Come Usare Ventilatori da Finestra per Rinfrescare un Edificio

I ventilatori possono essere un’alternativa economica ed ecologica per integrare, o anche sostituire l’aria condizionata. I ventilatori da finestra sono particolarmente adatti in zone e in stagioni con molto caldo di giorno e tempo fresco e secco di notte. L’obiettivo è rinfrescare un edificio durante la notte utilizzando l’aria esterna, e riducendo o anche eliminando l’aria condizionata durante il giorno. Inoltre, i ventilatori consumano l’elettricità nelle ore notturne, e quindi, sono vantaggiosi sia in caso di doppia tariffazione diurna-notturna, sia in caso di aree soggette a blackout da sovraccarico. Per usare i ventilatori da finestra per rinfrescare la casa, segui i criteri illustrati nell'articolo.

Passaggi

  1. 1
    Valuta se la tua situazione è appropriata per questa soluzione.
    • Se la temperatura è insopportabilmente calda e umida sia di giorno, sia di notte, questa soluzione non è appropriata. Invece, se la temperatura fosse calda e umida solo di giorno, un ventilatore da finestra potrebbe essere usato con successo per abbassarla durante la notte.
    • Se vivi in una zona molto inquinata, un ventilatore da finestra porterà l’inquinamento dentro casa.
    • Il ventilatore da finestra non è raccomandato se non ci sono le dovute protezioni, perché insetti e altri animali possono entrare dalle finestre aperte. Zanzare e altro tipo di minuscoli insetti possono comunque entrare attraverso tali protezioni, quindi non usare questa soluzione se non le sopporti.
    • Nelle aree più malfamate, le finestre accessibili dall’esterno sono una pacchia per i ladri.
    • Inoltre, i rumori esterni saranno più fastidiosi con le finestre aperte, anche se il rumore del ventilatore ne maschera alcuni.
  2. 2
    Scegli il ventilatore. Il modello ideale è il più largo che può adattarsi nel corpo della finestra. Evita ventilatori troppo larghi per le dimensioni della finestra, perché posizionandoli all’esterno della struttura della finestra stessa finiscono spesso per cadere. L’edificio dovrebbe avere una equilibrata capacità di scambio dell'aria (tenendo a mente che è necessario considerare l'aggiunta di ventilatori più piccoli in fase di progettazione dell'impianto). Se c’è uno squilibrio che non può essere facilmente bilanciato, è meglio immettere più aria, in modo da creare una pressione interna maggiore; questo previene l’ingresso di polveri e insetti quando le porte sono aperte, e ferma "l’aria cattiva" proveniente dai comignoli.
  3. 3
    Decidi dove sistemare i ventilatori da finestra. Ciò significa anche decidere quale ventilatore convoglierà l’aria esterna e quale aspirerà l’aria dall’interno. Ci sono diverse considerazioni da fare al riguardo:
    • Convoglia l’aria dal lato dove l’aria è più fresca. Generalmente, questo sarà il lato in ombra.
    • Accompagna la direzione del vento, orientando i ventilatori nella stessa direzione piuttosto che controvento. Quando il vento è abbastanza forte, l'uso dei ventilatori potrebbe non essere necessario.
    • In un appartamento con un solo piano, sistema i ventilatori in modo da canalizzare l’aria da un lato ed espellerla dal lato opposto, tenendo aperte le porte interne per favorire la massima circolazione dell’aria.
    • Per le case con più di un piano, si può sfruttare il fatto che l’aria calda tende a salire, per cui il sistema di circolazione dovrebbe prevedere l’immissione di aria dal piano terra e la fuoriuscita dai piani superiori, incluso l’attico (con la porta dell’attico aperta, se possibile).
    • Evita di immettere aria da zone con accumuli di rifiuti, o da aree di parcheggio. L’aria prelevata vicino ad alberi e piante spesso è più profumata e piacevole, a meno di non avere il problema del polline.
    • Indirizzare l’aria in ingresso direttamente verso un frigorifero o un freezer facilita la fuoriuscita dell’aria all’esterno (specie quando questi apparecchi sono aperti), aumentando in questo modo il carico di lavoro del ventilatore; quindi, va evitato.
    • Ricorda che l’aria convogliata all’interno dal ventilatore può disperdere o danneggiare fogli di carta liberi, quindi evita di usare ventilatori in aree ad uso ufficio, o metti prima al sicuro la carta.
    • Evita di sistemare i ventilatori che convogliano aria sopra oggetti di valore, come una scrivania antica o un costoso tappeto orientale, soprattutto per evitare di danneggiarli con gocce d’acqua o umidità.
    • Le stanze con i ventilatori che convogliano aria si rinfrescheranno prima (per effetto dell’aumento della circolazione dell’aria) rispetto a quelle che hanno i ventilatori per espellerla.
  4. 4
    Sistema i ventilatori nelle finestre. Serra le finestre quanto più strettamente possibile intorno al ventilatore per tenerlo bloccato e per evitare un circolo vizioso dell’aria. Il circolo vizioso si verifica quando l’aria immessa dal ventilatore è risucchiata intorno al ventilatore all’esterno, in un circolo che si ripete all’infinito. L’effetto conseguente è che l’aria risulta riscaldata dal motore del ventilatore.
  5. 5
    Copri le fessure della finestra adiacenti al ventilatore. Se il ventilatore convoglia aria all’interno, l’aria tende a ritornare indietro a causa dell’aumento della pressione nella stanza. In genere, sistemare del tessuto (o anche della carta) ai lati del ventilatore è sufficiente, perché saranno spinti verso il vetro della finestra. Per i ventilatori che espellono l’aria coprire le fessure è più complicato, perché l’aria intorno ad essi tende a tornare indietro. Di conseguenza, bisogna sistemare cartone o carta nella parte esterna della finestra, se questa è accessibile, oppure nastrare le fessure dalla parte interna. Per i ventilatori che spingono fuori l’aria, puoi anche evitare di coprire le fessure, ma in tal caso, devi accettare che operino con un’efficienza ridotta.
  6. 6
    Accendi i ventilatori ogni volta che c’è più fresco all’esterno rispetto all’interno. Spegnili, rimuovili dalla finestra e chiudila quando l’edificio è fresco abbastanza da compensare la temperatura prevista per il giorno dopo. Una regola generale fondata sul buon senso, è che la temperatura interna di giorno sarà uguale alla media tra la temperatura esterna durante la giornata e quella interna della notte. Così, se vuoi tenere la temperatura interna a 21°C, e ti aspetti una temperatura esterna di circa 27°C di giorno, hai bisogno di abbassare la temperatura interna di notte a 15°C. Questo varierà in base all'edificio, ma puoi usare questa regola finché non avrai determinato valori più precisi per la tua area. Nell’esempio precedente, il ventilatore può essere spento una volta che la temperatura interna è scesa a 15°C.

Consigli

  • Piazza i ventilatori che espellono aria più in alto possibile; per esempio, in una finestra al secondo piano. Dal momento che l’aria calda tende a salire, i ventilatori posizionati in alto tenderanno a espellere prima l’aria più calda.
  • I ventilatori rinfrescano in 3 modi:
    • Portando aria fresca dall’esterno ed eliminando dall’edificio quella più calda. Questa è la soluzione considerata in via principale da questo articolo.
    • Spingendo via l’aria più calda e umida vicino alle persone, e rimpiazzandola con aria più fresca e asciutta. I ventilatori da soffitto, ad esempio, rinfrescano in questo modo.
    • Aumentando l’indice di evaporazione di un liquido per produrre fresco per evaporazione. Per raffreddare una stanza questa soluzione può funzionare bene solo in aree con umidità molto bassa, come quelle desertiche. Per rinfrescare le persone, questa soluzione va bene se le persone sono bagnate o sudate, per esempio dopo una doccia, un bagno, una nuotata in piscina, o dopo aver fatto intenso esercizio fisico.
  • Manutenzione dei ventilatori:
    • Lasciare i ventilatori in funzione per una frazione importante della giornata riduce la loro durata, specie se restano posizionati nella finestra durante un acquazzone. Comunque, fare della manutenzione, in qualche modo, ne aumenta la durata.
    • Non accendere un ventilatore che non funziona bene, specie se le ventole non si muovono per niente e/o si sente odore di bruciato. Un ventilatore in queste condizioni può fare scoppiare un incendio.
    • Il problema più comune è la mancanza di lubrificazione. Un segnale è dato dal rallentamento delle ventole, specialmente all’avvio, rispetto a quando erano nuovi, o addirittura dal loro blocco, e dall’aumento del rumore. In questo caso, stacca il ventilatore dalla presa elettrica, e spostalo in garage o in una zona dove i vapori non sono un problema, quindi lubrifica l’albero della ventola e le parti intorno. Potrebbe essere necessario rimuovere le griglie di protezione e il blocco ventola, per fare un lavoro ben fatto, anche se una lattina di lubrificante WD40 (o equivalente) con beccuccio spray può raggiungere i punti di lubrificazione più facilmente. Ruota le ventole durante e dopo la lubrificazione in modo da distribuire il lubrificante in modo equilibrato. Stai attento a non spargere gocce d’olio nelle parti elettriche, soprattutto in quelle vicino all’interruttore. Non azionare il ventilatore per qualche giorno, finché l’eccesso di vapori del lubrificante non evapora. Usa questo ventilatore inizialmente per espellere l’aria in modo che i vapori residui siano soffiati all’esterno.
    • Un altro problema comune è un guasto elettrico – di norma un cavo che si è staccato da un punto di saldatura o da una connessione. Se sai fare una saldatura, lo puoi riparare da te. L’interruttore è quello più interessato da questo tipo di guasto. Se necessario, puoi anche bypassare l’interruttore, e accendere il ventilatore direttamente, inserendo la presa di corrente. Questo può voler dire, tuttavia, perdere la possibilità di variare la velocità del ventilatore.
  • Rimuovere il ventilatore dalla finestra, quando non si usa, aiuta a mantenere la giusta temperatura, ma può essere complicato per i più anziani e per le persone deboli. In questi casi i ventilatori possono essere lasciati nelle finestre. Tuttavia, durante i temporali, i ventilatori dovrebbero essere rimossi per prevenire danni da acqua nell’edificio.
  • Se la ventilazione con il ventilatore non è appropriata per l’edificio, i ventilatori possono comunque essere diretti verso le persone, con le finestre chiuse, per rinfrescarle direttamente. In questo caso assicurati di spegnere i ventilatori quando le persone non sono più nella stanza, perché produrrebbero calore senza alcun effetto rinfrescante.
  • Se l’edificio non sopporta il carico elettrico di un impianto di condizionamento centralizzato, i ventilatori non determinano, di norma, sovraccarichi; poiché assorbono una minore potenza elettrica, usali durante le ore non di picco, e distribuiscili in tutto l’edificio.
  • Questa soluzione di raffrescamento può rendere eccessivamente fredda la temperatura di notte. Indossa abiti caldi e usa una coperta per dormire se questo succede.
  • Puoi per un breve periodo (circa un’ora) aumentare enormemente l’effetto rinfrescante, coprendo con asciugamani con ghiaccio il retro del ventilatore che convoglia l’aria. Questa, spinta dal ventilatore, passerà attraverso l’asciugamano con il ghiaccio. L’asciugamano dovrebbe avere le dimensioni del ventilatore (un asciugamano da spiaggia sarebbe probabilmente troppo grand). Inoltre, valuta i danni potenziali dell’acqua e il rischio elettrico; non usare questo metodo se l’acqua prodotta dal ghiaccio tende a gocciolare sulla presa elettrica o sulle connessioni elettriche.
  • Un ventilatore da bagno può essere usato per espellere l’aria. Questi sono spesso posizionati sul soffitto e massimizzano l’effetto ascesa dell’aria calda.
  • Pulizia del ventilatore:
    • I ventilatori tendono a sporcarsi parecchio, raccogliendo sporcizia e polvere dall’aria che fanno circolare. Anche se usano filtri per pulire l’aria, il problema della pulizia resta. Raccoglieranno, infatti, grasso, se usati vicino a una cucina, e catrami, se usati vicino a fonti di fumo.
    • Stacca il ventilatore dalla presa per pulirlo, quindi usa acqua, un detergente per finestre, o un detergente diluito per piatti con uno strofinaccio di carta. Se usi un detergente rimuovilo poi con un panno di carta umido. Ancora, puoi avere bisogno di rimuovere le griglie di protezione per accedere alle ventole e pulirle. Accendi il ventilatore prima di riposizionarlo in modo che i fumi di detergenti e solventi siano soffiati fuori dall’edificio.
    • Un’altra possibilità è semplicemente usare i ventilatori più sporchi nelle finestre delle camera meno usate e usare nuovi ventilatori nelle stanze più frequentate.
  • Alcune porte usate in aree malfamate usano schermi di protezione e possono avere sbarre, consentendo un accesso protetto per convogliare l’aria all’interno. In questo caso se c’è un ventilatore per tutto l'edificio usato per la dispersione dei fumi del camino, si può fare circolare l’aria, tenendo le porte aperte, senza compromettere la sicurezza dell’edificio.

Avvertenze

  • Evita di avere i ventilatori troppo vicini a terra. Di notte, questo potrebbe aumentare l’umidità nell’edificio e formare muffe.
  • Non lasciare i ventilatori nelle finestre con scrosci di pioggia, perché l’acqua potrebbe entrare attraverso la finestra e danneggiare l’edificio. Questo è particolarmente un problema per i ventilatori che convogliano l’aria all’interno. I tetti con falde larghe possono aiutare a ridurre il problema, specialmente all’ultimo piano, eccetto quando i venti sono forti.
  • Preparati ad accettare una differenza nella temperatura interna da 3 a 7 gradi tra il giorno e la notte, perché i ventilatori non ti consentono di controllare la temperatura con la precisione di un condizionatore.
  • Non usare un ventilatore che non funziona bene. Se le ventole non girano alla velocità giusta, o se senti odore di bruciato, stacca il ventilatore immediatamente. Diversamente rischi un corto circuito e di appiccare fuoco su tessuti e tende.
  • Evita di usare i ventilatori quando ci sono in giro bambini che potrebbero infilare le dita nelle ventole. Le griglie di protezione sul davanti e sul retro sono spesso distanziate abbastanza per le dita di un bambino, per inserire una penna o altri oggetti.
  • Stai attento con i cavi elettrici:
    • Non schiacciarli con la finestra e non lasciarli lungo il pavimento dove potrebbero fare inciampare. Se necessario, usa una prolunga in modo che non restino sollevati da terra e siano accostati a una parete per evitare il pericolo di inciampare.
    • Non mettere cavi sotto i tappeti, perché potrebbero generare calore e, quindi, innescare combustioni.
  • Assicurati che il ventilatore non cada dalla finestra.
  • La soluzione del ventilatore a finestra può creare problemi ai mobili in legno, perché le variazioni di temperatura e di umidità possono causare fessure e imbarcature.

Cose che ti Serviranno

  • Ventilatori da finestra (più ne hai meglio è, fino al numero totale di finestre dell’edificio). Ci sono unità specificamente progettate per le finestre, in genere con due piccoli ventilatori, un sistema per assicurarli a una finestra per la durata della stagione, a prova d’acqua, con pannelli ai lati e protezione intorno al ventilatore per prevenire la circolazione viziosa. Molti garantiscono anche la possibilità di invertire il flusso d’aria senza ruotare il ventilatore. Infine, si possono usare contenitori per ventilatore nelle finestre, che, spesso, sono più pratici e semplici da rimuovere.
  • Prolunghe adatte per la potenza del ventilatore (opzionale).
  • Termometri per l’interno e per l’esterno (opzionale).
  • Timer per accendere e spegnere il ventilatore in orari stabiliti (opzionale). Assicurati che il timer sia tarato per la potenza del ventilatore. Considera che l’uso del timer richiede che il ventilatore sia lasciato nella finestra per tutta la giornata, e questo può ridurre l’efficienza del raffreddamento. (Ancora, se usi un timer, fai accendere i ventilatori che convogliano l’aria un po’ prima dei ventilatori che espellono l’aria, e falli spegnere un po’ dopo, per evitare di creare pressioni all’interno che non favoriscono la circolazione dell’aria.)

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 22 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Manutenzione Domestica

In altre lingue:

English: Use Window Fans for Home Cooling, Español: instalar ventiladores de ventana, Русский: пользоваться вентиляторами для того, чтобы охладить дом, Deutsch: Das Haus mit Fenster Ventilatoren kühlen, Français: installer des ventilateurs de fenêtres pour rafraichir la maison, العربية: استخدام مراوح النوافذ من أجل تبريد المنزل, ไทย: ใช้พัดลมหน้าต่างมาทำความเย็นให้บ้าน, Bahasa Indonesia: Memakai Kipas Jendela untuk Menyejukkan Rumah, 中文: 用窗户排风扇为家里降温

Questa pagina è stata letta 6 960 volte.
Hai trovato utile questo articolo?