Scarica PDF Scarica PDF

La presenza di alcune tracce di alghe può essere inevitabile nell'acquario e può anche non essere necessariamente nociva per l'ecosistema acquatico. Tuttavia, in base alla tipologia e da quanto tempo si sono sviluppate, possono diventare presto un problema. Un'ampia fioritura può ridurre i livelli di ossigeno, oltre al fatto che alcuni tipi di vegetazione acquatica rilasciano delle sostanze chimiche che possono essere letali per le piante e gli animali.[1] Se ti trovi a dover affrontare una fioritura di alghe, imparare a eliminare quelle esistenti e prevenire futuri sviluppi può salvare l'acquario e mantenere i pesci forti e sani.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Rimuovere le Alghe dall'Acquario

  1. 1
    Esegui un cambio parziale dell'acqua. Questa soluzione rappresenta uno dei modi più efficaci per combattere la crescita delle alghe; eliminando una parte di acqua e sostituendola con altra pulita, ne diluisci in pratica la concentrazione. Sarebbe opportuno procedere ogni due settimane per garantire una buona qualità dell'ambiente dell'acquario.[2]
    • Drena o travasa circa il 25% dell'acqua presente nella vasca, ma se la presenza delle alghe è massiccia, dovresti sostituirne anche di più.
    • In ogni caso, non cambiarne più del 50% in una sola volta, altrimenti potresti alterare il pH, con conseguente stress per i pesci che potrebbero anche morire.
    • Controlla il livello del pH prima e dopo aver eseguito il cambio parziale di acqua; non dovrebbe subire delle variazioni maggiori di 0,2 unità per evitare di stressare i pesci.
  2. 2
    Raschia via le alghe dalle pareti di vetro della vasca. Un modo per tenere sotto controllo la loro costante crescita consiste nel rimuoverle fisicamente. Puoi procedere con questa pulizia quando fai il cambio dell'acqua, dato che il suo livello è inferiore ed è più facile accedere alle pareti.[3]
    • Gratta o strofina la vasca almeno una volta a settimana.[4]
    • Se usi una spugna, procedi con cautela; oltre ai microrganismi nascosti, una spugna utilizzata più volte può intrappolare granelli di sabbia che possono graffiare il vetro.
  3. 3
    Valuta di utilizzare un alghicida. Esistono in commercio dei prodotti chimici che aiutano a uccidere le alghe rapidamente e in maniera efficace; tuttavia, devi essere cauto quando usi sostanze di questo tipo, perché possono alterare l'equilibrio dell'acquario quando sono applicate in maniera impropria.[5] Non usare alghicidi se sono presenti delle piante vive, perché potrebbero ucciderle.
  4. 4
    Introduci pesci e invertebrati che si nutrono di alghe. Si tratta di un'altra maniera per eliminare il materiale vegetale infestante. Questi "spazzini" mangiano quelle che si sono radicate su piante, substrato e anche sulle pareti di vetro dell'acquario.[6] Chiedi consiglio ai commessi esperti dei negozi di articoli per animali per trovare organismi acquatici in grado di svolgere questo compito.
    • La maggior parte delle lumache d'acqua le mangia, sia in un acquario d'acqua dolce sia d'acqua salata; verifica però che quelle che decidi di comprare siano adatte per l'acquario in tuo possesso.
    • Gli Ophiuroidea (conosciuti come stelle serpentine), i policheti, i paguri, le lumache Nassarius e i cetrioli di mare aiutano a tenere a bada le alghe negli acquari d'acqua marina eliminando i detriti organici dal substrato.[7]
  5. 5
    Prova a inserire le piante allelopatiche. Alcune varietà producono e rilasciano sostanze chimiche in grado di inibire la crescita delle alghe negli acquari domestici. Quelle che crescono più rapidamente sono in genere quelle che presentano più facilmente questa caratteristica; tra le più note considera: Cabomba, Egeria densa, felce acquatica, Hygrophila e Vallisneria.[8]
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Ridurre le Probabilità di una Futura Crescita di Alghe

  1. 1
    Riduci le dosi di mangime e la frequenza con cui alimenti i pesci. L'eccesso di cibo è una delle maggiori cause di sviluppo di questi infestanti vegetali negli acquari casalinghi. Potresti essere tentato di nutrire i pesci più volte al giorno o di versare più cibo di quanto sia necessario per timore che non mangino a sufficienza, ma tieni presente che tutto quello che avanza si deposita nel substrato e si decompone nell'acqua; queste sostanze organiche rappresentano il "carburante" per la fioritura delle alghe e possono trasformare rapidamente un acquario pulito in un ambiente sporco.[9]
    • Prova a nutrire i pesci con cibo povero di fosfati;[10] controlla l'etichetta che dovrebbe indicare le quantità di ogni ingrediente.
    • Nutri i pesci solo una volta al giorno; alcuni esperti del settore raccomandano di dare loro il cibo a giorni alterni anziché quotidianamente, purché gli animali siano in grado di gestire tale programmazione alimentare (chiedi a un esperto presso il negozio specializzato).[11]
    • Fai diverse prove per capire qual è la quantità di cibo sufficiente per i pesci. Solitamente, alcuni pellet o fiocchi specifici sono tutto quello che riescono a mangiare prima che gli avanzi cadano sul fondo della vasca.
    • Se temi che non sia una quantità adeguata per tutti i pesci presenti, prova ad aggiungere altro mangime più tardi; tuttavia, versa solo piccole porzioni a entrambi i pasti.
  2. 2
    Riduci l'illuminazione nell'acquario. Il cibo e la luce sono i due maggiori responsabili della formazione di alghe; se hai installato un impianto di illuminazione sopra la vasca, dovresti accenderlo con minore frequenza.[12] Oltre a ridurre la durata di utilizzo, dovresti però anche sostituire le lampadine; alcuni tipi di infestanti vegetali prosperano a diverse lunghezze d'onda luminosa e man mano che le lampadine invecchiano si altera questo fattore.[13]
    • Prova a spegnere completamente le luci dell'acquario mentre stai affrontando una fioritura attiva di alghe.
    • Una volta che il problema è sotto controllo, riduci il tempo in cui l'impianto di illuminazione è attivo; cerca di limitarlo a poche ore al giorno.
    • Cambia le lampadine fluorescenti una volta all'anno e sostituisci quelle VHO almeno ogni sei mesi.
  3. 3
    Regola la temperatura dell'acqua. Le alghe possono crescere a tutte le temperature o condizioni, ma alcuni studi hanno riscontrato che si sviluppano più facilmente quando la temperatura è maggiore.[14] Se in genere usi un riscaldatore, abbassa la temperatura di alcuni gradi; tuttavia, prima di apportare dei cambiamenti, verifica che i pesci possano sopravvivere anche in un'acqua un po' più fredda.
    • Chiedi maggiori dettagli a un esperto di pesci presso il negozio per animali, per sapere a quale intervallo di temperatura possono sopravvivere.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Garantire la Qualità dell'Acqua

  1. 1
    Esegui un test sull'acqua di rubinetto. Le alghe prosperano quando l'acqua contiene alti livelli di fosfati e nitrati.[15] Sebbene quella dell'acquedotto sia sicura per il consumo umano e contenga in genere bassi livelli di queste sostanze, c'è sempre il rischio che vengano aggiunte e che favoriscano a loro volta la proliferazione di materiale vegetale in ogni occasione in cui cambi l'acqua dell'acquario;[16] il modo migliore di assicurarti che sia di qualità è testare quella di rubinetto con un kit domestico.
    • Idealmente, la concentrazione di nitrati e fosfati dovrebbe essere pari a 0 parti per milione (ppm).
    • Se supera tale livello - corrispondente a 0 - devi filtrarla prima di versarla nella vasca.
    • Puoi acquistare un kit d'analisi e un filtro presso i principali negozi per animali o i rivenditori online.
  2. 2
    Installa uno schiumatoio. Questo apparecchio è in grado di rimuovere il materiale organico presente nell'acquario, come le feci e i residui di cibo. In tal modo, se hai erroneamente alimentato troppo i pesci o si sono accumulate molte feci sul fondo, è possibile riportare l'acqua in condizioni relativamente sane.[17]
    • Uno schiumatoio appropriato dovrebbe funzionare costantemente ogni giorno.
    • Una volta liberato l'acquario dalle alghe, puoi interromperne o ridurne l'uso.
  3. 3
    Cambia il materiale di filtraggio una volta al mese. Il filtro dell'acquario può accumulare residui di sporcizia e di nutrienti; anche se li toglie dall'acqua, quando è sporco può iniziare a disperdere gli additivi che favoriscono la crescita delle alghe. Per evitare che ciò si verifichi, dovresti cambiare il materiale di filtraggio ogni mese;[18] dovresti inoltre risciacquarlo ogni volta che fai un cambio parziale d'acqua, per assicurarti che i residui di cibo e i detriti non si accumulino al suo interno.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Se l'acquario è esposto alla luce solare, la crescita delle alghe può in verità diventare più rapida.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Curare un'Affezione alla Vescica Natatoria nel Pesce RossoCurare un'Affezione alla Vescica Natatoria nel Pesce Rosso
Stabilire se il tuo Pesce Rosso è Maschio o FemminaStabilire se il tuo Pesce Rosso è Maschio o Femmina
Prendersi Cura di un Pesce Rosso
Capire se il Tuo Pesce Avrà i PiccoliCapire se il Tuo Pesce Avrà i Piccoli
Cambiare l'Acqua della Boccia dei PesciCambiare l'Acqua della Boccia dei Pesci
Scoprire se la Tua Guppy è IncintaScoprire se la Tua Guppy è Incinta
Sapere se il tuo Pesce Betta è MalatoSapere se il tuo Pesce Betta è Malato
Salvare un Pesce RossoSalvare un Pesce Rosso
Trattare la Corrosione delle Pinne dei PesciTrattare la Corrosione delle Pinne dei Pesci
Salvare un Pesce Rosso MorenteSalvare un Pesce Rosso Morente
Curare la Malattia dei Puntini Bianchi (Ictioftiriasi) nei Pesci RossiCurare la Malattia dei Puntini Bianchi (Ictioftiriasi) nei Pesci Rossi
Capire se il Pesciolino è MortoCapire se il Pesciolino è Morto
Individuare dei Buoni Compagni d'Acquario per i GuppyIndividuare dei Buoni Compagni d'Acquario per i Guppy
Determinare se un Pesce Rosso sta per Depositare le UovaDeterminare se un Pesce Rosso sta per Depositare le Uova
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 2 778 volte
Categorie: Pesci
Questa pagina è stata letta 2 778 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità