Può essere difficile vedere un amico costretto ad affrontare un momento critico. Il suo sconforto potrebbe dipendere, per esempio, dalla scomparsa di un familiare o una persona cara, da una malattia, da una rottura sentimentale o anche da una bocciatura a scuola. Anche se non sarai sempre in grado di tirarlo su di morale, puoi fare qualcosa affinché sappia che gli sei accanto, pronto a distrarlo dal suo dolore.

Parte 1 di 4:
Stargli Vicino

  1. 1
    Ascoltalo. Prestare ascolto è una delle cose più importanti che puoi fare per un amico che sta soffrendo. Ascoltando attivamente, dimostrerai che ti preoccupi per lui e che lo prendi in considerazione. Spesso, l'attenzione che si pone quando si ascolta una persona è più preziosa di qualsiasi altro gesto.[1]
    • Quando ascolti, cerca di non distrarti. Vale a dire che non dovresti controllare il telefono né parlare con altre persone.
    • Cerca di stabilire un contatto visivo con lui mentre sta parlando. Non devi necessariamente fissarlo, ma ti basterà guardarlo negli occhi per dimostrargli che stai prestando attenzione e sei coinvolto nella conversazione. È anche un ottimo modo per non distrarsi.
    • Fagli sapere che può rivolgersi a te e chiamarti in qualsiasi momento del giorno o della notte. Il sostegno tra gli amici è reciproco: a volte sono loro ad appoggiarsi a te, altre volte sei tu a fare affidamento su di loro. Essere un amico significa offrire la propria disponibilità, anche nelle circostanze più disagevoli.
  2. 2
    Rivolgigli domande a risposta aperta. Invece di essere precipitoso e farti trasportare dalle tue sensazioni, percezioni ed esperienze, chiedigli qualcosa su ciò che è successo. Per esempio, se comincia a parlare del fatto che si è lasciato con la sua ragazza, domandagli come si sente e cosa potresti fare per lui.
    • Invece di chiedergli "Sei triste?", prova con altre domande: "Che sensazioni hai?" e "C'è qualcosa che posso fare per aiutarti?".
  3. 3
    Trascorri del tempo con lui. Quando la tristezza prende il sopravvento, non c'è altro desiderio che starsene rintanati per conto proprio. Tuttavia, la vita è più appagante quando si soddisfano le esigenze sociali. Un eccessivo isolamento può portare a un crollo fisico ed emotivo.[2] Pensa a tutte le piacevoli esperienze che potrete vivere insieme. Assicurandogli la tua presenza e proponendogli qualcosa di divertente, lo tirerai su di morale.
    • Vai a trovarlo e invitalo a uscire, a guardare un film o a mangiare insieme. Qualunque sia il modo in cui intendi trascorrere il tuo tempo con lui, produrrà inevitabilmente molti benefici.
  4. 4
    Offrigli conforto fisico. Il contatto fisico è un linguaggio a sé che può essere usato per comunicare alle persone presenza e senso di protezione. A ogni modo, poiché non tutti potrebbero apprezzarlo, prima di dimostrare la tua espansività, sarebbe una buona idea assicurarti che il tuo amico non si senta a disagio.[3]
    • Un abbraccio può essere davvero importante e può curare molte ferite. Se il tuo amico è turbato, soprattutto se sta attraversando un momento emotivamente difficile, abbracciandolo o anche solo poggiandogli una mano sul braccio o sulla gamba, potrai comunicargli quanto gli sei vicino e che con te può sentirsi al sicuro.
    • Se il contatto fisico lo mette in difficoltà, porta con te il tuo cane oppure incoraggialo a coccolare il suo gatto. Può essere di enorme conforto interagire con gli animali. Infatti, molte persone si tranquillizzano accarezzando un cane o un gatto.
  5. 5
    Impara a usare le tue capacità empatiche, senza compatire. Compatire significa provare dispiacere per qualcuno, più che comprendere la sua sofferenza mettendosi nei suoi panni. Pertanto, dovresti cercare di provare quello che sta provando l'altra persona e farle sapere che partecipi al suo dolore.[4]
    • Per esempio, supponiamo che la tua amica Maria abbia recentemente perso il marito. Compatendola, saresti portato a dirle: "Maria, non immagini quanto mi dispiaccia che tu abbia perso tuo marito". Se invece provi a comprendere la sua situazione sfruttando le tue capacità empatiche, potrai dirle: "Maria, riesco a immaginare perfettamente il dolore che provi per la scomparsa di tuo marito. So quanto lo amavi".
  6. 6
    Rendigli la vita più facile. Quando un amico sta affrontando qualcosa che lo fa soffrire profondamente, anche le faccende più semplici possono sembrare complicate. Fagli sapere che sei accanto a lui per aiutarlo e occupati realmente di qualcosa, in modo da rendergli la vita più facile.
    • Puoi offrirti di cucinare qualcosa o aiutarlo a pulire casa. Solitamente le faccende domestiche vanno in secondo piano, soprattutto quando una persona è afflitta e turbata.
    • Puoi offrirti di fare la spesa o accompagnarlo a un appuntamento dal medico.
    • Pensa al modo più utile per aiutarlo e allietare le sue giornate.
    • Chiedi sempre come puoi dargli una mano invece di dare per scontato che qualcosa lo renda felice. Non fare supposizioni quando stai con lui per offrigli il tuo aiuto.
  7. 7
    Fagli un regalo. Chi non è felice neanche un po' quando riceve un regalo? Questo gesto può aiutare il tuo amico a ricordare che c'è qualcuno che gli vuole bene. Magari non avrai la possibilità di assicurargli costantemente la tua presenza, ma puoi fare in modo che non si senta abbandonato al suo dolore.
    • Prepara i suoi biscotti preferiti e spedisciglieli con un biglietto in cui metti in risalto tutto il tuo affetto.
    • Scegli qualcosa che ti fa pensare a lui e daglielo con una dedica.
    • Mandagli qualcosa per farlo ridere: un biglietto simpatico, una storiella divertente su qualcosa che avete visto insieme, qualche vecchia foto che vi ritrae in un momento buffo. Sdrammatizza e pensa a qualcosa che possa regalargli un sorriso.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Distrarlo

  1. 1
    Andate a fare una passeggiata. A volte un cambio di scenario può aiutare a distrarre un amico da ciò che lo sta turbando. Fate un giro nei dintorni della città e tieni gli occhi aperti in modo da individuare un posto che abbia un panorama bello, insolito o divertente.
    • Sii presente. Invece di discutere del problema che lo affligge, osservate i colori del cielo o parlate di qualche strano odore che potreste sentire. Guardate gli animali e fatevi coinvolgere dall'ambiente circostante.
  2. 2
    Organizza una serata davanti alla TV. Guardare un film o un programma televisivo può essere un ottimo modo per aiutare il tuo amico a distrarsi dai suoi problemi, anche solo per qualche ora.
    • Evita i film che potrebbero turbarlo. Per esempio, se recentemente ha perso il padre a causa di un cancro, evitate le storie in cui muore un genitore o uno dei personaggi è malato di cancro. Allo stesso modo, se si è lasciato da poco, magari i film sentimentali non sono così adatti in questi casi. Vai su un genere leggero e piacevole.
  3. 3
    Comportatevi da sciocchi. Un ottimo modo per distrarlo dal dolore e incoraggiarlo a sorridere e rallegrarsi è fare qualche stupidaggine. Dopo tutto, come recita il detto, "la risata è la miglior medicina", fa bene alla salute e migliora la funzionalità del corpo.[5]
    • Fate un tuffo nel passato, magari ritornando bambini. Realizzate dei pupazzi di neve oppure costruite un fortino con le coperte, parlate tra di voi con voci bizzarre oppure saltate o zoppicate invece di camminare.
    • Dedicatevi a qualche ridicola forma d'arte, per esempio disegnando buffi autoritratti o scrivendo stupide poesie.
  4. 4
    Fate insieme qualcosa di nuovo. Un'attività nuova e insolita rappresenta una grande fonte di distrazione e può donare allegria.[6] Infatti, costringerà il tuo amico a pensare ad altro, invece di restare concentrato su ciò che lo turba.
    • Provate un nuovo corso in palestra, fate qualche lavoro manuale insieme, coltivate piante o dipingete.
    • Non imporgli una novità senza prima consultarlo. Potrebbe sentirsi oppresso e infastidito, il che è esattamente l'opposto di ciò che dovresti fare.
  5. 5
    Aiutate qualcun altro insieme. Aiutare gli altri riduce lo stress, rende più comprensivi e anche più forti.[7] Quando qualcuno attraversa un momento di difficoltà, ha bisogno di tutte queste cose.
    • Fate volontariato. Il volontariato è un ottimo modo per aiutare la collettività, portare gioia nella vita di qualcuno e partecipare a qualcosa di importante. Pertanto, potete offrirvi come volontari presso una mensa o in un rifugio per animali, tenere incontri di lettura per bambini oppure prestare il vostro tempo in una casa di riposo.
    • Tirate su di morale un altro amico. Collaborando con te per aiutare una terza persona a superare i suoi problemi, il tuo amico potrà riassaporare la sensazione della felicità, perché in questo modo sarà indotto a distrarsi dalle difficoltà presenti nella sua vita.
    • Fate qualcosa di bello per qualcun altro. Potreste cucinare per un amico in comune oppure scrivergli insieme un biglietto di incoraggiamento.
  6. 6
    Organizza un viaggio. A volte un ottimo modo per distrarre un amico dalla sua tristezza è portarlo in giro. Un viaggio potrebbe fargli vedere posti e paesaggi nuovi, impedendogli di passare il tempo a rimuginare sulla propria infelicità.
    • Puoi scegliere una vacanza lunga: un tour in giro per l'Europa, un'escursione sulle Alpi o il cammino di Santiago di Compostela.
    • Puoi anche optare per qualcosa di più breve: un weekend presso una vicina località di mare, un paio di giorni in montagna facendo campeggio "zaino in spalla" o spostarvi in un'altra città non troppo lontana per sentire una band che entrambi adorate.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Evitare gli Errori più Comuni

  1. 1
    Consentigli di manifestare la sua tristezza. Evita di dirgli "Stai su col morale!": è una delle cose peggiori che si possa dire a una persona che sta male, soprattutto se soffre di depressione o ansia. È come se gli imponessi di non essere triste. Dicendo "tirati su", comunicherai di essere concentrato più su te stesso che sull'altra persona. Segnalerai che il tuo senso di disagio relativo alla sua infelicità è più importante della sua stessa infelicità: è qualcosa che un amico non dovrebbe mai fare. Perciò, è indispensabile vivere le emozioni, anche quando non sono piacevoli.[8]
    • Non dire a nessuno come deve sentirsi. Ognuno ha il diritto di sentire ed esprimere ciò che prova.
  2. 2
    Cerca di non evitarlo. A volte può essere difficile sapere che cosa dire a un amico che sta soffrendo. Tuttavia, non evitarlo perché hai difficoltà a parlare del suo problema. Invece, pensa a qualcosa che possa sostenerlo e incoraggiarlo. Spesso non c'è bisogno di dire nient'altro che: "Mi dispiace tanto. Sono a tua disposizione se hai bisogno di qualcosa".
  3. 3
    Mantieni l'attenzione su di lui. Non strumentalizzare il suo dolore per parlare di te. È un errore che commettono molte persone! Sicuramente penserai di saper comprendere il tuo amico e i suoi problemi, ma invece corri il rischio di far ruotare tutto intorno alla tua persona.
    • Mostrati comprensivo nei suoi confronti, ma cerca di non subissarlo di racconti su come sei riuscito ad affrontare problemi simili e su quanto ti senti bene adesso.
    • Per esempio, non dirgli: "So come ci si sente a essere lasciati. Pensa a quando Paola mi ha lasciato davanti a tutti. Ho sofferto per molto tempo, ma poi sono riuscito a superare quel periodo. Ultimamente sto molto meglio e neanche penso più a quella rottura".
    • Invece, prova a parlare in questo modo: "So che fa molto male ora. Posso assicurarti che starai meglio tra qualche tempo, anche se so che ora stai soffrendo profondamente. Se hai bisogno di qualcosa, sono a tua disposizione".
  4. 4
    Evita di offrire soluzioni, a meno che non ti vengano chieste esplicitamente. Spesso le persone non desiderano ricevere soluzioni, soprattutto quando si sfogano. Quel che vogliono è sentirsi ascoltate e far sapere al loro confidente che cosa stanno passando.
    • Per esempio, evita di dire: "So che il tuo gatto è morto. Forse ti basterebbe andare al rifugio e prenderne uno nuovo. Ci sono tanti gatti che avrebbero bisogno di una casa". In pratica, così facendo, dai l'impressione di sminuire quello che il tuo amico sta provando in seguito alla perdita del suo gatto.
    • Piuttosto, potresti dirgli: "Mi dispiace molto per il tuo gatto. So quanto gli volevi bene. Fammi sapere se c'è qualcosa che posso fare per aiutarti".
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Conoscere i propri Limiti

  1. 1
    Non trascurare te stesso. Se sei avvilito a causa dei problemi del tuo amico e di come si sente, magari dovresti prenderti una pausa. Può essere estenuante dare continuamente conforto a qualcuno. Assicurati di non essere il suo unico punto di appoggio. C'è differenza tra essere d'aiuto e fare da badante. Impara a capire la differenza e preparati a stabilire dei limiti.[9]
    • Se il tuo amico ti telefona sempre pregandoti di fargli dei piaceri, non accondiscendere sempre, ma fagli giustamente notare che hai anche altre responsabilità. Digli: "So che stai male e che vorresti un amico accanto. Tengo a te e desidero aiutarti, ma ho anche bisogno di rispettare i miei tempi, e stasera per me non è un bel momento. Vediamoci questo fine settimana...".
    • Non lasciare che la tua vita ti scivoli tra le mani. Continua a frequentare altre persone, vai in palestra e non trascurare altre attività. Non permettere che il tuo amico condizioni ogni tuo momento.
  2. 2
    Sappi quando incoraggiarlo a cercare un aiuto professionale. A volte non è possibile gestire da soli i propri sentimenti e le varie situazioni. In questi casi, in qualità di amico, dovresti consigliargli di rivolgersi a un professionista. Non c'è niente di sbagliato nel fatto di aver bisogno di un piccolo aiuto, soprattutto quando fallisce un matrimonio, scompare una persona cara o sopravviene una malattia.
    • Stai attento ai sintomi depressivi: difficoltà a concentrarsi o a ricordare i particolari, difficoltà a prendere decisioni, calo di energia, insonnia o sonno eccessivo, pensieri tristi, ansiosi o vuoti, dolori fisici e problemi che non scompaiono malgrado le cure, pensieri o discorsi relativi al suicidio, senso di inutilità o impotenza.[10]
    • Quando lo inviti a cercare un aiuto professionale, non dirgli che è malato e che dovrebbe andare in terapia, bensì: "So che stai soffrendo molto e credo che sarebbe una buona idea parlare con qualcuno che sia in grado di aiutarti seriamente. Ricordati che non ti abbandonerò".
  3. 3
    Chiama un aiuto esterno, se il tuo amico è in pericolo. Se vive in un contesto di violenze o abusi oppure se minaccia di suicidarsi, la cosa migliore che puoi fare è chiamare i servizi di emergenza. Dal momento che si tratta di una situazione che non puoi essere in grado di gestire, è meglio rivolgersi a persone esperte. Se tra di voi c'è un vero legame di amicizia, devi dare priorità alla sua incolumità personale. Cerca di metterlo in salvo e assicurati che la sua vita non sia in pericolo.
    • Se sospetti che la tua amica sia vittima di abusi, puoi telefonare al numero di pubblica utilità 1522.[11]
    • Se ritieni che il tuo amico voglia suicidarsi, puoi chiamare la Linea di Aiuto per la Prevenzione del Rischio Suicidario che risponde al call center 331.87.68.950[12] oppure Telefono Giallo al numero 800.809.999.[13]
    Pubblicità

Consigli

  • Non riuscirai sempre tirare su il morale delle persone. A volte è sufficiente consentire a un amico di affrontare i momenti tristi o turbolenti. Ti basta fargli sapere che gli sei vicino quando ha bisogno di te.

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Tirare su il Morale a Qualcuno

Come

Vincere una Battaglia di Solletico

Come

Farsi degli Amici

Come

Affrontare il Fatto di non Avere Amici

Come

Riconoscere un Falso Amico

Come

Capire se un Tuo Amico è un Vero Amico

Come

Scoprire Se una Ragazza Ti Ama o È Solo una Buona Amica

Come

Ravvivare un Rapporto di Amicizia

Come

Divertirti con la Tua Migliore Amica

Come

Capire Se una Persona È una Vera Amica

Come

Fare in Modo che Qualcuno Smetta di Ignorarti

Come

Fare Pace con un Amico dopo un Litigio

Come

Scegliere un Regalo per il tuo Miglior Amico Maschio

Come

Capire se una Amica Vuole una Relazione Romantica
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Trudi Griffin, LPC, MS
Co-redatto da
Counselor Professionale Registrata
Questo articolo è stato co-redatto da Trudi Griffin, LPC, MS. Trudi Griffin lavora come Counselor Professionale Registrata nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Counseling Psicologico Clinico alla Marquette University nel 2011. Questo articolo è stato visualizzato 13 212 volte
Categorie: Amicizia
Questa pagina è stata letta 13 212 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità