Come Togliere il Pungiglione di un'Ape

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 12 Riferimenti

In questo Articolo:Rimuovere il PungiglioneTrattare la Puntura

Le punture delle api possono essere dolorose a causa del veleno che iniettano nella pelle.[1] Se sei stato punto da questi insetti, devi cercare di togliere il pungiglione il prima possibile, prima che tutto il contenuto della sacca di veleno possa penetrare nella cute nel giro di pochi secondi.[2] Ci sono due modi per farlo, continua a leggere per saperne di più.

Parte 1
Rimuovere il Pungiglione

  1. 1
    Agisci velocemente. Se riesci a togliere il pungiglione prima che tutto il veleno presente nella sacca entri nell'organismo, puoi minimizzarne gli effetti.[3]
    • Il veleno entra attraverso la pelle in pochissimi secondi, quindi devi essere il più rapido possibile non appena ti accorgi di essere stato punto.
    • Quando togli il pungiglione, presta attenzione a non schiacciare la sacca di veleno che si trova all'estremità del pungiglione, altrimenti aumenti la quantità di tossine che entrano nel corpo.
  2. 2
    Raschia il pungiglione. Grattalo via finché non riesci a staccarlo alla pelle. Dovresti riuscire a vedere la sacca di veleno nella parte finale del pungiglione stesso. Toglilo senza schiacciarla; in caso contrario, potresti introdurre ancora più veleno nell'organismo. Per questo metodo, la cosa migliore da usare è un oggetto dal bordo dritto. Ecco alcuni elementi utili in tal senso:[4]
    • La parte posteriore di un coltellino tascabile. Se devi togliere il pungiglione a un'altra persona, usa il coltellino solo se il soggetto si fida abbastanza di te e sa che non lo ferirai. Non mettere in pratica questo metodo sui bambini, perché i loro movimenti possono essere imprevedibili.
    • Il bordo di una tessera, come la carta di credito. Si tratta di un metodo sicuro quando usato sui bambini, in quanto non c'è il rischio di tagliare loro la pelle.
  3. 3
    Estrai il pungiglione. Usa una pinzetta o un tagliaunghie. Afferra il pungiglione il più vicino possibile alla pelle. Cerca di bloccarlo al di sotto della sacca di veleno, così non rischi di spremere altre tossine nella cute. Toglilo applicando una trazione lenta, ma costante.[5][6]
    • Tieni presente che il pungiglione potrebbe essere uncinato e causare quindi dolore durante l'estrazione.
    • Non strattonarlo durante questa operazione, altrimenti aumenti il rischio che possa rompersi; in questo caso, diventerebbe più piccolo e risulterebbe più difficile togliere il frammento rimasto nella pelle.
  4. 4
    Non preoccuparti se non trovi il pungiglione. Se sei stato punto da una vespa o da un calabrone non puoi trovarlo, in quanto questi insetti non lo lasciano nella pelle della loro vittima.[7]
    • Sappi che se vieni attaccato da una vespa o da un calabrone, questi insetti potrebbero pungerti ripetutamente. In tal caso, mantieni la calma, ma lascia velocemente la zona per evitare di essere attaccato di nuovo.

Parte 2
Trattare la Puntura

  1. 1
    Lava la zona colpita. Dopo avere tolto il pungiglione, lava la pelle con acqua e sapone. In questo modo, pulisci il sito della puntura e riduci le probabilità di contaminare la pelle con batteri o sporcizia.[8]
    • Tieni la pelle interessata sotto l'acqua corrente per alcuni secondi, in modo da risciacquarla accuratamente e togliere ogni residuo e polvere.
    • Strofina delicatamente l'area da trattare con un sapone neutro e in seguito risciacqua con cura.
    • Infine, asciuga tamponando.
  2. 2
    Riduci il gonfiore con una borsa del ghiaccio. Applica sul pungiglione l'impacco ben avvolto in un asciugamano pulito. Tienilo sulla zona della puntura per 10 minuti, quindi toglilo per altri 10 minuti, per permettere ai tessuti di tornare alla temperatura corporea, prima di applicarlo nuovamente.[9]
    • Se soffri di problemi circolatori, applica il ghiaccio per un periodo minore, per ridurre il rischio di congelamento.
    • Se non hai un impacco di ghiaccio a disposizione, un sacchetto di verdure congelate avvolte in un telo funziona altrettanto bene.
    • Non appoggiare l'impacco di ghiaccio direttamente sulla pelle, per non provocare lesioni da freddo.
  3. 3
    Riduci il dolore con dei farmaci antidolorifici da banco. Consulta il medico prima di assumerli se sei incinta, stai allattando, se devi curare la puntura su un bambino o stai assumendo altri farmaci che potrebbero interagire. Non somministrare mai l'aspirina ai bambini o ai ragazzi. Segui sempre le indicazioni riportate sul bugiardino per quanto riguarda la posologia. Tra i possibili farmaci utili per il tuo caso ci sono:[10]
    • Il paracetamolo;
    • L'ibuprofene.
  4. 4
    Tieni sotto controllo il prurito e il gonfiore con una crema o uno spray topici. La gravità dell'edema della zona interessata è un fattore del tutto soggettivo, che varia da persona a persona. Inoltre, per alcuni soggetti potrebbe essere doloroso all'inizio, mentre per altri il prurito sorge solo in un secondo momento. Tra i possibili trattamenti considera:[11][12]
    • Crema a base di idrocortisone all'1%;
    • Lozione di calamina;
    • Antistaminico per uso orale a base di difenidramina (Benadryl) o di clorfenamina (Trimeton).
  5. 5
    Presta attenzione ai segni di shock anafilattico. Se sai di essere allergico alle punture delle api, dovresti avere già ottenuto la prescrizione per l'autoiniettore di epinefrina d'emergenza (EpiPen). Usalo attenendoti alle indicazioni del medico e del produttore del farmaco. Se hai usato l'iniettore di epinefrina o stai per avere uno shock anafilattico, chiama immediatamente i servizi di emergenza. Tra i sintomi potresti manifestare:
    • Pelle pruriginosa;
    • Sfoghi cutanei rossi;
    • Gonfiore a occhi, labbra, mani o piedi;
    • Sensazione di gola chiusa o gonfiore di bocca, gola e lingua;
    • Difficoltà a deglutire;
    • Difficoltà a respirare;
    • Dolore addominale;
    • Nausea o vomito;
    • Perdita di coscienza.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Punture, Morsi e Bruciature

In altre lingue:

English: Get a Stinger Out, Español: quitar un aguijón de abeja, Русский: извлечь жало, Português: Remover um Ferrão de Abelha, Deutsch: Einen Bienenstachel entfernen, Français: retirer le dard d'une abeille, Bahasa Indonesia: Mengeluarkan Sengat Lebah

Questa pagina è stata letta 58 070 volte.
Hai trovato utile questo articolo?