Come Trattare la Gotta in Gravidanza

Scritto in collaborazione con: Carrie Noriega, MD

In questo Articolo:Cambiamenti AlimentariAttenuare i Sintomi della GottaProvare un Trattamento Medico16 Riferimenti

Non è molto comune contrarre la gotta durante la gravidanza, ma succede. Questo disturbo può provocare sintomi quali gonfiore e dolore articolare, solitamente a carico dell'alluce. Purtroppo la maggior parte dei farmaci usati per trattare la gotta non è stata testata a sufficienza per confermarne la sicurezza in epoca gestazionale. È però possibile provare a combattere il problema per mezzo dell'alimentazione e apportando dei cambiamenti allo stile di vita.

1
Cambiamenti Alimentari

  1. 1
    Bevi molta acqua [1]. Assicurati di bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno. Durante la gravidanza aumenta la quantità di liquidi in circolazione. Una parte di essa filtra nei tessuti, dove può accumularsi e causare un edema.
    • Durante la gestazione ciò può provocare disidratazione, acuendo i sintomi associati alla gotta. È necessario recuperare i liquidi perduti idratandosi di più.
    • L'acqua favorisce il normale funzionamento dei reni depurandoli e diluendo i cristalli di acido urico, prodotti in maggiori quantità. Ciò aiuta a sua volta a ridurre la quantità di cristalli di acido urico depositati nelle articolazioni, attenuando i sintomi e diminuendo la frequenza con cui si manifestano gli episodi di gotta.
    • In gravidanza bisogna sempre avere una bottiglia d'acqua a portata di mano. Ricorda anche che bisogna consumare più liquidi dopo aver fatto attività fisica e nei mesi più caldi.
  2. 2
    Limita il consumo di sale. Evita tutti i pasti o gli spuntini che ne siano pieni. Il sale contiene alte quantità di sodio, che aggrava la ritenzione idrica e causa l'accumulo di liquidi sulle estremità delle articolazioni infiammate, peggiorando la situazione.
    • Non salare eccessivamente le pietanze che prepari. Evita anche i cibi da fast food, notoriamente pieni di sale. Si sconsigliano inoltre snack come patatine e salatini.
    • Fai attenzione anche alle fonti di sale non sospette, per esempio i cibi in scatola, dove viene usato come conservante.
  3. 3
    Integra più carboidrati complessi nella tua alimentazione. Contenuti in cibi come cereali integrali, frutta e verdura, aiutano ad attenuare i sintomi associati alla gotta. Evita invece i carboidrati lavorati e raffinati, contenuti in prodotti da forno, dolciumi, bevande zuccherate e qualsiasi prodotto a base di sciroppo di mais [2].
    • Cerca di mangiare 1-2 porzioni di verdure a ogni pasto. Preferisci la frutta per gli spuntini, provando a mangiarne 2-3 porzioni al giorno.
    • Quando cucini, sostituisci la farina bianca con quella integrale.
    • Preferisci la pasta e il riso integrale.
  4. 4
    Preferisci le versioni scremate di latte e derivati. In caso di gotta è meglio evitare i grassi. Per ridurne il consumo, opta per latte e derivati scremati, come [3]:
    • Yogurt magro;
    • Latte scremato;
    • Formaggio magro;
    • Gelato preparato con latte scremato o yogurt gelato.
  5. 5
    Limita il consumo di carne rossa [4]. Per trattare la gotta è bene minimizzare quanto più possibile il consumo di questo alimento e di tutte le altre fonti ricche di purine.
    • Quando vengono metabolizzate, le purine rilasciano acido urico, quindi ridurre il consumo dei cibi che ne sono ricchi è essenziale per evitare episodi di gotta in epoca gestazionale.
    • Alcuni cibi ricchi di purine: carne rossa (come manzo e pancetta), agnello, cervo, tacchino, prosciutto, anatra, pollo, organi come cervello, fegato o reni, pesci e frutti di mare come acciughe, sardine, granchio, aragosta, salmone, tonno, crostacei e ostriche, lenticchie, asparagi, cavolfiore, fagioli rossi, fagioli di Lima, avena, piselli, spinaci e funghi.
    • Non devi eliminarli completamente dalla tua alimentazione, ma cerca di limitarne il consumo a circa 150 mg al giorno. Prima di passare a una dieta a basso contenuto di purine, parlane con il tuo ginecologo.
  6. 6
    Mangia più frutti di bosco. Contenendo elevate quantità di antocianine (antiossidanti), sono considerati ottimi per gli individui affetti da gotta.
    • Questi antiossidanti possono combattere i radicali liberi, che vengono rilasciati dai cristalli di acido urico dopo aver arrecato danni a cellule e tessuti. Hanno ottime proprietà antinfiammatorie che possono alleviare l'infiammazione articolare dovuta alla gotta.
    • Ciò significa che possono combattere naturalmente dolore e gonfiore. Alcuni studi dimostrano anche che sono in grado di abbassare la concentrazione di acido urico nel sangue.
    • Tutti i frutti di bosco, fra cui more, lamponi, fragole e ciliegie, contengono elevate quantità di antocianine.
  7. 7
    Mangia cibi ricchi di vitamina C [5], un potente antiossidante che aiuta a ricostruire il tessuto connettivo e il collagene delle articolazioni infiammate. Favorisce inoltre un corretto funzionamento renale diminuendo i livelli di acido urico nel sangue. Tutto questo ha un effetto coadiuvante nel trattamento della gotta.
    • Per abbassare la concentrazione di acido urico si raccomandano 500 mg di vitamina C al giorno. Anche gli agrumi, come arance e limoni, sono fonte di acido ascorbico: si tratta infatti di frutti alcalinizzanti che contrastano gli effetti dell'acido urico nell'organismo, inoltre diminuiscono la formazione e i depositi di cristalli nelle articolazioni.
    • Ciò riduce sostanzialmente gli episodi di gotta più acuti, in quanto combatte l'infiammazione e il gonfiore articolare.
  8. 8
    Tieni sotto controllo il consumo di grassi [6]. Durante la gravidanza bisogna preferire i grassi insaturi, come latte e derivati scremati (latte, yogurt, eccetera). Evita invece i grassi saturi, come quelli che si trovano nei cibi lavorati, nei cibi da fast food, nei latticini prodotti con latte intero o nei residui di grasso contenuti nella carne rossa.
    • I grassi saturi sono nocivi per l'organismo. Possono scatenare episodi di gotta, in quanto intrappolano l'acido urico nel corpo e inibiscono la capacità di liberarsene. Ciò stimola dunque la formazione di cristalli di acido urico. Essi vengono depositati nelle articolazioni, provocando attacchi di gotta e intensificando la frequenza degli episodi dolorosi.
    • Inoltre, i grassi saturi possono incidere sul peso corporeo, aumentando il rischio di obesità. Anche questa sindrome è un fattore scatenante associato alla gotta: il peso grava sulle articolazioni interessate dall'irritazione. Oltre a stressarle, acuisce l'infiammazione e l'edema, peggiorando la situazione in generale.
    • Controllare il consumo di grassi e preferire quelli insaturi farà una grande differenza, aiutando a contrastare gli attacchi di gotta [7].

2
Attenuare i Sintomi della Gotta

  1. 1
    Tieni sotto controllo il peso durante la gravidanza. Prenderne troppo acuirà i sintomi associati alla gotta. Tuttavia, non provare a dimagrire in epoca gestazionale. Impegnati a mangiare sano e monitora regolarmente i chili presi. Anche le donne affette da obesità devono comunque acquisire 5-10 kg [8].
    • Rivolgiti al tuo ginecologo per chiedergli raccomandazioni specifiche in merito all'alimentazione e all'aumento di peso in gravidanza.
    • Se si tratta di una gravidanza gemellare o plurigemellare, bisogna acquistare più peso. Parlane con il tuo ginecologo per valutare la tua situazione concreta.
  2. 2
    Applica del ghiaccio sull'articolazione interessata [9]. È un metodo molto efficace per attenuare il gonfiore e l'accumulo di liquidi nella zona dell'articolazione colpita dalla gotta. Combatte inoltre altri sintomi dell'infiammazione, come rossore, sensazione di calore cutaneo e dolore.
    • L'effetto rinfrescante del ghiaccio stimola la vasocostrizione dei capillari che si trovano nella zona dell'articolazione interessata, limitando dunque la filtrazione dei liquidi e aiutando a trattare l'edema (gonfiore) localizzato.
    • Mai applicare i cubetti di ghiaccio direttamente sulla pelle, altrimenti rischi di danneggiare i tessuti. Avvolgili invece con un asciugamano di cotone prima di appoggiarli sulla zona interessata.
    • Se non dovessi avere del ghiaccio a disposizione, usa una busta di verdure, ortaggi o legumi surgelati, come mais o piselli. Avvolgila con della carta da cucina o un asciugamano prima dell'utilizzo.
    • Fai l'impacco per circa 20 minuti. Ripetilo 3-4 volte al giorno per combattere dolore e infiammazione.
  3. 3
    Solleva l'articolazione infiammata [10] al di sopra del livello del cuore. Se l'articolazione interessata si trova sulle estremità inferiori, come l'alluce, è bene sedersi o sdraiarsi, sostenendo la caviglia con un cuscino. Lo stesso vale per le articolazioni di caviglie e ginocchia.
    • Se le articolazioni interessate includono gomiti, polsi o dita, usa dei cuscini per sollevarle e sostenerle all'altezza del torace. Aiutati con una poltrona o una scrivania.
  4. 4
    Avvolgi l'articolazione interessata con una foglia di cavolo freddo. È una soluzione naturale alla portata di tutte, efficace per combattere l'edema (gonfiore) articolare.
    • Si tratta di un metodo tradizionale per attenuare il gonfiore articolare. Le foglie di cavolo hanno ottimi agenti antinfiammatori, quali sinigrina, acido lattico e vitamina C, noti grazie alle loro proprietà antiossidanti e antibatteriche. È dunque una tecnica naturale per attenuare l'edema.
    • Ti conviene mettere le foglie nel frigorifero prima dell'uso. Una volta che saranno diventate ben fredde, avvolgile intorno all'alluce (per esempio), quindi fissale con una benda. Per facilitare la procedura bisogna rimuovere lo stelo centrale, che ha una consistenza dura.
    • Lasciale in posa per tutta la notte. Sono efficaci per combattere gli episodi di gotta notturni. Puoi usarle anche di giorno, facendo impacchi di 4-6 ore.
  5. 5
    Indossa vestiti larghi. Se soffri di dolorosi episodi di gotta che interessano le articolazioni di busto e arti superiori, come quelle di polsi o dita, per qualche tempo evita di usare accessori stretti quali bracciali o anelli.
    • I vestiti e gli accessori stretti possono esercitare una maggiore pressione sulle articolazioni gonfie e irritate. Ciò può essere piuttosto fastidioso, specialmente nell'ultimo trimestre della gravidanza.
    • Se i polsi o le dita dovessero gonfiarsi, togliti gli accessori e consulta immediatamente il tuo medico, prima che si verifichi l'episodio di gotta.
  6. 6
    Fai regolarmente attività fisica [11]. L'esercizio aerobico (come pedalare sulla cyclette, camminare o nuotare) accelera il battito cardiaco. Allenarsi almeno 3 volte alla settimana può aiutare ad attenuare i sintomi associati alla gotta. Evita però gli esercizi che arrecherebbero dolore alle articolazioni interessate. Per esempio, se si è gonfiato l'alluce e hai difficoltà a camminare, opta per un allenamento diverso, come pedalare sulla cyclette in palestra.
  7. 7
    Prova l'infuso di tarassaco. È un altro metodo naturale e sicuro per attenuare il gonfiore delle articolazioni infiammate. Il tarassaco è una pianta che permette ai reni di espellere dall'organismo tutti i liquidi indesiderati.
    • Il tarassaco è un diuretico naturale molto efficace per alleviare e trattare gli edemi localizzati. Ciò è dovuto alla sua elevata concentrazione di potassio, che diminuisce i liquidi accumulati nell'organismo ed equilibra i sali minerali.
    • Per preparare l'infuso, versa un cucchiaino di foglie essiccate in un bicchiere d'acqua, quindi porta a ebollizione. Lascia la tisana in infusione per 5 minuti e bevila.
    • Prima di usare le foglie di tarassaco, discutine con il tuo ginecologo. Se soffri di colecistite, prendi degli anticoagulanti o sei a rischio di ipercaliemia (eccesso di potassio nel sangue) perché assumi simultaneamente un diuretico risparmiatore di potassio, potrebbe sconsigliarti questa pianta.
  8. 8
    Bevi il caffè con moderazione. Anche una quantità limitata di caffeina può aiutare ad attenuare i sintomi associati alla gotta [12]. Assicurati solo di non berne più di 1-2 tazzine al giorno in epoca gestazionale.

3
Provare un Trattamento Medico

  1. 1
    Rivolgiti al tuo medico per vagliare medicinali e altre opzioni. La maggior parte dei farmaci usati per la gotta non è stata sottoposta a un numero sufficiente di prove per confermarne la sicurezza in epoca gestazionale [13].
    • Piuttosto che prescrivere medicinali, i ginecologi consigliano solitamente di apportare dei cambiamenti all'alimentazione e allo stile di vita.
    • Tuttavia, se il caso di gotta dovesse essere grave (o il disturbo dovesse persistere dopo il parto), il medico ti consiglierà di prendere dei farmaci mirati.
    • Mai assumere un medicinale senza prima aver consultato il proprio ginecologo.
  2. 2
    Considera la colchicina [14]. Solitamente venduto sotto forma di compresse, è uno dei primi trattamenti prescritti in caso di episodi acuti. È molto efficace per trattare la gotta, ma finora non sono stati effettuati abbastanza studi per confermarne la sicurezza in gravidanza.
    • Soppesa i potenziali rischi e i potenziali benefici di questo medicinale con il tuo ginecologo.
  3. 3
    Opta per i corticosteroidi [15], come il prednisone. Vengono generalmente considerati un'opzione secondaria a FANS e/o colchicina. Possono essere assunti sotto forma di compressa o iniettati direttamente nell'articolazione interessata per ridurre l'infiammazione. Questa soluzione è spesso la più indicata per le donne incinte, in quanto un'iniezione locale è meno rischiosa per il feto.
  4. 4
    Considera l'allopurinolo, che aiuta a prevenire ricadute [16]. La sua funzione è quella di diminuire direttamente i livelli di acido urico, trattando e prevenendo dunque ulteriori manifestazioni di gotta. Puoi considerare di prendere questo medicinale in seguito alla guarigione da un episodio acuto per ridurre le probabilità che si ripresenti in futuro.
    • Il tuo medico potrebbe suggerirtelo in seguito al parto per prevenire ricadute.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Carrie Noriega, MD. La Dottoressa Noriega è un'Ostetrica e Ginecologa Iscritta all'Albo dei Medici Specialisti in Colorado. Ha portato a termine il suo internato presso la University of Missouri - Kansas City nel 2005.

Categorie: Salute Donna

In altre lingue:

English: Get Rid of Gout when Pregnant, Español: eliminar la gota durante el embarazo, Português: Combater os Sintomas de Gota na Gravidez

Questa pagina è stata letta 955 volte.
Hai trovato utile questo articolo?