Scarica PDF Scarica PDF

Sapevi che le ferite da punta costituiscono il 5% delle cause di ricovero d'urgenza dei bambini?[1] Si verificano quando un oggetto sottile e appuntito, come un chiodo, una puntina da disegno, una scheggia o un altro corpo estraneo acuminato, perfora la pelle. Queste lesioni sono di larghezza molto ridotta, ma possono essere piuttosto profonde se l'oggetto viene spinto nella cute con notevole forza. Nei casi lievi, si possono trattare tranquillamente in casa senza alcun bisogno di andare al pronto soccorso, mentre nei casi gravi è necessario ricorrere immediatamente alle cure mediche. Continua a leggere l'articolo per imparare a valutare e trattare le ferite da punta, che siano pericolose o di minore gravità.

Parte 1 di 4:
Valutare la Ferita

  1. 1
    Trattala immediatamente. Se la lesione viene curata rapidamente, in genere non si aggrava. Tuttavia, se viene trascurata, può infettarsi e mettere in pericolo la salute del paziente.[2]
  2. 2
    Rassicura il paziente. È importante soprattutto nel caso dei bambini e delle persone che non sanno gestire molto bene il dolore. Fallo sedere o sdraiare e aiutalo a mantenere la calma mentre curi la ferita.
  3. 3
    Lava le mani con il sapone o una soluzione antibatterica. In questo modo preverrai eventuali infezioni.[3]
    • Pulisci con l'alcol denaturato tutti gli strumenti che ti servono durante il trattamento, comprese le pinzette.[4] [5]
  4. 4
    Pulisci la ferita con acqua calda e sapone. Lavala sotto l'acqua calda per 5-15 minuti, quindi detergila con il sapone e un panno pulito.[6] [7]
  5. 5
    Arresta l'emorragia. Di solito le ferite da punta meno gravi non sanguinano abbondantemente.[8] Utilizza un panno pulito per esercitare una pressione diretta e delicata sulla lesione finché l'emorragia non si ferma.
    • Una piccola fuoriuscita di sangue può effettivamente favorire la pulizia della ferita. Se è piccola, lasciala sanguinare per circa 5 minuti.[9] [10]
    • Se l'emorragia continua nonostante la compressione, è grave o allarmante, consulta immediatamente il medico.[11] [12]
  6. 6
    Valuta la ferita. Osserva le dimensioni e la profondità e controlla l'eventuale presenza di corpi estranei all'interno. Le ferite da punta più grandi possono comportare suture. Se noti uno dei seguenti segni, chiama o recati immediatamente al pronto soccorso:
    • L'emorragia non si ferma dopo 5-10 minuti.
    • La ferita è profonda più di mezzo centimetro. Anche se riesci ad arrestare l'emorragiaLe, le ferite più grandi dovrebbero essere trattate da un operatore sanitario.
    • Un oggetto è penetrato in profondità nella pelle. Se non riesci a vedere nulla, ma sospetti che un corpo estraneo sia rimasto intrappolato nella ferita, consulta il medico.
    • Il paziente ha calpestato un chiodo o la lesione è stata causata da un amo o da un altro oggetto arrugginito.
    • Una persona o un animale ha morso il paziente: le ferite causate dai morsi tendono a infettarsi.
    • L'area interessata è insensibile o il paziente non riesce a muovere normalmente la parte del corpo in cui è localizzata.
    • Il paziente presenta segni di infezione, tra cui arrossamento e gonfiore intorno all'area lesa, aumento del dolore o dolore pulsante, presenza di pus o altre secrezioni, oppure brividi e febbre (leggi la Parte 4).[13] [14]
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Trattare le Ferite da Punta più Gravi

  1. 1
    Cerca immediatamente assistenza medica. Chiama i servizi di emergenza o il medico curante. Le ferite da punta più gravi devono essere trattate solo da operatori sanitari.
  2. 2
    Comprimi la ferita. Se l'emorragia è grave e non hai la possibilità di procurarti un panno pulito o una benda, usa la mano.[15]
  3. 3
    Solleva la parte del corpo interessata. Se possibile, solleva l'area interessata sopra l'altezza del cuore. In questo modo terrai a bada la fuoriuscita di sangue.[16]
  4. 4
    Non togliere i corpi estranei rimasti intrappolati. Piuttosto, applica uno spesso strato di bende o un panno pulito attorno all'oggetto incastrato nella pelle assicurandoti che non subisca pressione e sollecitazioni.[17]
  5. 5
    Tieni la persona ferita a riposo. Per rallentare l'emorragia, è necessario che chi è stato ferito resti completamente immobile per almeno 10 minuti.[18]
  6. 6
    Controlla il paziente. Mentre aspetti che arrivino i soccorsi, monitora la ferita e le condizioni del paziente.
    • Continua a comprimere la lesione e sostituisci le bende se si impregnano di sangue.[19]
    • Tranquillizza il paziente fino all'arrivo dell'assistenza medica.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Trattare le Ferite da Punta Meno Gravi

  1. 1
    Rimuovi i corpi estranei se non sono grandi. Puoi togliere schegge e altri oggetti appuntiti con un paio di pinzette disinfettate. Se c'è un oggetto di grosse dimensioni o incastrato in profondità nella carne, consulta il medico.[20]
  2. 2
    Elimina lo sporco e altri piccoli detriti dalla superficie della ferita. Passa un panno pulito sulla lesione e/o rimuovi le particelle con un paio di pinzette disinfettate.[21] [22]
    • In una ferita da punta può rimanere incastrato corpo estraneo di qualsiasi tipo, come un pezzo di legno, stoffa, gomma, sporco e altro materiale. Spesso è difficile o addirittura impossibile individuarlo quando ci si automedica. Tuttavia, evita di stuzzicare e scavare nella ferita. Se pensi che ci sia ancora qualcosa all'interno, fatti visitare dal medico.[23]
  3. 3
    Medica e fascia la ferita. Se la puntura è priva di detriti e oggetti appuntiti, applica una pomata o una crema antibatterica e coprila con una benda.[24]
    • Dato che le ferite da punta più lievi non hanno dimensioni molto grandi e non tendono a sanguinare eccessivamente, la benda non è sempre necessaria. Tuttavia, se sono localizzate sui piedi o in altri punti che tendono a sporcarsi, è preferibile fasciarle per evitare che i detriti entrino all'interno.
    • Le pomate antibiotiche per uso topico, ad esempio a base di neosporina o polisporina, sono efficaci e non richiedono la prescrizione del medico. Applicala ogni 12 ore, per 2 giorni.[25] [26]
    • Utilizza una benda adesiva porosa o che non si attacchi alla ferita. Cambiala ogni giorno per mantenere la lesione asciutta.[27] [28]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Ristabilirsi dopo una Ferita da Punta

  1. 1
    Prenditi cura dell'area lesa. I seguenti passaggi sono consigliati per le prime 48-72 ore dopo il trattamento di una piccola ferita da punta:
    • Mantieni la zona interessata sollevata, possibilmente sopra l'altezza del cuore.
    • Cambia le bende se si sporcano o si bagnano.
    • Mantieni asciutta l'area interessata per 24-48 ore.
    • Dopo 24-48 ore, pulisci la ferita con acqua e sapone, 2 volte al giorno. Puoi riapplicare la pomata o la crema antibiotica, ma evita l'alcol denaturato e il perossido di idrogeno.
    • Evita attività che possono stressare la lesione e indurla a riaprirsi.[29]
  2. 2
    Controlla eventuali segni di infezione. Le piccole ferite da punta dovrebbero guarire in meno di due settimane. Se noti uno dei seguenti sintomi, chiama immediatamente il medico:
    • Aumento del dolore o dolore pulsante nella zona interessata;
    • Rossore o gonfiore della ferita: individua soprattutto l'eventuale presenza di striature rossastre circostanti o che si irradiano dalla ferita;
    • Pus o altre secrezioni;
    • Odore sgradevole proveniente dalla ferita;
    • Brividi o febbre di 38° C;
    • Gonfiore a carico di collo, ascelle o linfonodi inguinali.[30]
  3. 3
    Sottoponiti a un'iniezione antitetanica, se necessario. Se la ferita è entrata in contatto con terra, letame o sporcizia, c'è un rischio di infezione da tetano. Utilizza le seguenti indicazioni per determinare se il paziente necessita di un'iniezione antitetanica (e consulta il suo medico curante per avere un parere):
    • Se sono trascorsi più di 10 anni dall'ultima iniezione di tetano;
    • Se l'oggetto che ha provocato la ferita era sporco (o non sei sicuro che lo fosse) o se la ferita è grave e sono trascorsi più di 5 anni dall'ultima iniezione antitetanica;
    • Il paziente non ricorda quanto tempo è passato dall'ultima vaccinazione antitetanica;
    • Il paziente non è stato mai vaccinato contro il tetano.[31] [32]
    Pubblicità

Consigli

  • Di solito le piccole ferite da punta non sono molto gravi e non richiedono cure mediche.
  • In caso di necessità, un assorbente igienico pulito è un ottimo strumento da utilizzare per fermare l'emorragia.
Pubblicità

Avvertenze

  • Tieni sotto controllo eventuali segni di infezione intorno al sito della ferita finché non guarisce. Arrossamento, gonfiore, dolore pulsante, striature rossastre e pus possono indicare un'infezione.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Panno pulito
  • Pinzette
  • Forbicine
  • Bacinella e acqua calda
  • Antisettico
  • Benda

wikiHow Correlati

Stabilire se un Dito è FratturatoStabilire se un Dito è Fratturato
Togliere una SpinaTogliere una Spina
Eliminare un LividoEliminare un Livido
Rimuovere i Residui Adesivi di un Cerotto dalla PelleRimuovere i Residui Adesivi di un Cerotto dalla Pelle
Sapere se ti Sei Rotto un Dito del Piede
Capire se hai la Nocca FratturataCapire se hai la Nocca Fratturata
Guarire un Labbro SpaccatoGuarire un Labbro Spaccato
Rimuovere una Scheggia ProfondaRimuovere una Scheggia Profonda
Rimarginare la Lingua MorsicataRimarginare la Lingua Morsicata
Capire se un Piede è RottoCapire se un Piede è Rotto
Curare Velocemente le Ferite (Usando Metodi Semplici e Naturali)Curare Velocemente le Ferite (Usando Metodi Semplici e Naturali)
Trattare le Costole IncrinateTrattare le Costole Incrinate
Rimuovere un Cerotto Senza DoloreRimuovere un Cerotto Senza Dolore
Trattare una Abrasione da AsfaltoTrattare una Abrasione da Asfalto
Pubblicità
  1. https://myhealth.alberta.ca/health/Pages/conditions.aspx?hwid=pntwd&#hw99931
  2. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-puncture-wounds/basics/art-20056665
  3. http://www.pennmedicine.org/encyclopedia/em_PrintArticle.aspx?gcid=000043
  4. http://www.pennmedicine.org/encyclopedia/em_PrintArticle.aspx?gcid=000043
  5. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000043.htm
  6. http://www.stjohn.org.nz/first-aid/first-aid-library/bleeding/
  7. http://www.stjohn.org.nz/first-aid/first-aid-library/bleeding/
  8. http://www.stjohn.org.nz/first-aid/first-aid-library/bleeding/
  9. http://www.stjohn.org.nz/first-aid/first-aid-library/bleeding/
  10. http://www.stjohn.org.nz/first-aid/first-aid-library/bleeding/
  11. http://www.pennmedicine.org/encyclopedia/em_PrintArticle.aspx?gcid=000043
  12. http://www.seattlechildrens.org/medical-conditions/symptom-index/puncture-wound/
  13. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-puncture-wounds/basics/art-20056665
  14. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000043.htm
  15. http://www.pennmedicine.org/encyclopedia/em_PrintArticle.aspx?gcid=000043
  16. http://www.seattlechildrens.org/medical-conditions/symptom-index/puncture-wound/
  17. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-puncture-wounds/basics/art-20056665
  18. St John, The New Zealand First Aid Handbook, p. 27, (2009), ISBN 978-014-301187-3
  19. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000043.htm
  20. https://myhealth.alberta.ca/health/aftercareinformation/pages/conditions.aspx?hwid=uf7580
  21. http://www.nhs.uk/Conditions/Cuts-and-grazes/Pages/Introduction.aspx
  22. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000615.htm
  23. http://www.ok.gov/health/Disease,_Prevention,_Preparedness/Acute_Disease_Service/Disease_Information/Tetanus.html

Informazioni su questo wikiHow

Jonas DeMuro, MD
Co-redatto da:
Specialista in Chirurgia delle Emergenze e dell'Area Critica
Questo articolo è stato co-redatto da Jonas DeMuro, MD. Il Dottor DeMuro lavora come Chirurgo Specializzato in Chirurgia delle Emergenze e dell’Area Critica Iscritto all’Albo degli Specialisti a New York. Si è laureato in Medicina presso la Stony Brook University School of Medicine nel 1996. Questo articolo è stato visualizzato 25 732 volte
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 25 732 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità