Come Uscire da un Rapporto Abusivo

Scritto in collaborazione con: Paul Chernyak, LPC

In questo Articolo:Valutare la SituazioneStabilire un Piano SicuroAndare ViaVoltare Pagina33 Riferimenti

L'abuso può assumere diverse forme, ma sia quello mentale che fisico devono essere contrastati subito e in maniera sicura. Se vivi una relazione fondata sull'abuso, devi intervenire immediatamente per tutelare il tuo benessere e trovare la strada diretta alla guarigione. Pianifica una conclusione degna per questo rapporto, mantieniti al sicuro e volta pagina.

Parte 1
Valutare la Situazione

  1. 1
    Chiedi aiuto. Esistono vari enti che aiutano le vittime di abuso. Se non sai bene da dove iniziare o vuoi semplicemente discutere con qualcuno sulla natura del tuo rapporto, prova una delle seguenti risorse. Stai attenta quando usi il computer di casa o il cellulare, perché le visite e le telefonate rimangono registrate nella cronologia o nell'elenco delle chiamate.
    • Numero verde antiviolenza donna: 1522.
      • Per trovare un centro antiviolenza, visita il sito di "Donne in rete contro la violenza" [1].
    • Esistono altre risorse per informarti ulteriormente sulla tematica.
    • Prova a chiamare il Telefono Rosa: 0637518282 [2].
      • Se sei un uomo, puoi telefonare al Telefono Amico: 199 284 284 [3].
    • Organizzazioni a livello mondiale: Elenco internazionali enti contro la violenza domestica.
  2. 2
    Riconosci l'abuso. Se sei vittima di violenza fisica da parte del tuo partner, allora stai vivendo una relazione basata sull'abuso, non ci sono scusanti. Tuttavia, l'abuso può assumere molte altre forme, più difficili da rilevare e facili da giustificare per chi ne soffre. Il partner non deve alzare le mani affinché il suo comportamento venga considerato violento [4].
    • Abuso fisico significa picchiare, spingere o attuare qualsiasi altro tipo di attacco fisico verso la vittima. Un'aggressione non ha scusanti, proprio mai, inoltre l'abuso fisico va denunciato e bisogna chiudere immediatamente il rapporto.
    • L'abuso emotivo include l'umiliazione, la denigrazione, la manipolazione, le minacce, l'intimidazione e la degradazione. Se il tuo partner ti fa costantemente sentire priva di valore, patetica o inutile, probabilmente stai vivendo una situazione di questo tipo [5].
    • L'abuso economico si manifesta quando una persona esercita un controllo completo sulla vittima controllandone rigidamente le finanze, al punto da farle perdere la libertà personale. Può avvenire in molte forme, tra cui limitare la sua capacità di lavorare, appropriarsi dei soldi che guadagna e non permetterle di accedere a conti in banca condivisi [6].
    • L'abuso sessuale purtroppo è una componente tipica delle relazioni di questo tipo. Solo perché in passato hai consentito un rapporto sessuale, non è detto che dovrai farlo sempre. Non è nemmeno obbligatorio fare sesso solo perché hai coltivato un legame sentimentale per un certo intervallo di tempo. Se ti senti messa sotto pressione per fare sesso anche quando non vuoi, e l'esperienza è poco sicura o degradante, sei vittima di abuso [7].
      • Un altro elemento che caratterizza l'abuso sessuale si manifesta quando un uomo mette incinta una donna senza il suo consenso, oppure la obbliga a terminare la gravidanza contro la sua volontà [8].
  3. 3
    Non scusare né prendere alla leggera un comportamento fondato sull'abuso. Per un aggressore, è molto comune indurre la vittima a credere che la violenza sia colpa sua. Quando qualcuno si comporta in maniera aggressiva, violenta o manipolatoria nei tuoi confronti, la responsabilità non è mai la tua. Ricorda che, nonostante la presenza delle seguenti condizioni, la relazione può comunque essere violenta:
    • Il tuo partner non ti ha mai picchiato. Tuttavia, l'abuso emotivo e verbale è comunque tale [9].
    • L'abuso non ti sembra tanto negativo come in altri casi di violenza che hai sentito [10].
    • Hai vissuto esperienze di violenza fisica solo un paio di volte. Ciononostante, se è già successo, è segno che potrebbe ripetersi [11].
    • I segnali di abuso sono scomparsi nel momento in cui sei diventata passiva, hai smesso di controbattere o ti sei trattenuta dall'esprimere i tuoi pensieri o opinioni [12].
  4. 4
    Documenta l'abuso. Se alla fine dovessi affrontare l'aggressore in tribunale, le prove concrete possono aiutarti a ottenere un ordine restrittivo, vincere una battaglia sulla custodia dei figli o altrimenti garantirti che questo tipo di abuso non si ripeterà mai più.
    • Se puoi, cerca di documentare con un dispositivo i momenti in cui questa persona ti aggredisce o ti minaccia verbalmente. Questo può aiutarti non poco a determinare il carattere dell'aggressore, che probabilmente si comporterà perfettamente in tribunale.
    • Scatta delle fotografie per provare l'abuso fisico. Denuncialo subito alle autorità e rivolgiti immediatamente a un medico. I registri medici e la denuncia sporta alla polizia forniranno abbastanza prove della violenza avvenuta.
  5. 5
    Ricorda che un abuso non è colpa tua. Non sei responsabile delle azioni del tuo partner, indipendentemente da quello che dice. Non ti meriti di essere aggredita, non hai fatto niente per provocare l'abuso, anzi, hai diritto a una vita felice e priva di violenza [13].
    • Gli schemi mentali e comportamentali che conducono l'aggressore a commettere un abuso vengono causati da problemi emotivi e psicologici profondamente radicati, non dalle tue azioni. Purtroppo, senza un aiuto professionale, tali questioni difficilmente si risolveranno da sole.

Parte 2
Stabilire un Piano Sicuro

  1. 1
    Fai una lista di persone affidabili, con accanto i dati di contatto. Se avessi bisogno di chiamare qualcuno per chiedere aiuto, devi disporre di un foglio con i numeri di telefono di emergenza (così, se necessario, puoi utilizzare il cellulare di qualcun altro). L'identità di queste persone non dovrebbe essere scontata, nel senso che l'aggressore non deve sapere a chi ti rivolgerai in caso di emergenza. Inoltre, includi i numeri di polizia, ospedale e rifugio per donne maltrattate [14].
    • Se temi che l'aggressore abbia uno scatto d'ira qualora trovasse la lista, tienila nascosta o "camuffala" affinché sembri qualcos'altro.
    • Se hai dei figli, assicurati di avere accesso a una lista di numeri di telefono da chiamare in caso di necessità. Inoltre, mettiti d'accordo con un vicino o un amico per portarli da lui in caso di emergenza (oltre a telefonare al 112).
  2. 2
    Stabilisci una parola d'ordine. Puoi decidere di usare una parola d'ordine o un codice con i tuoi figli, vicini di casa, amici o colleghi di lavoro per indicare che sei in pericolo e hai bisogno di aiuto [15]. Se lo fai, la persona in questione dovrebbe avere un piano specifico per intervenire, come chiamare subito la polizia.
  3. 3
    Prepara un piano di emergenza. Se stai affrontando una situazione di abuso, dovresti mettere a punto un piano per fronteggiare gli episodi di violenza. Conosci le aree della tua casa più sicure per rifugiartici (non andare in una stanza piccola e priva di vie di fughe o una camera contenente oggetti facilmente utilizzabili come armi) [16].
    • Il piano di fuga dovrebbe essere parte integrante del programma. Dovresti cercare di fare regolarmente il pieno all'automobile e averla sempre a disposizione. Se possibile, nascondi una chiave aggiuntiva in un punto in cui trovarla facilmente mentre scappi. Fai pratica per uscire velocemente di casa e salire in macchina; se hai figli, falli esercitare con te [17].
  4. 4
    Apri un conto in banca separato e risparmia dei soldi. Se hai tempo, è ideale pianificare con largo anticipo l'apertura di un conto in banca o una carta di credito unicamente a tuo nome. Preferibilmente, cerca di avere una casella postale per ricevere la corrispondenza che non deve essere vista dall'aggressore. Inizia a mettere da parte del denaro in questo conto, devi averne abbastanza da poter iniziare daccapo senza preoccuparti dei soldi al principio.
    • Se l'aggressore pratica l'abuso economico, questo potrebbe essere difficile. Non lasciare che un conto quasi prosciugato o la mancanza di fondi di emergenza ti impedisca di salvarti dalla situazione. Un rifugio, un parente o un amico può offrirti supporto finanziario per aiutarti a rimetterti in sesto.
  5. 5
    Nascondi un borsone per scappare nel cuore della notte. Per assicurarti di riuscire ad andartene da un momento all'altro, riempi un bagaglio e nascondilo in un posto sicuro, dove l'aggressore non potrà trovarlo. Potresti decidere di conservarlo a casa di qualcun altro per prevenire eventuali problemi [18]. Deve essere leggero e facile da trasportare, in modo da poterlo afferrare e lasciare all'occorrenza [19]. Ecco che cosa riporci:
    • Medicinali su prescrizione.
    • Carta d'identità e copie di documenti importanti.
    • Vestiti.
    • Alcuni prodotti per l'igiene personale.
  6. 6
    Organizza un piano per i tuoi figli. Dovresti parlare con un rifugio, un call center o un avvocato per capire se sarebbe meglio portarli con te quando vai via. Se sono in pericolo, dovresti fare il possibile per salvarli. Se non corrono rischi, sarebbe più sicuro andare via da sola all'inizio [20].

Parte 3
Andare Via

  1. 1
    Metti fine alla relazione il prima possibile. A seconda del tuo coinvolgimento, potrebbe essere necessario fare dei preparativi per la partenza, assicurandoti di tutelare il più possibile la tua sicurezza. Se hai intrapreso da poco la relazione, in genere puoi semplicemente andare via, mentre i matrimoni fondati sull'abuso possono essere molto più complicati. Stabilisci un piano e mettilo in atto il prima possibile.
    • Non aspettare che l'abuso peggiori prima di agire. Se stai vivendo una relazione sul punto di diventare violenta, è difficile che il tuo partner sia in grado di cambiare. L'abuso non viene causato da un torto commesso dalla vittima, viene provocato dall'aggressore.
  2. 2
    Scegli un momento sicuro per andartene. Se hai deciso di scappare, probabilmente dovrai farlo quando l'aggressore non sarà in casa. Organizzati e preparati a fuggire mentre è fuori. Concediti abbastanza tempo per prendere il borsone di emergenza e i documenti essenziali, poi fuggi prima di rischiare un inseguimento.
    • Non devi lasciare una lettera o una spiegazione sul motivo per cui te ne sei andata. Puoi scappare e basta.
    • Se non hai un mezzo di trasporto personale, organizzati affinché qualcuno passi a prenderti. Temi di correre un pericolo imminente? Puoi chiedere alla polizia di andare a casa tua per aiutarti a uscire.
  3. 3
    Lascia il cellulare a casa. Se hai annotato i numeri importanti altrove, sarebbe meglio lasciarlo prima di andartene. I telefoni possono essere configurati per rintracciarli (utile per localizzare un cellulare perduto o rubato, ma non per fuggire da un aggressore). Lasciarlo a casa può aiutarti a seminare il perpetratore [21].
    • Considera l'acquisto di un cellulare prepagato e mettilo nel borsone di emergenza. Potrebbe permetterti di fare telefonate importanti collegate alla tua fuga e sicurezza, senza che l'aggressore abbia la possibilità di rintracciarti [22].
  4. 4
    Richiedi un ordine di protezione contro gli abusi familiari. Si tratta di un documento emesso dal tribunale che ti permette di avere una protezione legale da un aggressore della tua famiglia. Per ottenerlo, raccogli tutte le prove di abuso che hai, scrivi una lettera per descrivere la situazione e la relazione con il perpetratore. Consegna tutto al tribunale. Dovrebbero darti ulteriori istruzioni in merito a come compilare i documenti appropriati per avere un ordine di restrizione [23].
    • Una volta che avrai richiesto un ordine di restrizione, questa decisione dovrà essere comunicata legalmente all'aggressore, se viene approvata. Per saperne di più sulla procedura, chiedi consiglio a un avvocato [24].
    • Una volta che avrai un ordine di restrizione, tienilo sempre con te. Se l'aggressore dovesse infrangerne i termini, la polizia probabilmente ti chiederà di mostrarlo [25].
  5. 5
    Cambia le serrature e le password. Gli ex aggressivi possono essere incredibilmente malvagi e pericolosi dopo la fuga della vittima. Per proteggerti, devi eliminare la possibilità che si rifaccia strada nella tua vita o ti saboti in altri modi.
    • In caso di grave violenza o timore per la tua vita, potrebbe essere necessario trasferirti altrove. Puoi implementare delle azioni affinché il nuovo posto in cui vivi sia anonimo, come mantenere segreto il tuo indirizzo o usare una casella postale per la corrispondenza, cambiare tutte le tue informazioni finanziarie ed evitare che il tuo numero di telefono venga pubblicato sull'elenco [26].
    • Se vivi nella tua casa o appartamento e hai messo fine a una relazione con una persona che non abitava con te, dovresti cambiare le serrature. Pur non pensando che il tuo ex abbia una chiave, potrebbe averne fatto una copia a tua insaputa.
  6. 6
    Mantieni al sicuro le tue informazioni online. Se ti stai mettendo in salvo da una relazione fondata sull'abuso o l'hai fatto da poco, cambia tutte le password [27]. Le password online per quanto riguarda conto in banca, social network, e-mail e persino il lavoro vanno modificate il prima possibile. Dovresti attuare questo passaggio anche se non pensi che l'aggressore le conosca.
  7. 7
    Blocca l'aggressore sul tuo telefono, e-mail e social network. Non puoi mai sapere come reagirà alla tua fuga e non puoi controllarlo. Tuttavia, puoi limitare ogni contatto dopo essertene andata. Non appena puoi, blocca il tuo ex da tutti i mezzi di comunicazione. La maggior parte dei dispositivi moderni presenta delle funzioni per farlo, ma potresti metterti direttamente in contatto con la compagnia telefonica per evitare che l'aggressore ti chiami.
    • Se l'aggressore trova il modo di importunarti, cambia i tuoi dati di contatto. Può essere scomodo fare questa modifica e assicurarti che i tuoi amici più stretti e parenti ottengano le nuove informazioni, ma può aiutarti a evitare che il perpetratore si rimetta in contatto con te.
  8. 8
    Considera una denuncia formale. Se non riesci proprio a liberarti dell'aggressore, ricorda che hai delle soluzioni legali a tua disposizione. Quella principale è rappresentata dall'ordine di restrizione, ma puoi anche sporgere denuncia, questo dipende dalle prove concrete e dalle circostanze. Parla con le autorità e un esperto in violenza domestica per saperne di più.
    • Se riesci a dimostrare prove di abuso in tribunale, puoi comunque essere in grado di ottenere un ordine restrittivo contro un ex violento. Se l'aggressore supera la distanza che è stata imposta dal giudice e si avvicinerà a te, infrangerà la legge.

Parte 4
Voltare Pagina

  1. 1
    Cerca l'appoggio dei tuoi cari. Una volta che te ne sarai andata, parlane abbondantemente con persone di cui ti fidi e apprezzi la compagnia. Molta gente invischiata in una relazione fondata sulla violenza viene isolata da amici e familiari. Se è questo il tuo caso, prova a recuperare i rapporti con quelle persone che ti sono mancate.
    • Se non hai molti amici o parenti, prova a stringere nuove amicizie. Chiedi a una collega di lavoro con cui hai un buon rapporto di andare a bere un caffè all'uscita dall'ufficio o, se ti sei trasferita, cerca di conoscere meglio i nuovi vicini.
  2. 2
    Partecipa a un gruppo di autoaiuto incentrato sulla violenza domestica [28]. Molti uomini e donne sopravvivono all'abuso, e tutti hanno bisogno di parlarne. Trovare una comunità di persone che ha vissuto esperienze simili può insegnarti a elaborare il senso di colpa, la frustrazione e le emozioni complesse che probabilmente sentirai dopo aver messo fine a una relazione fondata sull'abuso. Non provare a fare tutto da sola. I gruppi di autoaiuto possono darti una mano a:
    • Elaborare il senso di colpa.
    • Capire la tua rabbia.
    • Parlare dei tuoi sentimenti.
    • Trovare la speranza.
    • Capire l'abuso.
  3. 3
    Sottoponiti a una terapia. La maggior parte delle vittime ha subito un trauma emotivo o psicologico a causa della relazione [29]. Uno psicoterepeuta può aiutarti ad affrontare questi stati d'animo e formare rapporti più sani in futuro.
  4. 4
    Cerca di non affrettarti nel coltivare una nuova relazione. Molte vittime di abuso vogliono farsi coinvolgere subito da un nuovo rapporto per compensare la mancanza di affetto e intimità che caratterizzava quello anteriore [30]. A lungo andare, riuscirai a coltivare un legame sano, in cui verrai rispettata, ma non avere fretta per completare la guarigione. Dopo esserti salvata da un rapporto fondato sull'abuso, probabilmente hai la sensazione che non troverai mai la persona giusta. Non cadere preda di questo schema mentale, non faresti che sabotare te stessa. Una volta che sarà passato abbastanza tempo, troverai qualcuno adatto a te e che ti rispetterà.
  5. 5
    Non dare un'altra opportunità all'aggressore. È piuttosto comune che i perpetratori si scusino e dicano che non faranno mai più del male alle proprie vittime. Se il tuo ex va da te e sostiene di essere cambiato, potresti sentire compassione per lui. Tuttavia, a questo punto è importante attenerti alla tua decisione. Una persona che ha abusato di te in passato probabilmente lo farà di nuovo.
    • Esistono programmi di intervento per persone violente [31] che servono ad aiutare gli aggressori a smettere di fare del male agli altri, ma i risultati non sempre sono promettenti. Sembrano più efficaci quando il perpetratore decide di intraprendere il programma di sua volontà, non quando viene obbligato dal tribunale.
  6. 6
    Evita relazioni fondate sull'abuso in futuro. Una volta che ti sarai definitivamente messa in salvo da un rapporto del genere, l'ultima cosa che vuoi è finire per riviverlo. Se da un lato non tutti gli aggressori sono esattamente uguali, ci sono alcune caratteristiche tendenzialmente comuni tra i perpretatori [32].
    • Emotivamente intensi o codipendenti.
    • Spesso affascinanti, popolari o talentuosi.
    • Fluttuano tra estremi emotivi.
    • Potrebbero essere ex vittime di abuso (specialmente durante l'infanzia).
    • Molti soffrono di alcolismo o tossicodipendenza.
    • Hanno un comportamento manipolatorio.
    • Reprimono le emozioni.
    • Sembrano inflessibili e ipercritici.
  7. 7
    Impegnati a fare altro. Mentre guarisci, puoi avere la grande tentazione di crogiolarti nel passato. Cerca di voltare davvero pagina acquisendo nuove abitudini, hobby e interessi. Coltiva nuovi ricordi e scopri nuove forme di intrattenimento. Impegnati e ricomincia a vivere.
    • Lasciati coinvolgere da numerose attività rilassanti con amici e parenti di cui ti fidi. Per esempio, potresti iscriverti a un corso di danza, iniziare a suonare la chitarra o imparare una nuova lingua. Qualunque cosa tu faccia, parla tanto con i tuoi amici. Saranno in grado di consolarti e darti suggerimenti in questo momento difficile.

Consigli

  • Se qualcuno ti manca di rispetto, devi liberarti di questa relazione.
  • Ogni volta che qualcuno ti fa fisicamente del male, chiama la polizia. Dovrai andare via di casa o da qualsiasi altro posto in cui ti trovi e rifugiarti in un luogo sicuro.
  • Qualcuno rimane in una relazione fondata sull'abuso perché teme quello che potrebbe succedere ai propri amati animali domestici nel caso in cui vada via [33]. Ricorda che la tua sicurezza è una priorità, quindi non restare se sei vittima di violenza.

Avvertenze

  • Non stare con una persona che abusa di te. È pericoloso avere un rapporto con un individuo che ti fa fisicamente del male, perché questo può essere letale. È poco sano anche stare con qualcuno che abusa mentalmente e verbalmente di te: questo abbatte, fa perdere le speranze ed erode l'autostima.

Riferimenti

  1. http://www.direcontrolaviolenza.it/
  2. http://www.telefonorosa.it/
  3. http://www.telefonoamico.it/
  4. http://www.helpguide.org/articles/abuse/domestic-violence-and-abuse.htm
  5. http://www.loveisrespect.org/is-this-abuse/why-do-people-stay-in-abusive-relationships
  6. http://www.helpguide.org/articles/abuse/domestic-violence-and-abuse.htm
  7. http://www.helpguide.org/articles/abuse/domestic-violence-and-abuse.htm
  8. http://theduluthmodel.org/pdf/PowerandControl.pdf
  9. http://www.helpguide.org/articles/abuse/domestic-violence-and-abuse.htm
Mostra altro ... (24)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Paul Chernyak, LPC. Paul Chernyak lavora come Counselor Professionista Matricolato a Chicago. Si è laureato all'American School of Professional Psychology nel 2011.

Categorie: Gestire Rapporti Difficili

In altre lingue:

English: Get Out of an Abusive Relationship, Português: Sair de um Relacionamento Abusivo, Русский: вырваться из насильственных отношений, Deutsch: Aus einer Missbrauchsbeziehung herauskommen, Español: salir de una relación violenta, Français: mettre fin à une relation abusive, Bahasa Indonesia: Keluar dari Hubungan yang Penuh Kekerasan, العربية: الخروج من علاقة مؤذية, 한국어: 학대적 관계에서 벗어나는 방법, Tiếng Việt: Chấm dứt mối quan hệ bạo hành

Questa pagina è stata letta 6 106 volte.
Hai trovato utile questo articolo?