Come Trattare le Vesciche Aperte

Scritto in collaborazione con: Luba Lee, FNP-BC, MS

Se si è formata una vescica, cerca di lasciarla intatta e di non schiacciarla [1]. Se invece è già aperta, è importante mantenerla pulita per prevenire infezioni. Esistono diversi metodi per trattare le vesciche e renderle meno fastidiose durante la guarigione. Questo articolo spiega come lavare e bendare le vesciche aperte, ma anche come usare prodotti da banco e rimedi naturali per tenere sotto controllo il fastidio. Inoltre, offre delle indicazioni in merito ai casi in cui conviene rivolgersi a un medico.

Metodo 1 di 3:
Trattare una Vescica Scoppiata da Poco

  1. 1
    Lava la vescica aperta con acqua calda e sapone. Non appena una vescica scoppia, si lacera o si apre, bisogna lavarla bene con acqua calda e sapone [2].
    • Tutti i residui di sporco rimasti nella vescica dovrebbero andare via grazie all'azione del sapone. Se dovesse rimanere un oggetto estraneo conficcato nella pelle, vai dal medico per pulirla a fondo e trattarla [3].
  2. 2
    Ogni volta che puoi, cerca di lasciare intatta la membrana della vescica. Non è un problema nel caso in cui si laceri da sola in maniera parziale o totale, ma non provare a staccarla [4]. Cerca di lasciarla intatta quanto più possibile [5].
  3. 3
    Applica una pomata antibiotica. Puoi usare un semplice unguento come la vaselina per mantenere la vescica idratata ed evitare che ti dia fastidio. Tuttavia, utilizzare una pomata antibiotica è efficace per prevenire infezioni. Applicane una quantità tale da ricoprire l'intera zona interessata dalla vescica [7].
    • Se preferisci un'alternativa naturale, usa una crema alla calendula [8].
  4. 4
    Applica un cerotto pulito sulla zona interessata. Metti un cerotto sulla vescica. Se dovesse ricoprire una zona estesa, usa della garza sterile, fissandola con del nastro adesivo medico. Cambiala tutti i giorni o nel caso in cui dovesse sporcarsi. Ripeti l'applicazione della pomata ogni volta che cambi il cerotto o la garza [9].
    • Puoi usare anche un cerotto idrocolloidale, che può dare maggiore sollievo rispetto a una garza sterile. È un prodotto reperibile in farmacia [10].
  5. 5
    Una volta che la vescica non avrà più della carne viva, taglia la pelle morta. Continua a cambiare il cerotto o la garza tutti i giorni fino a quando la vescica non smetterà di farti male. A quel punto taglia la pelle secca [11]. Usa un paio di forbicine o un tagliaunghie sterilizzato. Puoi disinfettarlo strofinandoci dell'alcol, facendolo bollire per qualche minuto o tenendolo sul fuoco per circa 60 secondi.
    • Non staccare via la pelle morta, altrimenti rischi di danneggiare ulteriormente la zona. Tagliala con cura.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Combattere il Fastidio in Sicurezza

  1. 1
    Vai dal medico qualora dovessi osservare i sintomi di un'infezione. Se la zona interessata dalla vescica non viene mantenuta pulita, potrebbe manifestarsi un'infezione. Vai dal medico nel caso in cui dovessi notare dei campanelli d'allarme tipici di un'infezione, in quanto è possibile che sia necessario prendere degli antibiotici. Esamina l'eventuale presenza dei seguenti sintomi [12]:
    • Pus (liquido denso giallastro, verde o biancastro nella vescica o nella zona circostante);
    • Rossore e gonfiore nella zona interessata;
    • Intensificazione del dolore o sensazione di calore nella zona interessata.
  2. 2
    Vai dal medico nel caso in cui le vesciche fossero gravi o insolite. Se hai vesciche ricorrenti o talmente dolorose da interferire con il normale svolgimento della tua vita quotidiana, rivolgiti a un medico. È bene che vengano controllate anche qualora dovessero comparire in posti insoliti come una palpebra o la cavità orale: potrebbero essere indicative di un altro disturbo e richiedere un trattamento particolare [13].
  3. 3
    Le vesciche causate da un'ustione o da una reazione allergica vanno esaminate da un medico. Le vesciche che si manifestano in seguito a una grave ustione o che si presentano a causa di un'allergia andrebbero controllate da un medico. Potrai in questo modo sottoporti a un trattamento e sapere quali misure preventive adottare per evitare che si formino di nuovo [14].
  4. 4
    Applica del fustagno sulla vescica. Se accusi un forte dolore quando viene esercitata della pressione su una vescica aperta, puoi applicare un pezzetto di fustagno sulla bolla dopo averla coperta con un cerotto o della garza [15]. Usane un pezzo abbastanza grande da riuscire a coprire bene la vescica.
    • Non applicare il fustagno direttamente sulla vescica aperta. È importante coprirla con un unguento e un cerotto per mantenerla pulita.
  5. 5
    Usa un cerotto seconda pelle. Questo tipo di cerotto agisce proprio come se fosse una seconda pelle e può dare sollievo qualora si avesse una vescica aperta. È un prodotto offerto da varie marche, facilmente reperibile in farmacia. Prendi un cerotto di piccole dimensioni e usalo per ricoprire l'intera vescica. A questo punto puoi coprirlo con un pezzetto di fustagno (oppure di nastro adesivo medico o elastico) per sentire un comfort maggiore [16].
  6. 6
    Usa prodotti lenitivi naturali. Applica 1 o 2 gocce di olio di melaleuca sulla vescica aperta quattro volte al giorno, quindi coprila di nuovo con un cerotto o una garza pulita. L'unguento di asimina e la crema di stellaria media sono altri rimedi naturali che aiutano a combattere i batteri. Puoi anche applicare un balsamo di consolida maggiore due volte al giorno per promuovere la rigenerazione cellulare [17].
    • Se il prodotto dovesse causare dolore o gonfiore, interrompine immediatamente l'utilizzo.
    • La vescica va sempre ricoperta di nuovo con un cerotto o della garza pulita.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Prevenire la Formazione o l'Apertura delle Vesciche

  1. 1
    Indossa scarpe della tua misura. Le vesciche si formano tendenzialmente sui piedi. Spesso la causa è dovuta all'utilizzo delle scarpe sbagliate. Le calzature eccessivamente grandi o eccessivamente piccole possono esercitare pressione e frizione sulla pelle, causando la formazione di vesciche [18].
    • Le scarpe vanno acquistate a metà giornata: i piedi sono gonfi, ma non tanto quanto lo sarebbero alla sera.
    • Chiedi a un commesso di aiutarti a scegliere il numero giusto.
  2. 2
    Mantieni i piedi asciutti. Le vesciche si formano spesso a causa dell'umidità. Se mantieni i piedi asciutti, potrai prevenirle. Indossa calzini traspiranti prima di fare attività fisica. Cambiati le scarpe e i calzini ogni volta che si bagnano [19].
    • Puoi anche cospargere del talco all'interno dei calzini per assorbire l'umidità.
  3. 3
    Applica del fustagno sulle zone doloranti. Se sai che un'area della pelle tende a strofinarsi con qualcosa (una scarpa, un'attrezzatura sportiva, eccetera), applicaci del fustagno. Il fustagno aiuta a prevenire la frizione, responsabile delle vesciche. Se hai una bollicina, può anche proteggere l'area, in modo da evitare che scoppi o si laceri [20].
  4. 4
    Interrompi le attività che hanno causato la vescica. Se ne hai già una, smetti di fare l'attività che l'ha causata. Per esempio, indossa un altro paio di scarpe. Evita tutto quello che potrebbe irritare la pelle, altrimenti rischi di peggiorare le vesciche o farle scoppiare. Potrai riprendere le attività incriminate a guarigione completa [21].
  5. 5
    Indossa un paio di guanti. Anche le mani tendono a essere colpite dalle vesciche. Se pratichi uno sport, ti dedichi al giardinaggio, usi certi strumenti o fai delle azioni ripetitive con le mani, proteggile con un paio di guanti. I guanti dovrebbero aderire bene, ma senza costringerle.
    • I canottieri soffrono spesso di vesciche alle mani. Di conseguenza dovrebbero usare dei guanti o delle bende morbide per avvolgere e proteggere la pelle.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non applicare perossido d'idrogeno o tintura di iodio su una vescica aperta. Può seccare la pelle, intensificare il dolore e talvolta decelerare la guarigione [22].
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Comitato di Revisione Medica
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Luba Lee, FNP-BC, MS. Luba Lee lavora come Infermiera di Famiglia Iscritta all’Albo in Tennessee. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Tennessee nel 2006.
Questa pagina è stata letta 3 791 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità