Quando le placche iniziano a bloccare il flusso sanguigno verso il cuore, aumenta il rischio di dolore toracico, infarto e altri problemi cardiovascolari. Un intervento di angioplastica migliora lo scorrimento del sangue, ma dopo la procedura è indispensabile impegnarsi in uno stile di vita sano per il cuore; l'attività fisica svolge in genere un ruolo importante per il recupero nel lungo periodo.[1] Organizzati in maniera intelligente e sicura quando arriva il momento di decidere il tipo, l'intensità e la quantità di esercizio da fare, in modo da permettere all'organismo di guarire e prevenire futuri problemi cardiaci.

Parte 1 di 3:
Fare Attività Fisica subito dopo l'Angioplastica

  1. 1
    Ottieni l'autorizzazione del medico. Il periodo immediatamente successivo all'intervento prevede un protocollo specifico di esercizi; rispetta sempre alla lettera le indicazioni del dottore.
    • Quando puoi lasciare l'ospedale, il chirurgo ti fornisce delle istruzioni, ti consegna la lettera di dimissioni e ti spiega esattamente quale tipo di attività fisica puoi svolgere e quale no.
    • Assicurati di comprendere perfettamente le sue indicazioni e rileggi accuratamente quello che ha scritto sulla lettera; ponigli tutte le domande e i dubbi che puoi avere per ottenere dei chiarimenti.
    • Chiedigli anche quando puoi ottenere un'autorizzazione scritta o verbale per l'attività fisica; è opportuno avere un'idea approssimativa di quanto devi aspettare.
    • Una volta ricevuto il nullaosta, puoi procedere con la maggior parte degli esercizi di aerobica e resistenza.
  2. 2
    Riposa almeno uno o due giorni dopo l'intervento. Sebbene non si tratti di una procedura cardiaca particolarmente invasiva, richiede spesso il ricovero ospedaliero per una notte e un periodo di riposo.[2]
    • L'approccio di ogni chirurgo è in genere leggermente differente, ma la maggior parte chiede al paziente di non impegnarsi in varie attività per un paio di giorni.
    • Questo significa che non devi sollevare carichi pesanti, fare esercizio aerobico o altri lavori che provocano un aumento significativo della frequenza cardiaca.
    • Nella maggior parte dei casi, puoi svolgere le normali incombenze quotidiane, ma fai attenzione a sollevare le borse pesanti della spesa, a fare le pulizie, giardinaggio o altri compiti faticosi.
  3. 3
    Discuti con il cardiologo dei benefici di un programma di riabilitazione cardiaca. Dopo alcuni giorni di riposo, valuta la possibilità di iscriverti o iniziare uno di questi programmi, ma non trascurare di parlarne con il medico di famiglia o il cardiologo.
    • Si tratta di un percorso di riabilitazione studiato appositamente per i pazienti che hanno o hanno avuto dei problemi cardiaci (come un infarto o un'angioplastica).[3]
    • Rappresenta una buona soluzione per i pazienti che avevano un'ostruzione grave, che hanno sofferto di eventi cardiaci nel passato (angina o infarto) e che attualmente non sono in buona forma fisica.
    • Lo scopo di questo programma è insegnare ad allenarsi in sicurezza e a sviluppare una buona resistenza aerobica con il passare del tempo.
    • Il corso mette a disposizione un personal trainer e un cardiologo che monitora le condizioni di salute generale e del cuore durante l'attività; inoltre, tale genere di terapia è spesso coperto dal Servizio Sanitario Nazionale o dalle polizze assicurative private.
  4. 4
    Per prima cosa, inizia con uno stile di vita attivo. Se hai deciso di non seguire un percorso di riabilitazione cardiaca, puoi svolgere esercizio fisico da solo e un buon modo per cominciare è "vivacizzare" la quotidianità.
    • Le attività quotidiane (o di base) sono tutte quelle che fanno parte della routine giornaliera e che ti costringono a muoverti.[4]
    • Alcuni esempi sono fare le scale, parcheggiare più lontano, fare la spesa al supermercato, curare il giardino e tutti gli altri compiti che prevedono il movimento e un aumento della frequenza cardiaca.
    • Quando torni a casa dopo un'angioplastica, devi probabilmente limitare il livello di attività in generale; invece di iniziare con un programma di allenamento strutturato, comincia a sviluppare una buona resistenza svolgendo queste faccende.
    • Impegnati a camminare di più, a restare in piedi per un periodo maggiore o semplicemente a muoverti più spesso; in questa maniera, aumenti la resistenza di base e il livello di fitness che puoi ottenere in futuro.
  5. 5
    Chiedi a un amico o a un parente di venire con te. La soluzione più sicura e intelligente di iniziare l'attività fisica è avere un collega o un membro della famiglia che ti accompagni.
    • In linea generale, la maggior parte dei pazienti che hanno subito l'angioplastica può allenarsi e sta bene durante l'attività fisica.
    • Tuttavia, vale la pena che ci sia qualcuno con te nel caso provassi capogiri, vertigini o dolore toracico.[5]
    • Inoltre, non allontanarti troppo da casa o dall'ufficio; cerca di rimanere all'interno dell'isolato e porta con te il cellulare.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Trovare una Routine Sicura per il Lungo Periodo

  1. 1
    Cerca di svolgere attività aerobica per 150 minuti alla settimana. Si tratta del consiglio fornito dalla maggior parte dei medici; fintanto che hai l'autorizzazione del cardiologo, dovresti rispettare questa indicazione anche dopo aver subito l'angioplastica.[6]
    • Non devi raggiungere immediatamente la meta dei 150 minuti, potresti riuscirci solo dopo alcune settimane o mesi di riabilitazione cardiaca.
    • Si consiglia di svolgere un allenamento aerobico di intensità moderata; i pazienti che hanno seguito questo suggerimento hanno subito un numero inferiore di ricoveri successivi e hanno presentato meno sintomi nel lungo periodo rispetto agli individui che non l'hanno fatto.[7]
    • Prova delle attività come passeggiate, jogging lento, nuoto, ciclismo, ballo o escursionismo.
  2. 2
    Inserisci due o tre sessioni settimanali di esercizio di forza. Una volta che ti senti a tuo agio con l'attività aerobica, puoi iniziare a svolgere un po' di sollevamento pesi per completare l'allenamento cardiovascolare.
    • I medici consigliano agli adulti sani e a quelli con problemi cardiaci di dedicare due o tre giorni all'esercizio di forza e resistenza, evitando però di coinvolgere gli stessi gruppi muscolari per due giorni consecutivi.
    • Cerca di allenarti 20 minuti in tutto; organizza una serie di attività che coinvolgano i maggiori gruppi muscolari.
    • Ricorda che se provi o hai provato dolore al petto, gli esercizi di sollevamento pesi oltre il livello della testa (come gli shoulder press) possono causare tale disturbo o sensazione di costrizione toracica; evita pertanto questo genere di movimenti se sono fastidiosi o innescano dei sintomi.[8]
  3. 3
    Sii consapevole delle condizioni climatiche estreme. Sebbene la maggior parte dell'attività fisica sia del tutto sicura per una persona che si è sottoposta all'angioplastica, alcuni medici consigliano di restare in casa quando il clima è ostile.
    • Alcune situazioni meteorologiche, come il caldo torrido o il freddo intenso, possono innescare disturbi, quali dolore al petto, difficoltà di respirazione o costrizione toracica.[9]
    • Quando la temperatura esterna è inferiore a -6 °C, si consiglia di allenarsi o fare esercizio fisico al chiuso.
    • Allo stesso modo, non uscire quando il tasso di umidità è superiore al 75% o la temperatura è maggiore di 26 °C.
    • Controlla le previsioni meteo; prendi nota delle giornate torride o gelide e organizzati per restare al sicuro in casa.
  4. 4
    Fai attenzione agli effetti collaterali o ai sintomi durante l'esercizio fisico. Solitamente, l'angioplastica permette di alleviare i disagi correlati al problema cardiaco (come il dolore al torace); tuttavia, devi sempre monitorare le sensazioni fisiche durante e dopo l'allenamento.[10] Interrompi immediatamente l'attività e chiama il cardiologo se lamenti:
    • Dolore toracico;
    • Costrizione toracica;
    • Fiato corto o difficoltà di respirazione;
    • Dispnea;
    • Vertigini e capogiri;
    • Palpitazioni;
    • Disagio a mandibola, braccio, spalla, schiena o addome;
    • Nausea.
  5. 5
    Sottoponiti regolarmente ai controlli medici. Dopo l'intervento devi presentarti dal dottore con una certa frequenza; si tratta di un aspetto importante del recupero che ti permette anche di comunicare al cardiologo i tuoi progressi.
    • Se vuoi aumentare il livello di allenamento incrementando l'intensità o la durata delle sessioni, chiama il dottore e discutine con lui.
    • Se hai difficoltà a migliorare le abilità atletiche, rivolgiti al cardiologo per ulteriori consigli.
    • Infine, devi contattarlo anche quando lamenti qualsiasi effetto collaterale, sintomo o altro disturbo.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Inserire Esercizi Sicuri dopo l'Angioplastica

  1. 1
    Inizia la sessione con il riscaldamento e termina con una fase di raffreddamento. Rappresentano i due momenti fondamentali della routine di esercizio e non puoi trascurarli dopo aver subito un'angioplastica.
    • Sebbene non siano degli esercizi specifici, sono però una componente peculiare di un allenamento sicuro a seguito di qualsiasi procedura cardiaca.[11]
    • Il riscaldamento dovrebbe durare 5-10 minuti, scegli un'attività di intensità molto ridotta e a basso impatto che sia la versione "leggera" dell'esercizio che stai per fare; per esempio, cammina lentamente sul tapis roulant prima di iniziare lo jogging.
    • L'obiettivo del riscaldamento è incrementare lentamente la frequenza cardiaca, preparare e sciogliere i muscoli affinché possano impegnarsi per tutta la loro ampiezza di movimento.
    • La fase di raffreddamento è molto simile a quella di riscaldamento; dovrebbe durare circa 5-10 minuti, avere un'intensità ridotta e un ritmo lento. Anche in questo caso, va bene una passeggiata.
    • Il defaticamento permette alla frequenza cardiaca e alla pressione arteriosa di tornare a livelli normali senza interrompere bruscamente l'attività fisica.
  2. 2
    Cerca di camminare mezz'ora quasi tutti i giorni della settimana. Si tratta di un esercizio molto sicuro e viene spesso consigliato dai medici; è inoltre perfetto per i pazienti che stanno recuperando dall'angioplastica.
    • Gli studi hanno dimostrato che l'esercizio migliore con cui iniziare è proprio la passeggiata; cerca di camminare 30 minuti per la maggior parte dei giorni della settimana.[12]
    • Se attualmente non sei in grado di farlo, dovresti impostarlo come tuo primo obiettivo di fitness.
    • Dato che si tratta di un esercizio a bassa intensità e impatto ridotto, puoi svolgerlo quasi sempre durante la settimana, se non tutti i giorni.
  3. 3
    Prova altri tipi di sport aerobici, come lo jogging, il ciclismo o il nuoto. Se riesci già a camminare per 30 minuti e vuoi provare altri tipi di esercizi, ecco qualche suggerimento:
    • Jogging: sebbene possa sembrare un esercizio che aumenta eccessivamente la frequenza cardiaca, è però un'attività cardiovascolare che puoi arrivare a svolgere con il passare del tempo; lo jogging fa bruciare più calorie rispetto alla corsa e rafforza il cuore, tutti fattori che migliorano le tue abilità aerobiche.[13]
    • Nuoto: è un altro sport cardiovascolare perfetto che coinvolge tutto il corpo senza gravare sulle articolazioni; puoi regolarne il livello di intensità, oltre al fatto che l'acqua raffredda il corpo mantenendo sotto controllo la frequenza cardiaca.
    • Ciclismo: se non ti piace correre, prova questa attività che è a basso impatto come il nuoto e ti permette di ridurre l'intensità in base al bisogno.
  4. 4
    Pratica lo yoga. Poiché l'allenamento di forza è un complemento perfetto a quello cardiovascolare, devi trovare dei metodi per poterlo svolgere. Lo yoga rappresenta una buona soluzione a basso impatto, perché sviluppa la forza muscolare senza aumentare la frequenza cardiaca.
    • Si tratta di una pratica perfetta da intraprendere dopo aver vissuto qualsiasi problema di salute, soprattutto dopo una procedura cardiaca come l'angioplastica.
    • Il grande vantaggio offerto dallo yoga consiste nel fatto che combina l'esercizio di forza alle tecniche di respirazione, favorendo il rilassamento e la calma, entrambi fattori importanti dopo un intervento al cuore.
    • Cerca di frequentare un corso di yoga una o due volte a settimana con sessioni di 45-60 minuti; se non lo hai mai praticato prima, iscriviti a un corso per principianti, in modo da poter mantenere bassa la frequenza cardiaca.
    Pubblicità

Consigli

  • Dopo aver subito un'angioplastica devi sempre sottoporti a una valutazione medica completa prima di iniziare qualunque tipo di attività fisica, indipendentemente dal tuo livello di fitness o dalle tue abilità atletiche.
  • Procedi con calma dopo l'intervento; è necessario un po' di tempo per riprendere una buona routine.
  • Ricorda che l'esercizio fisico fa bene al cuore; pertanto, anche se non te la senti, una leggera attività come una semplice passeggiata migliora la salute cardiovascolare.

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Usare un Preservativo

Come

Crescere In Altezza

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Aumentare la Saturazione dell'Ossigeno

Come

Farsi un Clistere

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Somministrare un'Iniezione di Vaccino Antinfluenzale

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Dale K. Mueller, MD
Co-redatto da:
Chirurgo Cardiotoracico
Questo articolo è stato co-redatto da Dale K. Mueller, MD. Il Dottor Mueller lavora come Chirurgo Cardiotoracico presso il gruppo Cardiothoracic & Vascular Surgical Associates in Florida. Ha completato l'internato presso il Rush-Presbyterian-St. Luke's Medical Center nel 1999. Questo articolo è stato visualizzato 15 901 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 15 901 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità