Come Usare il Miele come Antibiotico per uso Topico

Scritto in collaborazione con: Zora Degrandpre, ND

In questo Articolo:Applicare il Miele sulle FeriteTrattare altre Patologie con il Miele24 Riferimenti

Il miele viene usato come antibiotico in tutte le culture del mondo; le sue proprietà sono state ampiamente documentate e la sua efficacia è stata sfruttata per migliaia di anni, anche durante la Prima Guerra Mondiale.[1] I medici e altri professionisti della salute hanno iniziato a notare sempre di più i benefici di questa sostanza nella cura delle ferite e in altre applicazioni. Il miele non solo uccide i batteri, ma mantiene la lesione umida e agisce come barriera protettiva.[2] È anche in grado di ridurre l'infiammazione e favorisce la guarigione di ferite e altre patologie della pelle.[3] Tenendo in casa del miele di produzione locale o anche quello commerciale, puoi utilizzarlo come antibiotico per uso topico per le lacerazioni cutanee e altri disturbi dermatologici come l'acne.

Parte 1
Applicare il Miele sulle Ferite

  1. 1
    Tieni a portata di mano quello giusto. Sebbene sia possibile usare qualunque tipo di miele per trattare le ferite, alcune varietà, come quella di manuka, sono più efficaci di altre. Tenendone una scorta in casa, sei certo di averlo a disposizione quando ti serve.[4]
    • Ricorda che quello di produzione locale è più efficace per uccidere i batteri. Dovresti inoltre acquistare quello di grado medicale. Questi tipi di miele sono disponibili nei negozi di cibo biologico, nei mercati agricoli e anche in qualche supermercato.
    • Fai attenzione quando scegli il miele commerciale; potrebbe non essere efficace per debellare i batteri e rimarginare le ferite, in quanto potrebbe contenere degli additivi sconosciuti o provenire da fonti poco verificabili. Leggi attentamente l'etichetta e scegli un prodotto puro e pastorizzato.[5]
  2. 2
    Pulisci la lesione. Lavala e rimuovi ogni residuo superficiale prima di spalmare il miele; in questo modo, elimini i batteri e riduci il rischio di infezione.[6]
    • Lava la ferita con delicatezza ma scrupolosamente usando acqua calda e sapone. Non è necessario alcun detergente speciale; tutti i saponi sono efficaci per sbarazzarti dei batteri.[7] Risciacqua la zona finché non ci sono più tracce visibili di schiuma o detriti superficiali.[8]
    • Asciuga accuratamente la ferita usando un panno pulito, un asciugamano o della carta da cucina.
    • Non cercare di estrarre dei corpi estranei che si sono incastrati in profondità, perché potresti diffondere i batteri e favorire un'infezione.[9] In questi casi, vai dal medico e lascia che si occupi del taglio.
  3. 3
    Applica una fasciatura con il miele. Quando la lesione è pulita e asciutta, sei pronto a usare il miele. Spalmane uno strato su una garza e appoggia quest'ultima sulla ferita per proteggerla e uccidere i germi.
    • Cospargi del miele sul lato di una benda pulita, di una garza o di un panno; appoggialo sulla pelle in modo che il miele entri in contatto con la lesione.[10] Assicurati di ricoprire una superficie più grande della ferita, in modo da eliminare anche i batteri che si trovano nelle zone limitrofe.[11] Non premere la fasciatura sul taglio, ma tamponala delicatamente lungo i bordi, per assicurarti che il miele tocchi la pelle.
    • Sigilla la garza con del nastro adesivo chirurgico. In alternativa, puoi usare anche del nastro adesivo telato.[12]
  4. 4
    Versa il miele sulla ferita. Se preferisci, puoi lasciarlo cadere direttamente sulla lesione. Questa tecnica garantisce che la sostanza entri in contatto con la pelle lacerata.
    • Spalma o diffondi un sottile strato di miele sulla lesione usando un dito pulito, un cotton fioc o un panno. Se vuoi, puoi prendere 15-30 ml di miele e versarlo direttamente sul taglio.[13] Ricordati di spalmarlo oltre i bordi della lesione, in modo da uccidere tutti i germi che si trovano sui tessuti circostanti.[14] Copri la lesione con una fasciatura pulita e bloccala in posizione con del nastro adesivo medico o telato.[15]
  5. 5
    Ripeti la procedura. Nella maggioranza dei casi, dovrai applicare nuovamente il miele ogni 12-48 ore, in base alla gravità delle ferita e alla rapidità con cui si rimargina. Puliscila e spalma del nuovo miele ogni volta che è necessario finché la lesione non sarà guarita. Contatta il medico se non ottieni i risultati sperati o se noti segni di infezione.[16]
    • Ispeziona la zona interessata almeno ogni due giorni, per verificare che non sia infetta. Accertati che le mani siano pulite e metti una nuova garza a ogni controllo.

Parte 2
Trattare altre Patologie con il Miele

  1. 1
    Lenisci le ustioni. Se ti sei ustionato accidentalmente, ti sei scottato con il sole oppure riporti i segni di una cauterizzazione, il miele può aiutarti ad alleviare il dolore e anche a guarire rapidamente. Nel caso di ustioni, la tecnica più efficace consiste nel mettere il miele su una garza o un panno da appoggiare direttamente sulla zona interessata. Ricorda di sigillare la medicazione con del nastro adesivo medico o telato e di controllare la lesione regolarmente.[17]
  2. 2
    Sbarazzati dell'acne. Il miele idrata naturalmente la pelle e uccide i batteri che causano i brufoli. Spalmane uno strato sottile o prepara una maschera per trattare e prevenire l'acne, oltre che rendere la pelle più luminosa.
    • Applica uno strato sottile di miele caldo sul viso. Lascialo in posa per 10-15 minuti e infine risciacqua con acqua tiepida.
    • Mescola un cucchiaino di bicarbonato di sodio con un cucchiaio di miele. Strofinalo delicatamente sulla pelle per esfoliarla, purificarla e idratarla.[18] Un composto preparato con due cucchiaini di miele e uno di succo di limone appena spremuto è in grado di uccidere i batteri responsabili dell'acne.[19]
  3. 3
    Riduci i noduli cutanei. Alcune persone sviluppano questo tipo di inestetismo che si presenta sotto forma di grappoli di tessuto in varie parti del corpo. Se ne hai anche tu o sei suscettibile alla loro formazione, puoi farli sparire applicando una maschera al miele.
    • Puoi preparare la maschera per ridurre il volume dei noduli mescolando un cucchiaino di miele con uno a scelta dei seguenti ingredienti: succo di limone, avocado, olio di cocco, albume d'uovo o yogurt.[20]
    • Lascia la maschera sull'epidermide per un paio di minuti e al termine elimina ogni residuo con acqua calda.
  4. 4
    Sbarazzati delle micosi. Il miele è efficace anche sui funghi che causano malattie dermatologiche. Puoi applicarlo direttamente sulle zone da trattare o metterlo su una garza da appoggiare sull'infezione.[21] Prova a trattare le seguenti infezioni fungine con il miele:
    • La tenia o dermatofitosi;
    • Il piede d'atleta;
    • La dermatite seborroica.
  5. 5
    Tratta la forfora. Esistono alcune prove a dimostrazione del fatto che il miele può ridurre la forfora e una delle sue cause croniche, la dermatite seborroica.[22] Valuta di applicare regolarmente il miele sulle aree del cuoio capelluto che tendono a squamarsi, per ridurre questo fenomeno ed evitare che si ripresenti.[23]
    • Prepara una soluzione con il 90% di miele e il 10% di acqua da strofinare sulle zone colpite dalla forfora per due o tre minuti. Lasciala in posa per tre ore e infine risciacqua con acqua calda. Ripeti la procedura ogni giorno per due settimane o finché non otterrai dei risultati.
    • Procedi con un trattamento di mantenimento una volta a settimana, per evitare recidive.
  6. 6
    Allevia il prurito. Gli sfoghi allergici, la psoriasi o la dermatite possono causare prurito.[24] Questo disturbo può portare a dolore e irritazione dell'epidermide e tende a peggiorare durante la notte. Tuttavia, applicando il miele sulle zone interessate, puoi trovare un po' di sollievo ed evitare le infezioni.
    • Spalmane uno strato sottile sulla cute pruriginosa. Puoi coprirlo o lasciarlo all'aria aperta. Tuttavia, dovresti applicare una garza, se vuoi indossare degli abiti o andare a letto, in questo modo eviti che si appiccichi ai tessuti.

Avvertenze

  • Vai dal medico o al pronto soccorso se hai una grave ferita o non sei certo della diagnosi.

Cose che ti Serviranno

  • Miele
  • Bende
  • Nastro adesivo medico o telato
  • Panno morbido asciutto o bagnato

Riferimenti

  1. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3758027/
  2. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3609166/
  3. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3758027/
  4. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3758027/
  5. http://www.bcmj.org/article/sweet-success-honey-topical-wound-dressing
  6. http://commonsensehome.com/honey-as-medicine/
  7. http://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/adult-health/in-depth/hand-washing/art-20046253
  8. http://www.nhs.uk/chq/Pages/1054.aspx?CategoryID=72&
  9. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2776367/
Mostra altro ... (15)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Zora Degrandpre, ND. La Dottoressa Degrandpre lavora come Medico Naturopata Registrato a Washington. Ha conseguito la Laurea in Naturopatia presso il National College of Natural Medicine nel 2007.

Categorie: Disturbi & Trattamenti

In altre lingue:

English: Use Honey as a Topical Antibiotic, Français: utiliser du miel comme antibiotique à usage topique, Русский: использовать мед в качестве антибиотика местного применения, Español: utilizar miel a modo de atibiótico tópico, Bahasa Indonesia: Menggunakan Madu sebagai Antibiotik Topikal, Deutsch: Die Verwendung von Honig als Antibiotikum zur oberflächlichen Behandlung, Português: Usar Mel como Antibiótico Tópico, العربية: استخدام العسل كمضاد حيوي موضعي, Nederlands: Honing als topisch antibioticum gebruiken, Tiếng Việt: Sử dụng mật ong làm thuốc kháng sinh tại chỗ, 한국어: 꿀을 국소 항생제로 사용하는 법

Questa pagina è stata letta 1 408 volte.
Hai trovato utile questo articolo?