Come Trattare la Zoppia nei Cavalli

In questo Articolo:Ridurre l'InfiammazioneAlleviare il Dolore

Un cavallo che zoppica è una delle maggiori preoccupazioni per il proprietario e sapere come trattare la zoppia può favorire sia i tempi che il buon esito della guarigione. Dalla fisioterapia ai trattamenti medici, questo articolo considera diversi aspetti di come trattare la zoppia nei cavalli. Continua a leggere per saperne di più.

Parte 1
Ridurre l'Infiammazione

  1. 1
    Lascia riposare molto il cavallo. Lasciarlo riposare nel box è l'aspetto principale del trattamento. A seconda della natura della zoppia, i cavalli hanno bisogno di pochi giorni per una semplice distorsione, fino a intere settimane o addirittura mesi se l'infortunio è più serio.
    • Il riposo permette di mettere meno peso sull'articolazione lesa, il cui uso prolungato potrebbe provocare ulteriore infiammazione. Se continui a far lavorare un cavallo zoppo puoi potenzialmente causargli danni fisici maggiori, come ad esempio scheggiare il rivestimento della cartilagine dell'articolazione infiammata e altri danni permanenti.
    • Inoltre, farlo lavorare provoca il rilascio di ulteriori prostaglandine e quindi l'infiammazione si aggrava. Il riposo permette di spezzare questo circolo vizioso.
  2. 2
    Bagna la zampa del cavallo per 20 minuti al giorno con l'acqua fredda del tubo da giardino. L'acqua fredda è una forma semplice di idroterapia usata per ridurre il gonfiore dell'arto. È sufficiente che gli "innaffi" la zampa zoppa con un tubo da giardino per 20 minuti una o due volte al giorno. Il beneficio è dato dal freddo che disperde il calore associato al gonfiore, mentre il flusso d'acqua massaggia il tessuto e aiuta a eliminare l'accumulo di liquidi.
    • La temperatura ideale dovrebbe essere piuttosto bassa e il tubo da giardino permette di mantenerla costante senza scaldare l'acqua (come invece avviene per l'impacco di ghiaccio). Sono consigliate delle sessioni di 20 minuti perché questo è un tempo sufficiente per disperdere il calore, ma non troppo da compromettere la circolazione del sangue all'arto a causa del freddo.
    • È una buona idea spalmare della vaselina o grasso sopra il tallone del cavallo prima di bagnare. Questo impedisce al tessuto dello sperone di ammorbidirsi troppo a causa del flusso costante di acqua evitando così screpolature e infezioni.
    • A meno che il tuo cavallo sia molto ben educato, è opportuno fare il lavoro in due persone: uno lo bagna con il tubo e l'altro lo tiene fermo. A seconda della natura della lesione il veterinario ti potrà indicare per quanti giorni è opportuno continuare a bagnare in questo modo la zampa del cavallo una volta che il gonfiore si è risolto.
  3. 3
    Prova a bagnare con acqua calda per trattare la zoppia della zona inferiore dell'arto. Questo trattamento viene usato se la causa è un sospetto ascesso o c'è un corpo estraneo nello zoccolo, perché l'acqua calda ammorbidisce i tessuti e aiuta a drenare l'infezione. Puoi immergere la zampa ferita del cavallo in un secchio di acqua a 38° C contenente sali Epsom per ammorbidire la pianta del piede e facilitare il drenaggio dell'infezione.
