Scarica PDF Scarica PDF

Gli esperti concordano sul fatto che il modo migliore per trattare un'ustione dipende dall'ubicazione e dalla gravità della lesione. Sebbene le ustioni alle mani si possano curare in casa, a volte sono davvero gravi, soprattutto se sono molto diffuse.[1] Gli studi suggeriscono di raffreddare immediatamente l'arto interessato con l'acqua fredda, quindi applicare un gel a base di aloe vera e fasciarlo con una benda sterile antiaderente. Tuttavia, è necessario contattare il medico se la ferita è grave, se hai inalato fumo o se hai dubbi sul trattamento da seguire.[2]

Parte 1
Parte 1 di 4:
Valutare la Situazione

  1. 1
    Mettiti in sicurezza. Appena ti ustioni, interrompi qualunque attività tu stia facendo. Proteggiti spegnendo qualsiasi fiamma o bruciatore in modo che nessun altro si faccia male. Se c'è un incendio fuori controllo, allontanati il prima possibile e chiama i servizi di emergenza.
    • Se si tratta di un'ustione chimica, fermati e fai arieggiare l'ambiente. Se puoi, elimina la sostanza chimica dalla pelle. Usa un pennello asciutto per agenti chimici secchi o metti la parte ustionata sotto l'acqua fredda.[3]
    • Se si tratta di un'ustione elettrica, spegni la fonte di corrente e allontanati dai cavi.[4]
  2. 2
    Chiama i soccorsi. Se l'incendio scoppiato in casa è fuori controllo, chiama il 115 per chiedere il soccorso dei vigili del fuoco oppure, se sei entrato in contatto con una sostanza chimica, rivolgiti al Centro Antiveleni per sapere come procedere. In caso di ustione elettrica, chiama i vigili del fuoco se la corrente è ancora attiva o se la lesione è stata causata da un cavo ad alta tensione o un fulmine.[5]
    • Nel caso tu non sappia se la corrente elettrica è ancora attiva, non toccare direttamente i fili elettrici: spostali con uno strumento asciutto non conduttore, come un pezzo di legno o plastica.[6]
    • Chi subisce un'ustione elettrica dovrebbe farsi visitare perché la scossa ricevuta può interferire con l'attività elettrica del corpo e causare gravi effetti collaterali.[7]
  3. 3
    Valuta la bruciatura della mano. Osserva l'area bruciata per valutare il danno. Nota la posizione della lesione ed esamina il suo aspetto facendo attenzione a ogni particolare. In questo modo, potrai stabilire la gravità dell'ustione. Le ustioni si suddividono in primo, secondo e terzo grado in base alla profondità del danno a carico dell'epidermide. Le ustioni di primo grado sono le più lievi, mentre quelle di terzo sono le più gravi. Questa determinazione serve a capire quale metodo utilizzare per curarle.[8]
    • Se la bruciatura interessa il palmo della mano, consulta immediatamente un medico. Localizzata in questo punto dell'arto, può causare disabilità a lungo termine.[9] [10]
    • In caso di ustione circonferenziale a carico delle dita (ovvero una bruciatura che colpisce almeno un dito), cerca immediatamente assistenza medica. Questo tipo di ustione può limitare il flusso sanguigno e, nei casi più gravi, può comportare l'amputazione del dito se non trattata.[11]
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 4:
Curare un'Ustione di Primo Grado

  1. 1
    Riconosci un'ustione di primo grado. Le ustioni di primo grado colpiscono solo lo strato superiore dell'epidermide. Provocano gonfiore e arrossamento lievi, oltre a essere accompagnate da dolore. Quando premi sulla pelle, potrebbe rimanere bianca per qualche istante una volta rilasciata la pressione. Se non si formano vesciche o ferite, ma si arrossa solo superficialmente, si tratta di un'ustione di primo grado.[12]
    • Consulta il medico se, oltre a una mano, la lesione interessa anche il viso, le vie respiratorie, l'altra mano, i piedi, l'inguine, i glutei o le articolazioni principali.
    • Le ustioni di primo grado più comuni sono le scottature solari, a meno che non siano accompagnate da vesciche.[13]
  2. 2
    Tratta le ustioni di primo grado. Se in base all'aspetto e ai sintomi hai capito di avere a che fare con una bruciatura di primo grado, avvicinati rapidamente a un lavandino, senza agitarti. Apri il rubinetto e metti la mano o il braccio sotto l'acqua fredda per 15-20 minuti. Ti aiuterà a raffreddare la pelle e ad alleviare l'infiammazione.[14]
    • Puoi anche riempire un recipiente di acqua fredda e immergere l'area interessata per qualche minuto. Anche in questo modo puoi raffreddare l'epidermide, ridurre l'infiammazione e prevenire la formazione di cicatrici.
    • Non utilizzare il ghiaccio perché può congelare la pelle bruciata se lo lasci a contatto con l'epidermide troppo a lungo. Inoltre, se la zona circostante l'ustione è ghiacciata, può danneggiare anche questa.[15] [16]
    • Inoltre, non applicare il burro e non soffiare sulla bruciatura. Non serve a niente, anzi il rischio di infezioni può aumentare.[17]
  3. 3
    Togli i gioielli. Dato che questa lesione è accompagnata da un gonfiore diffuso ai tessuti bruciati, i gioielli possono stringere, ostruire la circolazione sanguigna o penetrare nella pelle. Toglili tutti, che si tratti di anelli o bracciali.[18]
  4. 4
    Applica l'aloe o un unguento per ustioni. Se hai una pianta di aloe vera, spezza una delle foglie inferiori vicino al fusto. Taglia le spine, dividi la foglia longitudinalmente e applica il gel direttamente sull'ustione. Fornirà un'immediata sensazione di freschezza. È un ottimo rimedio in caso di ustioni di primo grado.
    • In mancanza della pianta di aloe vera, puoi usare un gel di aloe vera puro al 100%.
    • Non applicare l'aloe sulle ferite aperte.
  5. 5
    Prendi un antidolorifico se necessario. Gli antidolorifici da banco, come il paracetamolo (Tachipirina), il naprossene (Synflex) o l'ibuprofene (Brufen, Moment), sono considerati tutti sicuri per un'assunzione a breve termine.[19]
  6. 6
    Controlla la bruciatura. L'ustione può peggiorare nell'arco di poche ore. Dopo averla risciacquata e trattata, controllala per assicurarti che non si trasformi in un'ustione di secondo grado. In tal caso, considera l'idea di consultare il medico.[20]
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 4:
Trattare un'Ustione di Secondo Grado

  1. 1
    Riconosci le ustioni di secondo grado. Le ustioni di secondo grado sono più gravi rispetto a quelle di primo grado perché hanno un'estensione più ampia sull'epidermide e una profondità che interessa gli strati inferiori, arrivando fino al derma.[21] Questo non vuol dire necessariamente che sia necessario ricorrere all'assistenza medica. La lesione è caratterizzata da un rossore più intenso, vesciche, gonfiore e chiazze maggiori rispetto alle ustioni di primo grado. La pelle è più arrossata e può sembrare bagnata o lucida. L'area colpita potrebbe apparire bianca o depigmentata.[22]
    • Se l'ustione è più grande di 7 cm, trattala come se fosse di terzo grado e consulta immediatamente il medico.[23]
    • In genere le ustioni di secondo grado sono causate dal contatto diretto con liquidi bollenti, fiamme libere, corpi roventi, da gravi scottature solari, ustioni chimiche e ustioni elettriche.[24]
  2. 2
    Togli i gioielli. Dato che questa lesione è accompagnata da un gonfiore diffuso ai tessuti bruciati, i gioielli possono stringere, ostruire la circolazione sanguigna o penetrare nella pelle. Toglili tutti, che si tratti di anelli o bracciali.[25]
  3. 3
    Sciacqua il sito ustionato. Il trattamento per le ustioni di secondo grado è pressoché simile a quello delle ustioni di primo grado: avvicinati rapidamente a un lavandino, senza agitarti, e metti la mano o il braccio sotto il rubinetto, facendo scorrere l'acqua fredda per 15-20 minuti. Ti aiuterà a raffreddare la pelle e alleviare l'infiammazione. Se sono presenti vesciche, non bucarle perché proteggono la pelle. In caso contrario, potresti sviluppare un'infezione e ritardare la guarigione.[26]
    • Non applicare né burro né ghiaccio. Inoltre, non soffiare sulla bruciatura perché puoi aumentare il rischio di infezioni.[27]
  4. 4
    Applica una crema antibiotica. Dato che le ustioni di secondo grado interessano una porzione di pelle più ampia, il rischio che si infettino è maggiore.[28] Applica un crema antibiotica sull'area ustionata prima di fasciarla.
    • La sulfadiazina argentica (Sorfagen) è una pomata antibiotica molto usata in caso di ustioni. Puoi acquistarla in farmacia senza prescrizione medica.[29] Applicane una quantità generosa in modo che possa penetrare nella pelle e agire a lungo.[30]
  5. 5
    Pulisci la vescica lacerata. Se una vescica si apre spontaneamente o per errore, non preoccuparti. Puliscila con acqua e sapone delicato. Applica una pomata antibiotica e copri l'ustione con una benda sterile.
  6. 6
    Applica una benda nuova ogni giorno. Le medicazioni contro le ustioni vanno cambiate tutti i giorni per prevenire l'infezione. Rimuovi la vecchia fasciatura e gettala via. Risciacqua la bruciatura sotto l'acqua fredda, senza insaponarla. Non strofinare la pelle. Lascia scorrere l'acqua per qualche minuto, dopodiché asciuga con un panno pulito. Applica una crema per le ustioni, una pomata antibiotica o l'aloe vera sul sito lesionato per favorire la guarigione. Fascialo di nuovo con una benda sterile.
    • Quando l'ustione è sparita o pressoché guarita, non avrai più bisogno della benda.
  7. 7
    Prepara un unguento al miele. Diversi studi sostengono l'uso del miele per curare le ustioni, sebbene i medici lo considerino un trattamento alternativo. Prendine un cucchiaino in modo da coprire la bruciatura. Tamponalo sulla lesione. Il miele è un antisettico naturale che aiuta a mantenere i batteri lontani dalle ferite, senza danneggiare la pelle esterna sana. Il pH basso e l'elevata osmolarità di questa sostanza promuovono la guarigione. Si consiglia di utilizzare il miele medicinale al posto di quello impiegato in cucina.[31]
    • Secondo alcuni studi, il miele è un'alternativa migliore rispetto alla normale pomata a base di sulfadiazina argentica. In ogni caso, chiedi consiglio al medico.[32]
    • Dovresti cambiare la medicazione quotidianamente o anche più spesso, se la lesione produce secrezioni.
    • Se non è necessario fasciare il sito ustionato, applica il miele ogni 6 ore. Aiuta anche a raffreddarlo.[33] [34]
  8. 8
    Controlla la bruciatura. L'ustione può peggiorare nell'arco di poche ore. Dopo averla risciacquata e medicata, controllala per assicurarti che non si trasformi in un'ustione di terzo grado. In tal caso, consulta immediatamente il medico.[35]
    • Durante la guarigione, fai attenzione ai segni e ai sintomi di un'eventuale infezione, come la produzione di pus, febbre, gonfiore o aumento del rossore cutaneo. In questi casi, consulta il medico.
    Pubblicità

Parte 4
Parte 4 di 4:
Trattare un'Ustione di Terzo Grado e Più Gravi

  1. 1
    Riconosci le ustioni gravi. Qualsiasi bruciatura può essere grave se è localizzata sulle articolazioni o copre la maggior parte del corpo. È grave anche se il paziente presenta complicazioni, alterazioni dei parametri vitali, difficoltà a muoversi normalmente a causa della lesione. In questi casi, andrebbe trattata come le ustioni di terzo grado, con cure mediche immediate.[36]
  2. 2
    Riconosci le ustioni di terzo grado. Se la lesione sanguina o la pelle appare nera o carbonizzata, potrebbe trattarsi di un'ustione di terzo grado. Le ustioni di terzo grado bruciano tutti gli strati della pelle: epidermide, derma e grasso sottostante. Possono essere bianche, marroni, gialle o nere, mentre la pelle può sembrare secca o simile al cuoio. Non provocano dolore come le ustioni di primo o secondo grado perché i nervi sono stati danneggiati o distrutti.[37] Questo genere di lesioni richiede cure mediche immediate, quindi chiama i servizi di emergenza o vai al pronto soccorso.
    • C'è il rischio che le ustioni di terzo grado si infettino e la pelle non ricresca correttamente.
    • Se i vestiti si attaccano alla bruciatura, non tirarli via. Chiedi immediatamente aiuto.
  3. 3
    Reagisci prontamente. Se tu o qualcuno nei paraggi siete vittime di un'ustione di terzo grado, chiama immediatamente i servizi di emergenza. In attesa dell'arrivo dell'ambulanza controlla se l'altra persona reagisce, scuotendola delicatamente. Se l'esito è negativo, osservala per vedere se respira. Nel caso non respiri, pratica la rianimazione cardio-polmonare se sai farla.[38]
    • Se non sai eseguire la rianimazione cardio-polmonare, puoi chiamare il 118 e chiedere a qualcuno di spiegartela e guidarti al telefono.[39] Non cercare di sbloccare le vie aeree o immettere aria nei polmoni della vittima se non conosci la rianimazione cardio-polmonare. Piuttosto, concentrati solo sul massaggio cardiaco.[40]
    • Assicurati che la persona giaccia supina a terra. Inginocchiati vicino alle sue spalle. Metti le mani al centro del petto, posizionandoti con le spalle in modo che sovrastino le mani, tenendo braccia e gomiti dritti. Spingi sul petto in direzione del pavimento facendo circa 100 compressioni al minuto.[41]
  4. 4
    Prenditi cura della vittima. Mentre aspetti che arrivino i soccorsi, togli tutti i vestiti e i gioielli che possono stringere i tessuti. Tuttavia, evita questa operazione se sono intrappolati nell'ustione. In questo caso, lasciali al loro posto e attendi l'arrivo dell'ambulanza. Se li rimuovi, tirerai via la pelle procurando ulteriori danni. Inoltre, dovresti tenere il paziente al caldo perché le ustioni molto gravi possono causare shock termico.[42]
    • Non bagnare la bruciatura come faresti con le ustioni di gravità minore, altrimenti c'è il rischio di ipotermia. Se puoi, solleva il sito ustionato al di sopra dell'altezza del cuore per ridurre il gonfiore.
    • Non somministrare antidolorifici. Non devi dare niente che possa interferire con le cure mediche di emergenza.
    • Evita di bucare vesciche, grattare la pelle morta, applicare aloe e unguenti.[43]
  5. 5
    Copri la lesione. Se hai la possibilità, cerca di coprire l'ustione in modo che non si infetti. Devi usare qualcosa che non aderisca, come una garza leggera o una benda inumidita. Se vedi che si attacca per la gravità dell'ustione, attendi l'arrivo dei soccorsi.[44]
    • Potresti utilizzare la pellicola trasparente. È stato dimostrato che, adoperata per pochissimo tempo, è un'efficace medicazione. Protegge la ferita, evitando il contatto con organismi esterni.[45]
  6. 6
    Sottoponiti alle cure ospedaliere. Quando arrivi in ospedale, il personale medico si muoverà rapidamente per curarti in modo efficace. Potrebbe iniziare con una flebo per reintegrare gli elettroliti persi dal corpo. Inoltre, procederà a pulire l'ustione – questa manovra può essere molto dolorosa. Potrebbe anche somministrarti antidolorifici, applicare unguenti o creme direttamente sulla bruciatura e coprirla con una medicazione sterile. Se necessario, può creare un ambiente caldo e umido per favorire la guarigione.[46]
    • È probabile che il nutrizionista dell'ospedale ti prescriva una dieta ricca di proteine per promuovere la guarigione.
    • Se necessario, il medico potrebbe suggerirti l'innesto cutaneo. Si tratta di prelevare un segmento di tessuto (derma) da un'altra parte del corpo allo scopo di ricostruire la zona ustionata.
    • Il personale ospedaliero ti insegnerà a cambiare la medicazione a cui dovrai provvedere da solo un volta dimesso e tornato a casa; in seguito, dovrai farti visitare dal medico periodicamente per assicurarti che la lesione stia guarendo correttamente.[47]
    Pubblicità

Consigli

  • Se sei preoccupato o hai domande in merito all'ustione, contatta il tuo medico curante.
  • Molto probabilmente la lesione lascerà una cicatrice, soprattutto se l'ustione era grave.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Riconoscere la Puntura di un RagnoRiconoscere la Puntura di un Ragno
Curare una Ustione da SfregamentoCurare una Ustione da Sfregamento
Rimuovere una Zecca
Trattare un'Ustione da SigarettaTrattare un'Ustione da Sigaretta
Uccidere una ZeccaUccidere una Zecca
Trattare i Morsi delle Pulci della SabbiaTrattare i Morsi delle Pulci della Sabbia
Togliere le Spine dei CactusTogliere le Spine dei Cactus
Togliere il Pungiglione di un'ApeTogliere il Pungiglione di un'Ape
Sbarazzarsi di una Scottatura da SoleSbarazzarsi di una Scottatura da Sole
Trattare una Vescica da UstioneTrattare una Vescica da Ustione
Trattare una Vescica da Ustione sul DitoTrattare una Vescica da Ustione sul Dito
Trattare le Punture di OrticaTrattare le Punture di Ortica
Trattare il Morso della Formica di FuocoTrattare il Morso della Formica di Fuoco
Trattare il Morso di un GattoTrattare il Morso di un Gatto
Pubblicità
  1. http://www.emedicinehealth.com/chemical_burns/page4_em.htm#when_to_seek_medical_care
  2. http://www.medicinenet.com/burns/page3.htm
  3. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01744
  4. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  5. https://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  6. http://www.sharecare.com/health/skin-burn-treatment/why-shouldnt-treat-burn-ice
  7. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  8. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000030.htm
  9. http://www.medicinenet.com/burns/page4.htm
  10. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  11. http://www.medicinenet.com/burns/article.htm
  12. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01757
  13. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01757
  14. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  15. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01757
  16. http://www.medicinenet.com/burns/page4.htm
  17. http://www.askdrsears.com/topics/health-concerns/skin-care/burns
  18. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000030.htm
  19. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01757
  20. http://www.medicinenet.com/burns/page4.htm
  21. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  22. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4158441/
  23. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3263128/
  24. https://www.nursingtimes.net/clinical-archive/tissue-viability/using-honey-dressings-the-practical-considerations-07-12-2000/
  25. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3263128/
  26. http://www.medicinenet.com/burns/article.htm
  27. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01760
  28. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01760
  29. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  30. https://depts.washington.edu/learncpr/askdoctor.html#What%20should%20I%20do
  31. http://www.heart.org/HEARTORG/CPRAndECC/HandsOnlyCPR/Hands-Only-CPR_UCM_440559_SubHomePage.jsp
  32. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-cpr/basics/art-20056600
  33. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01760
  34. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000030.htm
  35. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-burns/basics/art-20056649
  36. https://www.nhs.uk/conditions/burns-and-scalds/treatment/
  37. https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?ContentTypeID=90&ContentID=P01760
  38. http://www.chw.org/medical-care/burn-program/burn-treatments/classification-and-treatment-of-burns/third-degree-burns/

Informazioni su questo wikiHow

Joshua Batt, DO
Co-redatto da:
Specialista in Medicina Osteopatica
Questo articolo è stato co-redatto da Joshua Batt, DO. Il Dottor Batt lavora come Medico Specializzato in Medicina di Emergenza al Riverside Community Hospital, in California. Ha ricevuto il titolo di Medico Osteopata al Touro University Nevada College of Osteopathic Medicine nel 2012. Questo articolo è stato visualizzato 15 854 volte
Questa pagina è stata letta 15 854 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità