Se il tuo cane si fa notare perché appesta qualsiasi ambiente in cui si trova, forse è arrivato il momento di portarlo dal veterinario. È normale che ogni tanto si lasci andare a maleodoranti emissioni di gas intestinali, ma se ha continui problemi di flatulenza, probabilmente è affetto da qualche condizione patologica che necessita di essere curata. Quindi, portalo dal veterinario per ottenere una diagnosi precisa e una terapia efficace. Si sentirà molto meglio se modifichi la sua alimentazione, gli somministri qualcosa che gli permette di ridurre la produzione di gas intestinali e lo aiuti a incrementare l'attività fisica.

Parte 1 di 3:
Riconoscere l'Eccesso di Gas Intestinali

  1. 1
    Controlla la frequenza con cui espelle i gas intestinali. Tutti i cani possono soffrire di flatulenza, specialmente se mangiano qualcosa che hanno difficoltà a digerire. Tuttavia, se è ricorrente nell'arco della giornata e dura diversi giorni, probabilmente ti conviene farlo visitare. Un'eccessiva flatulenza può indicare una condizione patologia da curare.[1]
    • Un'eccessiva fuoriuscita di gas dal retto può essere maleodorante o inodore. All'origine di questo fenomeno esistono vari problemi di digestione, quindi metti al corrente il veterinario se le emissioni del tuo cane producono odori molesti.
  2. 2
    Nota se manifesta segni di malessere fisico. L'eccessiva produzione di gas potrebbe essere accompagnata da sintomi di dolore o fastidio all'addome. Inoltre, potresti rilevare un certo gonfiore o dilatazione dello stomaco a causa del meteorismo. Infine, è possibile che il cane sembri a corto di energie o preferisca riposare durante il giorno.[2]
    • Ascolta l'addome. In caso di meteorismo, potresti sentire borborigmi o rumori prodotti dal movimento dei gas nell'intestino.
  3. 3
    Presta attenzione ai problemi di digestione. Se fa fatica a digerire quello che mangia, potrebbe soffrire di flatulenza e produrre feci liquide o diarrea. È anche possibile che vomiti e perda peso, dal momento che non è in grado di assimilare correttamente il cibo, fino a perdere l'appetito a causa del suo malessere.[3]
    • Se mostra sintomi di difficoltà nell'assorbimento del cibo, dovresti comunicarlo immediatamente al veterinario.
    • Se sta bene, considera se di recente hai modificato il suo regime alimentare. I cambiamenti improvvisi nella dieta non danno alla flora batterica intestinale il tempo sufficiente per adattarsi, provocando flatulenza.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Ottenere la Diagnosi del Veterinario

  1. 1
    Sottoponilo a una regolare visita veterinaria. Se il cane manifesta sintomi di una produzione eccessiva di gas intestinali o disturbi addominali, portalo dal veterinario: cercherà i fattori di natura gastrointestinale all'origine della flatulenza. Procederà a un esame fisico per valutare il gonfiore addominale o qualsiasi problema all'apparato digerente.
    • Dovrai anche metterlo al corrente dei precedenti clinici affinché possa effettuare un'anamnesi, quindi cerca di ricordare con quale frequenza espelle l’aria dall'intestino, quando è iniziato questo fenomeno e i segni del suo malessere che hai riscontrato.
  2. 2
    Procedi alle analisi del sangue. È probabile che il veterinario debba prelevare un campione di sangue per diagnosticare alcune malattie, tra cui l'insufficienza pancreatica esocrina, la sindrome dell'intestino irritabile o la pancreatite. Potrebbe anche analizzare il sangue per rilevare l'eventuale presenza di batteri o problemi all'intestino tenue.[4]
    • Se rileva indizi che lo portano a considerare la sindrome dell'intestino irritabile, probabilmente dovrà effettuare esami diagnostici più approfonditi.
  3. 3
    Sottoponi il cane a una radiografia o un'ecografia. Per diagnosticare eventuali problemi gastrointestinali all'origine della flatulenza, il veterinario procederà a una radiografia o un esame ecografico. Nello specifico, andrà a controllare le dimensioni dell'addome per assicurarsi che non ci sia nulla che ostruisca lo stomaco del cane (come un corpo estraneo o un tumore).[5]
    • L'ecografia può anche mostrare se l'apparato digerente è integro e sano.
  4. 4
    Fai analizzare le feci del cane. Se il veterinario sospetta che la causa dell'eccessiva produzione di gas sia un'infezione, sicuramente dovrai procurarti un campione di feci da analizzare. Con questo esame è possibile rilevare la presenza di virus (come il parvovirus), ma anche individuare parassiti fecali e, di conseguenza, stabilire una terapia efficace.[6]
    • Il veterinario ti fornirà istruzioni dettagliate sulla raccolta del campione, che molto probabilmente verrà analizzato nello stesso giorno.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Ottenere la Terapia

  1. 1
    Apporta modifiche alla dieta del tuo cane. Dal momento che i gas intestinali vengono direttamente prodotti da quello che mangia, favorisci un minore apporto di fibre e nutrilo con alimenti più facili da digerire. Inoltre, controlla la percentuale di cereali presenti nel cibo che gli compri. Se nella lista degli ingredienti i cereali o la soia sono al primo posto, potrebbero fermentare nell'intestino e produrre gas. Inoltre, alcuni veterinari raccomandano di somministrare cibi proteici mai consumati prima. In questo modo è possibile diminuire le reazioni alle allergie o intolleranze alimentari che sono all'origine della flatulenza.[7]
    • Dovresti evitare il cibo in scatola che contiene gomma di guar o amido resistente, perché possono causare una produzione eccessiva di gas intestinali.
    • Se il cane tende a mangiare voracemente, anche un apparecchio alimentatore che distribuisce lentamente il cibo può contribuire a ridurre il meteorismo.
  2. 2
    Dagli un probiotico per cani. È probabile che il veterinario ti raccomandi di somministrare un probiotico canino o un cibo contenente polpa di barbabietola ricco di probiotici. Questi ultimi riescono a riequilibrare la flora intestinale diminuendo la produzione di gas.[8]
    • Segui le raccomandazioni del veterinario riguardo alla posologia e alla somministrazione. Evita assolutamente i probiotici destinati al consumo umano.
  3. 3
    Usa il carbone attivo o gli enzimi digestivi. Consulta il veterinario per sapere se puoi aggiungere enzimi digestivi nel cibo del cane. Contribuiscono a decomporre il cibo più facilmente e a ridurre il meteorismo. Inoltre, potresti utilizzare per un breve periodo di tempo (massimo 3 giorni) le compresse di carbone attivo per cani, in modo da facilitare la disgregazione dei carboidrati durante la digestione.[9]
    • Per agevolare l'assunzione del carbone attivo, dovresti schiacciare le compresse e mescolarle nella pappa.
  4. 4
    Incoraggialo a muoversi. Porta il cane a passeggio dopo i pasti o lascialo correre in giardino. L'attività fisica può aiutare la peristalsi impedendo ai gas in eccesso di restare intrappolati nell'intestino. I veterinari concordano sul fatto che, quando il cane è attivo fisicamente, ha una minore probabilità di soffrire di flatulenza.[10]
    • Individua qual è il momento migliore per portarlo a passeggio. Per esempio, potresti scoprire che produce meno gas quando cammina dopo i pasti.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Viaggiare in Auto col Tuo Cane

Come

Vivere in una Casa con più Cani

Come

Vivere con un Carlino

Come

Riconoscere un Cane che Sta per Morire

Come

Insegnare al tuo Cucciolo a Smettere di Mordere

Come

Insegnare ai Cuccioli a Fare i Bisogni Fuori Casa

Come

Prendersi Cura di un Cane dopo la Sterilizzazione

Come

Insegnare a un Cucciolo a Non Mordere

Come

Solidificare le Feci del tuo Cane

Come

Riconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei Cani

Come

Misurare la Febbre al Cane Senza Usare il Termometro

Come

Identificare i Vermi dei Cani

Come

Occuparsi di un Barboncino Toy

Come

Capire se il Tuo Cane è Depresso
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Pippa Elliott, MRCVS
Veterinaria del Royal College of Veterinary Surgeons
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. La Dottoressa Elliott è una veterinaria con oltre trenta anni di esperienza. Si è laureata all'Università di Glasgow nel 1987 e ha lavorato come specialista in chirurgia veterinaria per sette anni. In seguito, ha lavorato per più di dieci anni come veterinaria in una clinica per animali. Questo articolo è stato visualizzato 7 228 volte
Categorie: Cani
Questa pagina è stata letta 7 228 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità