Scarica PDF Scarica PDF

Se hai un Boston Terrier, sai quanto sia vivace e intelligente questa razza così amata. Il Boston Terrier è riconoscibile grazie ai suoi occhi larghi e rotondi che, se visti di fronte, sono allineati alle guance. Purtroppo, le grandi dimensioni li rendono soggetti ad alcuni disturbi. Possono facilmente subire graffi e lesioni, con conseguenti ulcerazioni della cornea, ma c'è anche il rischio che avvenga il prolasso della ghiandola della terza palpebra (comunemente detto "occhio a ciliegia"), che insorga precocemente la cataratta, che si sviluppi una distrofia corneale o che sopraggiunga la secchezza oculare.[1]

Metodo 1
Metodo 1 di 5:
Riconoscere e Trattare l'Ulcera Corneale

  1. 1
    Fai attenzione ai segni di un'ulcera corneale. Il cane potrebbe avere gli occhi talmente lucidi da dare l'impressione che pianga. Possono arrossarsi e sembrare ricoperti da una patina. Sono tutti sintomi di un'ulcera corneale.[2]
    • Un'ulcera corneale è simile a una ferita aperta sulla membrana trasparente dell'occhio (la cornea).
  2. 2
    Controlla il comportamento del cane. Se ha un'ulcera, potrebbe tenere l'occhio parzialmente chiuso o strofinarlo con una zampa. Sembra che lo strizzi o che sia sensibile alla luce. Se è affetto da un'ulcera corneale, osserva il suo comportamento per capire se sta soffrendo.[3]
    • L'ulcera a carico della cornea è dolorosa e, se si infetta o diviene più profonda, può comportare la formazione di tessuto cicatriziale pericoloso per la vista.
  3. 3
    Fai esaminare l'occhio. Porta il cane dal veterinario per una diagnosi. Lo osserverà per controllare l'infiammazione e l'eventuale presenza di un'ulcera sulla superficie della cornea. Procederà anche ad alcune analisi per capire se si tratta di un'infezione batterica o fungina. Un campione di sangue può essere necessario per escludere l'origine virale.
    • Inoltre, controllerà quanto è profonda l'ulcera. Negli stadi più gravi, può erodere la cornea al punto da mettere a repentaglio la salute dell'occhio.[4]
  4. 4
    Segui il trattamento prescritto dal veterinario. Di solito, in questi casi viene consigliata la somministrazione di un collirio antibiotico per curare l'ulcera e prevenire un'infezione. Nella maggior parte dei casi il problema si risolve entro una settimana. Se il cane non risponde al trattamento, sarebbe opportuno sottoporlo a una piccola procedura che prevede la somministrazione di un anestetico locale in modo che il veterinario abbia la possibilità di strofinare un tampone di ovatta sulla cornea per rimuove le cellule danneggiate che impediscono all'occhio di guarire.
    • Raramente si procede all'anestesia totale per pungere leggermente la cornea. È un procedimento che permette alle cellule in fase di guarigione di aderire all'ulcera affinché l'occhio si ristabilisca completamente.
  5. 5
    Informati sulle cause che aumentano il rischio di ulcera corneale. Poiché i Boston Terrier hanno occhi piuttosto grandi, anche la cornea è molto ampia e, di conseguenza, vulnerabile. Potrebbe urtare o graffiarsi facilmente mentre giocano. Le pettinature moderne (che prevedono anche il taglio dei baffi soprattutto per le mostre e le gare) aumentano il rischio di ulcera corneale.
    • Il Boston Terrier ha bisogno della protezione dei baffi, in quanto contribuiscono ad accrescere la percezione dei pericoli, prevenendo il contatto con gli oggetti circostanti.
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 5:
Riconoscere e Trattare la Distrofia Corneale

  1. 1
    Individua i segni della distrofia corneale. Se il tuo Boston Terrier soffre di distrofia corneale, l'occhio potrebbe assumere un aspetto lattiginoso o biancastro. All'inizio, solo l'angolo sembra opacizzarsi, ma questa alterazione può diffondersi rapidamente su tutta la cornea che arriva a perdere la sua trasparenza e la sua elasticità, oltre ad apparire gonfia di liquido.[5]
    • I Boston Terrier ereditano questo disturbo che comporta un accumulo di liquidi tra gli strati delle cellule corneali fino a sviluppare ulcere dolorose.[6]
  2. 2
    Porta il cane dal veterinario per una diagnosi. Dal momento che la distrofia corneale comincerà a pregiudicare la vista del cane, portalo dal veterinario non appena sospetti un problema agli occhi. Effettuerà un esame approfondito e osserverà gli occhi sotto una lampada a fessura (un biomicroscopio con una luce molto intensa). Verificherà se la cornea si è ispessita, presenta ulcere e infiammazioni.[7] [8]
    • Controllerà anche la pressione oculare per escludere altre patologie a carico degli occhi.
  3. 3
    Cura le ulcere secondarie. Purtroppo, non esiste un trattamento efficace contro l'opacità della distrofia corneale. Pertanto, si procede curando le ulcere secondarie causate da questa patologia dal momento che sono dolorose e possono danneggiare la salute degli occhi.[9]
    • Probabilmente dovrai somministrare al cane una crema antibiotica contro le ulcere.
  4. 4
    Considera la chirurgia. Il veterinario potrebbe suggerirti la possibilità di posizionare una lente a contatto o procedere a un intervento chirurgico per innestare del tessuto sull'occhio. Per trattare la distrofia corneale, esiste anche un altro intervento mediante il quale si solleva il primo strato della pupilla e quello sottostante.[10] [11]
    • La chirurgia può prevenire le ulcere, ma può anche causare cicatrici che rischiano di rovinare la vista del cane.
    • Se il tuo amico peloso non è affetto da questo problema, ma vedi che soffre, consulta immediatamente il veterinario. Può darsi che l'occhio stia cominciando a ulcerarsi.
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 5:
Riconoscere e Trattare l'Occhio a Ciliegia

  1. 1
    Controlla se l'occhio è rosso e gonfio. Il Boston Terrier ha una terza palpebra ubicata nell'angolo interno dell'occhio. Normalmente è poco visibile, perciò capita di non darle troppa importanza. Tuttavia, se la ghiandola di questa palpebra si ingrossa, è possibile notare una grande massa rossa tondeggiante (come una ciliegia) nell'angolo interno dell'occhio.[12]
    • Il compito della terza palpebra è quello di ricoprire la cornea e proteggerla. Inoltre, ha una ghiandola che serve a distribuire il liquido lacrimale e umettare l'occhio.
  2. 2
    Portalo dal veterinario. Tieni conto che di solito l'occhio a ciliegia non procura dolore. Tuttavia, consulta il veterinario se pensi che il tuo cane ne sia infastidito o non sei sicuro che si tratti di questo disturbo o un altro problema.[13]
    • I veterinari non conoscono l'eziologia di questa condizione patologica, ma si pensa che il tessuto connettivo circostante tenda a indebolirsi causando la fuoriuscita della ghiandola.
  3. 3
    Prova la chirurgia per trattare l'occhio a ciliegia. È l'unico modo per curare il prolasso della ghiandola della terza palpebra, sebbene si tratti di una decisione di ordine puramente estetico. Il veterinario riposizionerà correttamente la ghiandola, suturandola. Il cane sarà sotto anestesia e non sentirà nessun dolore. Tuttavia, tieni presente che il problema potrebbe presentarsi nuovamente e comportare un altro intervento chirurgico.[14]
    • Se non sei sicuro, il veterinario potrebbe consigliarti di provare delle creme a base di steroidi. Se non sono efficaci, puoi optare per l'intervento chirurgico.
    Pubblicità

Metodo 4
Metodo 4 di 5:
Riconoscere e Trattare la Secchezza Oculare

  1. 1
    Individua i segni della secchezza oculare. Se l'occhio del cane non si lubrifica a sufficienza mediante la naturale lacrimazione, rischia di seccarsi. Potresti notare una continua produzione di secrezioni dense e appiccicose, che possono anche irritarlo, arrossarlo e renderlo opaco.[15]
    • Gli occhi secchi sono più comuni nei cani anziani o di mezza età. Considera che i Boston Terrier sono soggetti a questo problema.
  2. 2
    Osserva il comportamento del cane. Dal momento che ha gli occhi irritati, non è in grado di liberarsi delle secrezioni e umettare gli occhi con un semplice movimento delle palpebre. Probabilmente le vedrai sbattere frequentemente nel tentativo di alleviare l'irritazione. Potrebbe anche socchiudere gli occhi o cercare di tenerli chiusi.[16]
    • La secchezza oculare può anche dipendere da graffi e infezioni.[17]
  3. 3
    Consulta il veterinario. Se sospetti secchezza agli occhi, dovresti farlo visitare per escludere che si tratti di un'infezione. Il veterinario esaminerà gli occhi e analizzerà le secrezioni lacrimali. In sostanza, andrà a posizionare una carta speciale nell'angolo dell'occhio per vedere quanto si inumidisce nel giro di un minuto. Da questo risultato potrà effettuare una diagnosi.[18]
    • Inoltre, controllerà la pressione oculare per escludere che si tratti di glaucoma e ispezionerà l'occhio in cerca di eventuali ulcere corneali all'origine dell'infiammazione.
  4. 4
    Lubrifica gli occhi del tuo cane. Il veterinario raccomanderà un medicinale da banco o un farmaco prescrivibile. Se ti indica l'uso delle lacrime artificiali, dovrai applicarle ogni ora, mentre se ti consiglia un collirio più denso, ti basterà somministrarlo 4-6 volte al giorno. I prodotti che contengono acido ialuronico vanno applicati solo due volte al giorno. Tieni presente che la secchezza oculare è un problema che potrebbe accompagnare il cane per tutta la vita perché non esiste un trattamento definitivo.[19]
    • Se il veterinario prescrive un farmaco che favorisce la lacrimazione, molto probabilmente dovrai somministrarlo due volte al giorno e ridurre l'applicazione a una volta al giorno una volta che la situazione sarà migliorata.
    Pubblicità

Metodo 5
Metodo 5 di 5:
Riconoscere e Trattare la Cataratta

  1. 1
    Nota se gli occhi sono opachi. Quando il cristallino è coperto dalla cataratta, si opacizza e tende sul grigio-bluastro fino ad assumere un aspetto disomogeneo e lattiginoso. Questo fenomeno può verificarsi improvvisamente o svilupparsi nel corso degli anni. Nel momento in cui la cataratta arriva a estendersi su gran parte del cristallino, potrebbe risultare molto pericolosa, portando addirittura il cane alla cecità completa.[20] [21]
    • Il Boston Terrier è una razza geneticamente predisposta allo sviluppo della cataratta nelle prime fasi della vita o durante il processo di invecchiamento.
  2. 2
    Controlla il comportamento del cane. La cataratta offusca la vista complicando la percezione visiva e inducendo l'animale a muoversi in modo maldestro. Pertanto, il tuo cagnolino può sembrare insicuro nell'ambiente che lo circonda. Potresti notare che, per ovviare a questo inconveniente, incomincia a camminare sollevando le zampe o che:[22]
    • Inciampa negli oggetti;
    • Non riconosce le persone;
    • Non valuta correttamente le distanze.
  3. 3
    Portalo dal veterinario per una diagnosi. Se pensi che il tuo Boston Terrier soffra di cataratta, fissa al più presto un appuntamento dal veterinario. Dopo aver osservato gli occhi, effettuerà una diagnosi che verrà poi confermata dal chirurgo.[23]
    • Se è molto anziano, il veterinario saprà stabilire se si tratta di cataratta o se gli occhi stanno cambiando a causa dell'invecchiamento.
  4. 4
    Considera la chirurgia. Se il cane ha una cataratta piuttosto diffusa che pregiudica la vista, prendi in considerazione di rimuoverla. In genere, la procedura consiste nell'asportazione chirurgica del cristallino, sostituito con un altro composto da materiale sintetico. È un intervento chirurgico costoso, ma che permette di recuperare la vista, a patto che l'operazione venga eseguita prima che le condizioni dell'occhio siano peggiorate.
    • Puoi anche considerare la possibilità di un intervento di microchirurgia che va a frantumare la cataratta per poi essere aspirata. Questa procedura si chiama facoemulsificazione, è costosa e deve essere eseguita da un veterinario specializzato.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Riconoscere un Cane che Sta per MorireRiconoscere un Cane che Sta per Morire
Punire il CanePunire il Cane
Prendersi Cura di un Cane dopo la SterilizzazionePrendersi Cura di un Cane dopo la Sterilizzazione
Insegnare al Tuo Cane i Comandi di BaseInsegnare al Tuo Cane i Comandi di Base
Far Smettere al Cane di Leccarsi le Zampe con Rimedi CasalinghiFar Smettere al Cane di Leccarsi le Zampe con Rimedi Casalinghi
Rimuovere Vecchie Macchie di Urina di CaneRimuovere Vecchie Macchie di Urina di Cane
Far Smettere di Abbaiare il Cane del VicinoFar Smettere di Abbaiare il Cane del Vicino
Difendersi dall'Attacco di un CaneDifendersi dall'Attacco di un Cane
Riconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei CaniRiconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei Cani
Far Ingrassare un CaneFar Ingrassare un Cane
Insegnare a un Cane a Non Abbaiare alle PersoneInsegnare a un Cane a Non Abbaiare alle Persone
Solidificare le Feci del tuo CaneSolidificare le Feci del tuo Cane
Lessare il Pollo per i Cani
Calmare un Cane Maschio quando la Femmina è in CaloreCalmare un Cane Maschio quando la Femmina è in Calore
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 2 076 volte
Categorie: Cani
Questa pagina è stata letta 2 076 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità