È laureata in Terapia di Coppia e Familiare ed è abilitata a praticarla. Ha studiato Sistemi Familiari Interni, Psicoterapia Dinamico-Esperienziale Accelerata, Terapia di Coppia Focalizzata sulle Emozioni e Terapia Narrativa. Questo articolo è stato visualizzato 23 113 volte
Questa pagina è stata letta 23 113 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità