Prima che si sviluppasse la tecnologia che permette di "vedere" sotto terra, le persone facevano affidamento sulla rabdomanzia (una forma di divinazione) per trovare pozzi d'acqua, metalli, pietre preziose e perfino persone disperse o tombe non segnalate. Sebbene non è stato mai dimostrato scientificamente che questa pratica sia efficace, resta comunque molto diffusa in parecchie parti del mondo.[1] Puoi usare la rabdomanzia imparando a tenere correttamente le bacchette per trovare acqua, oggetti smarriti o determinare l'energia di una stanza o un ambiente.

Metodo 1 di 4:
Tenere Correttamente le Bacchette

  1. 1
    Trova delle bacchette per la rabdomanzia. Puoi usare degli oggetti naturali, come rami di alberi o bastoni. Spesso, i rabdomanti usano un bastone biforcuto realizzato con rami di salice, pesco o amamelide. Cerca un bastone con due rami biforcuti della stessa lunghezza a una delle estremità.[2]
    • Se non vuoi usare questo tipo di bastone, puoi scegliere un appendiabiti, due bacchette di filo metallico oppure un pendolo. Taglia l'appendiabiti per ottenere due pezzi uguali, lunghi almeno 30-60 cm; in alternativa, puoi utilizzare due bastoncini metallici di pari lunghezza o un pendolo realizzato appositamente per la rabdomanzia, disponibile online o presso i negozi "new age".
    • Alcune bacchette sono modellate a forma di "L" a ciascuna estremità, con il lato corto rivolto verso il basso; anche questi oggetti sono disponibili online e nei negozi specializzati.
  2. 2
    Tieni le bacchette alla distanza di un braccio dal tuo corpo. Dovresti tenerne una in ciascuna mano, in modo che si appoggi piatta sul dito indice, mentre la parte posteriore del manico resta in contatto con la base della mano. Non afferrarle con forza, perché devono poter fluttuare liberamente per svolgere la loro funzione.[3]
    • Mantienile alla distanza di 22-23 cm, per evitare che si incrocino o si incontrino. Puoi esercitarti per alcune volte finché non ti sentirai sicuro nel maneggiarle correttamente.
    • Se hai optato per un bastoncino biforcuto, dovresti tenerlo alla distanza di un braccio dal corpo, evitando di stringerlo con forza per permettergli di ondeggiare liberamente nelle mani.
  3. 3
    Tieni le bacchette ferme e dritte mentre cammini. Quando hai capito come maneggiarle in maniera appropriata, dovresti iniziare a esercitarti a camminare e muoverti con le bacchette in mano. Fai in modo che restino dritte e ferme mentre ti sposti, perché devono rimanere parallele al suolo.[4]
    • Tienile alla distanza di un braccio e cammina lentamente per la stanza. Evita che la punta delle bacchette sia rivolta verso l'alto o il basso, perché non devi muoverle involontariamente con la forza del corpo o delle braccia.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Trovare Fonti d'Acqua

  1. 1
    Tieni le bacchette ferme nelle mani. Comincia a praticare la rabdomanzia con le bacchette ferme e dritte in ciascuna mano, in modo che si trovino alla distanza di un braccio dal corpo. Verifica che non siano rivolte verso l'alto o il basso e che mantengano una distanza di 22-23 cm fra loro.[5][6]
    • Se hai deciso di usare un bastone a "Y", dovresti inclinarlo verso l'alto di circa 45° per poter avere una buona "lettura" della zona.
  2. 2
    Cammina nell'ambiente che vuoi studiare tenendo le bacchette nelle mani. I rabdomanti vengono spesso chiamati per individuare l'acqua in una determinata zona, come le comunità rurali o quelle di periferia. Dovresti mantenere la presa corretta degli strumenti e camminare lentamente avanti e indietro lungo tutta l'area che stai studiando. Ricordati di non stringere le bacchette con forza, ma solo quanto basta per non farle muovere mentre cammini.[7][8]
  3. 3
    Aspetta che le bacchette si incrocino o si muovano. Quando i bastoncini individuano una fonte d'acqua, la loro porzione terminale ruota o si sposta verso il basso. Le estremità potrebbero incrociarsi quando si trovano sopra un certo punto, indicando la presenza di acqua nel sottosuolo.[9][10]
    • Potrebbe essere d'aiuto cercare di visualizzare l'acqua sotterranea mentre cammini con le bacchette in mano. Puoi immaginare un ruscello o uno specchio d'acqua per aiutare le bacchette a capire cosa devono cercare.[11]
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Trovare Oggetti Smarriti

  1. 1
    Rilassati e visualizza l'oggetto perso. Puoi usare le bacchette per trovare oggetti o materiali che hai smarrito, ad esempio un gioiello. Inizia tenendo i bastoncini nella posizione corretta in ciascuna mano. Rilassati, chiudi gli occhi e visualizza mentalmente l'oggetto che vuoi ritrovare.[12]
    • Potresti fare alcuni respiri profondi per calmarti e raggiungere uno stato di serenità. Concentrati su quello che hai perso e prova a canalizzarne le energie attraverso le bacchette.
  2. 2
    Chiedi ai bastoncini di condurti verso l'oggetto. Puoi farlo a voce alta o con il pensiero. Potresti dire: "Dove si trova l'oggetto che ho perso?" oppure: "Trovatelo"; in questo modo, proietti la tua intenzione verso le bacchette.[13]
  3. 3
    Lascia che i bastoncini ti portino nel punto in cui si trova quello che cerchi. Dovresti tenerli fermi e paralleli al pavimento mentre cammini, lasciando che ti conducano verso l'oggetto. Non resistere ad alcuna trazione o strattone che percepisci attraverso le bacchette; dovresti camminare nella direzione in cui hai la sensazione che le asticelle ti siano portando. Alla fine raggiungerai l'oggetto che hai smarrito.[14]
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Valutare l'Energia di una Stanza o di un Ambiente

  1. 1
    Visualizza l'energia della stanza o dell'ambiente. Puoi utilizzare le bacchette da rabdomante per capire quanta energia positiva o negativa c'è in una zona o in un locale, cioè il "Qi" della stanza. Puoi decidere di testare i livelli energetici della tua casa, dell'ufficio o anche del giardino. Per farlo, entra nella stanza con le bacchette in mano, chiudi gli occhi e cerca di visualizzare il "Qi". Prova a immaginare i flussi energetici che si muovono attraverso tutto lo spazio; non preoccuparti se non ci riesci, dato che le bacchette ti aiutano a individuare questi percorsi.[15]
    • Le bacchette ti aiutano a tracciare i percorsi del "Qi", dopodiché puoi apportare delle modifiche alla stanza o allo spazio per permettere all'energia di fluire in maniera più libera. Così facendo, la camera o l'ambiente trasmette una sensazione migliore ed esaltante. Una stanza con una buon energia è percorsa da una quantità costante di "Qi".
  2. 2
    Chiedi alle bacchette di condurti lungo il percorso energetico. Puoi farlo sia a voce alta sia con il pensiero. Potresti dire: "Potete mostrarmi l'energia di questa stanza?" oppure: "Mostratemi come l'energia fluisce in questo spazio"; in tal modo, comunichi la tua intenzione alle bacchette.[16]
  3. 3
    Lascia che i bastoncini ti portino in queste zone. Asseconda ogni trazione o strattone che percepisci per seguire il flusso energetico. Dovresti cercare di camminare in ogni punto dello spazio in esame, per capire come si adatta al percorso del "Qi". Le bacchette ti guidano verso le zone in cui il flusso si muove meglio e in quelle in cui è statico.[17]
    • Se ti rendi conto di muoverti in cerchio mentre tieni le bacchette, dovresti controllare la loro posizione nelle mani e ripetere la tua intenzione. In teoria, i bastoncini dovrebbero guidarti lungo un percorso che interessa tutta la stanza. Ogni zona che viene tralasciata dovrebbe essere modificata cambiando posizione ai mobili o agli altri oggetti, in modo da migliorare il flusso energetico.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 62 536 volte
Questa pagina è stata letta 62 536 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità