Come Trattare una Ustione

Scritto in collaborazione con: Bobby Homayoon, MD

In questo Articolo:Determinare il Grado dell'UstioneTrattare le Ustioni MinoriTrattare le Ustioni MaggioriConoscere le Cure Ospedaliere in Caso di Ustioni Maggiori

Le ustioni sono ferite abbastanza comuni ma terribilmente dolorose. Anche se quelle di minore entità guariscono senza particolari cure mediche, quelle più gravi richiedono dei trattamenti speciali, per prevenire possibili infezioni e ridurre la gravità delle cicatrici. Prima di prenderti cura di un'ustione è importante conoscerne il livello o grado.

Parte 1
Determinare il Grado dell'Ustione

  1. 1
    Verifica se l'ustione è di primo grado. Si tratta della forma più comune di ustione e può essere causata da una leggera scottatura, da un breve contatto con un oggetto bollente o dal sole. Il danno è limitato alla superficie esterna della cute. La pelle può apparire rossa, leggermente gonfia e potrebbe essere dolente, anche se non sempre. Puoi curare questo tipo di ustione a casa, dato che non richiede particolari attenzioni mediche. La parte più esterna dell'epidermide è in grado di guarire da sola, con il tempo e i giusti trattamenti.
    • L'ustione di primo grado è classificata come "ustione minore" e può essere curata come tale. A volte è estesa su tutto il corpo, come nel caso di una scottatura al sole, ma non richiede particolari cure mediche.
  2. 2
    Individua un'ustione di secondo grado. In questo caso la pelle può apparire a chiazze, si possono formare delle bolle e il dolore è molto più intenso. Può essere provocata da un breve contatto con un oggetto terribilmente caldo (per esempio l'acqua bollente), da un prolungato contatto con oggetti caldi o da una eccessiva esposizione al sole. A meno che non sia localizzata su mani, piedi, inguine o viso, può essere trattata come un'ustione minore. Se si formano delle vesciche, non devi drenarle; se però si aprono da sole e fuoriesce il liquido, devi tenerle pulite risciacquandole con acqua e applicando una pomata antibatterica. Puoi anche coprire la zona con una fasciatura o un altro bendaggio per mantenere la pomata a contatto con la pelle. Assicurati di cambiare la medicazione ogni giorno.
    • L'ustione di secondo grado raggiunge il secondo strato di epidermide. Se ha una dimensione maggiore di 10 cm, è su mani, piedi, articolazioni o genitali oppure non guarisce nell'arco di alcune settimane, devi rivolgerti al medico per delle cure più incisive.
  3. 3
    Accertati se l'ustione è di terzo grado. Questa è la più grave e richiede immediate cure mediche. Avviene quando c'è stata una prolungata esposizione a oggetti ustionanti e bollenti che hanno attraversato i tre strati dell'epidermide; in alcuni casi può anche esserci un danno ai muscoli, grasso e ossa sottostanti. La zona dell'ustione ha un aspetto simile al cuoio e spesso assume una colorazione bianca o nera. Il dolore può variare in base al livello dei danni ai nervi sottocutanei (recettori sensoriali). Questo tipo di ustione può sembrare "umido" a causa della rottura delle cellule e della fuoriuscita delle proteine.
    • L'ustione di terzo grado è classificata come la più grave e deve essere trattata da personale medico il prima possibile.
  4. 4
    Verifica un'ustione da freddo. In questo caso la pelle viene esposta per un lungo periodo alle basse temperature, come a neve o ghiaccio. L'area appare di un colore rosso brillante, bianco o nero, e può provocare una forte sensazione di bruciore quando viene scaldata nuovamente. Si parla di "ustione" anche nel caso di basse temperature perché il freddo provoca danni agli strati della pelle.
    • Nella maggior parte dei casi le ustioni da freddo vanno trattate come quelle di terzo grado e sono necessarie delle cure mediche.
    • Subito dopo l'esposizione al freddo, la pelle deve essere riscaldata in acqua a una temperatura di 37-39 °C.
  5. 5
    Riconosci un'ustione chimica. Questo è un tipo di ustione causato dal contatto della pelle con sostanze e prodotti chimici che danneggiano gli strati dell'epidermide. Solitamente provoca delle macchie rosse, degli sfoghi cutanei, delle bolle o delle piaghe aperte. La prima cosa da fare è quella di stabilire sempre la causa dell'ustione e chiamare immediatamente il centro antiveleni.
    • Contatta subito il centro antiveleni più vicino se pensi di avere un'ustione chimica sulla pelle, in quanto bisogna prendere tutte le precauzioni per neutralizzare la sostanza ed evitare che possa diffondersi ulteriormente.
    • In genere le ustioni chimiche vanno lavate con acqua abbondante; tuttavia, devi evitare l'acqua se la lesione è stata causata da calce viva o da metalli elementari (come sodio, magnesio, fosforo, litio ecc.), perché questi materiali reagiscono con l'acqua e provocano danni maggiori.

Parte 2
Trattare le Ustioni Minori

  1. 1
    Fai scorrere dell'acqua fredda sull'ustione. Questa è la prima cosa da fare appena ti è possibile, in modo da evitare ulteriori danni alla pelle. Tieni la lesione sotto l'acqua corrente per 10-15 minuti o finché il dolore non si riduce. Non usare acqua troppo fredda, però, perché potrebbe provocare maggiori danni alla pelle circostante.
    • Lo shock improvviso dello sbalzo dalla temperatura estremamente calda a quella troppo fredda non farebbe altro che rallentare il processo di guarigione.
  2. 2
    Togli velocemente gli abiti stretti o i gioielli. Appena puoi, o comunque quando risciacqui l'ustione, devi togliere ogni oggetto costrittivo sulla pelle, dato che questa probabilmente si gonfierà a causa della lesione. In caso di dubbio, comunque, togli tutto ciò che ritieni utile; in questo modo permetti al sangue di scorrere sull'area dolente e facilitare la guarigione, oltre a prevenire eventuali danni peggiori.
  3. 3
    Applica un impacco freddo. Se non ti è possibile mettere la ferita sotto l'acqua fredda, puoi usare un impacco freddo o avvolgere del ghiaccio in un asciugamano e appoggiarlo sull'ustione. Tienilo in posizione per 10-15 minuti, aspetta mezz'ora e poi riapplicalo per altri 10-15 minuti.
    • Non appoggiare mai il ghiaccio o l'impacco freddo direttamente sull'ustione, perché provocheresti dei gravi danni alla pelle. Assicurati che ci sia sempre un panno tra la pelle e il ghiaccio.
  4. 4
    Prendi un antidolorifico da banco. Un farmaco come l'ibuprofene, il paracetamolo, l'aspirina o il naprossene può esserti di aiuto quando i sintomi iniziano a infastidirti. Se il dolore non si riduce dopo alcune ore, prendi un'altra dose di farmaco. Evita però di dare l'aspirina ai bambini e non prenderla neppure tu, se stai guarendo da una recente influenza o varicella.
    • Attieniti alle istruzioni indicate sul bugiardino, che cambiano in base al tipo di farmaco che hai scelto.
  5. 5
    Pulisci la zona dell'ustione. Dopo esserti lavato le mani, usa acqua e sapone e pulisci la ferita per prevenire possibili infezioni. Al termine, applica una pomata antibiotica come Neosporin. Anche l'aloe vera aiuta a lenire la pelle; cerca in commercio un gel con pochi additivi. Gli antibiotici e l'aloe vera, inoltre, evitano che la fasciatura aderisca alla pelle.
    • Non schiacciare le vesciche mentre pulisci la ferita, perché hanno la funzione di proteggere la pelle dalle infezioni. Fai attenzione affinché non si aprano e non fuoriesca il liquido, dato che il corpo è in grado di guarire da solo quando si tratta di un'ustione minore. Se le bolle non si sono aperte non è necessario applicare una pomata antibiotica ma, in caso contrario o comunque se l'ustione è esposta, l'antibiotico è importante per prevenire le infezioni.
  6. 6
    Copri l'ustione con un leggero strato di pomata e metti una garza. Quando si tratta di un'ustione di primo grado non è necessario mettere una fasciatura, se le bolle non sono scoppiate o se la pelle non è aperta. Nel caso di ustioni di secondo grado, invece, è importante coprire la lesione per evitare infezioni. Proteggila delicatamente con una garza e assicura quest'ultima fermandola con del nastro medico. Cambia la garza ogni giorno.

    Medicazione
    Prima l'unguento: non applicare la fasciatura direttamente sulla ferita. Devi sempre mettere una crema o una pomata sulla lesione prima di appoggiarvi sopra la garza, altrimenti, alla sua rimozione, rischi di strappare anche i nuovi strati di pelle che si stanno formando per cicatrizzare la ferita.
    Rimuovere la fasciatura: togli la garza seguendo la direzione della crescita dei peli. Se la fasciatura si è incollata alla malauguratamente ferita, prendi dell'acqua tiepida o una soluzione salina e applicala sul pezzo di garza per toglierla con più facilità. Per preparare la soluzione salina aggiungi 1 cucchiaino di sale in 4 litri d'acqua[1].

  7. 7
    Evita di usare rimedi casalinghi come l'albume d'uovo, il burro o il tè. In internet puoi trovare dei siti che descrivono soluzioni "miracolose" contro le ustioni, ma sono pochi gli studi scientifici che avvalorano l'efficacia di tali rimedi. Molte fonti attendibili, come la Croce Rossa, affermano che questi rimedi popolari possano aggravare la situazione introducendo batteri nella lesione e causando infezioni.
    • In caso di scottatura solare i prodotti idratanti naturali, come l'aloe vera o la soia, possono rivelarsi efficaci.
  8. 8
    Controlla la presenza di un'infezione. Presta attenzione se la ferita diventa rossa, marrone o nera. Verifica anche lo strato di grasso sottostante e attorno all'ustione, perché, in caso di complicazioni, potrebbe diventare verdastro. Se la lesione tarda a guarire può essere segno di qualche problema, infezione oppure puoi aver valutato male la sua gravità. Informa il medico se manifesti i seguenti sintomi:

    Segni d'Infezione
    Intorno alla ferita: calore, dolore al tatto, indurimento della zona ferita
    Febbre temperatura corporea oltre i 39 °C o meno di 36,5 °C. Entrambi significano una grave infezione e richiedono immediate cure mediche[2].

  9. 9
    Allevia il prurito con prodotti per uso topico. Il prurito è un tipico sintomo, molto frequente nella prima fase di guarigione da un'ustione minore. I prodotti topici come l'aloe vera o altri a base di vaselina alleviano il disagio causato dal prurito. Eventualmente puoi anche prendere degli antistaminici per via orale.

Parte 3
Trattare le Ustioni Maggiori

  1. 1
    Chiama immediatamente il servizio di emergenza. Non devi pensare di curare a casa le ustioni gravi, perché devono essere trattate da personale qualificato. Chiama subito l'ambulanza o recati immediatamente al pronto soccorso.
    • Non cercare mai di curare da solo, a casa, una grave ustione. Quelle descritte qui di seguito sono semplicemente delle misure da mettere in atto mentre attendi i soccorsi.
  2. 2
    Sposta la vittima dalla fonte di calore in modo sicuro. Devi cercare di fare tutto il possibile per prevenire ulteriori ustioni o lesioni. Spegni o ferma la sorgente di calore o allontana la vittima.
    • Non spostare o tirare mai la persona sofferente afferrandola per l'area ustionata: potresti provocare ulteriori danni alla pelle, con il rischio di aprire le ferite, senza contare il fatto che la vittima proverebbe maggiore dolore e potrebbe entrare in stato di shock.
  3. 3
    Copri l'ustione. Appoggia un panno umido e freddo sulla zona lesionata per proteggerla fino all'arrivo dei soccorsi. Non applicare il ghiaccio e non immergere la zona ustionata nell'acqua fredda, altrimenti potresti provocare ipotermia o danni peggiori all'area già sofferente.
  4. 4
    Rimuovi qualunque irritante chimico. Se l'ustione è di origine chimica, pulisci la zona da ogni residuo di sostanza pericolosa. Fai scorrere dell'acqua fredda sulla ferita o applica un impacco freddo mentre attendi l'arrivo dei medici. Non utilizzare dei rimedi casalinghi in caso di ustione chimica.
  5. 5
    Solleva la zona ustionata oltre il livello del cuore della vittima. Fallo, però, solo se sei sicuro di non provocare ulteriori danni.
  6. 6
    Cerca aiuto immediato, se la vittima entra in stato di shock. Verifica i seguenti sintomi: battito cardiaco lento o accelerato, ipotensione arteriosa, pelle sudata, senso di disorientamento o perdita di conoscenza, nausea o aggressività. Se noti questi sintomi dovuti a un'ustione di terzo grado, cerca immediate cure mediche. Chiama l'ambulanza o porta rapidamente la vittima in ospedale. Lo shock è molto pericoloso, può portare alla morte e si somma a una situazione già grave.
    • Le gravi ustioni di terzo grado possono effettivamente provocare uno shock perché il corpo perde una notevole quantità di fluidi quando la superficie danneggiata è estesa. Il corpo non può funzionare normalmente con un basso livello di liquidi e sangue.

Parte 4
Conoscere le Cure Ospedaliere in Caso di Ustioni Maggiori

  1. 1
    Togli gli abiti e i gioielli. La vittima deve essere trasferita immediatamente in un ospedale o in un "centro grandi ustionati" per ricevere le cure adeguate. Quindi è importante eliminare gli indumenti e i gioielli perché possono stringere il corpo della vittima quando si manifesta l'edema.
    • Le ustioni possono gonfiare molto alcune parti del corpo, comprimendole in modo pericoloso (sindrome compartimentale). Se ciò si verifica, è necessario un immediato ricovero ospedaliero per ridurre la pressione, aiutare la circolazione del sangue e garantire la funzionalità dei nervi.
  2. 2
    Rileva i parametri vitali e fornisci ossigeno alla vittima. In caso di ustioni maggiori il medico può fornire ossigeno puro al 100% tramite intubazione, ossia inserendo un tubo nella trachea. Inoltre è fondamentale rilevare immediatamente anche i parametri vitali. In questo modo si monitora lo stato attuale della vittima e si può definire un piano specifico di trattamento.
  3. 3
    Reidrata la vittima. È fondamentale interrompere la perdita di liquidi e reintegrarli con una soluzione reidratante per via endovenosa. La tipologia e la quantità di fluidi da somministrare dipende dal livello di ustione.
  4. 4
    Fornisci antibiotici e antidolorifici. È importante che la vittima assuma dei farmaci analgesici e antidolorifici in modo da gestire meglio il dolore. Sono estremamente utili anche gli antibiotici.
    • Gli antibiotici sono necessari perché la linea principale di difesa dalle infezioni (la pelle appunto) è stata danneggiata e non è più in grado di combattere efficacemente contro l'aggressione esterna. I farmaci sono quindi indispensabili per evitare che i batteri entrino nell'organismo e possano infettare la ferita.
  5. 5
    Modifica l'alimentazione della vittima. In questo momento la dieta deve essere ricca di calorie e di proteine. Questo aiuta a fornire al corpo l'energia vitale e le proteine necessarie per riparare le cellule.

    Alimenti ricchi di Calorie e Proteine
    Proteine: uova, yogurt greco, tonno, halibut, salmone, tilapia, carni rosse (tagli più magri), petti di pollo senza pelle e ossa, petti di tacchino, lenticchie secche, burro d'arachidi, noci, tofu, germogli di grano, quinoa
    Calorie: avocado, banane, mango, cereali integrali, pane integrale, mais in quantità moderate[3].

Consigli

  • Tutte le persone che hanno subito un'ustione di terzo grado devono essere trasportate in ambulanza (eventualmente anche in elicottero) al centro ustioni o all'ospedale più vicino.
  • Lavati le mani prima di toccare o trattare un'ustione. Se puoi, indossa anche dei guanti.
  • Usa solo acqua fresca e pulita oppure una soluzione salina, se disponibile, come intervento di primo soccorso in caso di ustioni maggiori. Proteggi la zona con un tessuto sterile o molto pulito, come un lenzuolo, in attesa dell'intervento dell'ambulanza.
  • I consigli di questo tutorial non intendono sostituire le cure mediche. Se hai dei dubbi, consulta immediatamente il medico.
  • Avvolgi le ustioni minori o anche gravi con una pellicola trasparente, se non hai a disposizione una garza. Anche questa aiuta a prevenire le infezioni in attesa di andare all'ospedale.
  • Non bagnare con acqua un'ustione chimica, se non conosci il materiale che l'ha provocata, perché la sostanza pericolosa potrebbe diffondersi ancora di più sulla pelle. L'acqua potrebbe aggravare la situazione, nel caso l'incidente fosse stato causato da determinati elementi chimici, come la calce viva.
  • Non esporre l'ustione a sostanze nocive.

Avvertenze

  • Rivolgiti al medico il prima possibile, se hai un'ustione grave. Non puoi curarla da solo, perché è una ferita che richiede attenzioni mediche.
  • Le ustioni da materiale radioattivo sono molto diverse e decisamente gravi. Devi trovare immediate cure mediche, se sospetti che l'ustione sia di questo tipo, inoltre devi mettere in atto tutte le procedure preventive per proteggere te e la vittima.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Punture, Morsi e Bruciature

In altre lingue:

English: Treat a Burn, Español: tratar una quemadura, Deutsch: Verbrennungen behandeln, Português: Tratar Queimaduras, Français: soigner les brulures, Русский: лечить ожоги, 中文: 治疗烧伤, Nederlands: Brandwonden behandelen, Čeština: Jak ošetřit popáleninu, Bahasa Indonesia: Merawat Luka Bakar, 日本語: やけどを治療する, العربية: علاج الحروق, हिन्दी: जलने (burn) पर इलाज़ करें, ไทย: รักษาแผลไหม้, Tiếng Việt: Xử lý Vết Bỏng, 한국어: 화상 치료하는 법, Türkçe: Yanık Nasıl Tedavi Edilir

Questa pagina è stata letta 257 454 volte.
Hai trovato utile questo articolo?