Scarica PDF Scarica PDF

I crampi da calore sono crampi o spasmi muscolari che possono provocare dolore quando fai esercizio fisico o ti alleni in un ambiente torrido, come all'aperto quando fa molto caldo o in piena estate. Si distinguono dai comuni crampi muscolari perché sono provocati da una carenza di sodio dovuta all'eccessiva sudorazione (e non, in realtà, dal calore).[1] La causa di tale dolore è di solito la mancanza di un'adeguata idratazione che serve a contrastare la sudorazione; di conseguenza, avviene una perdita repentina di elettroliti (iponatriemia). Questo tipo di crampi coinvolge generalmente i polpacci, le cosce e i muscoli addominali (sebbene possa colpire potenzialmente qualunque muscolo). Tuttavia, questo disturbo non deve preoccuparti particolarmente, in quanto è possibile trattarlo con relativamente poco sforzo.

Metodo 1
Metodo 1 di 2:
Trattare i Crampi da Calore

  1. 1
    Individua quando soffri di tale disturbo. I crampi da calore sono spasmi muscolari dolorosi causati dalla disidratazione correlata in genere all'attività fisica o all'allenamento in ambienti troppo caldi.[2] In realtà, non sono dovuti semplicemente al calore o all'ambiente torrido, come potrebbe suggerire il nome. Quando si suda molto a seguito di esercizio fisico, si perdono sia i liquidi sia gli elettroliti (sali) necessari per permettere un corretto funzionamento muscolare.[3] Sebbene i crampi da calore possano interessare tutti i gruppi muscolari, colpiscono più spesso polpacci, braccia, muscoli addominali e dorsali.[4]
  2. 2
    Interrompi l'attività fisica. Questi spasmi muscolari non sono qualcosa che devi "superare" durante l'allenamento. Sono dei segnali che invia l'organismo per dirti che devi fermarti. La prima cosa da fare in caso di crampi da calore è quella di porre termine alla sessione di allenamento o all'attività che ha provocato il disturbo.[5]
  3. 3
    Riposa in un ambiente fresco. Questi sintomi sono associati soprattutto a uno sforzo eccessivo quando il clima è torrido. Se questo è anche il tuo caso, devi allontanarti dai raggi solari. Trova un luogo fresco all'ombra o al chiuso e concediti il tempo di riposare e rinfrescarti.[6]
    • Per raffreddare la pelle puoi applicare un panno bagnato sulla nuca.
  4. 4
    Bevi molti liquidi. Questi crampi sono la risposta alla disidratazione e alla perdita di elettroliti; devi pertanto bere molto quando riposi, preferibilmente delle bibite sportive (come Gatorade e altre) o delle bevande contenenti elettroliti, come Pedialyte.[7] Le migliori sono le bevande sportive che contengono 25-200 mg di sodio.
    • Anche i succhi chiari sono delle valide opzioni, perché forniscono sia i fluidi sia gli elettroliti di cui hai bisogno.[8]
    • Se hai a disposizione solo l'acqua, fai sciogliere un pizzico di normale sale da tavola in un litro.[9] Non sarà saporita e gustosa come le bevande sportive, ma è efficace per le tue necessità.
  5. 5
    Fai dello stretching delicato per i gruppi muscolari doloranti. Il crampo può scomparire più velocemente se allunghi con cautela il muscolo colpito. Scegli un tipo di allungamento per ampliare il raggio di movimento, piuttosto che uno stretching intenso.[10] In questo modo, puoi ridurre gli spasmi e il dolore muscolare.
  6. 6
    Tieni monitorati i crampi. Di solito, dovrebbero scomparire abbastanza rapidamente con il riposo e il reintegro di fluidi ed elettroliti persi. Prendi nota di quando si sono manifestati all'inizio. Se non migliorano o si aggravano dopo un'ora, devi contattare il medico.[11]
  7. 7
    Non riprendere l'attività fisica non appena il crampo sparisce. Il fatto che il muscolo non sia più dolorante, non significa che hai già reintegrato adeguatamente i fluidi e gli elettroliti persi, non devi quindi considerarlo un indicatore che puoi tornare alla tua routine di esercizio fisico. Devi continuare a bere liquidi e aspettare diverse ore, prima di riprendere qualunque attività faticosa.[12] In caso contrario, rischi che si verifichi un altro crampo o persino di aggravare la situazione, fino anche a soffrire di un colpo di calore.
  8. 8
    Previeni future recidive. Se svolgi un lavoro all'aperto in estate o se la corsa è il tuo allenamento preferito, non puoi certo evitare il calore estivo, ma puoi essere preparato e ridurre al minimo il rischio di soffrire di crampi da calore. Mantieniti idratato prima di fare attività fisica e bevi con frequenza regolare delle bevande sportive, in modo da evitare che si sviluppino questi fastidiosi spasmi.
    • Durante i primi giorni, potresti ugualmente soffrirne, ma una volta ambientato al clima caldo, il semplice fatto di reintegrare adeguatamente i fluidi persi dovrebbe permetterti di evitare qualunque crampo.[13]
    • Se la temperatura dell'aria è di circa 39-46 °C, devi bere almeno un litro di acqua ogni ora.[14]
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 2:
Trattare il Colpo di Calore

  1. 1
    Presta attenzione ad altri sintomi. Se oltre ai crampi muscolari hai altri sintomi, è probabile che il problema stia evolvendo in un colpo di calore, prima ancora che si presentino i segnali veri e propri di questo disturbo più grave. Se manifesti i sintomi descritti di seguito, molto probabilmente stai soffrendo di un colpo di calore:[15]
    • Debolezza;
    • Mal di testa;
    • Vertigini o svenimento;
    • Nausea e/o vomito;
    • Battito cardiaco accelerato;
    • Pelle fredda e umida;
    • Eccessiva sudorazione.
  2. 2
    Misura la temperatura. I disturbi correlati al calore sono il risultato dell'incapacità dell'organismo di controllare la propria temperatura attraverso le tecniche naturali, come la sudorazione e l'evaporazione. Misura la febbre per capire a che livello si trova. Se è sotto i 40 °C, significa che ti trovi in uno stato di stress da calore (ipertermia).[16]
    • Se la temperatura è pari o superiore a 40 °C, ti trovi di fronte a un colpo di calore, un'urgenza medica e dovresti ricevere cure immediate.[17]
    • Gli altri segni di un colpo di calore sono confusione, svenimento, eccessiva sudorazione, pelle arrossata, molto calda e asciutta.
  3. 3
    Trova un ambiente più fresco. È importante mettersi al riparo dal calore e prendere delle misure per abbassare la temperatura corporea, in modo da evitare che l'ipertermia si aggravi. Vai all'ombra e al fresco, meglio se in un ambiente con aria condizionata.[18]
  4. 4
    Bevi acqua fresca o delle bevande con elettroliti. Proprio come accade con i crampi da calore, il corpo ha bisogno di reintegrare i liquidi e gli elettroliti persi con il sudore. Bevi le bibite sportive, le soluzioni reidratanti orali (come Pedialyte) o l'acqua con mezzo cucchiaino di sale (per ogni litro).[19]
    • Il corpo continuerà a cercare di sudare per abbassare la temperatura interna. Se non gli fornisci i liquidi e i sali per produrre il sudore, puoi causare delle complicazioni che portano al colpo di calore.
  5. 5
    Togli gli abiti inutili. Anche il cotone leggero può trattenere un po' di calore. Togli la maggiore quantità possibile di vestiti. Assicurati che la biancheria rimanente sia di tessuto leggero e abbastanza ampia, in maniera che non aderisca alla pelle.[20]
  6. 6
    Fai in modo di raffreddarti ulteriormente. Non puoi affidarti alla sola sudorazione. Le tecniche che puoi provare per abbassare la temperatura corporea sono:[21]
    • Fare una doccia o un bagno freddi;
    • Spruzzarti con acqua fredda mentre rimani seduto davanti a un ventilatore o in una stanza con aria condizionata;
    • Immergere dei panni in acqua fredda e poi appoggiarli sulla pelle;
    • Mettere degli impacchi di ghiaccio sotto le ascelle e sulla nuca.
  7. 7
    Riposa con le gambe sollevate a un'altezza maggiore della testa. Lo svenimento correlato al calore (sincope) è causato dalla dilatazione dei vasi sanguigni e dalla conseguente riduzione dell'afflusso di sangue al cervello. Per evitare che questo accada, riposa con le gambe sollevate, in modo da favorire la circolazione sanguigna alla testa.[22] [23]
  8. 8
    Cerca immediatamente aiuto medico. Lo stress da calore si trasforma rapidamente in colpo di calore e dovresti controllare attentamente la situazione, per capire quando chiamare i soccorsi, in caso di necessità. Cerca aiuto medico se:[24] [25]
    • I sintomi non si riducono dopo un'ora;
    • Non puoi reintegrare i fluidi o gli elettroliti a causa di nausea e vomito;
    • La temperatura del corpo supera i 40 °C;
    • Mostri segni di confusione, delirio o hai le convulsioni;
    • Manifesti tachicardia e respirazione accelerata anche dopo avere interrotto l'attività fisica.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Il colpo di calore è potenzialmente mortale; se mostri qualunque sintomo di questo disturbo, dovresti cercare immediato aiuto medico chiamando il 118.
  • Non assumere compresse o pastiglie masticabili di sale per trattare i crampi da calore; provocano solo mal di stomaco e non reintegrano i fluidi persi.[26]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena
Trattenere la PipìTrattenere la Pipì
Scrocchiarsi la Schiena AltaScrocchiarsi la Schiena Alta
Rallentare il tuo Battito Cardiaco
Riconoscere i Sintomi dell'HIVRiconoscere i Sintomi dell'HIV
Controllare i LinfonodiControllare i Linfonodi
Rimuovere una Cisti SebaceaRimuovere una Cisti Sebacea
Riconoscere i Sintomi della LeucemiaRiconoscere i Sintomi della Leucemia
Liberarsi di un'Unghia IncarnitaLiberarsi di un'Unghia Incarnita
Curare un Dito Insaccato
Liberarsi Velocemente delle EmorroidiLiberarsi Velocemente delle Emorroidi
Camminare con una StampellaCamminare con una Stampella
Trattare il Mal di Gola dopo aver VomitatoTrattare il Mal di Gola dopo aver Vomitato
Gestire la Chinetosi sulle GiostreGestire la Chinetosi sulle Giostre
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Andrea Rudominer, MD, MPH
Co-redatto da:
Pediatra e Specialista Medicina Integrata
Questo articolo è stato co-redatto da Andrea Rudominer, MD, MPH. La Dottoressa Andrea Rudominer è una pediatra e specialista di medicina integrata iscritta all'albo che vive nella San Francisco Bay Area. Ha oltre 15 anni di esperienza nel settore dell'assistenza medica ed è specializzata in prevenzione sanitaria, tutela dei minori, obesità, stile di vita sano, assistenza agli adolescenti, ADHD e assistenza culturalmente competente. Si è laureata alla University of California (Davis) e ha realizzato un internato presso il Lucile Packard Children's Hospital dell'Università di Stanford. Ha anche una laurea in Salute Pubblica con orientamento alla salute di madre e figlio conseguita alla University of California (Berkeley). È membro dell'American Board of Pediatrics, socia dell'American Academy of Pediatrics, membro e delegato della California Medical Association e membro della Santa Clara County Medical Association. Questo articolo è stato visualizzato 1 188 volte
Questa pagina è stata letta 1 188 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità