I cateteri sono tubi che vengono utilizzati per drenare i fluidi corporali o somministrare medicine, liquidi o gas ai pazienti. Sono utili per le persone che soffrono di incontinenza o ritenzione urinaria, che hanno subito un intervento chirurgico alla prostata, al pene, all'uretra, alla zona vulvare o il cui stato di salute rende difficile la minzione.[1] Prima di cercare di utilizzare uno di questi dispositivi, è indispensabile che un medico o un infermiere ti insegnino a farlo.

Metodo 1 di 3:
per le Donne

  1. 1
    Riunisci tutti i materiali. Prima di iniziare devi essere sicura di avere tutto l'occorrente; hai bisogno di un catetere aperto e pronto da usare, una salviettina igienizzante, del lubrificante e un contenitore per l'urina (se necessario).[2]
    • Una volta aperta la confezione del catetere, ricorda di toccare solo la porzione che resta all'esterno del corpo.
  2. 2
    Lavati le mani. Usa acqua, sapone e, se lo desideri, indossa dei guanti monouso una volta asciutte; questa semplice procedura di igiene evita la contaminazione batterica e riduce il rischio di infezioni.[3]
  3. 3
    Lava la zona genitale. Appoggia una gamba sul WC e ruota leggermente il corpo verso un lato; divarica le labbra genitali con una mano e individua l'apertura uretrale. Lava tutta la parte genitale per tre volte usando l'altra mano e strofina dalla porzione anteriore verso quella posteriore, per evitare di introdurre batteri fecali. Al termine, risciacquati bene e asciugati con un panno di cotone.[4]
    • Usa una nuova salviettina igienica o per bambini a ogni passata.
    • In alternativa, puoi utilizzare dei batuffoli di ovatta imbevuti di acqua e sapone.
    • Puoi prendere uno specchio per vedere quello che stai facendo.
  4. 4
    Inserisci il catetere. Applica una piccola quantità di lubrificante sulla punta e sui primi 5 cm del tubo. Inspira profondamente e con una mano mantieni divaricate le labbra mentre con l'altra introduci delicatamente il catetere nell'uretra con una pressione costante. Non premere con violenza e non forzare l'inserimento; espira lentamente mentre procedi e ruota leggermente il tubicino in un senso per aiutarlo a scorrere.[5]
    • L'inserimento potrebbe essere piuttosto fastidioso, per cui dovresti controllare la respirazione per rilassarti; se il catetere non scorre, non preoccuparti, cerca di rilassarti, respira profondamente e riprova.
    • Se ne hai acquistato uno già lubrificato, non aggiungere altro prodotto.
    • Il tubo non può essere spinto attraverso la vescica, non devi quindi temere tale evenienza.
  5. 5
    Preparati a rilasciare l'urina. Una volta che il catetere è nella vescica, la fuoriuscita di urina è immediata. Verifica che l'altra estremità del tubo si trovi nel WC oppure che sia collegata a una sacca di raccolta. Se stai usando la sacca, verifica che si trovi quanto più in basso possibile, in modo che la forza di gravità contribuisca al drenaggio.[6]
  6. 6
    Rimuovi il catetere e pulisci. Procedi tirando il tubo in maniera delicata e costante, butta via tutto il materiale che hai utilizzato, lava e asciuga accuratamente la zona genitale e le mani.[7]
    • Se hai optato per un catetere monouso, puoi semplicemente gettarlo via.
    • La rimozione è decisamente più semplice dell'inserimento.
  7. 7
    Lava il catetere riutilizzabile. Terminata la procedura, lava il tubo con acqua e sapone oppure con un prodotto antisettico. Risciacqua accuratamente il dispositivo, asciugalo avvolgendolo in un panno e appendilo all'aria; una volta asciutto, riponilo nell'apposito contenitore di plastica.[8]
    • Se hai scelto un dispositivo monouso, è importante buttarlo via al termine senza utilizzarlo un'altra volta.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
per gli Uomini

  1. 1
    Riunisci i materiali. Prima di iniziare accertati di avere tutto quello che ti serve: catetere, salviettine igieniche umidificate, lubrificante e un contenitore per l'urina (se necessario).[9]
    • Inizia aprendo la confezione del catetere, in modo che sia subito pronto all'uso; ricorda di toccarne solo l'estremità che resta fuori dal corpo.
  2. 2
    Lavati le mani. Dopo aver preparato l'occorrente, lavale con acqua e sapone per non contaminare gli oggetti o innescare un'infezione.[10]
  3. 3
    Indossa dei guanti monouso. Prima di toccare il catetere o la pelle, devi mettere questa ulteriore protezione di barriera per mantenere l'ambiente sterile e scongiurare infezioni; puoi scegliere dei guanti in lattice o di altro materiale analogo.[11]
  4. 4
    Lava il pene. Detergine la punta con delle salviettine igieniche, per bambini o acqua e sapone; non usare l'alcol perché secca molto l'epidermide.[12]
    • Se non sei circonciso, ritrai il prepuzio prima di lavare il pene e mantienilo in questa posizione per tutta la procedura.
  5. 5
    Applica un lubrificante. Al termine della pulizia, spalmane una piccola dose sulla punta e sui primi 5 cm del tubicino. Alcuni dispositivi sono prelubrificati, puoi quindi saltare questo passaggio;[13] accertati che si tratti di un prodotto idrosolubile.
  6. 6
    Inserisci il catetere. Tieni il pene dritto e rivolto davanti a te, in modo che formi un angolo retto con il corpo. Inspira profondamente e introduci il tubo applicando una pressione delicata ma ferma con l'altra mano. Espira mentre fai scorrere il catetere senza forzarlo o spingerlo con vigore; ruotalo leggermente in una direzione per infilarlo nell'uretra, che negli uomini è abbastanza lunga. Non devi spingere molto; tuttavia, potresti avere l'impressione che una gran parte del catetere entri dentro il pene, ma non devi preoccuparti, dato che il tubo non può attraversare la vescica.[14]
    • Questa fase non causa in genere dolore, ma può essere piuttosto fastidiosa. La respirazione può aiutare a tranquillizzarti; se il catetere non entra, cerca di rilassarti, respira profondamente e riprova.
    • Posiziona uno specchio per vedere quello che stai facendo, soprattutto durante i primi tentativi.
    • Alcuni uomini preferiscono premere delicatamente la base del pene per dilatare un po' l'apertura uretrale all'inizio del cateterismo.
    • Tenere il pene dritto in avanti consente di raddrizzare l'uretra e far scorrere il tubo direttamente fino alla vescica.
  7. 7
    Controlla che l'estremità esterna sia fissata. Una volta che il catetere si trova in vescica, l'urina inizia a scorrere immediatamente. Sii pronto a questo avvenimento tenendo il tubo sopra il WC o collegato alla sacca di raccolta; tieni quest'ultima quanto più in basso possibile, in modo che la gravità contribuisca al drenaggio. Quando il liquido comincia a scorrere, spingi il catetere per altri 5 cm.[15]
  8. 8
    Estrailo delicatamente. Toglilo tirandolo in maniera costante ma con cautela; questa fase è decisamente più semplice rispetto a quella dell'inserimento. Dopo aver sfilato il tubo, smaltisci l'urina e tutto il materiale; lava e asciuga il pene per concludere l'operazione.[16]
    • Se hai optato per un catetere monouso, a questo punto puoi buttarlo.
  9. 9
    Getta via il catetere o, se è un modello riutilizzabile, lavalo. Usa acqua e sapone oppure un prodotto antisettico; al termine, risciacqua accuratamente il dispositivo, asciugalo avvolgendolo in un panno e appendilo all'aria. Una volta completamente asciutto, puoi riporlo nella sua custodia di plastica.[17]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Conoscere le Basi del Cateterismo

  1. 1
    Parla con il medico per conoscere la tecnica corretta. Molte persone sono in grado di inserire e togliere da sole il catetere, ma è necessaria un po' di pratica; il dottore può insegnarti a utilizzarlo in modo da diventare completamente autonomo a casa.[18]
    • Ricorda di chiedere la frequenza con cui usare il dispositivo.
    • Non sentirti in imbarazzo nel chiedere aiuto a un familiare o a un infermiere. È abbastanza normale aver bisogno di un supporto per questa procedura ed è fondamentale farsi aiutare per un utilizzo corretto.
  2. 2
    Mantieni la regione genitale pulita. Fai in modo che l'area di inserimento sia accuratamente pulita lavandola con acqua e sapone una o due volte al giorno e dopo ogni evacuazione; questa semplice accortezza evita complicazioni, come le infezioni del tratto urinario.[19]
  3. 3
    Lavati le mani prima e dopo la procedura. Detergile sempre prima di inserire il catetere e dopo averlo fatto, per garantire le migliori condizioni igieniche e minimizzare il rischio di infezioni.[20]
  4. 4
    Acquista il catetere in farmacia. Puoi comprarlo esibendo la prescrizione del medico; il kit potrebbe anche contenere altri prodotti, come le salviettine igienizzanti, i guanti monouso in lattice o di altro materiale e il lubrificante che agevola la procedura.[21]
    • Utilizza solo i lubrificanti forniti con i cateteri, che sono sterili e a base d'acqua. Non usare altri prodotti, come l'olio minerale o la vaselina, perché danneggiano il tubo, ne ostruiscono l'apertura e ne rendono più complessa l'estrazione, aumentando di conseguenza il rischio di complicazioni, come le infezioni urinarie.
  5. 5
    Chiama il medico se noti qualcosa di anomalo. Che tu sia uomo o donna, se temi di aver contratto un'infezione, provi bruciore, percepisci un cattivo odore, il sito del cateterismo è dolente, hai la febbre, i brividi o senso di spossatezza, chiama il dottore. Dovresti farlo anche se noti delle perdite di urina fra un cateterismo e l'altro, mostri nuovi sintomi o lamenti dolore.[22]
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Crescere In Altezza

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Usare un Preservativo

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Farsi un Clistere

Come

Aumentare la Saturazione dell'Ossigeno

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Ingoiare una Pillola

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Stimolare la Minzione
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Jonas DeMuro, MD
Co-redatto da:
Specialista in Chirurgia delle Emergenze e dell'Area Critica
Questo articolo è stato co-redatto da Jonas DeMuro, MD. Il Dottor DeMuro lavora come Chirurgo Specializzato in Chirurgia delle Emergenze e dell’Area Critica Iscritto all’Albo degli Specialisti a New York. Si è laureato in Medicina presso la Stony Brook University School of Medicine nel 1996. Questo articolo è stato visualizzato 1 790 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 1 790 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità