Scarica PDF Scarica PDF

Le emorroidi sono uno degli effetti collaterali più spiacevoli della gravidanza. E, quel che è peggio, non è nemmeno socialmente accettabile lamentarsene, a differenza della nausea o dei piedi gonfi! Per fortuna, ci sono alcuni modi semplici ed efficaci per curarle, o addirittura evitare che si formino. Continua a leggere per scoprire come.

Parte 1 di 3:
Riconoscere le Emorroidi in Gravidanza

  1. 1
    Riconosci i sintomi. Le emorroidi sono un gonfiore dei vasi sanguigni nella zona rettale, che causano prurito, fastidio o dolore. Se sei abbastanza coraggiosa da avventurarti a osservarle, vedrai che appaiono come un grappolo d'uva o delle piccole biglie sporgenti dall'ano. Di solito si formano durante il primo trimestre di gravidanza oppure dopo il parto. Tra i sintomi puoi trovare:
    • Prurito anale.
    • Dolore anale, soprattutto stando seduta.
    • Rosso sangue brillante sulle feci.
    • Dolore durante l’evacuazione, noduli duri dolorosi nell'ano.
  2. 2
    Capisci cosa le provoca durante la gravidanza. Le emorroidi sono causate da un aumento della pressione del sangue nelle vene nella metà inferiore del corpo. Troppa pressione in queste vene può portare a gonfiare i vasi sanguigni o a dilatarli, formando le emorroidi. Le donne incinte sono più suscettibili di emorroidi per una serie di motivi:
    • Procedendo con la gravidanza, l'utero in crescita mette sempre più pressione sulle vene pelviche e in particolare sulla vena cava inferiore (una grossa vena che riceve il sangue dalla parte inferiore del corpo). In questo modo il flusso di sangue da queste vene rallenta, con conseguente aumento della pressione e con la formazione delle emorroidi.
    • Le donne incinte sono anche più soggette a stitichezza. Quando fai uno sforzo per cercare di liberare un escremento duro, metti troppa pressione nella zona rettale. Questo può portare alla formazione di emorroidi o ad aggravare quelle già esistenti.
    • Le donne incinte hanno anche un livello superiore di un ormone chiamato progesterone nell’organismo. Questo ormone porta un rilassamento delle pareti delle vene, che sono quindi più propense a gonfiarsi e a sviluppare di conseguenza le emorroidi. Il progesterone ha anche un impatto sul sistema digestivo, facilitando la stitichezza.
  3. 3
    Consulta un medico per confermare la diagnosi. Se non sei sicura di soffrire di emorroidi, o hai dei dubbi su come influenzano la gravidanza, è una buona idea consultare il medico. Egli può diagnosticare le emorroidi con un semplice esame rettale.
    • Tuttavia, puoi effettuare altri esami per escludere altre patologie. Questi possono essere un esame delle feci (per verificare la presenza di sangue fresco), o una sigmoidoscopia o un’anoscopia - entrambi questi esami usano un oscilloscopio per verificare la presenza di ostruzioni o tumori che possono avere sintomi simili alle emorroidi.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Curare le Emorroidi in Gravidanza

  1. 1
    Prendi dei farmaci da banco. Ci sono molte creme che non richiedono prescrizione. Queste aiutano ad alleviare il dolore e il prurito associato a questo disturbo, ma non curano il problema di fondo.
    • Usa le creme per le emorroidi seguendo le istruzioni riportate sulla confezione, e non usarle mai per più di una settimana, in quanto possono peggiorare l'infiammazione.
    • Chiedi un consiglio al tuo medico circa la crema migliore per te. Due tra questi prodotti più comuni sono i corticosteroidi, che aiutano a ridurre l'infiammazione e il dolore, e quelli contenenti lidocaina, un anestetico che contribuisce a intorpidire il dolore.
  2. 2
    Prova a stare in ammollo in una vaschetta. Riempi con acqua una piccola bacinella di plastica o una vaschetta, appoggiala sul water, se riesci, e rimani in ammollo per un po’.
    • In questo modo tieni sommersa la zona anale in acqua calda e puoi lenire qualsiasi dolore o disagio causato dalle emorroidi. Prova a sederti per 10-15 minuti, una o due volte al giorno.
    • Puoi ottenere gli stessi risultati semplicemente sedendoti in una vasca da bagno riempita con acqua calda, ma molte donne incinte preferiscono la facilità e la comodità della bacinella.
  3. 3
    Facilita l’evacuazione. Se vuoi trovare sollievo dalla costipazione, dovresti chiedere al medico di prescriverti degli emollienti delle feci.
    • Dato che le emorroidi sono provocate da un aumento della pressione sulle vene vicino all'ano, delle feci morbide possono aiutare a diminuire la tensione in quest’area, creando meno dolore.
    • Gli emollienti delle feci sono disponibili in compresse, capsule, liquidi e in sciroppo e di solito vengono presi la sera.
  4. 4
    Riduci il prurito. Grattarti può aggravare le emorroidi, peggiorando il gonfiore o addirittura facendole sanguinare. Per ridurre il prurito:
    • Indossa degli indumenti di cotone. Questi hanno meno probabilità di irritare le emorroidi e permettono inoltre alla pelle di respirare, accelerando così la guarigione.
    • Non usare le salviette di carta profumate. Evita di usare la carta igienica profumata o colorata, in quanto contiene sostanze chimiche e minerali che possono irritare le emorroidi. La carta igienica bianca, comune, a due strati è la migliore.
    • Mantieni pulita la zona. Una pulizia accurata ogni volta che ti scarichi può aiutare a ridurre i problemi, l’importante è essere delicata, in quanto se ti asciughi in modo troppo aggressivo puoi aggravare l’irritazione. Alcune donne trovano che bagnare leggermente la carta igienica con un po' di acqua tiepida aiuta. Inoltre puoi acquistare delle salviette disinfettanti (contenenti amamelide) progettate specificamente per essere usate sulle emorroidi.
  5. 5
    Applica un impacco di ghiaccio. Un impacco di ghiaccio o comunque freddo applicato direttamente sulle emorroidi può aiutare a lenire il disagio e ridurre il gonfiore. Applica un nuovo impacco di ghiaccio pulito più volte al giorno, a seconda delle necessità.
  6. 6
    Sappi quando è opportuno contattare il medico. Consulta un medico se le emorroidi non migliorano con il trattamento a casa. Vertigini e sanguinamento continuo sono un segno di emorragia. In questo caso chiedi un intervento immediato.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prevenire le Emorroidi in Gravidanza

  1. 1
    Previeni la stipsi. La stitichezza è la prima responsabile delle emorroidi. Pertanto, evitando la costipazione puoi ridurre notevolmente il rischio che si sviluppino le emorroidi. Per evitare la stitichezza:
    • Bevi molti liquidi. Cerca di bere almeno otto bicchieri di acqua al giorno, ma sono utili anche tisane, succhi di frutta e frullati.
    • Segui una dieta ricca di fibre a base di frutta, verdura e cereali integrali. Secondo http:\\MedicineNet, i primi cinque alimenti per ridurre la costipazione sono le prugne, i fagioli, i kiwi, il pane di segale e le pere.
    • Nel frattempo, i cibi da evitare o comunque ridurre sono il cioccolato, i latticini, le banane, la carne rossa e la caffeina.
  2. 2
    Non forzare quando vai in bagno. Se metti troppa pressione durante l’evacuazione puoi sviluppare le emorroidi, quindi cerca di evitarlo il più possibile.
    • Se non riesci a scaricarti facilmente, esci dal bagno e riprova più tardi.
    • D'altra parte, se devi realmente scaricarti non devi aspettare per svuotare l’intestino, poiché trattenere può anche causare affaticamento.
  3. 3
    Evita di rimanere seduta o in piedi per lunghi periodi. Sia da seduta che in piedi la pressione maggiore risiede sulle vene inferiori, quindi evita di mantenere queste posizioni per lunghi periodi di tempo.
    • Se svolgi un lavoro sedentario, assicurati di fare pause regolari e di alzarti e camminare ogni tanto. Il contrario vale se lavori in piedi.
    • Mentre guardi la TV, leggi, o dormi, dovresti metterti sul lato sinistro, in quanto questo aiuta ad aumentare il flusso di sangue nella parte inferiore del corpo.
  4. 4
    Fai gli esercizi di Kegel. Questi esercizi (che sono specifici per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico), contribuiscono anche ad aumentare il flusso di sangue alla zona rettale e a rafforzare i muscoli intorno all'ano, riducendo le probabilità di emorroidi.
    Pubblicità

Consigli

  • Se hai ancora molto disagio dopo aver seguito questa routine costantemente per una settimana, puoi provare a inumidire dei batuffoli di cotone con amamelide fresca (disponibile come astringente in farmacia) e applicarli per 5 minuti alla volta dopo esserti pulita in seguito all’evacuazione. Puoi trovare questi impacchi già preparati in commercio, ma è molto meno costoso farli da sola. Quindi ripeti i passaggi precedenti.
  • Ricordati che le emorroidi sono causate dallo sforzo in bagno, che a sua volta è dovuto alla disidratazione. Durante la gravidanza e nel periodo post-partum, i liquidi che bevi sono cruciali per il livello di idratazione, perché il corpo ha bisogno di un mix di vitamine e minerali NEI fluidi per rimanere idratato. Succo d'arancia, limonata e acqua di cocco (in vendita nel reparto degli alimenti naturali nel tuo negozio di fiducia) sono le migliori soluzioni; se non riesci a procurarteli, puoi aggiungere uno spruzzo di succo di limone o lime nell'acqua o bere altri succhi di frutta. Prendi il Gatorade solo come ultima risorsa; NON ha il tipo di elettroliti adatto per le donne incinte, ed è ad alto contenuto di zucchero.

Pubblicità

Avvertenze

  • Se non riscontri alcun miglioramento dopo aver seguito tutti questi passaggi e consigli entro una settimana, consulta il medico. Probabilmente le tue emorroidi richiedono un trattamento più esteso, come per esempio delle supposte, ma solo il medico può dire quali sono i migliori durante la gravidanza.
  • Come sempre, se hai una reazione avversa a qualsiasi punto indicato in questi passaggi, consulta il medico.


Pubblicità

wikiHow Correlati

Stimolare l'Arrivo delle MestruazioniStimolare l'Arrivo delle Mestruazioni
Inserire gli Ovuli VaginaliInserire gli Ovuli Vaginali
Riconoscere le Perdite di Sangue da ImpiantoRiconoscere le Perdite di Sangue da Impianto
Prevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le MestruazioniPrevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le Mestruazioni
Capire se Hai Avuto un Aborto SpontaneoCapire se Hai Avuto un Aborto Spontaneo
Far Cessare il Ciclo MestrualeFar Cessare il Ciclo Mestruale
Evitare la Gravidanza senza Usare il PreservativoEvitare la Gravidanza senza Usare il Preservativo
Rimpicciolire il SenoRimpicciolire il Seno
Perdere la Verginità Senza Dolore (Ragazze)Perdere la Verginità Senza Dolore (Ragazze)
Trattare le Lesioni VaginaliTrattare le Lesioni Vaginali
Fare gli Esercizi di KegelFare gli Esercizi di Kegel
Eliminare gli Odori VaginaliEliminare gli Odori Vaginali
Trattare una Cisti VaginaleTrattare una Cisti Vaginale
Sbarazzarsi della Cisti di BartoliniSbarazzarsi della Cisti di Bartolini
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 19 519 volte
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 19 519 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità