Come Valutare l'Offerta di una Carta di Credito

L’offerta della carta di credito che hai in mano è troppo bella per essere vera? Forse. Le società di carte di credito svolgono attività per guadagnare soldi, quindi devi capire se la loro offerta allettante avvantaggia loro prima di avvantaggiare te. Una volta che hai capito le loro condizioni, puoi prendere una decisione informata e sfruttare al meglio quello che ti stanno offrendo, senza dover sostenere costi occulti.

Passaggi

  1. 1
    Scopri chi ti ha mandato l'offerta. Potrebbe provenire da un operatore indipendente, anche se ci sono riferimenti ai nomi delle principali carte di credito, che tenta di convincerti semplicemente con il mailing a fare una richiesta per una carta di credito. Guarda la busta di risposta, la carta intestata dell'offerta principale e la parte riportante i termini e le condizioni - se vedi un nome come "Centro di elaborazione" o "Amministrazione Carta di Credito", strappa la domanda e passa ad altro.
  2. 2
    Confronta il Tasso Annuale Effettivo Globale (TAEG) per gli acquisti. Questa è la percentuale sul saldo che paghi in interessi per anno. Compare a caratteri cubitali, ma questo TAEG non è garantito. Una volta che fai la domanda e sarà analizzata la tua affidabilità, può cambiare. Se si tratta di un tasso promozionale, dovrebbe anche essere indicata la sua durata. Tieni presente inoltre che in genere le carte a basso tasso d’interesse[1] hanno anche una minore quantità di premi. E che se rimborsi il saldo per intero ogni mese, non ti dovrà essere addebitato alcun interesse. Di conseguenza, una carta a basso tasso d’interesse può o non può essere la scelta migliore, secondo come intendi utilizzare la carta di credito.
  3. 3
    Valuta gli altri TAEG. Gli anticipi in contanti e i giroconti hanno un TAEG diverso (e spesso più alto) e comportano di solito una commissione di transazione o di giroconto (3% circa). Cerca un TAEG dello 0% e chiedi che non sia applicata la commissione – il 43% delle società emittenti farà questo se sei un nuovo cliente.
    • Quando ottieni un anticipo in contanti o fai un giroconto a un TAEG basso o nullo, su tutti gli altri addebiti (prima e dopo) si applica ancora l’interesse normale. La parte ingannevole è che quando effettui un rimborso sulla carta di credito, il rimborso è imputato sul saldo previsto al più basso tasso di interesse, di conseguenza il saldo a più elevato tasso di interesse si applica sulla carta fino a quando l’anticipo dei contanti o il giroconto è completamente rimborsato; durante tutto questo tempo è addebitato con il normale TAEG (alto).

      • Esempio: Hai un saldo di $1200 con un TAEG del 15%. Ottieni un anticipo in contanti di 1200 dollari al TAEG di 0% per 12 mesi. Hai intenzione di rimborsare 100 dollari per mese per pagare il saldo precedente di 1200 – man mano che rimborsi, le spese di interessi diminuiranno perché il saldo si riduce, così finirai per pagare circa 108 dollari d'interessi.[2] Non ti preoccupi dell’anticipo in contanti perché non hai interessi da pagare per un anno intero, giusto? Non è così. I rimborsi saranno imputati all'anticipo in contanti mentre pagherai un TAEG del 15% sul saldo precedente, cioè 180 dollari -- 72 in più di quanto ti aspettavi! Inoltre, se non rimborsi l’anticipo in contanti per intero prima che un anno sia passato, potresti essere vessato con spese di interessi per l'intero anno (altri 180 dollari o più).
      • Per evitare qualunque sorpresa, rimborsa l'intero saldo su una carta prima di ottenere un anticipo di cassa o un giroconto, e non addebitare niente altro sulla carta fino a quando il tasso a basso o zero TAEG non è completamente ripagato. Pianifica di rimborsarlo per intero prima che il TAEG promozionale scada, e avrai ottenuto un prestito allo 0% e battuto la società della carta di credito usando le sue stesse armi!
    • Controlla il tasso di penalizzazione o quello predefinito. Questo è quello che ti sarà addebitato se paghi in ritardo o vai oltre il limite e può superare il 30%. I termini in base ai quali si applica questo tasso variano da offerta a offerta. Cerca una carta che consenta un minimo di tolleranza, come ad esempio una che consenta uno o due rimborsi in ritardo prima che si applichi il TAEG più elevato. Per esempio, "Se il rimborso arriva più di dieci giorni di ritardo due volte in un periodo di sei mesi, si applicherà il tasso di penalizzazione".
  4. 4
    Cerca di capire i tassi variabili. Se varia il TAEG, l'offerta deve specificare come. Di solito varia in base al Prime Rate, e l'offerta riporterà qualcosa come:
    • "Il TAEG per le operazioni di acquisto può variare. Il tasso è stabilito mensilmente aggiungendo il 5,9% al Prime rate."
    • E la nota in calce potrebbe riportare: "il Prime Rate utilizzato per determinare il TAEG è il tasso pubblicato dal Wall Street Journal il giorno dieci del mese precedente".
  5. 5
    Controlla il periodo di dilazione. Questo è il tempo che hai a disposizione per saldare il conto per intero prima di dover pagare gli interessi sul saldo. La maggior parte delle carte di credito ha un periodo di tolleranza di 20-30 giorni. Se la carta non ha un periodo di dilazione, ti saranno addebitati gli interessi, non appena la utilizzi. E ricordati che se non paghi il saldo del conto per intero ogni mese, non c'è alcun periodo di dilazione.[3]
    • Sapevi che se non rimborsi per intero un importo addebitato entro il periodo di dilazione, paghi gli interessi su tutto l’importo, anche se ne hai rimborsato la maggior parte durante il periodo di dilazione? Per esempio, acquisti un letto per 1.000 dollari il primo di agosto, e questo è l’unico addebito sulla carta. Prima che finisca il periodo di dilazione, rimborsi 999 dollari, il che significa che hai ancora 1 dollaro da rimborsare quando scade il periodo di dilazione. Ma potresti ricevere l’addebito degli interessi per l'intero importo di 1000 dollari dal giorno in cui hai fatto l'acquisto (o dal primo giorno del ciclo di fatturazione in cui hai effettuato l'acquisto), indipendentemente dal fatto che la maggior parte dell’importo sia stato già rimborsato, e indipendentemente da quando è stato effettuato tale rimborso. Questa è una pratica comune chiamata cumulo degli interessi per la quale le società delle carte di credito sono spesso criticate.[4]
  6. 6
    Individua il metodo utilizzato per calcolare il saldo per gli acquisti.
    • "Saldo medio giornaliero": Il tuo saldo è calcolato ogni giorno, e gli interessi sono addebitati su una media dei saldi giornalieri.

      • Con questo metodo si possono ridurre effettivamente gli interessi frazionando i tuoi rimborsi. Ad esempio: hai un saldo di 1000 dollari e paghi l'ultimo giorno del ciclo. Il saldo medio giornaliero sarà di 1000 dollari, quindi, ipotizzando un tasso del 13%, ti saranno addebitati 10,80 dollari ($130/12 = $10,80) per aver tenuto questo saldo per 30 giorni. Che cosa succede però se paghi 500 dollari a metà del ciclo e altri 500 l'ultimo giorno? Il saldo medio giornaliero sarà ora di 750 dollari (era 1000 dollari per i primi 15 giorni, e 500 per i successivi 15 giorni) e l'addebito di interessi sarà il 13% di questa media, cioè 97,50 dollari per anno, e 8,13 dollari per soli 30 giorni, quindi il 25% in meno rispetto a quanto pagheresti di interessi rimborsando in un’unica soluzione a fine mese!
      • Nel Regno Unito, si usa comunemente il metodo del "rateo giornaliero". È simile al metodo del saldo medio giornaliero - le differenze sono trascurabili.[5]
    • "Saldo aggiornato": Appena prima che l’estratto conto sia stampato e spedito, l'emittente sottrae eventuali pagamenti, effettuati durante il periodo di fatturazione corrente, dal saldo alla fine del periodo di fatturazione precedente. Questo ti consente di pagare il saldo parziale nel restante periodo del ciclo di fatturazione, e ti evita di pagare interessi sull’intero importo. Questo è considerato il metodo di calcolo più vantaggioso.[6]
    • "Saldo precedente": Gli interessi saranno addebitati sul saldo del mese precedente, non su quello corrente. Non è necessariamente un metodo svantaggioso; tutto ciò che fa è dilazionare il pagamento di un particolare saldo, ma potrebbe riservare qualche sorpresa se il tuo saldo è molto variabile, come ad esempio se addebiti solo 25 dollari in questo ciclo di fatturazione, ma sono in scadenza i tuoi 2000 dollari di addebiti del ciclo precedente. Oppure, potrebbe essere un vantaggio -- se devi fare un acquisto importante in un mese, potrebbe essere utile non dover pagare gli interessi fino al prossimo mese, quando il tuo conto bancario sarà alimentato da una nuova busta paga.
    • "Saldo medio giornaliero a due-cicli" o "fatturazione a due-cicli": Alcune società emittenti calcolano le spese finanziarie basandosi sulla media dei saldi del mese attuale e di quelli precedenti, in sostanza facendoti pagare gli interessi su debiti che hai già rimborsato! Per esempio, se hai un saldo di 1000 dollari il mese scorso e l’hai rimborsato per intero, e il saldo di questo mese è di soli 10 dollari, gli interessi saranno calcolati su una base di 505 dollari (la media di $1000 e $10); se il TAEG è del 15%, significa 75,75 dollari. Evita questo a tutti i costi (gioco di parole non voluto) se il tuo saldo tende a fluttuare.
  7. 7
    Controlla le commissioni annuali. La maggior parte delle carte di credito di linee aeree e con premi di ristorno in contanti ha una quota annuale, di conseguenza assicurati che i benefici di una carta come queste superino il costo per essere un titolare di carta. Puoi anche chiedere di non pagare la quota annuale ogni anno.
  8. 8
    Verifica se c'è un onere finanziario minimo. Per tenere un piccolo saldo, l’addebito d’interessi potrebbe essere molto basso. Se è inferiore all’onere finanziario minimo (ad esempio $0,75), ti potrebbe essere addebitato quest’ultimo in ogni caso. Se tendi ad avere un grande saldo, per cui l'addebito d’interessi supera ragionevolmente l'addebito del minimo, questa condizione non è importante.
  9. 9
    Prendi nota delle commissioni. L’addebito di qualunque di queste commissioni ti porta più vicino al tuo limite, e di solito innesca il tasso predefinito o di penalizzazione e azzera il periodo di dilazione.
    • commissione per anticipazioni di cassa
    • commissione per giroconto del saldo
    • commissione per pagamento in ritardo
    • commissione per supero del limite di fido.
  10. 10
    Leggi le clausole scritte in piccolo. Cerca i seguenti tranelli:
    • Aumento del tasso a piacimento. Alcune società emittenti si riservano il diritto di aumentare il TAEG, anche se non hai mai ritardato per saldare l’estratto conto. La frase "in qualsiasi momento e per qualsiasi ragione" è un campanello d’allarme.
    • Clausola universale d’insolvenza. Questa pratica comporta l’aumento del TAEG se fai un pagamento in ritardo per qualsiasi prestito. Verifica frasi come "insolvenze verso altri creditori" o "in arretrato su un conto con eventuali altri creditori".
    • Risoluzione delle controversie, arbitrati vincolanti. Se c'è una disputa, una terza parte indipendente risolve il problema -- non un giudice o un tribunale. La decisione è definitiva e non c'è nessuna vertenza o appello. Gli arbitrati obbligatori comportano la rinuncia al tuo diritto di citare in giudizio e ti sarà sempre richiesto di rivolgerti a un arbitro. Tuttavia, tali clausole potrebbero non avere valore in tribunale.
    • Commissioni aggiuntive, come, ad esempio, vedere addebitata una commissione se non aggiorni il tuo conto ogni anno.

Consigli

  • In caso di dubbio, contatta il servizio clienti e ottieni risposte mirate. Procurati il nome dell’incaricato e anche il numero d’identificazione, nel caso in cui ti diano un'informazione errata e finisca per vederti addebitato qualcosa che hanno detto che non ti avrebbero addebitato. È possibile utilizzare la registrazione di questa conversazione per riuscire a farsi ristornare questi addebiti.
  • Negli Stati Uniti, ogni offerta di carta di credito deve avere una sezione standard, spesso chiamata "Sezione di Schumer" dal nome del deputato che ha proposto le norme che la richiedono, che descrive con chiarezza i termini dell'offerta nell'ordine presentato in precedenza. La maggior parte delle volte, questa sezione si trova sul retro del foglio di carta inviato dalla società proponente.
  • Alcune carte di credito commerciali (come quelle rilasciate dai grandi magazzini) sono valide solo negli esercizi della società che le ha emesse.
  • Se ti fidi del tuo banchiere locale, puoi portargli l'offerta e chiedere di valutarla con equità. Tuttavia, sii consapevole del fatto che potrebbero avere pregiudizi sui prodotti concorrenti.
  • Qualunque sia il tipo di carta di credito che riesci a ottenere, cerca di pagare l’intero (o quanto più puoi) ogni mese. Molte carte tentano di abbindolarti con denaro o altri premi di ristorno per mantenere un saldo. Ma gli interessi e gli altri oneri finanziari saranno sempre più elevati di qualunque ricompensa offerta.

Avvertenze

  • Sii accurato quando compili la domanda per una carta di credito. Se non sei trasparente sui tuoi pagamenti, qualunque informazione inesatta sulla tua domanda può essere utilizzate contro di te come prova dell'intento di ingannare.
  • Essere pre-approvato non significa nulla, salvo che l'emittente non voglia che compili una domanda prima di averti fatto una reale offerta di credito. Fino a quel momento, nulla è scolpito nella pietra.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 13 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Gestione del Denaro

In altre lingue:

English: Evaluate a Credit Card Offer, Español: evaluar una oferta de una tarjeta de crédito, Русский: оценить предложение по кредитной карте

Questa pagina è stata letta 773 volte.
Hai trovato utile questo articolo?