Scarica PDF Scarica PDF

La sindrome del tunnel carpale è causata dalla compressione e dall'irritazione del nervo mediano; causa dolore, intorpidimento, formicolio e/o debolezza di mano e polso.[1] Gli stiramenti o le slogature frequenti, le fratture, un'anatomia anomala del polso, l'artrite e altre patologie possono comportare una riduzione dello spazio interno del tunnel carpale e aumentare il rischio di questo disturbo. I sintomi si possono spesso curare a casa, sebbene siano necessari degli interventi medici per eliminarli completamente.

Parte 1
Parte 1 di 2:
Trattare la Sindrome del Tunnel Carpale a Casa

  1. 1
    Evita di comprimere il nervo mediano. Il tunnel carpale è un passaggio stretto all'interno del polso, delimitato da piccole ossa del carpo connesse dai legamenti. Il tunnel protegge i nervi, i vasi sanguigni e i tendini. Il nervo principale che consente il movimento e la sensibilità tattile della mano è quello mediano;[2] evita quindi le attività che lo irritano e lo comprimono, come piegare i polsi, sollevare oggetti pesanti, dormire con i polsi piegati e prendere a pugni superfici solide.
    • Assicurati che l'orologio e i braccialetti siano piuttosto laschi attorno al polso – se fossero troppo stretti potrebbero irritare il nervo.
    • Nella maggioranza dei casi, è difficile identificare una singola causa; questa neuropatia di solito è generata da una combinazione di fattori, come sforzi ripetitivi a livello del polso in associazione con l'artrite o il diabete.
    • L'anatomia del polso può fare la differenza. Molte persone hanno un tunnel più piccolo congenito oppure delle ossa del carpo con una forma anomala.
  2. 2
    Esegui regolarmente degli esercizi di allungamento per i polsi. Lo stretching quotidiano può essere utile per ridurre e minimizzare i sintomi della sindrome del tunnel carpale.[3] In particolare, estendendo i polsi puoi aumentare lo spazio a disposizione del nervo mediano all'interno del tunnel carpale perché allunghi i legamenti circostanti. Il modo migliore per allungare/stendere simultaneamente entrambe le articolazioni è quello di assumere la "posizione di preghiera". Unisci i palmi e porta le mani davanti a te, a circa 15 cm dal petto. Solleva i gomiti finché non percepisci una certa tensione in entrambi i polsi. Mantieni la posizione per 30 secondi e ripeti l'esercizio 3-5 volte al giorno.
    • In alternativa, afferra le dita della mano colpita e tirale all'indietro finché non avverti un po' di tensione nella parte anteriore del polso.[4]
    • Lo stretching potrebbe innescare temporaneamente un numero maggiore di sintomi della sindrome del tunnel carpale, ma non devi interromperlo, a meno che non provi un vero dolore; il disagio diminuirà con il tempo.
    • Oltre al formicolio della mano, gli altri sintomi comuni associati a questa neuropatia sono: intorpidimento, dolore pulsante, debolezza muscolare e/o alterazione del colore della pelle (dal pallore fino all'arrossamento).
  3. 3
    Scuoti le mani. Se ti accorgi di avere perso la sensibilità delle estremità o provi una dolenzia sorda a polsi e mani, agitarle con vigore per 10-15 secondi può essere una rapida soluzione temporanea; il movimento è simile a quello che fai quando cerchi di scuotere via l'acqua per asciugare le mani. Questo gesto migliora la circolazione del sangue verso il nervo mediano e ti libera temporaneamente dai sintomi.[5] In base al tipo di lavoro che svolgi, dovrai rassegnarti a scuotere le mani diverse volte al giorno per controllare la sintomatologia di questa patologia.
    • Sovente i disturbi associati alla malattia si manifestano (e iniziano) nel pollice, nell'indice, nel medio e parzialmente nell'anulare; questo è il motivo per cui le persone che ne soffrono lasciano cadere di frequente gli oggetti e si sentono impacciate.
    • Il mignolo è l'unica parte della mano che non viene colpita dalla sindrome perché non è innervato dal mediano.
  4. 4
    Indossa un tutore specifico per il polso. Una polsiera semi-rigida, una stecca o un tutore possono essere d'aiuto per prevenire il disagio, dato che mantengono l'articolazione in una posizione neutra senza farla piegare.[6] Le stecche e i tutori dovrebbero essere indossati durante quelle attività che in teoria potrebbero aggravare la situazione, ad esempio digitare su una tastiera, portare le borse della spesa, guidare e giocare a bowling. Le polsiere offrono sostegno durante il sonno e possono limitare i sintomi notturni, soprattutto se hai l'abitudine di dormire con le mani sotto il corpo.[7]
    • Forse dovrai indossare questi dispositivi per diverse settimane (notte e giorno) per trarne benefici significativi. Tuttavia, per alcune persone, si tratta di giovamenti trascurabili.
    • L'uso di stecche durante la notte è un'ottima soluzione per le donne incinte che soffrono di sindrome del tunnel carpale, perché la gravidanza aumenta il gonfiore delle estremità.
    • Le polsiere, le stecche e i tutori sono disponibili nei negozi di ortopedia, nella maggior parte delle farmacie e nei negozi di forniture mediche.
  5. 5
    Valuta di modificare la posizione in cui dormi. Alcune posture del sonno possono aggravare il disagio, riducendo di conseguenza la quantità e la qualità del riposo.[8] Nello specifico, se dormi con i pugni serrati e/o le mani sotto il corpo con i polsi piegati assumi le posizioni peggiori per quanto riguarda i sintomi della sindrome del tunnel carpale; tuttavia, portare la mani sopra la testa non rappresenta una soluzione migliore. Cerca invece di riposare supino o di fianco con le braccia vicine al corpo, tieni le mani aperte e i polsi in posizione neutra; in questo modo, favorisci la normale circolazione del sangue e la trasmissione dei segnali nervosi.
    • Come già descritto in precedenza, può risultare utile usare tutori durante la notte per contrastare le posture che peggiorano la neuropatia; tuttavia, è necessario un po' di tempo per abituarsi a indossarli.
    • Non dormire prono (sulla pancia) con i polsi schiacciati sotto il cuscino. Le persone che hanno questa abitudine si svegliano spesso con le mani intorpidite e colpite da formicolio.
    • La maggior parte delle polsiere è fatta di nylon e si chiude con del velcro, ma questi materiali possono irritare la cute. Vale la pena coprire il dispositivo con un calzino o un panno leggero per minimizzare tale effetto.
  6. 6
    Osserva con attenzione l'ambiente di lavoro. Oltre che dalla postura che assumi quando dormi, i sintomi della neuropatia sono innescati o aggravati da una postazione di lavoro inappropriata. Se la tastiera del computer, il mouse, la scrivania o la sedia non sono nella giusta posizione in base alla tua altezza e proporzioni fisiche, i polsi, le spalle, il collo e la parte centrale della schiena vengono sottoposti a stress. Verifica che la tastiera si trovi nel punto giusto, in modo che i polsi non si estendano continuamente all'indietro mentre digiti.[9] Valuta di acquistare una tastiera e un mouse ergonomici; il datore di lavoro potrebbe farsi carico dei costi.
    • Metti dei cuscinetti imbottiti sotto la tastiera e il mouse per ridurre l'impatto su polsi e mani.
    • Chiedi a un terapista occupazionale di ispezionare la postazione di lavoro e di suggerirti dei cambiamenti personalizzati in base al tuo fisico.
    • Le persone che lavorano al computer o ai registratori di cassa (come i cassieri) corrono un rischio maggiore di sviluppare la sindrome del tunnel carpale.[10]
  7. 7
    Prendi un farmaco da banco. I sintomi di questa neuropatia sono spesso correlati all'infiammazione e al gonfiore del polso che irritano il nervo mediano e i vasi sanguigni circostanti. L'assunzione di antinfiammatori in libera vendita (FANS), come l'ibuprofene (Brufen, Moment) o il naprossene (Aleve), può rivelarsi molto utile per minimizzare il disagio, almeno nel breve periodo.[11] Gli antidolorifici, come il paracetamolo (Tachipirina), vengono utilizzati per combattere la dolenzia che accompagna la sindrome, ma non hanno alcun effetto sulla flogosi e l'edema.
    • I FANS e gli analgesici andrebbero considerati solo delle soluzioni a breve termine per controllare il dolore. Non ci sono prove che questi farmaci possano curare o migliorare la sindrome del tunnel carpale nel lungo periodo.[12]
    • L'assunzione prolungata dei FANS (o un dosaggio eccessivo) aumenta significativamente il rischio di gastrite, ulcere e insufficienza renale. Leggi sempre il bugiardino per conoscere la posologia.
    • Un abuso di paracetamolo o l'assunzione prolungata causa danni al fegato.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 2:
Sottoporsi a Trattamenti Medici per la Sindrome del Tunnel Carpale

  1. 1
    Fissa un appuntamento con il medico di famiglia. Se provi i sintomi descritti in precedenza per più di poche settimane, chiama l'ambulatorio del dottore per fissare una visita. Il medico controllerà il polso e la mano, ti prescriverà delle radiografie e degli esami del sangue per escludere altre patologie con sintomatologia analoga, ad esempio l'artrite reumatoide, l'osteoartrite, il diabete, la frattura da stress nel polso o problemi vascolari.
    • Spesso vengono eseguiti degli esami elettrofunzionali (elettromiografia e conduzione nervosa) per confermare la diagnosi, perché possono misurare la funzionalità del nervo mediano.[13]
    • Probabilmente ti verrà chiesto di eseguire dei movimenti o delle azioni che in genere mettono in difficoltà le persone che soffrono di questa neuropatia, ad esempio serrare il polso, unire il pollice all'indice oppure spostare piccoli oggetti con precisione.[14]
    • Il medico potrebbe farti delle domande sul tuo lavoro, dato che alcuni sono ad alto rischio per questo disturbo; ad esempio i carpentieri, i cassieri, gli operai in catena di montaggio, i musicisti, i meccanici e gli individui che lavorano molto al computer sono particolarmente suscettibili alla sindrome del tunnel carpale.
  2. 2
    Fatti visitare da uno specialista, come un fisioterapista o un massofisioterapista.
    • Fisioterapista: nella maggioranza dei casi la sindrome del tunnel carpale può essere trattata in maniera conservativa. Questo professionista valuterà lo stato delle articolazioni, dei muscoli e dei legamenti per comprendere la causa di fondo del disturbo. La cura potrebbe prevedere delle sessioni di onde d'urto per ridurre l'infiammazione e promuovere la guarigione, degli esercizi per migliorare al flessibilità e la forza dei muscoli colpiti, ma anche delle "lezioni" di ergonomia per valutare la postazione di lavoro, le mansioni quotidiane e apportare dei cambiamenti opportuni allo scopo di ridurre ogni fattore di stress.
    • Massofisioterapista: alcuni quadri sintomatici sono associati alla sindrome dolorosa miofasciale, una malattia correlata alla presenza dei "nodi muscolari". La ricerca ha dimostrato che i nodi muscolari sono frequenti nei pazienti con la sindrome del tunnel carpale;[15] inoltre, un altro studio ha rilevato che i trattamenti per questi nodi migliorano le condizioni delle mani.[16]
  3. 3
    Prova le iniezioni di corticosteroidi. Il medico potrebbe consigliarti di sottoporti a iniezioni localizzate di questi farmaci (come il cortisone) per alleviare il dolore, l'infiammazione e gli altri sintomi.[17] Si tratta di medicinali forti, ad azione rapida, che riducono l'edema e alleviano la pressione sul nervo mediano. In alternativa, puoi prenderli per bocca, ma si ritiene che non siano così efficaci come le iniezioni; inoltre, la terapia sistemica ha effetti collaterali più evidenti.
    • I corticosteroidi usati spesso per la sindrome del tunnel carpale sono il prednisolone, il desametasone e il triamcinolone.
    • Le iniezioni possono però provocare alcune complicazioni, come infezioni locali, emorragia, indebolimento dei tendini, atrofia muscolare e danno nervoso. Inoltre, non è possibile sottoporsi a più di due iniezioni all'anno.
    • Se con le iniezioni cortisoniche non ottieni l'effetto sperato, dovresti considerare l'intervento chirurgico.
  4. 4
    Valuta la chirurgia del tunnel carpale come ultima risorsa. Se nessuno tra i rimedi casalinghi e medici ha avuto successo, il medico potrebbe consigliarti questa soluzione. Tale metodo invasivo è l'ultima carta da giocare, perché comporta il rischio di un danno superiore, nonostante si sia rivelato risolutivo per una buona percentuale di pazienti. L'obiettivo della chirurgia è di eliminare la pressione esercitata sul nervo mediano tagliando il legamento che ne è maggiormente responsabile.[18] Esistono due procedure principali: quella endoscopica e a cielo aperto.
    • La chirurgia endoscopica si avvale di un piccolo strumento (endoscopio) simile a un telescopio, dotato di una videocamera altrettanto piccola, che viene inserito nel tunnel carpale attraverso un'incisione del polso o della mano. L'endoscopio permette al chirurgo di vedere l'interno del polso e tagliare il legamento che causa problemi.
    • Questa procedura causa in genere meno dolore ed effetti collaterali; permette inoltre una convalescenza rapida.
    • Diversamente, la procedura a cielo aperto prevede l'esecuzione di una grande incisione nel palmo della mano e del polso per recidere il legamento e sbrigliare il nervo mediano.
    • I rischi correlati all'intervento sono: danno nervoso, infezione e sviluppo di tessuto cicatriziale – tutte conseguenze che potrebbero peggiorare la neuropatia.
  5. 5
    Sii paziente durante il recupero. Dopo esserti sottoposto a un intervento in day-surgery, dovrai tenere spesso la mano a un livello superiore del cuore, oltre a muovere le dita per ridurre il gonfiore e prevenire la rigidità dell'arto.[19] Nei sei mesi successivi aspettati di provare un po' di dolore; inoltre, la mano e il polso saranno infiammati e rigidi. Il recupero completo richiede fino a 12 mesi. Nelle prime 2-4 settimane dalla procedura chirurgica dovrai indossare una polsiera, anche se verrai incoraggiato a usare la mano.
    • La maggior parte dei pazienti prova sollievo dopo l'intervento; tuttavia, il recupero è lento e graduale. La forza della mano in genere torna normale dopo 2 mesi.[20]
    • La percentuale di recidive post-operatorie si aggira intorno al 10% e questi pazienti necessitano di un "ritocco" dopo molti mesi o qualche anno.
    Pubblicità

Consigli

  • La maggior parte delle persone che soffrono della sindrome del tunnel carpale non lavora al computer e non esegue attività manuali ripetitive. Esistono altre cause e fattori di rischio.
  • Se utilizzi un attrezzo a vibrazione, corri maggiori rischi di sviluppare questo disturbo, fai quindi più pause durante il lavoro.
  • Negli ambienti freddi ci sono maggiori probabilità di manifestare sintomi a mani e polsi, pertanto, tieni le estremità al caldo quanto più possibile.[21]
  • Gli integratori di vitamina B6 si sono dimostrati efficaci per alleviare la neuropatia in alcuni soggetti, sebbene i medici non ne conoscano la ragione. Sappi però che una dose eccessiva di questa vitamina causa intorpidimento e formicolio agli arti.
  • Dopo un intervento chirurgico per risolvere la sindrome del tunnel carpale, potresti provare intorpidimento per tre mesi durante la convalescenza.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Liberarsi del Mal di SchienaLiberarsi del Mal di Schiena
Alleviare la Sindrome del Tunnel Carpale con i MassaggiAlleviare la Sindrome del Tunnel Carpale con i Massaggi
Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena
Trattenere la PipìTrattenere la Pipì
Scrocchiarsi la Schiena AltaScrocchiarsi la Schiena Alta
Riconoscere i Sintomi dell'HIVRiconoscere i Sintomi dell'HIV
Rallentare il tuo Battito Cardiaco
Controllare i LinfonodiControllare i Linfonodi
Curare un Dito Insaccato
Rimuovere una Cisti SebaceaRimuovere una Cisti Sebacea
Riconoscere i Sintomi della LeucemiaRiconoscere i Sintomi della Leucemia
Liberarsi di un'Unghia IncarnitaLiberarsi di un'Unghia Incarnita
Liberarsi Velocemente delle EmorroidiLiberarsi Velocemente delle Emorroidi
Camminare con una StampellaCamminare con una Stampella
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Karen Litzy, PT, DPT
Co-redatto da:
Fisioterapista
Questo articolo è stato co-redatto da Karen Litzy, PT, DPT. La Dottoressa Karen Litzy è una fisioterapista abilitata, oratrice internazionale, titolare della società Karen Litzy Physical Therapy, PLLC, e conduttrice del podcast Healthy Wealthy & Smart. Con oltre 20 anni di esperienza, è specializzata in un approccio globale alla pratica della fisioterapia impiegando esercizi terapeutici, terapia manuale, educazione al dolore e programmi di esercizi a domicilio. Si è laureata e specializzata in Fisioterapia presso la Misericordia University. È membro dell'American Physical Therapy Association (APTA) ed è portavoce ufficiale dell'APTA in quanto membro della loro organizzazione stampa e media. Vive e lavora a New York. Questo articolo è stato visualizzato 6 725 volte
Questa pagina è stata letta 6 725 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità