I business che operano da casa permettono agli imprenditori di percepire delle entrate risparmiando sui costi di spostamento e la cura dei bambini. Se esiste una forte domanda per un prodotto, venderlo da casa può essere redditizio. Alcuni venditori creano beni in casa, mentre altri rivendono oggetti usati o comprati all'ingrosso. Il prodotto giusto, combinato con un'organizzazione efficiente e una buona capacità di gestire il tempo, può aiutarti ad avere successo vendendo da casa.

Parte 1 di 4:
Implementare Strategie e Comprare le Materie Prime

  1. 1
    Pensa bene alle tipologie di prodotti che conosci approfonditamente e che potresti vendere con successo da casa. Che cosa ti piace fare? Quasi tutti gradiscono lavorare a progetti per cui credono di avere buone capacità. In che cosa sei bravo?
    • Se sai creare oggetti d'artigianato, cucire o cucinare, potresti decidere di produrre e vendere oggetti di arredamento, accessori, gioielli e beni commestibili.
    • Se hai occhio per i buoni affari, potresti comprare e rivendere oggetti di antiquariato o altri articoli.
    • Se ti piacerebbe lavorare con una rete di imprenditori e interagire a livello sociale con i clienti, potresti diventare consulente per un'impresa già esistente di vendita diretta da casa.
  2. 2
    Definisci il vantaggio competitivo dei tuoi prodotti. Per lavorare efficacemente da casa, devi assicurarti di non vendere un prodotto inflazionato o destinato all'insuccesso. Devi essere certo di offrire beni interessanti: convenienti, pratici ed economici da produrre:
    • Ecco i fattori che conferiscono un vantaggio competitivo a un prodotto venduto da casa:
      • Convenienza. Il prodotto facilita la vita ai clienti.
      • Praticità. Il prodotto può essere spedito facilmente. Solitamente, questo significa anche che è più facile da produrre.
      • Costi. Produrlo non richiede un occhio della testa. Cerca di ottenere dei margini di profitto che si aggirino sul 50%, o superiori [1] .
    • Ecco i fattori che non permettono a un prodotto di avere successo:
      • Il prodotto è eccessivamente meccanico o richiede molte responsabilità. Se esige standard di qualità particolarmente elevati o costituisce un peso, evitalo. Non deve essere d'intralcio dal punto di vista pratico.
      • Il prodotto viene offerto da grandi catene di vendita al dettaglio. Se il bene che stai cercando di vendere da casa è reperibile da Carrefour, non aspettarti grandi introiti.
      • Marchi registrati. A meno che tu non voglia ritrovarti a spendere tutti i profitti per combattere battaglie legali con grandi corporazioni, tieniti alla larga dagli articoli protetti da marchio registrato.
  3. 3
    Determina le dimensioni e la competitività del mercato. Certo, hai deciso di vendere oggetti d'artigianato in miniatura, come sedie per collezionisti di bambole. La domanda che sorge spontanea è: dal punto di vista degli affari, è redditizio? Sarai anche l'artigiano specializzato in oggetti in miniatura più bravo dell'universo, ma questo non avrà molto peso se nessuno comprerebbe il tuo prodotto o se questo mercato è già saturo, con margini bassissimi.
    • Le dimensioni del mercato in sostanza rappresentano la quantità di soldi che la gente spende attualmente per comprare il prodotto che venderai. Solitamente puoi fare una ricerca di mercato online consultando studi di settore, riviste e relazioni pubblicate dal governo [2] . Maggiori sono le dimensioni del mercato, maggiori saranno le opportunità di vendita.
    • Prima di accedere a un dato mercato, è importante prendere in considerazione la sua competitività. Se ci sono tante imprese coinvolte e i profitti sono bassi, il lavoro da affrontare sarà molto difficile. Se invece non ci sono tante aziende in gioco, avrai l'opportunità di ottenere più entrate.
  4. 4
    Se puoi, fai scorta del prodotto comprandolo all'ingrosso. Acquistare all'ingrosso significa procurarsi un prodotto o le materie prime necessarie per realizzarlo direttamente dal fabbricante. Di conseguenza, eviti i ricarichi operati dagli intermediari. Se puoi comprare tutto quello che ti serve per la produzione senza intermediazione, i margini di profitto saranno molto più alti.
    • Potrai ottenere i migliori prezzi all'ingrosso solo una volta che ti sarai informato bene. Rivolgiti a diversi possibili rifornitori (con una e-mail, personalmente o per telefono) e richiedi un campione del prodotto che intendi ordinare. Il campione di prova ti consentirà di determinare la qualità del prodotto che vuoi comprare.
    • Inoltre, informati sull'ordine minimo che puoi effettuare. Se devi comprare 1000 set di scolapiatti per portare a termine la transazione a un costo competitivo, potrebbe non essere un grande investimento, specialmente se sei agli inizi.
    • Se ti unirai a un'impresa di vendita diretta, iscriviti sul suo sito web o tramite un suo consulente e ordina il kit iniziale con le merci da vendere.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Costruire un Prodotto e un Business

  1. 1
    Inizia a creare il prodotto. Ben pochi venditori al dettaglio comprano con successo all'ingrosso per poi rivendere i prodotti acquistati senza cambiarli in un modo più o meno significativo. Probabilmente ti ritroverai a comprare materie prime da un venditore o da una serie di rifornitori, per poi dedicare tempo e manodopera allo scopo di ottenere il prodotto che venderai.
  2. 2
    Fai numerose prove. Magari pensi di avere un prodotto assolutamente affidabile tra le mani, ma nessuno è in grado di capirlo meglio dei clienti. Il consumatore usa il prodotto, a volte quotidianamente, a volte in maniera sbagliata. L'utente si pone costantemente la seguente domanda: "Il prodotto vale i soldi spesi?". Testare il bene tra focus group, amici o addirittura (specialmente) sconosciuti ti permette di farti un'idea su come migliorarlo.
    • Per esempio, hai comprato all'ingrosso 100 pelaverdure. Hai scritto il tuo nome sulla confezione e li rivendi con un margine di profitto del 100%. Se riesci a fare vendite veloci, non necessariamente è una cattiva idea. Tuttavia, come ti comporteresti se i pelaverdure si dissolvessero sotto l'acqua calda? Che cosa faresti se, dopo una sola settimana dall'inizio della tua avventura commerciale, ti ritrovassi con decine di clienti arrabbiati perché il prodotto ha rovinato le loro lavastoviglie? Se testi un bene, ti assicuri che sia valido. Se non lo fai, dovresti risarcire i clienti, quindi perderesti soldi e il tuo marchio non si farebbe una buona reputazione.
  3. 3
    Richiedi la partita IVA. Devi rivolgerti all'Agenzia delle Entrate per ottenerla, in questo modo potrai vendere da casa in maniera legale e le tue entrate saranno soggette all'imposizione fiscale diretta. Informati bene anche su tutte le leggi previste per l'e-commerce o la modalità di vendita selezionata.
  4. 4
    Apri un nuovo conto in banca per separare gli incassi della tua impresa dalle entrate del resto della famiglia. In questo modo, è più facile tenere traccia di profitti e spese; inoltre, una volta che una transazione sarà andata a buon fine e avrai aggiornato i registri, potrai trasferire i guadagni sul tuo conto personale.
    • Questo metodo facilita di molto anche il pagamento delle tasse, perché devi essere preciso in merito alle spese pagate e agli incassi.
    • Collega un conto su PayPal a un conto in banca allo scopo di rendere più efficienti le transazioni online.
  5. 5
    Compra un software per gestire il business con un computer fisso o portatile. Questo programma ti aiuterà a organizzare un database dell'inventario, le fatture e i libri contabili. Sembrerà noioso, ma è meglio annoiarti che pagare multe o finire in prigione in caso di irregolarità.
    • Potresti decidere di assumere un ragioniere o un contabile affinché si occupi di questo lavoro al posto tuo.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Pubblicizzarti Efficientemente e Vendere Velocemente

  1. 1
    Pubblicizza il tuo nuovo business e i prodotti che offri. Un bene solitamente viene venduto in uno dei seguenti metodi: acquisti ripetuti (questo significa che il cliente lo ha apprezzato la prima volta e vuole ricomprarlo), passaparola (recensioni entusiaste da parte di persone influenti e fidate) e pubblicità. Se la qualità e l'utilità del prodotto sono già elevate, non puoi fare più di tanto per influire sulla ripetizione dell'acquisto e il passaparola. Ed è qui che subentra la pubblicità. La promozione serve ad accrescere interesse nei confronti di un bene vendendo un sogno, un ideale o uno status collegato al suo utilizzo.
    • Ordina biglietti da visita e distribuiscili a tutte le persone che conosci o incontri.
    • Crea pagine di business sui social network, convinci amici e familiari a seguirti. Incoraggiali a invitare altra gente e aggiorna di frequente lo status per attirare costantemente l'attenzione dei follower.
    • Se ti sei unito a un'impresa di vendita diretta, esamina i prodotti allo scopo di trovare idee promozionali personalizzate per il marchio.
  2. 2
    Sperimenta con il PPC (ma non affidarti solo a questo metodo). PPC sta per pay per click. In pratica, l'advertiser (che saresti tu) paga il sito web (chiamato publisher) su cui compare il proprio annuncio ogni volta che un cliente clicca sul link. Tuttavia, sempre più persone trovano difficile generare lead, ovvero una lista di potenziali clienti, con il PPC. Anche i social network, come Facebook e Twitter, offrono contenuti promozionali e pubblicitari. Le reti sociali di questo tipo possono essere utili per costruire un marchio, ma ciò non necessariamente si converte in vendite veloci. Prova entrambi questi metodi per promuoverti, però non concentrare il budget pubblicitario solo su tali strategie.
  3. 3
    Organizzati per consentire ai clienti di avere accesso ai tuoi prodotti e comprarli. A meno che tu non voglia venderli fisicamente nella tua casa (non è raccomandato), in genere devi metterli in vendita online. Esistono diversi vantaggi e svantaggi per quanto riguarda questo metodo:
    • I pro:
      • Costi di avvio inferiori [3] . Il costo di un dominio online non costa tanto quanto un negozio di vendita al dettaglio. Pubblicare annunci su eBay è relativamente economico.
      • Maggiore visibilità. Pur vivendo in Italia, puoi raggiungere clienti a livello mondiale.
      • Immediatezza nelle vendite e praticità. Se vendi i prodotti online, i clienti potranno comprarli con un click direttamente dal divano di casa.
    • I contro:
      • Problemi di sicurezza. Le carte di credito e i conti online possono essere hackerati, destando l'ira dei clienti [4] .
      • Difficoltà e tempi associati alla consegna dei beni. Per esempio, la spedizione di un prodotto in Tanzania può essere complicata e richiedere settimane.
  4. 4
    Considera la creazione di un sito tutto tuo. Se hai intenzione di vendere online, apri una pagina web da cui i clienti possano comprare. Collega il conto PayPal al sito. Assicurati che la struttura e il design della pagina siano intuitivi per la clientela affinché la vendita sia facile. Le persone che hanno familiarità con il prodotto e il layout del sito spesso li trovano più semplici da capire rispetto a quelle che non li conoscono.
    • Sta diventando sempre più facile creare un canale di vendite personale online. Oggi esistono molti servizi su internet, come Shopify, che ti permettono di pagare qualcun altro affinché si occupi della costruzione e del mantenimento degli strumenti di vendita. Meno commissioni devi versare a eBay per ciascuna transazione, più soldi avrai in tasca.
  5. 5
    Vendi i tuoi prodotti su eBay. Esistono diversi fattori per rendere interessante un'inserzione su eBay, il sito di aste online più grande che ci sia. In linea di massima, l'idea alla base è piuttosto semplice: crei un annuncio, decidi le modalità di vendita e poi, una volta che qualcuno avrà comprato il bene, potrai spedirglielo. Ecco alcune variabili da tenere a mente:
    • Le foto sono importanti. Scatta immagini allettanti, utili e chiare. Se gli utenti sono in grado di vedere bene i prodotti, venderai di più.
    • Decidi se indire un'asta o usare il formato del prezzo fisso. Il metodo dell'asta funziona meglio per gli oggetti rari, perché è probabile che le persone lotteranno per ottenerli, mentre quello del prezzo fisso è preferibile per articoli più comuni, dove l'offerta supera la domanda.
    • Sii gentile e cortese con tutti, anche le persone maleducate, per riuscire a mantenere un punteggio alto. Se la concorrenza offre un articolo come il tuo allo stesso prezzo, sarà la tua reputazione a darti un vantaggio competitivo.
  6. 6
    Vendi su Amazon. Il funzionamento di Amazon è abbastanza simile a quello di eBay, eccezion fatta per la mancanza della modalità di vendita tramite asta. Per vendere su Amazon, tutto quello che devi fare è creare un profilo, pubblicare un'inserzione per l'oggetto (aggiungendo descrizioni, condizione e prezzo) e poi spedirlo a vendita ultimata. Come succede su eBay, presta attenzione al tuo punteggio e feedback.
    • Se vuoi iniziare a vendere un'ampia gamma di prodotti su Amazon, puoi aprire un negozio tutto tuo sul sito, personalizzato per il tuo marchio e che permetta ai clienti di fare una ricerca facile per trovare diversi oggetti alla volta.
  7. 7
    Vendi i prodotti su Etsy. È un mercato digitale concepito per la vendita di creazioni artigianali. Contrariamente ai venditori di eBay e Amazon, che offrono un po' di tutto, quelli di Etsy presentano articoli fatti in casa con un tocco personale. Quindi, se hai talento nella creazione di oggetti, come sottobicchieri di tessuto, gioielli di platino o arte folk, Etsy è il sito che fa per te.
  8. 8
    Se hai spirito dell'avventura, potresti vendere oggetti porta a porta. Che tu voglia arrotondare le entrate online o portare a termine una transazione facendo leva sul tuo fascino personale, la vendita porta a porta è un metodo fattibile. Certamente non è facile e non è per i deboli di cuore, ma con un pizzico di conoscenze e tanta determinazione, può aumentare i profitti.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Assicurarti un Successo Duraturo

  1. 1
    Spedisci subito i prodotti. Se vuoi fare un'ottima impressione sulla clientela, confeziona il prodotto con eleganza (e solidamente, per assicurarti che non si rompa nel trasporto), vai in un ufficio postale e mandalo: niente di più semplice.
  2. 2
    Offri rimborsi e sostituzioni. Purtroppo, a volte il cliente non apprezzerà quello che ha comprato. Chiarisci la politica di rimborso/sostituzione, ma non bruciare ponti rifiutandoti di risarcire qualcuno. Imparare ad affrontare i costi di rimborso è una buona pratica d'affari, e questo dovrebbe mantenere alta la tua reputazione su Amazon, eBay o Etsy.
    • Prendi in considerazione i commenti che ricevi per migliorare ulteriormente i prodotti. Rimedia ai design poco pratici, alle interazioni negative o ai difetti dei prodotti.
    • Ricorda che il cliente ha sempre ragione, anche quando ha torto. È una delle difficoltà maggiori per chi gestisce un business, ma è anche una delle regole più vecchie che ci siano. Se tratti i clienti con un atteggiamento di superiorità, lo percepiranno. Magari ti sentirai soddisfatto dopo avergliene dette quattro a un compratore antipatico, ma questo non farà sicuramente bene al portafoglio.
  3. 3
    Dopo qualche tempo, espandi l'offerta commerciale. Al principio, concentrarti su un paio di prodotti può essere una buona strategia, perché questo ti permette di acquisire familiarità con il procedimento e non sprecare troppo tempo cercando di destreggiarti tra immagini, descrizioni, dati demografici e così via. Dopo aver sviluppato una buona posizione nel mercato e maturato sicurezza su una piattaforma di e-commerce (come eBay), potrebbe essere redditizio iniziare a vendere prodotti diversi, ma relazionati a quelli che offri già.
  4. 4
    Gradualmente, inizia ad aumentare i volumi e la qualità delle vendite. Se intendi ricavare buoni incassi, devi analizzare le transazioni dopo un paio di mesi e capire come incrementarle. Ecco alcune idee da cui prendere spunto:
    • Negozia prezzi migliori dai venditori all'ingrosso. Visto che compri maggiormente all'ingrosso, il tuo potere di negoziazione aumenta. Non aver paura di usarlo! Ricorda che questi venditori vogliono fare affari con te.
    • Cerca fonti di entrate ricorrenti. Pensa ai metodi che potranno assicurarti di convincere i clienti a tornare. Potrai avere un ritorno con e-mail, lettere inviate per posta, un abbonamento o altre tattiche creative?
    • Chiedi aiuto o esternalizza. Assumere altre persone potrebbe aiutarti a fare più consegne e aumentare le vendite realizzate? Specialmente se vendi solo part-time, i viaggi costanti alle poste e il tempo che devi dedicare all'elaborazione dei pagamenti potrebbero intaccare la redditività.
    Pubblicità

Consigli

  • Se hai dei bambini, organizzati per farti aiutare, anche solo part-time. In questo modo, potrai lavorare ininterrottamente nel corso della giornata.
  • Se vendi un prodotto a casa, organizza un'area aperta ai clienti. Sarai tu a consegnare i beni a domicilio? Trova uno spazio per immagazzinare le scorte e preparare gli ordini per la clientela.

Pubblicità

Avvertenze

  • Ogni tipologia di prodotto richiede regole diverse in merito a licenze e altre leggi. Inoltre, le regole dipendono dal posto in cui abiti. Mettiti in contatto con l'Agenzia delle Entrate o un altro ente specializzato per assicurarti di avere tutto l'occorrente allo scopo di produrre e vendere da casa.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 12 716 volte
Categorie: Business
Questa pagina è stata letta 12 716 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità