Un humidor è una scatola di legno speciale che serve a conservare sigari, sigarette e altri prodotti che contengono tabacco per evitare che si secchino. Dopo averlo acquistato è necessario prepararlo per l'utilizzo. Questo processo serve a incrementare la percentuale di acqua presente nel legno di cui è costituito l'humidor per consentirgli di trattenere meglio l'umidità. Un humidor ben umidificato conserva meglio il tabacco e consente che duri più a lungo. È importante specificare che il processo di umidificazione richiede diversi giorni, quindi nel frattempo dovrai trovare una collocazione alternativa per i tuoi sigari.

Parte 1 di 2:
Umidificare l'Humidor

  1. 1
    Procurati tutti gli strumenti necessari. Tipicamente gli humidor sono fatti di legno che, essendo un materiale poroso, lascia traspirare l'umidità.. Il processo di umidificazione serve a incrementare la percentuale di acqua presente nel legno, in modo che l'humidor riesca a preservare meglio l'umidità dei prodotti al suo interno. Gli strumenti che ti servono per iniziare sono:[1]
    • Un panno asciutto e pulito;
    • Acqua distillata;
    • Glicole propilenico;
    • Una piccola boule;
    • Sistema umidificante a spugna;
    • Una comune spugna pulita;
    • Un piatto;
    • Un igrometro.
  2. 2
    Per prima cosa pulisci l'humidor. Spolveralo all'interno e all'esterno con un panno pulito e asciutto. Questa operazione serve a rimuovere la polvere, i residui di legno o qualunque altra particella accumulatasi dentro o fuori dall'humidor.[2]
    • Non usare un panno o una spugna bagnati per pulirlo perché l'acqua ha la capacità di far gonfiare e deformare il legno.
  3. 3
    Prepara la soluzione umidificante. Miscela 120 ml di glicole propilenico e 120 ml di acqua distillata all'interno di una piccola boule. Userai questa soluzione per "caricare" il sistema umidificante, ovvero in questo caso la speciale spugna che serve a mantenere l'umidità nell'humidor al termine di questo processo.[3]
    • Utilizza esclusivamente l'acqua distillata, dato che è priva di impurità.
    • Il glicole propilenico è un liquido sintetico che rivestirà il legno, contribuirà a tenere sotto controllo il livello di umidità e preverrà la proliferazione di muffe e batteri.
  4. 4
    Carica la spugna umidificante. Mettila all'interno della boule con la soluzione a base di acqua distillata e glicole propilenico. Lascia che l'assorba per circa 15 minuti, finché non è completamente satura.[4]
    • Rimuovi la spugna dalla soluzione umidificante e adagiala capovolta su un asciugamano pulito. Lasciala scolare in quella posizione per mezzora. Durante questo lasso di tempo la spugna rilascerà il liquido in eccesso, in questo modo non rischierai che il legno dell'humidor si deformi o si gonfi.
  5. 5
    Sistema la spugna umidificante all'interno dell'humidor. Rimuovi cassetti e scomparti dalla scatola e appoggia la spugna nell'humidor vuoto, insieme all'igrometro. A questo punto inumidisci una comune spugna pulita con l'acqua distillata, quindi strizzala per eliminare il liquido in eccesso. Dovrà essere bagnata, ma senza gocciolare.[5]
    • Sistema la spugna su un piatto, quindi mettilo nell'humidor. Se non hai a disposizione una spugna, puoi usare un piccolo piatto fondo riempito con due centimetri e mezzo di acqua distillata.
    • Un igrometro è uno strumento che misura il livello di umidità.
  6. 6
    Chiudi l'humidor e lascialo riposare indisturbato. Risistema tutti gli scompartimenti e i cassetti nella loro posizione originale, quindi chiudi il coperchio della scatola, riponila in un luogo tranquillo e non toccarla per tre giorni. Non aprirla durante questo lasso di tempo, altrimenti lascerai uscire l'umidità, rallentando pertanto il processo di preparazione del legno.
    • Generalmente per umidificare un humidor sono necessari da tre a cinque giorni.
  7. 7
    Controlla il livello di umidità. Dopo che sono trascorsi tre giorni, apri il coperchio dell'humidor ed esamina l'igrometro per vedere qual è la percentuale raggiunta. L'umidità dovrebbe aggirarsi intorno al 60-85%, ma è necessario che abbia raggiunto almeno il 72% perché tu possa procedere.[6]
    • Se l'igrometro indica che l'umidità è inferiore al 72%, aggiungi dell'altra acqua alla spugna, chiudi il coperchio e lascia riposare l'humidor indisturbato per un altro giorno intero. Potrai effettuare un nuovo controllo ogni 24 ore finché l'umidità non raggiunge o non supera il 72%.
  8. 8
    Rimuovi la spugna e lascia stabilizzare la percentuale di umidità. Una volta che ha raggiunto almeno il 72%, rimuovi la seconda spugna e il piatto dalla scatola, poi richiudi nuovamente il coperchio. Lascia riposare l'humidor per altri due giorni, dando tempo al livello di umidità presente di stabilizzarsi.
    • Dal terzo giorno in poi, controlla la percentuale di umidità ogni 24 ore. L'obiettivo è che rimanga stabile al 70%.
    • Dopo che l'umidità ha raggiunto la percentuale corretta (70%), lascia riposare l'humidor ancora per uno o due giorni. In questo lasso di tempo verifica quotidianamente se la percentuale rimane stabile.
    • In quest'ultima fase apri l'humidor solo una volta al giorno per controllare la percentuale di umidità. Durante il resto del tempo deve rimanere chiuso.
  9. 9
    Disponi i sigari nella scatola. Una volta che il livello di umidità all'interno dell'humidor si è stabilizzato al 70%, puoi aggiungere i sigari, le sigarette e gli altri prodotti del tabacco per conservarli. Nei primi giorni che seguono, il tabacco assorbirà parte dell'umidità, quindi la percentuale potrebbe diminuire. È un effetto corretto, a patto che l'umidità rimanga a un livello compreso tra il 65 e il 70%, che è l'intervallo di valori ideale per un humidor.
    • Se la percentuale di umidità dovesse abbassarsi oltre, il tabacco si seccherà; nel caso invece dovesse salire troppo, potrebbe ammuffire.
    • Non perdere di vista il livello di umidità all'interno dell'humidor per assicurarti che rimanga entro l'intervallo di valori richiesto.

Parte 2 di 2:
Mantenere l'Umidità Relativa

  1. 1
    Mantieni carica la spugnetta. Una volta concluso il processo di preparazione del legno iniziale, dovrai fare attenzione a mantenere costante il livello di umidità raggiunto per conservare i prodotti nel modo corretto. Ogni volta che il valore scende oltre la soglia del 65%, devi ricaricare la spugnetta umidificante.[7]
    • Quando è il momento di ricaricarla, lasciala immersa in una miscela di acqua distillata e glicole propilenico (in parti uguali) per 15 minuti.
    • Quando la spugna è satura di liquido, adagiala su un asciugamano e lasciala scolare per mezzora.
    • Quando ha smesso di gocciolare, rimettila all'interno dell'humidor.
  2. 2
    Controlla che l'humidor si chiuda correttamente. Per riuscire a mantenere l'umidità al suo interno deve essere completamente sigillato. Nel caso non si chiuda bene, la lascerà traspirare e dovrai combattere costantemente contro dei valori troppo bassi. Se la chiusura è difettosa, dovrai cambiarla o sostituire totalmente l'humidor.
    • Per controllare la chiusura dell'humidor, posiziona un foglio di cartà metà fuori e metà dentro, quindi chiudi il coperchio in modo che rimanga intrappolato tra quest'ultimo e il resto della scatola. A questo punto, tiralo delicatamente verso l'esterno; se riesci a sfilarlo facilmente, significa che la chiusura è difettosa. Al contrario, se oppone resistenza e fai fatica a muoverlo, la chiusura funziona correttamente.[8]
    • Ripeti l'esperimento per ciascun lato dell'humidor per assicurarti che sia completamente sigillato.
  3. 3
    Conserva l'humidor in un ambiente adatto. Se vuoi che l'umidità rimanga entro l'intervallo di valori ideale, oltre a ricaricare la spugnetta quando serve, devi conservare l'humidor in un luogo appropriato e alla giusta temperatura. La scelta migliore è un posto fresco, al riparo dalla luce del sole.
    • La temperatura corretta è compresa tra 15,5 e 24 °C.
  4. 4
    Apri l'humidor per ridurre il livello di umidità. Se dovesse alzarsi troppo, puoi risolvere il problema facilmente aprendo il coperchio e lasciando l'humidor aperto per 30 minuti.
    • Controlla nuovamente la percentuale di umidità dopo che sono trascorse 24 ore. Se è ancora alta, lascia il coperchio aperto per un'altra mezzora. Ripeti le operazioni giornalmente finché l'umidità non si stabilizza.[9]
  5. 5
    Ricalibra l'igrometro. Uno strumento non tarato correttamente o impreciso può dare una lettura dei valori errata. Eseguendo un test, potresti scoprire che la percentuale di umidità all'interno della scatola è corretta, mentre invece l'igrometro non funziona correttamente. In particolare gli igrometri analogici tendono a essere meno precisi rispetto a quelli digitali.[10]
    • Se hai difficoltà a mantenere il livello di umidità entro l'intervallo di valori appropriato, prova a ricalibrare l'igrometro.

Cose che ti Serviranno

  • Panno asciutto e pulito
  • Acqua distillata
  • Glicole propilenico
  • Piccola boule
  • Sistema umidificante a spugna
  • Spugna pulita
  • Piatto
  • Igrometro

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 3 238 volte
Questa pagina è stata letta 3 238 volte.

Hai trovato utile questo articolo?