Come Valutare il Livello di Coscienza Durante una Procedura di Primo Soccorso

Scritto in collaborazione con: Harrison Lewis

In questo Articolo:Valutare il Livello di Coscienza di una Persona ReattivaValutare una Persona IncoscienteTrattare una Persona Incosciente fino all'Arrivo del Personale Medico22 Riferimenti

Essere in grado di valutare il livello di coscienza di una persona durante una situazione di emergenza può aiutare gli operatori telefonici del 118 e, potenzialmente, far risparmiare minuti preziosi all'arrivo dei soccorsi. Esistono diverse tecniche per determinare lo stato di coscienza o cercare di stabilizzare una persona incosciente in attesa dell'intervento medico.

Parte 1
Valutare il Livello di Coscienza di una Persona Reattiva

  1. 1
    Analizza le circostanze. La prima cosa da fare in qualunque caso di emergenza è fermarsi e valutare la situazione. Cerca di capire la causa che ha determinato la lesione della vittima e se è sicuro avvicinarsi. Non è di alcun aiuto precipitarsi prima che il pericolo sia completamente scomparso – non puoi aiutare una persona se diventi a tua volta vittima dello stesso incidente e i servizi di emergenza non hanno alcun bisogno di salvare due persone anziché una.
  2. 2
    Riconosci i sintomi di una persona che potrebbe essere sul punto di perdere coscienza. Tra questi ci sono:[1]
    • Biascicamento (disartria);
    • Tachicardia;
    • Stato confusionale;
    • Vertigini;
    • Stordimento;
    • Improvvisa incapacità di rispondere in maniera coerente o di rispondere del tutto.
  3. 3
    Poni delle domande alla vittima. Fare una serie di domande ti fornisce subito molte informazioni in merito al suo stato di salute. Devono essere domande semplici che però richiedono un certo livello cognitivo. Inizia chiedendo alla persona se sta bene, per vedere se è reattiva. Se ti risponde o anche semplicemente si lamenta per dimostrarti che non è incosciente, prova a chiederle:[2]
    • Puoi dirmi che anno è?
    • Riesci a dirmi in che mese siamo?
    • Che giorno è?
    • Chi è il presidente della Repubblica?
    • Sai dove ti trovi?
    • Sai cos'è successo?
    • Se ti risponde in maniera chiara e coerente, significa che è perfettamente cosciente.
    • Se ti risponde ma molte affermazioni sono sbagliate, è cosciente ma mostra segni di quello che viene definito stato di coscienza alterato, che comprende confusione e disorientamento.[3]
  4. 4
    Chiama il 118. Se la vittima è cosciente ma in uno stato confusionale (per esempio, non è in grado di rispondere chiaramente a dei quesiti semplici), devi chiamare subito i soccorsi.[4]
    • Quando sei al telefono, informa l'operatore del livello di coscienza della vittima usando la scala di valutazione AVPU:
      • A: alert, la vittima è vigile e orientata;
      • V: verbal, risponde agli stimoli verbali;
      • P: pain (dolore), reagisce allo stimolo del dolore;
      • U: unresponsive (inerte), la vittima è incosciente/non risponde.
    • Anche se risponde coerentemente a tutte le domande e non mostra alcun segnale di stato di coscienza alterato, devi ugualmente chiamare l'ambulanza se la vittima:[5]
      • Mostra altre lesioni dovute all'evento traumatico;
      • Prova dolore o disagio toracico;
      • Ha un battito cardiaco irregolare o martellante;
      • Riferisce difficoltà di visione;
      • Non è in grado di muovere le braccia o le gambe.
  5. 5
    Procedi con altre domande. Questo è utile per cercare di cogliere altri indizi e capire cosa può aver portato la persona a svenire o a ridurre lo stato di coscienza. Non sempre la vittima è in grado di rispondere a tutte le domande, in base al suo livello di consapevolezza e reattività. Prova a chiederle:[6]
    • Puoi dirmi cosa è successo?
    • Stai assumendo dei farmaci?
    • Sei diabetico? Hai già vissuto un'esperienza di coma diabetico?
    • Hai assunto qualche droga o hai bevuto alcolici (presta attenzione a eventuali segni di aghi nelle braccia/gambe o guardati attorno se noti flaconi di farmaci o bottiglie di alcolici nei paraggi)?
    • Soffri di qualche patologia che crea convulsioni?
    • Hai problemi cardiaci o hai già avuto un infarto?
    • Hai avuto dolore toracico o altri sintomi prima dell'incidente?
  6. 6
    Prendi nota di tutte le risposte dell'infortunato. A prescindere che siano logiche o meno, sono però d'aiuto per gli operatori telefonici del 118 per stabilire il modo migliore di procedere. Se necessario, annota ogni cosa per poterla riferire al personale sanitario esattamente come la vittima te l'ha comunicata.
    • Per esempio, se la vittima ti ha fornito risposte senza senso per la maggior parte dei quesiti, ma ti ha anche detto che soffre di convulsioni, è piuttosto normale che continui a risponderti in maniera incoerente per altri 5-10 minuti dopo la fase critica, ma potrebbe comunque aver bisogno di qualcosa di più di un breve periodo di osservazione da parte del personale medico.
    • Un altro esempio potrebbe essere se la vittima ti ha confermato che è diabetica; fornendo questa informazione all'operatore telefonico, i soccorritori sanno già che dovranno controllare immediatamente i livelli di glucosio nel sangue al loro arrivo.
  7. 7
    Fai in modo che la vittima parli con te. Se ti ha fornito risposte sbagliate a tutte le domande – oppure erano logiche, ma ti sembra che sia sul punto di addormentarsi – devi fare tutto il possibile per farla parlare. Sarà molto più facile per il personale medico valutare la situazione, se è cosciente. Chiedi all'infortunato se è in grado di tenere gli occhi aperti e fagli altre domande per stimolarlo a parlare.
  8. 8
    Esistono altre cause comuni di perdita di coscienza. Se sai che la vittima "è svenuta" o qualche testimone te l'ha comunicato, puoi fornire al personale medico delle informazioni affinché possa diagnosticare o capire la causa della perdita di coscienza. Tra quelle più comuni ci sono:[7]
    • Grave emorragia;
    • Grave trauma cranico o toracico;
    • Overdose;
    • Ubriachezza;
    • Incidente automobilistico o un'altra grave ferita;
    • Problemi di glicemia (come il diabete);
    • Malattie cardiache;
    • Ipotensione (frequente tra gli anziani, anche se riprendono spesso conoscenza piuttosto rapidamente);
    • Disidratazione;
    • Convulsioni;
    • Ictus;
    • Iperventilazione.
  9. 9
    Controlla se la vittima porta una collana o un braccialetto medico. In molti casi, i pazienti con patologie croniche, come il diabete, indossano un elemento su cui sono riportate le informazioni in merito al loro stato di salute, che sono utili per il personale medico che interviene in caso di emergenza.[8]
    • Se ti accorgi che la vittima ne indossa uno, riferiscilo subito ai medici quando arrivano.
  10. 10
    Monitora l'infortunato fino all'arrivo dei paramedici. È importante che sia presente qualcuno per osservarlo costantemente.[9]
    • Se resta in uno stato di semi-coscienza, la respirazione e altri parametri vitali sembrano regolari, continua a controllarlo finché non arriva l'ambulanza.
    • Se la vittima inizia a non reagire, significa che la situazione si sta aggravando, devi quindi valutarla ulteriormente e procedere con i passaggi descritti di seguito.

Parte 2
Valutare una Persona Incosciente

  1. 1
    Cerca di svegliarla facendo un rumore forte. Prova a urlare "Stai bene?" e scuotila delicatamente. Questo può essere tutto ciò che serve per riportarla a uno stato di coscienza.
  2. 2
    Verifica se reagisce al dolore. Se non risponde alle tue domande, ma non sai con certezza se si trova in uno stato di incoscienza al punto da dover eseguire una rianimazione cardiopolmonare (RCP), puoi vedere come reagisce allo stimolo del dolore.[10]
    • La tecnica più comune è lo "strofinamento dello sterno", che consiste nel mettere la mano a pugno e usare le nocche per strofinare vigorosamente lo sterno. Se la vittima reagisce al "dolore" – a questa sensazione – puoi continuare a monitorarla senza bisogno di procedere con la rianimazione cardiopolmonare, dato che il suo comportamento è sufficiente per capire che va tutto bene, per il momento. Tuttavia, se la vittima è inerte, dovrai probabilmente procedere con una RCP.
    • Se temi che l'infortunato abbia una qualche forma di lesione toracica dovuta al trauma, puoi usare altri metodi per verificare la sua risposta al dolore, come schiacciargli un'unghia o il letto ungueale o pizzicargli il trapezio, il muscolo che si trova sulla nuca. Assicurati di applicare una pressione forte direttamente sul muscolo.[11]
    • Se la vittima reagisce al dolore portando gli arti verso il corpo o verso l'esterno, potresti trovarti di fronte a degli spasmi, una risposta involontaria che può indicare una lesione spinale o al cervello.
  3. 3
    Assicurati di aver chiamato il 118. Probabilmente l'hai già fatto, ma devi essere certo che l'ambulanza stia per arrivare, soprattutto se la vittima non ha reagito al dolore.[12] Resta al telefono con l'operatore telefonico o se c'è qualche altra persona vicina dalle il telefono, in modo che riceva ulteriori istruzioni su come procedere.
  4. 4
    Controlla se l'infortunato respira. Se è incosciente ma respira, non è necessario eseguire la RCP, soprattutto se non sei stato adeguatamente formato per farla.[13]
    • Assicurati di controllare costantemente se il torace sale e scende, per essere certo che continui a respirare.
    • Se non riesci a capirlo semplicemente dall'osservazione, metti un orecchio vicino alla bocca o al naso dell'infortunato e ascolta i suoni del respiro. Quando ascolti il respiro dalla sua bocca, dirigi lo sguardo verso il suo corpo per controllare che il petto si muova in sincrono con la respirazione. Questo è il metodo più semplice per capire se respira.
    • Ricorda che se hai un qualunque motivo per sospettare una lesione spinale, ma la vittima respira, non cercare di riposizionarla, a meno che non vomiti. In questo caso, falla rotolare su un fianco, sostenendole il collo e la schiena per tenerli allineati.[14]
    • Se invece non ci sono motivi per temere una lesione alla colonna vertebrale, fai rotolare la vittima su un fianco, piegale la gamba superiore in modo che l'anca e il ginocchio siano a 90º (per stabilizzare la vittima su un fianco) e inclinale poi delicatamente la testa indietro per aprirle le vie aeree.[15] Questa è chiamata "posizione laterale di sicurezza" ed è quella più sicura per una vittima, nel caso inizi a vomitare.
  5. 5
    Controlla il battito cardiaco. Puoi percepirlo sul lato inferiore del polso verso il pollice ed è chiamato "polso radiale", oppure toccando delicatamente un lato del collo a circa 3 cm sotto l'orecchio, chiamato "polso carotideo". Controlla sempre il polso arterioso sullo stesso lato del corpo in cui ti trovi tu. Chinandoti sulla vittima per raggiungere l'altra parte del collo, potresti spaventarla, nel caso si svegliasse.
    • Quando non senti il battito cardiaco e, soprattutto, quando la vittima non respira, è arrivato il momento di eseguire la rianimazione cardiopolmonare, se sei stato formato per praticarla; in caso contrario, segui le istruzioni che ti vengono fornite dal personale medico al telefono.[16]
    • Se hai accidentalmente riattaccato il telefono dopo aver fatto la chiamata, puoi sempre richiamare per avere ulteriori istruzioni. Il personale del centralino è stato formato e addestrato per fornire tutte le indicazioni alle persone non esperte.

Parte 3
Trattare una Persona Incosciente fino all'Arrivo del Personale Medico

  1. 1
    Chiedi a qualche persona presente se è in grado di eseguire la RCP. L'arresto cardiaco è uno dei motivi principali che portano alla perdita di coscienza quando non ci sono altre cause evidenti, come un incidente automobilistico. Eseguire la RCP (se necessario) finché non arriva il personale medico offre alla vittima il doppio o anche il triplo delle probabilità di sopravvivenza nel caso di arresto cardiaco.[17] Verifica se qualcuno nei paraggi è stato adeguatamente istruito per eseguirla.
  2. 2
    Controlla le vie aeree della vittima. Se non respira o ha smesso di respirare, la prima cosa da fare è verificare le sue vie aeree. Metti una mano sulla fronte e l'altra sotto la mandibola. Con la mano sulla fronte fai scivolare indietro la testa e solleva la mandibola con l'altra; controlla ogni movimento del torace se inizia ad alzarsi e abbassarsi. Metti un orecchio sopra la bocca per sentire l'aria sulla guancia.
    • Se guardando dentro la bocca della vittima riesci a notare qualche elemento che ostruisce le vie aeree, cerca di rimuoverlo, ma solo se non è incastrato. Se invece è chiaramente bloccato, non devi cercare di toglierlo dalla gola, altrimenti potresti inavvertitamente spingerlo ancora più in profondità.[18]
    • Il motivo per cui è importante guardare subito le vie aeree è dovuto al fatto che se c'è qualche oggetto estraneo (o un'ostruzione, come accade spesso nelle vittime di soffocamento) e se riesci a toglierlo facilmente, hai risolto il problema.
    • Tuttavia, se le vie sono pervie, controlla il polso; se non c'è battito (o non riesci a trovarlo e hai dei dubbi), inizia immediatamente le compressioni toraciche.
    • Non devi piegare la testa e sollevare il mento di una vittima che ha subito lesioni al cranio, alla colonna vertebrale o al collo; in questo caso, esegui la sub-lussazione della mandibola, mettendoti in ginocchio sopra la testa dell'infortunato, con entrambe le mani ai lati della sua testa. Appoggia il dito medio e indice lungo l'osso mandibolare e spingilo delicatamente verso l'alto, in modo che la mandibola sporga in avanti, un po' come se avesse un prognatismo.
  3. 3
    Esegui le compressioni toraciche. L'attuale protocollo della RCP sottolinea l'importanza delle compressioni toraciche in un rapporto di 30 compressioni ogni due respirazioni artificiali.[19] Per iniziare la procedura:[20]
    • Appoggia il palmo della mano sullo sterno della vittima direttamente tra i capezzoli;
    • Metti il palmo dell'altra mano sopra il dorso della prima;
    • Posiziona il peso del corpo direttamente sopra le mani;
    • Spingi in modo energico e rapido verso il basso, in modo che il petto scenda di circa 5 cm;
    • Lascia che il torace torni a sollevarsi completamente;
    • Ripeti 30 volte;
    • A questo punto, fai due respirazioni artificiali, se sai come eseguire la RCP; diversamente, continua con le compressioni e lascia perdere il respiro, che è molto meno importante.
  4. 4
    Controlla ancora i segni della respirazione (verifica circa ogni due minuti se la vittima respira). Puoi interrompere la RCP non appena l'infortunato mostra di essere in grado di respirare da solo.[21] Verifica se il suo petto sale e scende e metti un orecchio vicino alla sua bocca per controllare se può respirare da solo.
  5. 5
    Continua la rianimazione cardiopolmonare fino all'arrivo dei medici. Se la vittima non riprende conoscenza o non è in grado di respirare da sola, devi persistere con la RCP in rapporto di 2 respirazioni artificiali ogni 30 compressioni toraciche finché non arriva l'ambulanza.[22]

Riferimenti

  1. http://www.healthline.com/health/unconsciousness-first-aid#Signs3
  2. Jorge Humberto Mena MD, Alvaro I Sanchez MD, Andres Rubiano MD, Effects of the Modified Glascow Coma School Scale Score, Journal of Trauma , 2011 Nov 71 (5) 1185-1193
  3. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000022.htm
  4. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000022.htm
  5. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000022.htm
  6. Jorge Humberto Mena MD, Alvaro I Sanchez MD, Andres Rubiano MD, Effects of the Modified Glascow Coma School Scale Score, Journal of Trauma , 2011 Nov 71 (5) 1185-1193
  7. http://www.healthline.com/health/unconsciousness-first-aid#Overview1
  8. https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000022.htm
  9. http://www.healthline.com/health/unconsciousness-first-aid#Signs3
Mostra altro ... (13)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Harrison Lewis. Harrison Lewis è un Soccorritore Registrato a Livello Nazionale che vive in California. Ha conseguito la certificazione presso il NREMT (National Registry of Emergency Medical Technicians) e completato il corso di RCP/Primo Soccorso per Soccorritori Professionisti nel 2014.

Categorie: Incidenti & Ferite

In altre lingue:

English: Assess Level of Consciousness During First Aid, Español: determinar el nivel de conciencia al dar primeros auxilios, Português: Avaliar o Nível de Consciência Durante os Primeiros Socorros, Bahasa Indonesia: Menentukan Tingkat Kesadaran Seseorang saat Pertolongan Pertama, Français: évaluer le niveau de conscience pendant les premiers secours, Русский: оценить сознание пострадавшего при оказании первой помощи, العربية: تقييم مستوى وعي المصاب أثناء إجراء الإسعافات الأولية

Questa pagina è stata letta 2 149 volte.
Hai trovato utile questo articolo?