    • Puliscigli sempre lo zoccolo prima di immergerlo nell'acqua pulita. Se necessario, usa un punteruolo per pulire il ferro e lo zoccolo, lavalo prima di immergerlo. È opportuno togliere il manico del secchio per evitare che la zampa possa accidentalmente rimanere intrappolata.
    • Riempi il secchio con acqua calda e aggiungi una tazza di sali di Epsom. Metti la zampa del cavallo nel secchio e fai in modo che resti in ammollo per 15-20 minuti. Quando l'acqua si raffredda togli la zampa mentre riempi nuovamente il secchio con altra acqua calda. Trascorso questo periodo, metti lo zoccolo su un asciugamano pulito e asciugalo bene. Questa procedura può essere ripetuta 3-4 volte al giorno.
  4. 4
    Usa un impacco caldo per il trattamento di ascessi e infezioni che si sviluppano sulla parte alta delle zampe. L'impacco svolge un ruolo analogo all'immersione nel secchio, (sospetto di infezioni o ascessi), ma viene applicato su zone più alte dell'arto che non si riescono a immergere in un secchio.
    • Per preparare un impacco caldo, immergi un asciugamano pulito in acqua calda e sali di Epsom e avvolgilo intorno alla zona più gonfia o infiammata della zampa. Metti un secondo asciugamano nel secchio con l'acqua e i sali di Epsom.
    • Quando l'asciugamano avvolto intorno all'arto si raffredda, sostituiscilo con l'altro nel secchio di acqua calda. Fai applicazioni di 15-20 minuti, 3-4 volte al giorno.
  5. 5
    Applica un cataplasma per ridurre il gonfiore dopo l'esercizio. Questo rimedio svolge diverse funzioni, in quanto può ridurre il gonfiore dopo un'attività faticosa e drena l'infezione da un ascesso. Tradizionalmente erano popolari gli impacchi di crusca, ma con la disponibilità in commercio di molti impacchi già preparati ed efficaci (come ad esempio Animalintex), si è ridotta l'usanza di preparare impacchi in casa.
    • Gli impacchi commerciali sono costituiti da un foglio impregnato con un lato lucido (da tenere lontano dall'animale) e un lato assorbente (da applicare sulla lesione). Prima di tutto taglia il foglio del cataplasma alla dimensione desiderata, in modo che la zona lesa sia completamente coperta. Puoi applicarlo a secco (ottimo per ridurre il gonfiore) o bagnato (per assorbire l'infezione). In entrambi i casi le procedure di applicazione solo le stesse ma, per un impacco umido, si deve immergere preventivamente il foglio pretagliato in acqua calda e lasciarlo raffreddare a 37,7° C.
    • Il cataplasma viene applicato contro la ferita o il gonfiore e tenuto in posizione con un bendaggio autoadesivo. Stringi la fasciatura in modo da tenere fermo l'impacco e che non scivoli verso il basso, ma non troppo da bloccare la circolazione nell'arto.
    • Non lasciarlo mai per più di 12 ore e, preferibilmente, cambialo 2 o 3 volte al giorno.

Parte 2
Alleviare il Dolore

  1. 1
    Usa dei farmaci antidolorifici per aiutare l'animale. Il sollievo dal dolore ha un ruolo importante nel trattamento. Gli antidolorifici moderni (analgesici) che svolgono la duplice azione di ridurre il dolore e l'infiammazione appartengono al gruppo degli antinfiammatori non-steroidei (FANS).
    • I FANS agiscono inibendo l'azione degli enzimi cicloossigenasi (COX-2) e COX1. Sono questi enzimi COX che liberano le prostaglandine che a loro volta causano l'infiammazione e il dolore. Bloccando i COX, i mediatori dell'infiammazione (le prostaglandine) si riducono, diminuendo in questo modo il dolore.
    • I farmaci FANS usati più di frequente per dare sollievo alle ossa e ai problemi articolari nel cavallo sono l'aspirina, il flunixin e il fenilbutazone.
  2. 2
    Somministra l'aspirina al tuo cavallo se il dolore è lieve. L'aspirina (acido acetilsalicilico) è efficace per un dolore moderato, gonfiore e malessere generale. Si può trovare facilmente nelle farmacie senza necessità di prescrizione medica ed è la prima opzione per curare una zoppia lieve.
    • L'Aniprin contiene acido acetilsalicilico in polvere mescolato con una base al piacevole sapore di melassa, ideato per essere unito al mangime del cavallo. La dose è di 10 mg/kg una volta al giorno.
    • Per un cavallo di 500 kg questo equivale a 5.000 mg (o 5 grammi) di Aniprin. Generalmente con il prodotto vengono forniti due misurini: uno da 28,35 g per le misure più grandi e l'altro più piccolo da 3,75 g. Così, un cavallo medio di 500 kg richiede una dose da 1,5 del misurino piccolo di Aniprin una volta al giorno da mettere nel cibo.
    • Non somministrare l'aspirina a un cavallo che sta prendendo altri farmaci senza prima consultare il veterinario, e assicurati di garantirgli sempre un abbondante rifornimento di acqua fresca.
  3. 3
    Usa il fenilbutazone per ridurre il dolore e la febbre. Comunemente conosciuto come "Bute" tra i proprietari di cavalli, questo farmaco aiuta a ridurre febbre e dolore. Si tratta di un FANS che deve essere prescritto dal veterinario. Non può essere dato in combinazione con altri FANS, steroidi o a stomaco vuoto.
    • Il fenilbutazone interagisce con alcuni farmaci (come la fenitoina, sulfamidici, warfarin, barbiturici e digossina), quindi consulta sempre il veterinario prima di iniziare il trattamento.
    • Un tipico preparato di fenilbutazone per cavalli è Butazolidine. La dose per un cavallo di circa 450 kg va da 2 a 4 g una volta al giorno con o dopo i pasti. È disponibile in compresse da 1 grammo, in pasta orale o in polvere orale contenente 1 g di fenilbutazone in una bustina da 10 g. La casa farmaceutica consiglia di non superare i 4 g al giorno e di somministrare la dose minima efficace, se possibile.
  4. 4
    Fatti prescrivere il flunixin per ridurre il dolore e l'infiammazione. Si tratta di un altro FANS che deve essere prescritto dal medico, venduto con il nome commerciale di Banamine.
    • Questo farmaco è un potente inibitore della cicloossigenasi che blocca le prostaglandine e quindi riduce l'infiammazione. Viene rapidamente assorbito dallo stomaco e intestino tenue, ogni dose è efficace per 24-30 ore.
    • La dose di Banamine è di 1,1 mg/kg una volta al giorno per via orale. Pertanto, un cavallo di 500 kg necessita di 550 mg (0,5 g), che equivale a una bustina da 20 g che contiene 500 mg di flunixin.
  5. 5
    Conosci i possibili effetti collaterali dei FANS. Si tratta di farmaci che possono ridurre l'afflusso di sangue allo stomaco e ai reni. Anche se questo non dovrebbe essere particolarmente dannoso quando il cavallo è in buona salute e ben idratato (specialmente quando il farmaco viene somministrato con il cibo), i FANS non dovrebbero mai essere somministrati agli animali disidratati, perché in questo modo risulterebbero troppo concentrati e potrebbero amplificare gli effetti dannosi sui reni.
    • Altri effetti collaterali dei FANS includono ulcerazione gastrica ed eventuale peggioramento della malattia renale preesistente. Questo può manifestarsi come una perdita di appetito e aumento della sete. Il trattamento prevede l'interruzione della somministrazione di FANS e l'assunzione di farmaci come il carbone attivo per proteggere il rivestimento dello stomaco.
    • Un cavallo a cui è stata diagnosticata una malattia renale può richiedere una terapia endovenosa di liquidi per eliminare il normale accumulo di tossine che i reni non sono riusciti a espellere dall'organismo.

Consigli

  • Il trattamento della zoppia ha il duplice obiettivo di controllare il gonfiore e il dolore. Infatti, esiste una grande correlazione tra infiammazione e dolore, per ridurne uno è necessario gestire l'altro.

Avvertenze

  • I FANS riducono l'afflusso di sangue alla parete intestinale e dello stomaco, che può diventare più sensibile e vulnerabile alla formazione di ulcere. Per tale motivo i FANS non dovrebbero mai essere dati a stomaco vuoto; la maggior parte delle formulazioni equine è studiata per essere mescolata nel mangime in modo che il cibo fornisca una barriera protettiva per evitare il contatto diretto del farmaco con il rivestimento dello stomaco.


Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Cavalli

In altre lingue:

English: Treat Lameness in Horses, Русский: вылечить хромоту у лошадей, Português: Cuidar de Cavalos Mancando, Español: tratar la cojera en caballos, Deutsch: Ein lahmes Pferd behandeln, Nederlands: Kreupelheid bij paarden behandelen

Questa pagina è stata letta 17 228 volte.
Hai trovato utile questo articolo?