Come Trattare le Infezioni delle Vie Urinarie durante la Gravidanza

Scritto in collaborazione con: Jennifer Boidy, RN

Una donna su 10 sviluppa un'infezione delle vie urinarie (IVU) durante la gravidanza; si tratta di un disturbo piuttosto comune dovuto ai cambiamenti dell'organismo e degli ormoni.[1] L'IVU è relativamente semplice da curare con gli antibiotici, purché venga riconosciuta e affrontata in tempo, ma se progredisce può diventare pericolosa per la mamma e il bambino. Presta attenzione ai segnali del corpo per poter riconoscere i sintomi di questa infezione, vai regolarmente dal ginecologo per le visite prenatali e assumi i farmaci appropriati per liberarti presto della malattia.

Metodo 1 di 2:
con Trattamenti Medici

  1. 1
    Presta attenzione ai segnali che ti fanno capire di avere un'infezione del tratto urinario durante la gravidanza. È importante individuarli, in modo da affrontare tempestivamente la malattia; quelli più comuni sono minzione più frequente del solito, necessità urgente di urinare, dolore, sensazione pungente o di bruciore durante la minzione, urina torbida o maleodorante, sangue nell'urina, febbre, dolore alla schiena o al bacino.[2] Vai subito dal medico ai primi segnali di infezione per ricevere le cure appropriate.
    • Tieni presente che alcuni sintomi dell'IVU sembrano simili ai normali malesseri della gravidanza, come minzione frequente e mal di schiena. Monitora i cambiamenti del corpo man mano che la gestazione avanza, in modo da riuscire a distinguere i segnali della malattia da quelli normali della gravidanza.
    • A volte l'infezione è del tutto asintomatica, è quindi importante andare regolarmente dal medico per le dovute visite di controllo e verificare che tutto proceda al meglio.
    • Valuta di tenere un diario in cui annotare come ti senti durante tutta la gestazione; prendi nota di quante volte al giorno devi urinare, dove provi dolore e altri cambiamenti fisici.
  2. 2
    Consulta il ginecologo prima di assumere qualsiasi medicinale. Durante la gravidanza puoi prendere solo alcuni farmaci in tutta sicurezza, mentre altri possono nuocere al bambino o comunque influire negativamente sul processo. Quando sei incinta devi chiedere consiglio al medico prima di prenderli di tua iniziativa, anche se si tratta di farmaci da banco. Non tentare di curare l'infezione urinaria da sola, sono necessarie cure mediche e antibiotici su prescrizione.
    • Non esiste alcun farmaco sicuro al 100% durante la gravidanza, ma gli organi competenti li hanno classificati in base al grado di tossicità; il ginecologo sa esattamente quali sono quelli sicuri per te e il bambino e che può prescriverti.
  3. 3
    Assumi gli antibiotici appropriati. Non è insolito doverli prendere durante la gravidanza, ma devi consultare il medico per scegliere la tipologia adatta a te; la terapia farmacologica dipende dalla settimana di gestazione in cui ti trovi e da altri fattori.[3]
    • I più sicuri durante la gravidanza sono: amoxicillina, ampicillina, penicillina, clindamicina, eritromicina, cefalexina, sulfisossazolo e nitrofurantoina; la fosfomicina è un antibiotico di nuova generazione che va assunto per un solo giorno.[4]
    • Il Bactrim (sulfametoxazolo e trimetoprim) e le tetracicline (doxiciclina e minociclina) vengono comunemente usati per trattare l'IVU, ma non devono essere assunti dalle donne incinte.
    • Prendi i farmaci esattamente come ti vengono prescritti dal medico; solitamente, la terapia dura 7, 10 o 14 giorni.[5] Anche se ti senti meglio, devi comunque portare a termine il ciclo.
    • Non assumere alcun antibiotico avanzato da precedenti cure per l'IVU o da altri pazienti.
  4. 4
    Sottoponiti a una visita di controllo dopo una o due settimane dalla conclusione della terapia. È importante assicurarsi che il trattamento farmacologico sia stato efficace. Fatti visitare dal ginecologo trascorsi 7-14 giorni dal termine della cura; questi vorrà probabilmente prelevare un campione di urina per farlo analizzare e capire così se l'infezione è stata debellata.[6]
  5. 5
    Prendi farmaci notturni se l'infezione non scompare. Se dalla visita di controllo risulta che non sei ancora guarita, il dottore può decidere di somministrarti altri antibiotici diversi per 10-14 giorni seguiti da soppressori notturni (antibiotici a basso dosaggio) fino a 6 settimane dopo il parto. Prendili seguendo la posologia che ti viene prescritta e continua a sottoporti alle visite di controllo presso il ginecologo durante tutta la gestazione.[7]
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Prevenire l'Infezione durante la Gravidanza

  1. 1
    Fai pipì quando ne senti il bisogno. Durante la gravidanza la minzione è più frequente del solito; potresti sentire una pressione maggiore sulla vescica o anche perdere un po' di urina quando tossisci o starnutisci. È un fenomeno del tutto normale! Per prevenire l'infezione urinaria devi andare in bagno quando ne senti la necessità.
  2. 2
    Urina dopo il rapporto sessuale. I rapporti sessuali sono una causa piuttosto comune di IVU perché alcuni batteri possono passare dalla vagina all'uretra;[8] prendi pertanto l'abitudine di fare pipì dopo il sesso, in modo da contribuire a espellere microrganismi estranei e dannosi.
  3. 3
    Asciugati dalla parte anteriore verso quella posteriore. Ogni volta che vai in bagno devi sempre strofinarti seguendo quest'ordine: iniziando dall'area vaginale e muovendoti verso l'ano, in modo da mantenerla pulita ed evitare di contaminarla con batteri presenti nella zona anale.[9]
  4. 4
    Mantieniti idratata. Questo accorgimento favorisce la diluizione dell'urina e una minzione più frequente, permettendo anche l'espulsione di batteri.[10] In linea generale, prefiggiti di bere ogni giorno 9 bicchieri da 250 ml (circa 2,2 litri) di fluidi;[11] bevi anche di più se sudi molto, fai attività fisica o vivi in una regione dal clima caldo. Acqua, succhi e tisane sono tutti liquidi che rientrano nell'apporto quotidiano.
  5. 5
    Bevi il succo di mirtillo rosso ogni giorno. Questo frutto aiuta a espellere le sostanze tossiche dalla vescica, prevenendo a volte l'infezione del tratto urinario.[12] Assicurati di bere il vero succo di mirtilli rossi puro al 100% e non dei mix di succo, perché contengono molto zucchero.[13]
    • Tuttavia, se sei in terapia con il warfarin, non devi bere il mirtillo rosso.
  6. 6
    Evita caffeina, alcool e cioccolato. Ci sono alcuni alimenti che possono irritare la vescica e provocare infiammazione, rendendoti più suscettibile a contrarre l'IVU; tra questi considera in particolare alcolici (che non dovresti mai consumare quando aspetti un bambino), caffeina, cioccolato e bevande che contengono succo di agrumi.[14]
  7. 7
    Non fare lavande vaginali o usare spray per l'igiene intima. Questi prodotti e le polveri profumate irritano l'area, seccano vagina e uretra aumentando le probabilità di contrarre un'infezione urinaria; evitali del tutto, soprattutto durante la gestazione.[15]
  8. 8
    Ecco altri consigli per prevenire l'infezione:
    • Fai la doccia anziché il bagno;
    • Indossa abbigliamento intimo di cotone;
    • Non mettere pantaloni stretti.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Se l'infezione alle vie urinarie raggiunge anche i reni, può diventare molto pericolosa per te e per il nascituro.[16] Non tentare di curarti da sola con rimedi casalinghi, ma fatti visitare subito dal ginecologo e non pensare di trattare il disturbo senza il suo intervento.[17]
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Infermiera Registrata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Jennifer Boidy, RN. Jennifer Boidy è un'Infermiera Iscritta all'Albo che lavora nel Maryland. Ha conseguito il Diploma in Scienze Infermieristiche presso il Carroll Community College nel 2012.
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 1 181 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità