Come Valutare quando Farsi Visitare dal Medico per la Tosse

3 Metodi:Riconoscere i Sintomi di una Tosse GraveValutare Malattie Tussive CronicheRiconoscere Gravi Malattie dell'Infanzia

La tosse è prodotta dalla stimolazione di origine infiammatoria, meccanica, chimica e termica dei recettori della tosse. I fattori principali responsabili di tale reazione fisica sono infiammazione, infezioni, malattie in corso, inalazione di microparticelle o corpi estranei, broncospasmi, irritanti chimici tra cui vapori e fumo di sigarette. Molti tipi di tosse sono piuttosto comuni e quando sono moderati possono essere curati a casa; tuttavia, esistono sintomi gravi che indicano problemi di salute maggiori o effetti collaterali che richiedono un intervento del medico.[1] Se non riesci a capire se la tosse è piuttosto grave, esistono alcuni metodi per valutare se devi recarti dal medico per dei trattamenti appropriati.

1
Riconoscere i Sintomi di una Tosse Grave

  1. 1
    Presta attenzione alla qualità del respiro. Il soggetto malato ha difficoltà a respirare? Non è in grado di parlare, scuote o agita le braccia? La pelle attorno alle labbra sta diventando bluastra o pallida? In presenza di uno qualsiasi di questi segnali chiama i servizi d'emergenza, come il 118, perché si tratta di una situazione molto grave che richiede attenzione medica immediata.
  2. 2
    Verifica se la temperatura supera i 38 °C. Anche la presenza di febbre associata alla tosse è indizio di qualcosa che potrebbe essere grave e l'individuo deve essere sottoposto all'attenzione medica. Se la temperatura corporea supera i 38 °C, chiama il dottore.
    • La febbre indica la presenza di un'infezione batterica o virale che deve essere debellata.[2]
    • Se la febbre è ridotta (meno di 38 °C), devi contattare il medico solo se dura più di 72 ore.
    • Se invece raggiunge o supera i 39 °C, si tratta di una situazione di emergenza e devi chiamare subito l'ambulanza.
  3. 3
    Controlla il colore del catarro. Se è verde, giallo, rosso o marrone, è probabile che ci sia un'infezione o un'infiammazione e devi contattare il dottore. Quando la tosse è grassa - di tipo produttivo - si forma del catarro dovuto ai polmoni infiammati o a un'infezione. In questo caso, devi prestare particolare attenzione all'aspetto delle secrezioni, perché potrebbe essere un indizio di qualche problema più grave. Verifica la presenza di striature rosse all'interno del muco, perché si tratta di sangue; se le vedi, devi rivolgerti immediatamente al medico o andare al pronto soccorso.
    • Quando sei ammalato dovresti espellere il catarro in un fazzoletto o un tovagliolo, in modo da poterlo esaminare.[3]
    • Se ha un aspetto chiaro, è considerato normale;
    • Le alterazioni di colore del muco sono sinonimo di un'infezione in corso che può causare dei problemi.[4]
  4. 4
    Osserva la difficoltà di respirazione. I problemi del tratto respiratorio "vanno a braccetto" con una tosse grave, dato che entrambi coinvolgono i polmoni. Se ti accorgi di respirare con difficoltà perché non puoi fermare le crisi tussive o non riesci a fare un respiro profondo dopo aver tossito, devi chiamare i servizi d'emergenza. Presta attenzione anche al colore delle labbra e dei polpastrelli; se diventano bluastri o grigi, c'è poco ossigeno nel sangue.
    • Quando hai difficoltà a respirare potresti anche soffrire di dispnea;
    • Se ti accorgi di non essere improvvisamente in grado di inspirare, contatta immediatamente i servizi d'emergenza.[5]
    • Ascolta un rumore molto intenso o una specie di "latrato" quando la persona tossisce; presta anche attenzione a eventuali sibili, crepitii o stridori (un grave suono vibrante durante il respiro).
    • Verifica inoltre eventuali retrazioni del diaframma (quando l'aria "risucchia" la pelle tra le costole) sollevando la camicia del soggetto e osservando il torace durante gli atti respiratori.
  5. 5
    Controlla i segni fisici di una tosse grave. Esistono dei segnali che possono indicare un problema grave di salute. Se li riscontri in associazione a una tosse persistente, devi rivolgerti al medico per accertarti che non vi siano altre patologie serie. Ecco cosa monitorare:
    • Evidente perdita di peso;
    • Svegliarsi con sudorazioni notturne;
    • Vertigini;
    • Intenso dolore toracico, addominale o delle costole;[6]
    • Tosse persistente;
    • Fiato corto;
    • Difficoltà di respiro;
    • Gonfiore del viso e della gola;
    • Possibile ostruzione delle vie aeree causata per esempio dal cibo o un giocattolo bloccati nella gola del bambino oppure dal cibo rimasto incastrato in quella di una persona anziana o debilitata;
    • Presenza di catarro o altre secrezioni liquide (in particolare sangue) che vengono espettorate;
    • Dispnea, suoni simili a stridori o latrati;
    • Retrazioni;
    • Pallore e sudorazione;
    • Tonalità della pelle bluastra, soprattutto attorno alla bocca.
  6. 6
    Osserva se la tosse è persistente. A volte, potrebbe essere talmente ostinata da compromettere la consueta vita di ogni giorno. Questo avviene quando la tosse impedisce di dormire bene o non permette di svolgere la normale attività scolastica, lavorativa o domestica; puoi considerarla persistente quando dura fino a una settimana senza alcun miglioramento, nonostante i rimedi casalinghi.[7]
    • Se questo si verifica, devi contattare il medico in modo che possa diagnosticare i sintomi; potrebbe prescriverti qualche sedativo della tosse più forte o aiutarti a curare la causa di fondo del malessere. Tuttavia, ricorda che non sempre gli antitussivi sono la soluzione migliore; se hai un'infezione polmonare, è invece necessario espellere il muco dai polmoni e non sopprimere la tosse, altrimenti corri il rischio di aggravare la situazione. Per questo motivo, è sempre importante consultare il medico quando la situazione si aggrava.
  7. 7
    Cerca una possibile infezione delle vie aeree superiori. Può essere causata da batteri, funghi o virus che provocano irritazione alla gola o ai polmoni e di conseguenza stimolano la tosse; possono anche indurre lo sviluppo di catarro, il cui colore indica la tipologia di malattia di base.
    • Se, oltre alla tosse, noti un aumento dell'irritazione in gola e nei polmoni, devi farti visitare dal medico.[8]

2
Valutare Malattie Tussive Croniche

  1. 1
    Riconosci il gocciolamento retro-nasale. Si tratta di un disturbo piuttosto comune che causa la tosse cronica e che è dovuto all'aumento di muco nel naso o nei seni nasali indotto da allergie o infezioni; tale muco scende nella parte posteriore della gola, irritandola e provocando un riflesso tussivo.
    • Se pensi che questa possa essere la causa del disturbo, rivolgiti al medico per farti prescrivere delle cure per le allergie o l'infezione.[9]
  2. 2
    Osserva se la tosse è provocata dalla malattia del reflusso gastroesofageo (MRGE). Conosciuta anche semplicemente come reflusso acido o iperacidità, si tratta di una patologia cronica che provoca bruciore di stomaco quando gli acidi presenti nell'organo risalgono verso l'esofago, irritando l'area e causando a loro volta una tosse secca cronica.[10] Presta attenzione ai sintomi della MRGE, come sensazione di bruciore nel torace che può diffondersi alla gola, accompagnata da tosse.[11]
    • Se noti la presenza di tali sintomi oltre la tosse, vai dal dottore per curare la malattia e ridurre di conseguenza il disagio;
    • La tosse può aggravare la malattia da reflusso gastroesofageo, devi quindi intervenire quanto prima possibile per stare meglio.[12]
  3. 3
    Presta attenzione ad altri disturbi che provocano la tosse cronica. Esistono effettivamente ulteriori malattie che possono indurre la tosse come sintomo principale, ma si tratta di altre condizioni di salute. Se soffri di una della patologie descritte di seguito, devi contattare il medico:
    • Bronchite cronica, un'infiammazione dei bronchi - le vie aeree dei polmoni - causata da irritanti, fumo, aria fredda, inquinamento e fumi.
    • Insufficienza cardiaca congestizia causata da problemi cardiaci di fondo che provocano tosse secca, profonda e persistente dovuta ai fluidi presenti nei polmoni. Le persone che ne soffrono manifestano frequenti attacchi di tosse con catarro o muco.
    • Inalazione di oggetti estranei o sostanze chimiche;[13]
    • L'asma causa una tosse cronica che richiede l'uso di un inalatore o nebulizzatore;
    • Esistono inoltre delle infezioni responsabili della tosse cronica, come tubercolosi, polmonite, pertosse e bronchite; se sospetti di aver contratto una di queste malattie, rivolgiti al medico quanto prima possibile.
  4. 4
    Presta attenzione alla tosse del fumatore. Se fumi, potresti soffrire di questo disturbo come conseguenza del tuo vizio. Si tratta di una malattia cronica che deve essere valutata dal medico quando le caratteristiche della tosse cambiano. Se hai intrapreso questa abitudine malsana, dovresti cercare di smettere.
  5. 5
    Valuta dei rimedi casalinghi. Se presenti una tosse meno grave o i sintomi sono più moderati di quelli descritti finora, puoi trattare il malessere a casa prima di rivolgerti al medico. Tali rimedi naturali aiutano a curare le cause di fondo della tosse, come un raffreddore o qualche malattia respiratoria comune, purché non siano presenti disturbi gravi. Tuttavia, se questi metodi non portano a miglioramenti entro 5-7 giorni, devi rivolgerti subito al medico. Ecco le soluzioni casalinghe più comuni:
    • Riposare;
    • Bere molti liquidi, preferibilmente acqua;
    • Assumere farmaci da banco, come antidolorifici, sedativi della tosse, decongestionanti, espettoranti e antistaminici.

3
Riconoscere Gravi Malattie dell'Infanzia

  1. 1
    Cerca i sintomi della pertosse. Si tratta di una grave infezione batterica dell'infanzia che sta diventando sempre più diffusa. Se tuo figlio ha contratto tale malattia, presenta probabilmente delle crisi di tosse incontrollate e violente che possono rendergli molto difficile respirare. Dopo un grave episodio tussivo il bimbo potrebbe anche inspirare profondamente emettendo un rumore simile a un urlo.
    • Potrebbe espellere del catarro denso o diventare bluastro a causa dell'ipossia;
    • Se noti questi disturbi, chiama immediatamente l'ambulanza; l'intervento dei servizi di emergenza è ancora più importante quando il paziente è un neonato, dato che, in questo caso, la pertosse è ancora più pericolosa.
    • È fondamentale procedere con un trattamento tempestivo, poiché si tratta di una malattia altamente contagiosa.[14]
  2. 2
    Riconosci la laringotracheobronchite, o croup. È una malattia virale che colpisce in genere i bambini tra i sei mesi e i cinque anni di età. Nei casi gravi, il piccolo paziente potrebbe emettere un suono stridulo o una sorta di latrato (simile a quello del cane o della foca) quando inspira, sintomo che è più comune durante la notte. Il bambino potrebbe avere anche la febbre o la rinorrea; in tal caso, chiama subito il pediatra.
    • Nelle prime fasi il croup è simile all'influenza; tuttavia, la tosse peggiora e gli altri sintomi non scompaiono.[15]
  3. 3
    Valuta se il bambino ha la bronchiolite. Rappresenta un'altra infezione virale che interessa i bambini fino ai due anni di età, sebbene i più colpiti dal virus respiratorio sinciziale (RSV) siano quelli con meno di sei mesi, i neonati e i prematuri. Osserva il piccolo paziente per capire se ha una tosse intensa ed emette fischi o sibili durante l'espirazione; dovrebbe avere anche la febbre e la rinorrea. Se noti tutti questi disagi, chiama subito il pediatra per sottoporre il piccolo alle cure necessarie contro questa malattia tanto pericolosa nei neonati.
    • L'infezione inizia come un normale raffreddore, ma la tosse peggiora e il bambino ha difficoltà di respirazione.[16]

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Vie Respiratorie

In altre lingue:

English: Know when to See a Doctor About Your Cough, Español: determinar en qué momento ir al doctor si tienes tos, Português: Saber Quando ir ao Médico por Causa de uma Tosse, Русский: понять, что пора обратиться к врачу по поводу кашля, Français: savoir quand consulter un médecin lorsque l'on tousse, Deutsch: Wissen wann du bei Husten zum Arzt musst

Questa pagina è stata letta 555 volte.

Hai trovato utile questo articolo?