La pasteurellosi è una malattia respiratoria di natura batterica molto comune nei conigli. Spesso l'agente responsabile è la "Pasteurella multocida", ma può essere causata anche da altri tipi di batteri (come la "Bordetella" e lo "Staphylococcus").[1] Il trattamento comprende l'assunzione di antibiotici ed, eventualmente, altri metodi terapeutici in grado di eradicare i batteri. Se il veterinario ha diagnosticato questo problema nel tuo coniglio, inizia il trattamento tempestivamente affinché possa guarire e stare meglio.

Parte 1 di 3:
Curare la Pasteurellosi con gli Antibiotici

  1. 1
    Portalo dal veterinario. I sintomi della pasteurellosi includono gli occhi lucidi e il naso che cola. I peli sulle zampe anteriori sono solitamente opachi e ispidi perché probabilmente il tuo amico peloso usa gli arti anteriori per asciugare le secrezioni localizzate agli occhi e al naso. Anche gli starnuti sono un sintomo di questa patologia.[2] Se il tuo coniglietto presenta questo corredo sintomatologico, portalo dal veterinario per essere certo sulla diagnosi e sul trattamento.
  2. 2
    Chiedi al veterinario qual è l'antibiotico giusto da somministrare al coniglio. Esistono molti antibiotici in grado di curare le malattie di origine batterica. Per determinare quello più adatto, il veterinario preleverà un campione delle secrezioni, quindi lo sottoporrà all'esame colturale e al test di sensibilità. In questo modo, saprà quali batteri sono all'origine della pasteurellosi e quale principio attivo può combatterli più efficacemente.[3]
    • Alcuni antibiotici possono procurare gravi problemi gastrointestinali nei conigli. Il veterinario sarà in grado di scegliere non solo quello più efficace, ma anche quello che causa meno disturbi a stomaco e intestino.[4]
    • Tieni presente che nessun antibiotico costituisce una cura definitiva contro la pasteurellosi.[5]
    • L'esame colturale e il test di sensibilità potrebbero richiedere diversi giorni.
  3. 3
    Somministra l'antibiotico al coniglio. Per curare questa patologia, il veterinario prescriverà degli antibiotici orali in forma liquida che potrai somministrare con una siringa. Per semplificare le cose, chiedi al veterinario di preparare le dosi corrette riempiendo le siringhe. Al momento della somministrazione, tieni comodamente in braccio il coniglio. Introduci la siringa in un angolo delle labbra e svuota delicatamente il contenuto nella bocca.
    • Il veterinario potrebbe anche prescrivere un collirio antibiotico se il coniglio soffre di congiuntivite (infiammazione dello strato che riveste la sclera).[6] Per applicarlo, tieni in braccio il coniglio e fai cadere lentamente la quantità di gocce prescritta nell'occhio da curare.
    • Il trattamento antibiotico per la pasteurellosi varia da alcune settimane a qualche mese, specialmente se è cronica.[7]
    • Continua a somministrare tutta la terapia antibiotica al coniglio, anche quando comincia a stare meglio. Se interrompi precocemente il trattamento, i batteri rimasti nell'organismo possono sviluppare una resistenza agli antibiotici.[8]
    • Se non sai somministrare i farmaci prescritti, chiedi al veterinario di mostrarti il procedimento.
  4. 4
    Controlla l'insorgere di problemi gastrointestinali. La flora intestinale del coniglio contiene batteri "buoni" che favoriscono la digestione. Gli antibiotici possono ucciderli e consentire a quelli "cattivi" di moltiplicarsi. C'è il rischio che questi ultimi rilascino tossine che nuocciono alla salute del tuo amico peloso.[9] I segni che indicano problemi gastrointestinali includono una ridotta produzione di materia fecale e un'eccessiva morbidezza all'addome (dovuta all'accumulo di gas).[10][11]
    • Se in concomitanza con la terapia antibiotica il coniglio manifesta problemi gastrointestinali, contatta subito il veterinario. Prescriverà un altro antibiotico.
    • I probiotici contengono batteri sani che regolano la digestione. Chiedi al veterinario se puoi somministrarli al tuo coniglio affinché ripristini la flora batterica intestinale.[12]
  5. 5
    Fai attenzione ai segni che indicano un miglioramento. Il tuo amico peloso comincerà a sentirsi meglio grazie alla terapia antibiotica. Le secrezioni di naso e occhi dovrebbero cessare, così come gli starnuti. Tuttavia, tieni conto che il miglioramento delle condizioni fisiche potrebbe essere solo temporaneo, perché c'è il rischio che si ammali nuovamente una volta che avrà interrotto l'assunzione di questi farmaci.[13] Se i sintomi ricompaiono, potrebbe essere affetto da una forma cronica di pasteurellosi.
    • Porta il coniglio dal veterinario se i sintomi si ripresentano.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Ricorrere ad Altre Opzioni Terapeutiche

  1. 1
    Chiedi al veterinario di disostruire i dotti lacrimali. Nel coniglio, i dotti lacrimali permettono alle lacrime di defluire dagli occhi attraverso la cavità nasale.[14] In caso di pasteurellosi, si ostruiscono a causa della produzione di pus e batteri, di conseguenza il veterinario provvederà a liberarli con una soluzione salina. Probabilmente dovrà sedare il coniglio per poter procedere al lavaggio delle vie lacrimali.[15]
    • Durante questa manovra, il veterinario farà attenzione a non danneggiare i canali nasolacrimali.[16]
  2. 2
    Prepara una camomilla. Oltre ad avere un effetto calmante, lo aiuterà a respirare meglio. Prepara una dose più forte di quella che bevi normalmente e aggiungi un cucchiaino di miele.
  3. 3
    Permetti al veterinario di eseguire un intervento chirurgico. Quando un coniglio è affetto da pasteurellosi, l'organismo può provare a eradicare l'infezione formando ascessi (accumuli di pus) in diverse parti del corpo. Per rimuoverli, è necessario sottoporre il soggetto a un intervento chirurgico, perché la produzione di essudato purulento è troppo consistente per essere drenata.[17] Di seguito, troverai alcune indicazioni da tenere a mente riguardo alla rimozione chirurgica degli ascessi:[18]
    • Quelli associati alle forme croniche di pasteurellosi sono difficili da eliminare, perché hanno avuto il tempo di diffondersi all'interno del corpo.
    • Il tessuto circostante potrebbe essere morto o in fase di decomposizione. Pertanto, è probabile che il veterinario sia costretto ad asportare una parte più cospicua rispetto all'aera interessata dall'ascesso.
    • L'intervento chirurgico è appropriato solo quando si formano ascessi nelle zone periferiche dell'organismo. Se si sviluppano ascessi polmonari, c'è la probabilità che la chirurgia non sia di grande aiuto.
    • Probabilmente saranno necessari diversi interventi chirurgici per liberare il coniglio di tutti gli ascessi.
    • Dopo l'operazione dovrai prestare al tuo amico peloso le cure di cui ha bisogno. In altre parole, dovrai pulire la ferita e controllare il sito dell'incisione per evitare l'insorgere di infezioni (che causano gonfiore, secrezioni verdi o giallastre).
  4. 4
    Tratta i sintomi neurologici. A volte, la pasteurellosi può colpire il sistema nervoso centrale (che comprende il cervello e il midollo spinale) e, di conseguenza, causare problemi neurologici, come torcicollo e nistagmo (movimento involontario e rapido degli occhi). Se il tuo amico peloso ha problemi neurologici, il veterinario prescriverà dei farmaci per curare questi disturbi.[19]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Mettere il Coniglio a Suo Agio Durante il Trattamento

  1. 1
    Procurati un'altra gabbia. La pasteurellosi è una malattia molto contagiosa tra i conigli. Se il tuo piccolo amico ne è affetto, tienilo in una gabbia separata finché non avrà terminato le cure.[20] Stando da solo, potrebbe sentirsi un po' più a suo agio.
  2. 2
    Posiziona la gabbia in una zona tranquilla. La pasteurellosi può aggravare le condizioni fisiche del coniglio, che sicuramente vorrà un po' di pace e tranquillità man mano che si riprende. Quindi, metti la gabbia lontano da ambienti rumorosi (televisione, radio) o dal passaggio frequente di persone. Tuttavia, evita di isolarlo del tutto. Dovrebbe essere in un posto in cui puoi tenerlo d'occhio facilmente.[21]
  3. 3
    Allontana la gabbia dalle correnti d'aria. Una continua corrente d'aria nelle vicinanze potrebbe peggiorare ulteriormente le sue condizioni di salute. Una volta individuata una zona tranquilla, assicurati che non vi siano spifferi provenienti da prese d'aria all'altezza del pavimento o dal soffitto.[22]
  4. 4
    Pulisci la gabbia. Se la tieni in perfette condizioni igieniche, aiuterai il coniglio a sentirsi meglio man mano che guarisce. Pulendola regolarmente, ti assicurerai che si conservi in un ottimo stato. Le pulizie giornaliere comprendono l'eliminazione del cibo non consumato, il lavaggio delle ciotole per l'acqua e la pappa con acqua calda e detersivo e la rimozione delle deiezioni liquide e solide.[23]
    • Ogni due settimane circa, effettua una pulizia più profonda. In altre parole, dovresti disinfettare la gabbia e il contenitore della lettiera, lavare il materiale su cui dorme e disinfettare i giocattoli.
    • Togli il coniglio dalla sua gabbia prima di iniziare a pulirla. Puoi metterlo in un altro contenitore.
    Pubblicità

Consigli

  • Fortunatamente, molti casi di pasteurellosi non sono gravi. Se rilevata in tempo, può essere gestita o addirittura curata.[24]
  • Il modo in cui un coniglio affetto da pasteurellosi risponde alle cure dipende da alcuni fattori, tra cui la sua immunocompetenza e da quanto tempo ha contratto questa malattia.[25]
  • Nella maggior parte dei casi, i conigli curati contro la pasteurellosi ne diventano portatori.[26] Ciò significa che nel loro organismo sono ancora presenti i batteri, senza causare sintomi. Tuttavia, possono trasmettere l'infezione ad altri soggetti.

Pubblicità

Avvertenze

  • In alcuni casi, la pasteurellosi è difficile da curare e tenere sotto controllo.[27]
  • Se non viene trattata, può diventare grave e persino mortale.[28]
  • Lo stress può aggravare le condizioni fisiche di un coniglio affetto da pasteurellosi.[29]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Creare un Habitat per le Tartarughe di Terra

Come

Allevare un Cucciolo di Tartaruga

Come

Liberarsi dei Gechi Comuni in Casa

Come

Tenere gli Inseparabili (Pappagallini) come Animali Domestici

Come

Riconoscere un Ragno Lupo

Come

Prendersi Cura di un Riccio

Come

Far Uscire le Lucertole da Casa Tua

Come

Convincere i Tuoi Genitori a Prenderti un Cane

Come

Identificare i Ragni

Come

Sopravvivere all'Attacco di un Lupo

Come

Prendersi Cura di una Mantide Religiosa

Come

Capire il Tuo Coniglietto

Come

Catturare una Lucertola Senza Usare le Mani

Come

Nutrire una Tartaruga che si Rifiuta di Mangiare
Pubblicità
  1. http://lafeber.com/vet/gastrointestinal-problems-in-rabbits/
  2. http://www.rabbitmeadows.org/shelter/faq.asp?id=2
  3. http://towncentrevet.ca/snuffles-pasteurellosis/
  4. http://www.lbah.com/word/rabbit/pasteurella-rabbit/
  5. http://www.bio.miami.edu/hare/weepy.pdf
  6. http://www.goddardvetgroup.co.uk/pet-factsheets/Factsheets/Otherpets/24_286507.shtml
  7. http://www.merckvetmanual.com/mvm/exotic_and_laboratory_animals/rabbits/bacterial_and_mycotic_diseases_of_rabbits.html
  8. http://www.merckvetmanual.com/mvm/exotic_and_laboratory_animals/rabbits/bacterial_and_mycotic_diseases_of_rabbits.html
  9. http://www.lbah.com/word/rabbit/pasteurella-rabbit/
  10. http://www.lbah.com/word/rabbit/pasteurella-rabbit/
  11. http://articles.extension.org/pages/33019/respiratory-diseases-in-rabbits
  12. http://articles.extension.org/pages/33019/respiratory-diseases-in-rabbits
  13. http://articles.extension.org/pages/33019/respiratory-diseases-in-rabbits
  14. http://www.peteducation.com/article.cfm?c=18+1798&aid=3579
  15. http://www.vcahospitals.com/main/pet-health-information/article/animal-health/rabbits-diseases/1018
  16. http://towncentrevet.ca/snuffles-pasteurellosis/
  17. http://www.merckvetmanual.com/mvm/exotic_and_laboratory_animals/rabbits/bacterial_and_mycotic_diseases_of_rabbits.html
  18. http://www.lbah.com/word/rabbit/pasteurella-rabbit/
  19. http://www.vcahospitals.com/main/pet-health-information/article/animal-health/rabbits-diseases/1018
  20. http://www.isabellevets.co.uk/rabbit-respiratory-disease

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 4 940 volte
Categorie: Animali
Questa pagina è stata letta 4 940 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità