Forse non hai nessuno con cui parlare del tuo ciclo mestruale, oppure non ti senti a tuo agio a parlarne coi tuoi genitori. Qualunque sia la ragione, capire il corretto modo per inserire un assorbente interno da sola può essere davvero complicato. Non temere! Questo articolo ti spiegherà passo passo come utilizzare gli assorbenti interni senza alcun dolore.

Metodo 1 di 4:
Sfatare alcuni Miti con i Fatti

Ci sono molte leggende urbane sull'utilizzo degli assorbenti interni e avrai già ricevuto cattive informazioni al riguardo. Conoscere i fatti può aiutarti a dissipare le tue paure o chiarire qualche malinteso.

  1. 1
    Rassicurati del fatto che un assorbente interno non può incastrarsi né tantomeno perdersi dentro di te.[1] Onestamente, non può andare da nessuna parte! La cervice, l'estremità interna della vagina, ha solamente una piccolissima apertura che permette al sangue di passare. Puoi sempre tirarlo fuori con la cordicella o raggiungerlo e afferrarlo con le dita, se la cordicella si rompe.
    • Non dimenticare comunque di rimuovere tutti gli assorbenti interni alla fine del tuo periodo.
  2. 2
    Sappi che puoi continuare ad andare al bagno anche se hai l'assorbente interno inserito. Sollevalo semplicemente con delicatezza in modo fa metterlo da una parte.
    • In alternativa, puoi spingere con cura il filo verso l'interno in modo da toglierlo quando fai la pipì. Non spingerlo troppo in profondità in maniera che tu possa sentirlo quando lo devi tirare fuori.
  3. 3
    Comprendi che non c'è alcuna età minima per cominciare a usare un assorbente interno.[2] Puoi utilizzare gli assorbenti interni a qualsiasi età, non hai bisogno di essere maggiorenne; assicurati solo che non ti dia fastidio prima di inserirlo. Alcune ragazze cominciano direttamente con i tampon invece di usare quelli normali, specialmente se praticano sport come il nuoto o la ginnastica.
  4. 4
    Comprendi che l'utilizzo di un assorbente interno non compromette la tua verginità.[3] Contrariamente a quanto riportato in un mito particolarmente inutile, l'assorbente interno "non ti fa perdere la verginità". Gli assorbenti interni potrebbero estendere leggermente i tessuti dell'imene, la sottile membrana che generalmente si "strappa" la prima volta che fai sesso. Anche se l'utilizzo dell'assorbente interno riesca in qualche modo a "lacerare" l'imene, cosa che può accadere anche durante altre attività, come andare a cavallo, non significa che tu non sia più vergine.
    • Un altro mito è quello secondo cui l'imene copra interamente la vagina. Stai tranquilla, l'imene ha un'apertura che permette di inserire l'assorbente interno e per l'espulsione del tuo ciclo.
    • Se sei rilassata, l'imene si estenderà, ma se forzi l'assorbente mentre sei tesa, potrebbe lacerarsi. Questo comunque può capitare anche facendo sport.
  5. 5
    Assicurati di avere con te una buona scorta, ovunque tu vada. Che tu sia fuori per lavoro, a scuola, o tu stia praticando dello sport, tieni sempre degli assorbenti di ricambio nella tua borsa. Specialmente nei primi giorni del ciclo, potrebbe risultare davvero utile riempire una piccola borsa per i trucchi con assorbenti interni, salva slip, salviettine umidificate ed un paio di mutandine di scorta.
  6. 6
    Se dormi più di 8 ore, utilizza un assorbente da notte. In questo modo non dovrai preoccuparti di dover saltar giù dal letto di buonora per cambiare l'assorbente interno o perfino rischiare la sindrome da shock tossico, un disturbo medico raro, ma grave, che ha luogo quando il batterio Staphylococcus aureus riesce a entrare nel tuo sangue.[4]

Metodo 2 di 4:
Prima dell'Inserimento

  1. 1
    Compra gli assorbenti interni. Come avrai già notato gironzolando per il supermercato, gli assorbenti interni vengono prodotti in una gran varietà di tipi e misure. Ecco qualche consiglio per le prime volte:
    • Compra assorbenti interni con applicatore. Gli assorbenti interni sono di due tipi: con applicatore o con un tubo di plastica che ti aiuterà a inserire l'assorbente dentro la vagina. Utilizzare un applicatore ti renderà la vita più facile le prime volte che utilizzerai gli assorbenti interni, quindi scegli una confezione che lo includa.
    • Scegli la giusta "assorbenza". L'assorbenza è semplicemente la misura della quantità di cotone presente nell'assorbente e va da "leggero" a "ultra". La maggior parte delle donne utilizza assorbenti "ultra" durante i primi giorni del ciclo, quando le perdite sono maggiori, passando gradualmente a quelli "leggeri" negli ultimi giorni di ciclo.
    • Se sei preoccupata per il dolore, puoi tranquillamente utilizzare esclusivamente assorbenti interni "leggeri", anche se dovrai cambiarli con più frequenza; sono più sottili e comodi.
    • Se il tuo ciclo è abbondante durante la giornata, potrebbe essere comodo usare un salvaslip o un altro assorbente sottile insieme all'assorbente interno nel caso che il tampone diventi troppo saturo. Questo tipo di problema può verificarsi nell'arco di 4 ore anche con tamponi ad alta assorbenza.
  2. 2
    Lavati le mani. Potrebbe sembrarti un po' folle lavare le mani prima di utilizzare il bagno, ma in questo caso è una scelta intelligente. Gli applicatori per gli assorbenti interni sono sterili, e lavare le mani tiene lontani i rischi di infezioni causate da funghi o batteri.
    • Se l'assorbente cade a terra, buttalo via. Non vale davvero la pena risparmiare qualche spicciolo e andare incontro a una fastidiosa e dolorosa infezione vaginale.

Metodo 3 di 4:
Inserire l'Assorbente

  1. 1
    Siediti sul gabinetto. Allarga le ginocchia più di quanto non faresti normalmente, in modo da avere più spazio e visibilità mentre procedi con l'operazione.
    • In alternativa, puoi inserire l'assorbente stando in piedi, mettendo un piede più in alto rispetto all'altro, come sul sedile del gabinetto per esempio. Se così ti senti più a tua agio, non esitare, utilizza questo metodo. Comunque sia, la maggior parte delle donne preferisce sedersi sul gabinetto, in maniera che qualche eventuale perdita resti contenuta nel gabinetto stesso.
  1. 1
    Trova la tua vagina. Questa è la difficoltà più comune incontrata da chi utilizza l'assorbente interno per la prima volta, e può risultare davvero scoraggiante. Comunque sia, una volta capito come fare, stai apposto per il resto della tua vita! Ecco come rendere le cose un tantino più facili:
    • Comprendi la tua anatomia. Ci sono tre aperture: l'uretra, sul davanti, da dove fuoriesce la pipì; la vagina, nel mezzo; l'ano, sul retro. Se sai già dove è posizionata la tua uretra, scendi col dito qualche centimetro più in basso e troverai l'apertura della vagina.
    • Usa il sangue per orientarti. Questo potrà sembrarti strano, ma può davvero aiutarti se sei in difficoltà. Bagna un pezzetto di carta igienica e pulisci completamente la zona dal sangue mestruale, da davanti fino a di dietro, o utilizza la doccia. Una volta sei pulita, tampona l'area con un pezzetto di carta igienica pulita fino a che non trovi da dove fuoriesce il sangue.
    • Chiedi aiuto. Se ti senti davvero persa, non preoccuparti, un sacco di ragazze prima di te hanno avuto lo stesso problema! Chiedi a una parente donna con cui ti senti a tuo agio, come tua madre, tua sorella, tua nonna, una zia o una cugina più grande, di aiutarti. Cerca di non sentirti imbarazzata e ricorda che ogni donna si è trovata nella tua stessa condizione. Puoi anche chiedere aiuto al tuo dottore o a un'infermiera.
  2. 2
    Tieni l'assorbente nella maniera corretta. Tieni l'assorbente nel suo punto di mezzo, dove il tubo più piccolo dell'applicatore si incontra col tubo più grande; tienilo tra il pollice e il dito medio e posiziona l'indice alla fine dell'applicatore, dove la cordicella fuoriesce.
  3. 3
    Inserisci lentamente la parte superiore dell'applicatore, quella più larga, all'interno della vagina. Punta verso la parte bassa della schiena e spingilo dentro qualche centimetro, fino a che le tue dita non toccano l'ingresso della vagina stessa. Non preoccuparti di sporcarti le mani, poiché il sangue mestruale è infatti "pulito" e non contiene batteri... e comunque puoi sempre lavarti le mani una volta finito.
  4. 4
    Premi la parte più sottile dell'applicatore verso l'alto con l'indice. Dovresti poter sentire l'assorbente muoversi ancora qualche centimetro più in alto, dentro di te. Fermati una volta che la parte più sottile dell'applicatore incontra quella più larga.
  5. 5
    Estrai l'applicatore. Estrai gentilmente l'applicatore dalla vagina. Non preoccuparti; se hai seguito attentamente le istruzioni e lo hai inserito tutto dentro, l'assorbente non fuoriuscirà insieme all'applicatore. Una volta uscito, arrotolalo nella confezione dell'assorbente o in un po' di carta igienica e gettalo nel secchio.
    • Non gettare mai l'applicatore nel gabinetto, poiché potrebbe causare seri danni alle tubature.
  6. 6
    Assicurati di averlo indossato confortevolmente. Non dovresti sentire l'assorbente interno dentro di te e non dovrebbe darti alcun fastidio. Se senti dolore quando ti siedi o quando cammini, allora qualche cosa è andato storto: di solito non è stato inserito abbastanza in profondità nella vagina. Tiralo fuori e riprova con uno nuovo.

Metodo 4 di 4:
Rimuovere l'Assorbente Interno

  1. 1
    Cambia l'assorbente interno ogni 6 / 8 ore. Non sei obbligata a toglierlo allo scadere della 6ª ora, ma cerca di non tenerlo indosso per più di 8 ore.
    • La Sindrome da shock tossico (TSS) è una conseguenza, rara ma fatale, causata dalla mancata rimozione dell'assorbente interno per un lungo periodo. Se hai accidentalmente lasciato inserito il tuo assorbente per più di 8 ore e sei improvvisamente affetta da febbre alta, eruzioni cutanee o vomito, estrai l'assorbente e cerca assistenza medica immediatamente.[5]
  2. 2
    Rilassati. La rimozione dell'assorbente interno può sembrare dolorosa: in realtà è solamente fastidiosa se i tuoi muscoli sono contratti. Prendi qualche bel respiro profondo, allenta la tensione e ricorda che non sentirai davvero alcun dolore.
  3. 3
    Tira lentamente la corda alla fine dell'assorbente. Potresti sentire un leggero attrito delle fibre di cotone mentre estrai l'assorbente, ma non dovrebbe essere doloroso.
    • Se il solo pensiero di dover afferrare la cordicella con le mani nude ti disgusta, usa un pezzetto di carta igienica.
    • Se senti un po' di resistenza nell'estrarre l'assorbente, probabilmente è perché è asciutto. Per risolvere quest'inconveniente, passa a un'assorbente più leggero.
  4. 4
    Sbarazzati dell'assorbente. Alcuni assorbenti interni sono appositamente studiati per essere gettati nel gabinetto, dove si aprono e scorrono facilmente via nelle tubature. Comunque sia, se hai a che fare con una fossa biologica, se ci sono stati dei problemi di intasature nel passato, o più semplicemente preferisci non rischiare, avvolgi l'assorbente nella carta igienica e gettalo nel secchio.

Consigli

  • Se sei giovanissima, comincia con un assorbente interno leggero, più piccolo. Puoi sempre cambiare formato una volta che hai preso dimestichezza su come inserirlo.
  • Utilizza assorbenti con la capacità di assorbimento adatta alle tue perdite, non superiore.
  • Potresti sentirti più confortevole alternando tra i normali assorbenti e quelli interni.
  • Se puoi sentirlo mentre sei in giro, cerca un bagno, lavati accuratamente le mani e spingi maggiormente l'assorbente all'interno della vagina.
  • Ricorda: se hai appena iniziato ad avere il ciclo mestruale, non aver paura di chiedere aiuto a tua madre se ne hai bisogno... ci è passata anche lei!
  • Se ti risulta doloroso inserire l'assorbente, prendi qualche bel respiro profondo, rilassati e riprova a inserirlo più lentamente.
  • Se stai appena iniziando a usare gli assorbenti interni, comincia con l'indossare sia l'assorbente interno, sia quello normale. Questo preverrà eventuali perdite.
  • A casa cerca di utilizzare assorbenti esterni. Questo darà modo al tuo corpo di prendere una pausa e sarà più confortevole anche per te.
  • Inserire l'assorbente può essere leggermente doloroso all'inizio: cerca di fare un po' di stretching, respira lentamente e rilassati. Questo ti aiuterà a rilassare i muscoli.
  • La cordicella dell'assorbente interno non si rompe così facilmente. Se ciò accade, estrailo semplicemente con le mani.

Avvertenze

  • Se l'assorbente cade accidentalmente a terra, non utilizzarlo. Puoi contrarre molto facilmente un'infezione attraverso i germi presenti sul pavimento.
  • Sii consapevole dei rischi quali la Sindrome dello shock tossico (TSS) e le infezioni vaginali.
  • Non utilizzare gli assorbenti interni se non hai il ciclo mestruale; così facendo potresti incorrere in infezioni dolorose nonché imbarazzanti.
  • Rimuovi sempre l'assorbente interno prima di fare sesso, altrimenti potrebbe essere difficile estrarlo successivamente.

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 112 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 100 847 volte
Categorie: Igiene Personale
Sommario dell'ArticoloX

Per inserire un assorbente interno, siediti o abbassati sopra il water. Poi, tieni l'applicatore tra pollice e medio, tenendo l'indice appoggiato delicatamente all'estremità più sottile dell'applicatore. Inserisci l'estremità più spessa nella vagina, poi premi quella più sottile verso l'alto con l'indice. Tira fuori delicatamente l'applicatore dalla vagina e buttalo nella spazzatura. Lascia l'assorbente inserito per un massimo di otto ore. Per imparare a rimuovere un assorbente interno, leggi l'articolo!

Questa pagina è stata letta 100 847 volte.

Hai trovato utile questo articolo?