Come Sverminare un Gattino

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Capita tante volte che i gatti nascano con i vermi e durante le prime settimane di vita si possono infettare molto facilmente. I vermi più comuni sono i nematodi e gli anchilostomi, ma le infestazioni possono essere causate anche dalle tenie e da altri due parassiti: coccidi e giardie.[1] Per sverminare il tuo piccolo felino devi seguire una procedura specifica appena nasce e portarlo dal veterinario per sottoporlo a controlli accurati.

Metodo 1 di 2:
Con un Trattamento Programmato

  1. 1
    Porta il micio dal veterinario. La maniera migliore di sverminarlo consiste proprio nel sottoporlo alle attenzioni mediche. Il veterinario è in grado di riconoscere il tipo specifico di parassita e di prestare le cure appropriate.[2]
    • Anche se all'inizio decidi di provvedere tu stesso al trattamento a casa, devi comunque portarlo dal veterinario quando ha 6 mesi, per eseguire una coltura fecale dalla quale si può verificare se è ancora presente qualche tipo di parassita che non è stato eliminato.
  2. 2
    Usa un prodotto vermifugo su prescrizione. Se porti il gattino dal veterinario, è probabile che gli venga prescritto un medicinale specifico; il medico può eventualmente somministrargli il farmaco al posto tuo. Sottoponendo il micio alle cure del veterinario puoi stare tranquillo che il principio attivo che gli viene somministrato è approvato e sicuro per l'animale, dato che il tipo di prodotto adatto dipende proprio dall'età del gatto.
    • I vermifughi si trovano sotto forma di compresse masticabili o soluzioni topiche; nel primo caso il gattino mangia direttamente le compresse, mentre il prodotto per uso topico viene applicato sulla sua pelle.
  3. 3
    Prendi dei vermifughi da banco. Se vuoi procedere in autonomia a casa prima di portare il gatto dal veterinario, puoi acquistare un farmaco in libera vendita; cercane uno a base di pirantel pamoato, che è in grado di uccidere i nematodi e gli anchilostomi.[3]
    • I prodotti vermifughi preventivi e di trattamento sono disponibili in formato liquido, compresse o soluzioni topiche; verifica le limitazioni per l'età riportate sulla confezione e assicurati che il gattino sia grande abbastanza. Alcuni farmaci devono essere dati all'età di sei settimane, mentre altri quando il gatto ne ha nove.
    • La soluzione liquida e le compresse vengono somministrate oralmente, mentre quella topica viene applicata direttamente sulla pelle.
    • Non esiste alcun prodotto vermifugo in grado di uccidere tutti i tipi di vermi; sebbene quelli commerciali possano eliminare i parassiti più comuni, il tuo gattino potrebbe in realtà essere infestato da un microrganismo che non viene debellato con questi farmaci. Portalo dal veterinario il prima possibile per sottoporlo a un esame fecale, in modo che possa ricevere il trattamento giusto per la sua infestazione specifica.
  4. 4
    Inizia il processo di sverminamento quando il cucciolo ha 2 mesi. La maggior parte dei gatti nasce con i vermi; molte volte la mamma li trasmette (quando sono dormienti nel suo organismo) ai cuccioli direttamente nell'utero o dopo la nascita durante l'allattamento. Per questo motivo, è importante iniziare la procedura già quando il micio ha 2-4 settimane.[4]
  5. 5
    Procedi con la cura ogni 2 settimane finché l'animale non ha 2 mesi di età. È importante sverminarlo spesso per riuscire a sbarazzarsi di tutti i parassiti presenti nel suo organismo; a questa età è più soggetto alle infestazioni, quindi è importante sottoporlo al trattamento per combattere tale disturbo. Iniziando la cura quando ha due mesi di vita, dovresti eseguire un trattamento ogni 2 settimane per un totale di 4 sessioni.[5]
    • Questo significa che il micio viene sverminato quando ha 2, 4, 6 e 8 settimane.
    • Alcuni veterinari consigliano di iniziare la procedura alla terza settimana, mentre altri alla quarta. Qualsiasi momento tu scelga all'interno di questo intervallo, va comunque bene; se non sai con certezza quando cominciare il trattamento, rivolgiti al veterinario.
  6. 6
    Procedi con uno sverminamento mensile finché il micio non raggiunge i 6 mesi di vita. Al termine dell'ultimo trattamento bisettimanale, quando ha circa 8 settimane, devi sottoporlo a una cura mensile fino a quando compie i 6 mesi; questo significa sverminarlo quando ha 12, 16, 20 e 24 settimane.[6]
  7. 7
    Somministragli l'ultimo trattamento quando compie un anno. Una volta eseguita la procedura settimanale e mensile, le dosi sono più distanziate; l'ultimo sverminamento avviene quando ha 12 mesi.[7]
    • Una volta che il micio raggiunge questa età, puoi procedere con il trattamento previsto per gli esemplari adulti.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Riconoscere i Vermi e Prevenire le Infestazioni

  1. 1
    Presta attenzione al gonfiore addominale. I gatti infestati dai vermi hanno in genere la pancia più grande, arrotondata e gonfia; è una situazione diversa rispetto ai gatti che ingrassano, perché la pancia non sembra in armonia con il resto del corpo, dato che in realtà il gatto non ingrassa, nonostante abbia maggiore appetito.[8]
    • Il cucciolo può anche dimagrire.
  2. 2
    Osserva se cresce male. I gatti con i vermi non rispettano uno sviluppo normale; sembrano più piccoli e non aumentano di peso costantemente ogni settimana, ma appaiono più magri e tendenzialmente malsani.[9]
    • Un cucciolo sano ingrassa mano a mano che cresce. Per esempio, all'età di 2 settimane dovrebbe essere tra i 240 e i 400 g, mentre a 4 settimane dovrebbe aver raggiunto i 350-500 g; quando è sano dovrebbe crescere mediamente tra i 50 e i 100 g a settimana.[10]
    • In caso di infestazione di parassiti questo non avviene perché i vermi "mangiano" tutti i nutrienti di cui ha bisogno il gatto.
  3. 3
    Controlla la presenza di disturbi digestivi. I vermi possono causare problemi all'apparato digestivo nel gatto, facendogli perdere l'appetito o anche provocandogli il vomito; il micio può anche avere diarrea, a volte con presenza di sangue.[11]
    • Puoi notare spesso i vermi nel vomito o nelle feci dell'animale, oltre all'area attorno all'ano.
  4. 4
    Evita il problema tenendo il micio in casa. Si tratta della maniera migliore per prevenire una possibile infestazione di parassiti; i gatti che vivono all'aperto entrano in contatto con ogni tipo di sostanza che può diffondere i vermi, come feci, cibo o animali contaminati.[12]
    • Lasciarlo al chiuso lo protegge anche da pulci, zecche e altri parassiti.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Gatti
Questa pagina è stata letta 18 026 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità