Scarica PDF Scarica PDF

Dichiarare il proprio orientamento sessuale, o fare coming out, è una decisione molto personale in cui non bisogna mai perdere di vista il fatto di essere padroni di se stessi e delle proprie scelte. Pertanto, rendi nota la tua sessualità ad amici, familiari o alla società in generale solo quando puoi compiere questo passo in base alle tue condizioni e se ti senti sicuro di farlo. Anche se sei circondato da persone aperte e solidali, il coming out può comunque spaventare. Cerca di rilassarti e ricorda che è normale sentirsi nervosi in queste circostanze. Abbi coraggio, ma soprattutto non smettere di volerti bene e rispettarti, indipendentemente da come gli altri possano reagire a questa notizia.

Parte 1 di 4:
Dichiararti in Base alle Tue Condizioni

  1. 1
    Impara ad accettare il tuo orientamento sessuale o la tua identità di genere. Se non hai nessun problema ad accettare la tua vera natura, avrai meno difficoltà a dirlo agli amici e alla famiglia. È normale sentirsi confusi, quindi non pensare di avere tutte le risposte. Cerca solo di comprendere che la tua sessualità o identità di genere fa parte di ciò che sei e che non devi assolutamente vergognarti.[1]
    • In questi casi persino essere sinceri con se stessi è difficile, ma è il passo più importante da compiere. Pensa: "Sono gay", "Sono bisessuale", "Sono transgender" o "In questo momento mi sto mettendo in discussione. Non ho motivo di sentirmi in colpa o vergognarmi".
    • Ricordati che non sei solo. Prova a leggere libri o articoli online sul percorso di consapevolezza e coming out di altre persone.
    Consiglio dell'Esperto
    Lauren Urban, LCSW

    Lauren Urban, LCSW

    Psicoterapeuta
    Lauren Urban lavora come psicoterapeuta a Brooklyn (New York) e ha oltre 13 anni di esperienza professionale con bambini, famiglie, coppie e individui. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Assistenza Sociale allo Hunter College nel 2006 e collabora con i suoi pazienti per incoraggiarli a cambiare la propria situazione e la propria vita.
    Lauren Urban, LCSW
    Lauren Urban, LCSW
    Psicoterapeuta

    È normale avere paura di fare coming out. Lauren Urban, psicoterapeuta e assistente sociale clinica, sostiene: "Le persone non eterosessuali si chiedono ancora oggi come dichiararsi alla loro famiglia, in che modo i parenti possano reagire e che cosa si aspetta da loro la società eteronormativa di cui facciamo tutti parte".

  2. 2
    Ricorda che spetta a te prendere questa decisione. Non permettere a nessuno di indurti a dichiarare il tuo orientamento sessuale. Non lasciare che un amico o un fratello ti incoraggi a dirlo ai tuoi genitori, né che una persona cara ti spinga a farlo a scuola o al lavoro. Spetta a te decidere a chi parlare e quando, quindi muoviti in base ai tuoi tempi.[2]
    • Potresti avere amici che hanno fatto coming out già da diversi anni, ma questo non vuol dire che devi adeguarti ai loro tempi. Ciò che è giusto per loro non è necessariamente giusto anche per te.
    • Il coming out può toglierti un fardello dalle spalle e avvicinarti ai tuoi cari. Tuttavia, può essere rischioso. Non dovresti pensare che sia l'unica scelta a tua disposizione, soprattutto se temi per la tua sicurezza personale.[3]
  3. 3
    Non lasciarti etichettare. Scegli una definizione, come "gay" o "bisessuale", solo se non ti mette a disagio. Se non sei sicuro o non sei pronto a dare un nome al tuo orientamento sessuale o alla tua identità di genere, non lasciare che qualcun altro lo faccia al posto tuo. Tieni presente che potresti sentirti spinto a sposare una definizione sia da amici etero sia da amici LGBTQ+.[4]
    • Ad esempio, supponiamo che tu dica a un amico che pensi di essere bisessuale e che questi ti risponda: "Sono sicuro che tu sia gay, ma forse usare la parola ‘bi’ ti fa meno paura per ora". Solo tu conosci te stesso e, anche se il tuo amico avesse ragione, nessuno dovrebbe costringerti ad adottare una definizione anziché un'altra.
    • Un amico LGBTQ+ potrebbe incoraggiarti a dichiarare a tutti il tuo orientamento sessuale o la tua identità di genere come gesto di autoconsapevolezza. Nessuno, che sia omofobo o LGBTQ+, ha il diritto di dettare l'orientamento sessuale o l'identità di genere di un'altra persona.[5]
    • Essere gay, bisessuale o queer è solo una sfaccettatura della propria identità personale, così come le persone eterosessuali non sono definite esclusivamente dai loro gusti sessuali. Non devi cambiare chi sei per adeguarti agli standard o agli stereotipi sociali.[6]
    Consiglio dell'Esperto
    Alex Keller

    Alex Keller

    Esperto Community
    Alex Keller è un uomo transgender che indossa una fascia contenitiva per il petto (o binder) da 4 anni. Ha sia effettuato ricerche sia sperimentato in prima persona le migliori pratiche da implementare per prendersi cura di vari tipi di fasce contenitive.
    Alex Keller
    Alex Keller
    Esperto Community

    Testimonianza: Ho dichiarato ai miei genitori di essere bisessuale, ma non ho specificato la mia identità di genere. Inizialmente, ho tastato il terreno dicendo "forse sono non binario", ma ho capito da solo che non ero non binario.

  4. 4
    Immagina la reazione di una persona cara prima di dirglielo. Cerca di capire se la prima persona con cui intendi confidarti è aperta, accogliente e solidale. Prova a parlare con amici e familiari di temi particolari, come i matrimoni gay o il problema degli adolescenti transgender senzatetto, oppure menziona un personaggio della televisione o del cinema LGBTQ+.[7]
    • Potresti dire: "Ho visto un servizio al telegiornale sul matrimonio tra persone dello stesso sesso. Che cosa ne pensi?".
    • Prima di parlare con qualcuno, rifletti sul suo atteggiamento verso gli altri. Nella sua vita c'è una persona cara dichiaratamente LGBTQ+ che tratta con amore e rispetto? Si lascia andare a battute offensive o commenti sprezzanti nei suoi confronti?
    • Se hai un amico di cui ti fidi che fa parte della comunità LGBTQ+, potrebbe essere la persona migliore con cui confidarti all'inizio. Poiché ha vissuto la tua stessa esperienza, non tenderà a reagire negativamente.
  5. 5
    Fai coming out con persone riservate. Le prime persone a cui dirlo devono essere assolutamente affidabili. Quando comunichi loro il tuo orientamento sessuale, assicurati che non riferiscano a nessuno la notizia.[8]
    • Prima di dichiarare la tua sessualità a qualcuno, chiediti se è una persona pettegola. In passato ha mai tradito la tua fiducia? Ti racconta i segreti di altre persone?
  6. 6
    Scrivi una lettera se ti è più facile. Se fare coming out con una persona cara a quattr'occhi ti spaventa o se temi di non riuscire ad aprire bocca, potresti scriverle una lettera. Inizia facendole sapere che ti fidi di lei e che vuoi confidarle qualcosa di importante. Quindi, parla del tuo orientamento sessuale o della tua identità di genere in termini chiari e semplici.[9]
    • Ad esempio, potresti scrivere: "Da un po' di tempo volevo dirti che sono gay, ma avevo tanta paura. Penso che una parte di me l'avesse già capito, ma fino a poco tempo fa neanche io l'avevo mai veramente accettato".
    • Evita di consegnarle la lettera a scuola, al lavoro o in un luogo affollato.
    • Potresti chiederle di leggerla quando è sola oppure consegnargliela e invitarla a leggerla in tua presenza. Probabilmente avrai meno difficoltà a parlare di questo argomento mettendo per iscritto i tuoi pensieri.
    • La lettera potrebbe essere un valido aiuto se hai paura di fare coming out con i tuoi genitori.

Parte 2 di 4:
Dichiararti a un Caro Amico

  1. 1
    Scegli un amico comprensivo in grado di offrirti il suo appoggio. Un amico sensibile e aperto mentalmente può sostenerti e aiutarti a trovare il coraggio per andare avanti. Se la prima esperienza di coming out è positiva, potresti avere meno paura di dirlo ad altre persone.[10]
    • Può essere più facile confidarsi prima con gli amici che con la famiglia. Tuttavia, ricorda che spetta a te decidere. Se ti senti più a tuo agio a comunicarlo prima ai tuoi genitori, vuol dire che è la strada giusta da prendere.
    • Tieni presente che le persone non sempre si comportano come ti aspetti e che non puoi controllare le loro reazioni. Non scoraggiarti se qualcuno non si comporta come avevi previsto. All'inizio potrebbe essere scioccato o sconvolto, poi una volta che ha avuto il tempo di assorbire il colpo, si ammorbidisce.
  2. 2
    Scegli un luogo tranquillo e lontano da occhi indiscreti. Anche se il momento del coming out non può essere tutto perfetto, un posto privo di distrazioni in cui avere un po' di privacy può rendere le cose più facili. Evita di parlargli se siete stressati, turbati o impegnati. In questo modo, riuscirai a esprimerti chiaramente e il tuo amico avrà la possibilità di elaborare le tue parole.[11]
    • Ad esempio, non devi dargli la notizia se dopo 10 minuti ha una partita di calcetto o è in ritardo per il lavoro.
    • Non ingigantire la questione. Invitalo a uscire e digli che c'è qualcosa che vorresti comunicargli.
  3. 3
    Cerca di essere onesto, pragmatico e positivo. Fai un respiro, rilassati e digli: "Volevo dirti una cosa. Sono gay. Te lo dico perché mi fido di te e so che posso contare su di te". Se non lo avevi ancora dichiarato a nessuno, aggiungi che è la prima volta che lo confessi a qualcuno e che la scelta è caduta su di lui perché confidi nel fatto che non ti volterà le spalle.[12]
    • Sebbene sia un momento importante, considera che non stai rivelando un crimine o ammettendo di avere malattia potenzialmente mortale. Stai dando una notizia a qualcuno di cui ti fidi. È un'occasione per consolidare la vostra amicizia, quindi cerca di mantenere un atteggiamento positivo.
  4. 4
    Dagli il tempo di digerire la notizia e porti domande. Probabilmente avrà bisogno di un momento per elaborare quello che gli hai detto, quindi sii paziente. Concedigli qualche minuto per pensare, reagire e aggiungi che può sentirsi libero di chiederti qualunque cosa.[13]
    • Potrebbe anche non avere domande o dirti di non essere sorpreso. Non preoccuparti se la conversazione diventa leggermente imbarazzante o se sembrano mancargli le parole. Dagli il tempo necessario per digerire la notizia.
  5. 5
    Riferiscigli che potresti avere bisogno di lui quando fai coming out con altri. Il fatto di sapere che non sei più solo e che hai qualcuno su cui contare può renderti la situazione meno pesante. Sii sincero e digli che potrebbe servirti il suo sostegno durante il tuo percorso di coming out.[14]
    • Digli: "È un tale sollievo che tu mi abbia accettato per come sono. Ho ancora tanta paura di dirlo ad altre persone e spero tu possa incoraggiarmi. Sapendo di non essere solo in questo momento, mi sento meglio all'idea di affrontare gli altri".
    • Purtroppo, quando dichiari esplicitamente il tuo orientamento sessuale ad amici e familiari, potresti non ricevere tutto l'appoggio che ti aspettavi. Se qualcuno ha bisogno di più tempo per elaborare la notizia o reagisce negativamente, non scoraggiarti. Ci sono altre persone che possono offrirti il sostegno che meriti.
  6. 6
    Costruisci una rete di sostegno se hai paura di dirlo alla tua famiglia. Fare coming out con gli amici può aiutarti ad avere più fiducia in te stesso. Se non sai come reagiranno i tuoi genitori, è importante avere accanto persone di cui ti fidi in grado di darti un sostegno pratico ed emotivo.[15]
    • Se sei minorenne o dipendi ancora dai tuoi genitori, potrebbe essere meglio rimandare se pensi che possano voltarti le spalle.
    • Se ti senti il bisogno di dirlo ai tuoi indipendentemente dalle conseguenze, organizzati con un amico o un parente che ha compreso la tua situazione ed è disposto ad accoglierti in caso di necessità.
    • Se non ti senti pronto a dirlo ai tuoi genitori, assicurati che gli amici capiscano che la tua famiglia non lo sa e pregali di rispettare la tua privacy.

Parte 3 di 4:
Dichiararti ai Tuoi Genitori

  1. 1
    Cerca di immaginare la loro reazione. Nella migliore delle ipotesi accetteranno la notizia, potrebbero già esserne a conoscenza e non creeranno nessuna tensione familiare. Tuttavia, fare coming out con i genitori può essere rischioso, soprattutto se in passato hanno dimostrato atteggiamenti omofobici e/o transfobici.[16]
    • Se hanno espresso opinioni positive sulla comunità LGBTQ+, hanno sostenuto altre persone nel fare coming out e hanno generalmente una mentalità aperta, allora ci sono buone probabilità che ti sostengano.
    • Tieni presente che, sebbene accettino il tuo orientamento sessuale o abbiano amici LGBTQ+, potrebbero comunque reagire male quando glielo dici.
  2. 2
    Non fare coming out se ti esponi a rischi importanti. Purtroppo, in alcuni casi è meglio non fare coming out con i genitori. Se hanno espresso opinioni omofobiche e/o transfobiche e sei economicamente dipendente da loro, ti conviene aspettare finché non riuscirai a mantenerti da solo.[17]
    • Chiediti se possono arrivare a negarti il loro sostegno, smettere di pagare le tasse universitarie o cacciarti di casa. Anche se è difficile mantenere questo segreto, non dovresti parlarne con loro se il tuo benessere è in pericolo.
  3. 3
    Comunica alle persone di cui ti fidi che stai per fare coming out con i tuoi genitori. A prescindere dalla reazione dei tuoi, la consapevolezza di avere amici su cui fare affidamento è fondamentale. Se hai già parlato apertamente della tua situazione con altri membri della famiglia, informali quando hai intenzione di fare coming out con i tuoi genitori. Ti staranno vicino se avrai bisogno di sfogarti indipendentemente da come andrà l'incontro con i tuoi.[18]
    • Se hai deciso di fare coming out con i tuoi genitori, ma temi che la prendano male, chiedi a una persona cara se può ospitarti qualora la situazione con i tuoi genitori dovesse degenerare.
  4. 4
    Scegli il contesto giusto. Parlane quando né tu né i tuoi siete stressati, impegnati o distratti. Può essere più facile se non ci sono eventi importanti che li coinvolgono. Ad esempio, evita se un parente è morto da poco o se tua sorella deve sposarsi il giorno dopo.[19]
    • Assicurati che il clima emotivo in casa sia stabile. Se stanno litigando o ti hanno appena punito, ti conviene aspettare che la situazione si sistemi.
  5. 5
    Non fare coming out durante un litigio. Potresti esserne tentato nel bel mezzo di una discussione, ma non dovresti usare questa notizia come un'arma. Se lo dici per dispetto, sarà più difficile per loro accettare la notizia.[20]
  6. 6
    Esprimi il tuo affetto nei loro confronti. Inizia dicendo che vuoi avere un rapporto sincero e affettuoso con loro. Spiega che vuoi che facciano parte della tua vita e che il loro amore e il loro sostegno significano molto per te.[21]
    • Fai un respiro profondo e mantieni la calma. Anche se temi che reagiscano negativamente, potrebbero sorprenderti e ringraziarti per la tua onestà. Fai del tuo meglio per mantenere uno spirito positivo e dichiara la tua omosessualità o bisessualità in termini semplici e concreti.
  7. 7
    Comprendili se si sentono scioccati o turbati. Anche se hanno la mentalità più aperta del mondo, questa notizia potrebbe essere per loro uno vero shock. Potrebbero temere che tu debba affrontare una vita più difficile o che non sarai in grado di sposarti e avere figli. Le loro paure possono più o meno essere giustificate, ma in ogni caso cerca di comprenderli invece di prendere negativamente la loro reazione.[22]
    • Prova a dire: "So che è una notizia non facile da digerire e avete tutto il diritto di essere preoccupati, ma questo è quello che sono e ne sono felice. Non è poi così negativo, quindi per favore non state in collera e non sentitevi in colpa. Non ha nulla a che fare con voi o con le vostre capacità genitoriali".
    • Rassicurali che sei felice e in salute; aggiungi che la vita pone ostacoli a chiunque, indipendentemente dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere.
    • Ricorda loro che, in generale, gli stili di vita alternativi sono sempre più accettati nella società. Menziona le leggi contro la discriminazione di genere o a favore del matrimonio tra individui dello stesso sesso.
    Consiglio dell'Esperto
    Alex Keller

    Alex Keller

    Esperto Community
    Alex Keller è un uomo transgender che indossa una fascia contenitiva per il petto (o binder) da 4 anni. Ha sia effettuato ricerche sia sperimentato in prima persona le migliori pratiche da implementare per prendersi cura di vari tipi di fasce contenitive.
    Alex Keller
    Alex Keller
    Esperto Community

    Tieni presente che la famiglia è in grado di adeguarsi ai grandi cambiamenti. Alex Keller, membro della comunità di wikiHow, aggiunge: "Per me, fare coming out ha significato cambiare nome, cambiare i pronomi che mi definivano e assumere ormoni. Per un po' è stato difficile. C'è voluto del tempo prima che la mia famiglia si abituasse, ma penso che a chiunque serva tempo per adeguarsi ai cambiamenti".

  8. 8
    Dai tempo ai tuoi genitori. A volte, i genitori ne sono già al corrente e sostengono fin da subito i loro figli. Altri, invece, possono impiegare mesi o anni prima di accettare il fatto. Alcuni, purtroppo, lo rifiutano categoricamente. Cerca di essere paziente e preparati a rispondere a qualsiasi domanda possano porti.[23]
    • Mentre aspetti che digeriscano la notizia, assicurati di non correre rischi. L'atmosfera può diventare tesa e imbarazzante, ma finché non corri nessun pericolo, puoi restare a casa.
    • Mentre i tuoi elaborano questo cambiamento, fai affidamento sugli amici. La loro vicinanza ti aiuterà a superare le difficoltà in famiglia.
  9. 9
    Proponi qualche canale informativo per placare le loro preoccupazioni. Anche se all'inizio saranno recalcitranti, potrebbero cambiare idea col passare del tempo. Non utilizzare una terminologia fuori dalla loro portata. Ti basterà consigliare qualche risorsa per genitori di persone LGBTQ+.[24]
    • Ad esempio, suggerisci il sito web di Genitori Rainbow all'indirizzo www.genitorilgbt.it.
  10. 10
    Parla con il resto della famiglia in base ai tuoi tempi. Quando fai coming out con i tuoi genitori, avvisali che hai intenzione di coinvolgere il resto della famiglia, ma alle tue condizioni. Se non vuoi che altri parenti lo sappiano subito, prega i tuoi di rispettare la tua decisione. Ricorda che hai tutto il diritto di scegliere quando e come dichiarare il tuo orientamento sessuale alle persone della tua vita.[25]
    • Naturalmente, non è un problema se ritieni sia meno stressante per i tuoi genitori dirlo ad altri membri della famiglia. Spetta a te a decidere, quindi muoviti nel tuo interesse.

Parte 4 di 4:
Vivere Apertamente la Tua Sessualità

  1. 1
    Individua in quali ambiti della tua vita ti senti più sicuro. Puoi scegliere di dirlo agli amici più stretti e ai tuoi familiari ed evitare al lavoro o a scuola. Se hai fatto coming out con alcune persone, non sentirti costretto a allargare questa confidenza ad altri.[26]
    • Non c'è nessun problema se temi di dirlo al lavoro o a scuola. Se alcuni amici etero o LGBTQ+ cercano di convincerti di fare coming out in ogni ambito della tua vita, ricorda loro che sai bene cosa è meglio per te.
  2. 2
    Valuta fino a che punto si respira un'aria di tolleranza nel contesto in cui vivi. Alcune comunità sono più tolleranti di altre, quindi considera il clima culturale in cui ti muovi. Se vivi in un contesto pressoché rispettoso e indulgente, la tua sessualità non sarà un grosso problema per i vicini, i colleghi o i compagni di classe. Se invece devi confrontarti ripetutamente con atteggiamenti omofobici o transfobici, la tua sicurezza personale è più importante rispetto alla possibilità di fare coming out.[27]
    • Se l'omofobia e il bullismo a scuola o al lavoro sono all'ordine del giorno o se gli orientamenti sessuali che esulano dall'eterosessualità sono considerati illegali nel paese in cui vivi, evita di dichiararti apertamente e cercare di cambiare la società. Le persone devono imparare a trattare gli altri con dignità e rispetto, ma questo non vuol dire mettere a rischio la propria incolumità.[28]
  3. 3
    Informati sulle leggi contro la discriminazione sul lavoro. Prima di fare coming out in ambito lavorativo, assicurati di essere adeguatamente tutelato contro eventuali forme di discriminazione. In mancanza di una legislazione per la tutela delle persone discriminate sul posto di lavoro per motivi legati all'orientamento sessuale, il datore di lavoro potrebbe licenziarti una volta appresa la notizia.[29]
    • Inoltre, valuta il clima sul lavoro. I colleghi fanno battute offensive? Quanto sono stretti i vostri rapporti? Se hai colleghi apertamente LGBTQ+, prova a chiedere loro un consiglio.
    • Se senti il bisogno di dirlo al lavoro, non ti conviene dare la notizia a ciascuno di loro. Senza fare un proclama, ti basta portare il tuo partner o la persona che frequenti a un evento organizzato tra colleghi.
  4. 4
    Utilizza i social media. Per alcune persone dichiarare la propria sessualità sui social media è più facile che dirlo individualmente a dozzine o centinaia di persone. Potresti rivelarlo in un post, modificare il tuo stato relazionale o semplicemente lasciare che le persone lo capiscano dalle foto che pubblichi o in cui vieni taggato.[30]
    • Anche se spetta a te decidere come e quando fare coming out, tieni conto che amici e parenti stretti apprezzeranno se lo dici a ognuno di loro prima di pubblicare la notizia sui social media.
  5. 5
    Circondati di persone positive e aperte. Appena ti dichiari, non devi abbandonare improvvisamente tutti i tuoi amici eterosessuali. Tuttavia, prova a trascorrere del tempo con persone LGBTQ+. Confrontandoti con chi ha dovuto affrontare i tuoi stessi ostacoli, riuscirai ad acquisire una maggiore sicurezza e forza mentale.[31]
    • Se non hai molti amici LGBTQ+, trova dalle tue parti un'associazione o un altro punto di riferimento che mette in contatto i membri della comunità LGBTQ+. Potrebbe trattarsi di un gruppo organizzato in ambito lavorativo, scolastico o universitario.
  6. 6
    Non lasciare che le reazioni negative minino la tua autostima. Anche se vivi in una comunità aperta e tollerante, potresti avere a che fare prima o poi con l'ignoranza della gente. Se qualcuno fa un commento offensivo, non sprecare il tuo tempo o le tue energie a litigare.[32]
    • Non permettere che certe persone indeboliscano la tua autostima. Non puoi controllare quello che gli altri fanno, pensano o dicono, ma puoi controllare le tue reazioni. Ama e rispetta te stesso, qualunque cosa dicano.
    • Se sei arrabbiato o ti senti frustrato, sfogati con un amico su cui puoi fare affidamento.
    • Se qualcuno è disinformato, ma ha a cuore la tua situazione, potrebbe essere disposto a intavolare una conversazione serena e razionale. Potresti provare a spiegargli come ci si sente nei tuoi panni.

Consigli

  • Se qualcuno ti importuna per il tuo orientamento sessuale o identità di genere, ricorda che non c'è niente di sbagliato in te. Il fatto di essere gay, bisessuali, trans e LGBT non è una scelta, ma l'omofobia sì.
  • Se ti innervosisci perché farfugli o non trovi le parole, prova a scrivere quello che vuoi dire oppure esercitati davanti allo specchio (assicurati di essere solo).
  • Se vuoi fare coming out sui social media, prova a modificare qualcosa in maniera limitata ma efficace, come pubblicare un arcobaleno sullo sfondo del profilo.
  • Ricorda che non sei obbligato a fare coming out se non ti senti sicuro e a tuo agio. Non esiste un modo giusto o sbagliato, quindi segui il tuo percorso e dichiarati rispettando i tuoi tempi.
  • Uno psicoterapeuta in grado di sostenerti potrebbe aiutarti ad affrontare il processo di coming out o le reazioni negative delle persone più care. Una seduta con i genitori potrebbe aiutarlo ad avere una visione più ampia della tua situazione.
  • Chiedi consiglio ad alcune persone LGBTQ+ che hanno fatto coming out.

Avvertenze

  • Quando decidi a chi e quando dovresti dirlo, metti sempre la tua sicurezza al primo posto. Se pensi di correre qualche rischio, chiama una persona di cui ti fidi e chiedile se può ospitarti. Se sei già in pericolo, chiama i servizi di emergenza.
  • Se devi confrontarti con atteggiamenti di odio e gesti aggressivi e non riesci più a sopportare questa situazione, non perdere le speranze. Se non hai un amico o un parente su cui fare affidamento, chiama Telefono Amico Gay. Il servizio, che risponde al n. 051 555 661 attivo nelle ore serali dalle 20:00 alle 22:00 dei giorni feriali, offre ascolto e supporto alle persone LGBT e non solo. In alternativa, contatta una linea di prevenzione al suicidio, come Telefono Amico al n. 02 2327 2327, ogni giorno dalle 10:00 alle 24:00.
  • Se sei stato minacciato o aggredito al lavoro o a scuola, chiedi aiuto a un consulente scolastico, un insegnante di sostegno, al dipartimento di risorse umane dell'azienda per cui lavori o alle autorità.
  • Se hai bisogno, ecco un elenco dei numeri telefonici dei centri di aiuto diffusi nel mondo.
  1. http://www.advocatesforyouth.org/publications/publications-a-z/724-i-think-i-might-be-bisexual-now-what-do-i-do
  2. http://www.hrc.org/resources/resource-guide-to-coming-out
  3. http://www.hrc.org/resources/resource-guide-to-coming-out
  4. http://www.hrc.org/resources/resource-guide-to-coming-out-as-bisexual
  5. https://www.washington.edu/counseling/resources/resources-for-students/thinking-of-coming-out/
  6. https://www.psychologytoday.com/us/blog/gay-and-lesbian-well-being/201103/should-you-come-out-your-parents
  7. https://www.psychologytoday.com/us/blog/gay-and-lesbian-well-being/201103/should-you-come-out-your-parents
  8. https://www.psychologytoday.com/us/blog/gay-and-lesbian-well-being/201507/is-it-ok-not-come-out
  9. http://www.hrc.org/resources/resource-guide-to-coming-out-as-bisexual
  10. https://www.psychologytoday.com/us/blog/gay-and-lesbian-well-being/201103/should-you-come-out-your-parents
  11. https://www.stonewall.org.uk/help-advice/coming-out/coming-out-adult-1
  12. https://www.psychologytoday.com/us/blog/gay-and-lesbian-well-being/201103/should-you-come-out-your-parents
  13. https://www.psychologytoday.com/us/blog/gay-and-lesbian-well-being/201103/should-you-come-out-your-parents
  14. http://www.hrc.org/resources/resource-guide-to-coming-out
  15. http://www.psychologytoday.com/blog/gay-and-lesbian-well-being/201103/should-you-come-out-your-parents
  16. https://www.washington.edu/counseling/resources/resources-for-students/thinking-of-coming-out/
  17. https://www.washington.edu/counseling/resources/resources-for-students/thinking-of-coming-out/
  18. https://psychcentral.com/news/2013/01/30/coming-out-may-have-mental-physical-benefits/50989.html
  19. https://www.theatlantic.com/national/archive/2013/10/on-national-coming-out-day-dont-disparage-the-closet/280469/
  20. http://www.hrc.org/resources/coming-out-at-work
  21. http://content.time.com/time/nation/article/0,8599,1901909,00.html
  22. http://www.apa.org/topics/lgbt/orientation.aspx
  23. http://www.hrc.org/resources/resource-guide-to-coming-out-as-bisexual

Informazioni su questo wikiHow

Deb Schneider, LCSW, PPSC
Co-redatto da:
Counselor LGBTQ+
Questo articolo è stato co-redatto da Deb Schneider, LCSW, PPSC. Deb Schneider è un'assistente sociale clinica qualificata che esercita privatamente a Oakland, in California. Lavora inoltre come responsabile di programma per la Weiland Health Initiative a Stanford. Con oltre 15 anni di esperienza, è specializzata nella creazione di spazi sicuri e rispettosi delle identità emarginate in scuole superiori e università. Si è laureata in Sociologia e Studi di Genere alla Clark University e in Assistenza Sociale con specializzazione sanitaria alla University of California - Berkeley School of Social Welfare. Questo articolo è stato visualizzato 19 925 volte
Categorie: LGBT
Questa pagina è stata letta 19 925 volte.

Hai trovato utile questo articolo?